14/01/09

74

LA STANZA DEL SILENZIO


Solitamente quando ci troviamo in un ospedale, al suo interno c’e’ una cappella, dove i pazienti possono andare a pregare e ad assistere alle Messe. All’ospedale Molinette di Torino il piu’ grande di tutto il capoluogo piemontese, hanno fatto molto di piu’. Qui e’ nata quella che viene chiamata la Stanza del Silenzio, dove i ricoverati di tutte le religioni potranno trovare conforto nelle loro fedi.

In questo spazio, voluto dalla Giunta Regionale del Piemonte, verra’ fornito un servizio di assistenza religiosa per cattolici, protestanti, ortodossi, ebrei, musulmani, buddisti e induisti. “Siamo partiti dalla considerazione che nella nostra società sta cambiando la composizione della popolazione e che di conseguenza si stanno affermando nuovi orientamenti religiosi, che meritano rispetto, riconoscimento e possibilità di espressione, anche e soprattutto in momenti spesso difficili quali quelli della permanenza in ospedale. Da un lato faremo modo che presso ogni struttura venga creata, in collaborazione con i rappresentanti delle diverse confessioni, un elenco dei recapiti dei rispettivi ministri di culto, in modo che i pazienti che ne sentano la necessità possano contattarli telefonicamente e convocarli“.

In questo modo i pazienti di tutte le religioni potranno avere una guida spirituale, che arrivera’ nel momento in cui verra’ contattato dal proprio fe
dele. Entro ottobre sara’ in funzione la Stanza del Silenzio. Pare che la Curia abbia messo a disposizione “la cappella presso l`ospedale dermatologico, in via Cherasco“.



La Stampa

74 commenti:

  1. Questo post lo trovo molto interresante
    questo può aiutare coloro che sono nella sofferenza.
    Brava Stella come sempre sai dare un conforto a quelli che ne hanno bisogno.
    Un abbraccio con affetto,
    Tomaso

    RispondiElimina
  2. bellissima iniziativa e da proporre per tutti gli ospedali solo non capisco il nome mi pare proprio sbagliato...perchè silenzio? mi sa di solitudine, di bocche chiuse. Sara che io sono "ciaccolona"...
    ciao A

    RispondiElimina
  3. Iniziativa lodevole, cara Stella, che speriamo non susciti proteste dai soliti estremisti religiosi. D'altronde per chi crede, il conforto del poter pregare in pace è anche terapeutico.

    RispondiElimina
  4. Bene!
    ogni tanto qualcosa di buono.
    Ciao
    Michele pianetatempolibero

    RispondiElimina
  5. Bella iniziativa, spero che possa essere l'inizio dell'amore verso ogni religione, rispetto verso chi prega, qualsiasi religione essa sia.

    Anche se poi, quando guardi la tv, vedi che il Credo viene manipolato dai capi religiosi per dimostrare il loro potere personale.

    Il credo, il pregare serve per diffondere Amore, ma poi c'è sempre qualcuno che lo usa per mettere uno contro l'altro.

    Le altre religioni, capiranno veramente questa iniziattiva senza per questo sentirsi offesi?
    O ci ritroveremo davanti a richieste che vanno oltre?

    RispondiElimina
  6. Una iniziativa di buon senso.
    Buona giornata ^__^

    RispondiElimina
  7. Iniziativa lodevole che spero si possa espandere non solo negli ospedali, ma anche in altri luoghi, per dare modo a persone di culti diversi a trovare conforto nelle proprie preghiere.
    Questo potrebbe portare a far conoscere le altre religioni che, a mio modesto parere, hanno tutte la stessa “base”, ma con interpretazioni diverse.

    RispondiElimina
  8. Ottima iniziativa per chi vuol trovare conforto nella propria religione. Ottimo esempio per gli esponenti politici che sono contrari alla libertà di culto. Ciao, Martin

    RispondiElimina
  9. Questa sì che è una bella notizia.
    Meno male che qualcuno si accorge che i tempi stanno cambiando.

    RispondiElimina
  10. Caro Tomaso,appena ho saputo la notizia ho pensato subito a voi.

    RispondiElimina
  11. Ciao passo per un saluto,sempre bello il tuo Blog,CIAOOO!!!

    RispondiElimina
  12. Aliza,il silenzio è la base della meditazione,della preghiera e del raccoglimento...se poi lo si vuole fare in comunità ci sono i luoghi adatti.

    RispondiElimina
  13. Caro Cesco,come sempre condivido il tuo modo di pensare.
    Hai centrato lo scopo per cui è nata questa iniziativa.

    RispondiElimina
  14. MIchele,vedi che non dobbiamo mai abbatterci e seperare...sperare sempre!

    RispondiElimina
  15. Cara Cinzia,c'è da augurarsi veramente che capiscano,il motivo è che ci saranno i rappresentanti di confessioni diverse,quindi è un luogo per tutti,senza discriminazioni.
    La realtà di chi cerca di mettere le persone una contro l'altra "per motivi religiosi" le conosciamo e di religioso non hanno proprio niente.

    RispondiElimina
  16. Caro xpx,viva il buon senso.Ce ne fosse tanto,a tutti i livelli...

    LIETA GIORNATA.

    RispondiElimina
  17. Caro Spirit,la tua idea è giusta purtroppo,però, ci sono ancora tanti pregiudizi che ostacolano la realizzazione di queste strutture di culto,per cui si assiste alle preghiere di tanti che si ritrovano addirittura per strada.
    Negli ospedali si ha maggiormente bisogno di guide spirituali,in base al proprio Credo religioso.

    RispondiElimina
  18. Bravo Martin,hai centrato il problema.
    Significativa la situazione a Milano dove non viene permesso di costruire una nuova moschea.

    RispondiElimina
  19. Caro Du,forse sono ancora pochi quelli che se ne rendono conto...

    Comunque è già significativo un passo del genere.

    RispondiElimina
  20. Cara Steven,sei molto gentile,se puoi passa più spesso!

    Ti auguro una felice giornata.

    RispondiElimina
  21. Davvero una bella iniziativa dove la liberta'individuale e' garantita dal silenzio.Anche un passo della bibbia dice"..se vorrai pregare dio non servono parole come fanno gli Scriba,ed i Farisei...Basta un angoletto ed in silenzio sussurrare Dio..Lui capira'!"

    RispondiElimina
  22. Carissimi,
    esprimo quello che il cuore a riscoperto ha contemplato lungo quel mio personale tortuoso cammino alla ricerca di quella vera fede universale.

    Non ho più fede per una sola religione, ma per tutte, li condivido tutte, ma con un’altra visione, con un’altra prospettiva con un altro percepire, con un altro sentimento, con compassione che mi rapporta a quel concetto dimenticato che un giorno, abbiamo chiamato UMANESIMO che c’identifica e s’intercala in questa nostra UMANITA’.

    Se solo ci fermassimo per un solo momento e osservassimo e contemplassimo l'universo con gli occhi limpidi e cristallini dell’anima, se solo capissimo che questa terra è un infinitesimo atomo di un atomo, se solo ci rapportassimo al creato, non vedremmo altro che un'unita umanità che si proietta verso l'infinito cuore di quel DIO DIMENTICATO, il Creatore, il Padre Celeste di tutte le cose manifeste o non manifeste, che come un buon padre non differenzia i suoi figli, li ama tutti con IMMENSO AMORE.

    E’ come Il sole che sorge ogni mattina per tutte le cose e per tutti gli esseri della natura. Non guarda in faccia, non fa distinzione se sono buoni o cattivi, se sono neri, bianchi o gialli, se appartengono ad una religione o ideologia, se sono ricchi o poveri, se sono belli o brutti. Infonde luce indifferenziata incondizionata, spontanea vivificando ogni cosa con il calore dei suoi dorati raggi.


    Grazie per quello che dici e fai mia carissima Stella, hai un prezioso innato dono che come una musa ispiratrice ti conduce a quella fonte zampillante che è il mondo delle IDEE quelle giuste, umane e benevole soluzioni che sincere sbocciano come un fiore dal tuo grandioso cuore.

    Affettuosamente
    Raffaele

    RispondiElimina
  23. a me piace il nome stanza del silenzio, mi dà l'idea di un luogo dove uno può andare a riflettere, meditare, pregare, focalizzandosi sulla propria interiorità.

    RispondiElimina
  24. un supporto spirituale non fa mai male!
    bisogna aprirsi ogni tanto, discutere, confrontarsi...

    buon mercoledì
    ^_______________________^

    RispondiElimina
  25. Bravissima Stella...un bacione

    RispondiElimina
  26. Ciao Stella, il nome "stanza del silenzio" mi piace..credo che ognuno di noi dovrebbe averne un pezzettino in casa...ovviamente che sia un angolo molto "personale"..dove la propria persona rimane con se stessa, non necessariamente a pregare, ma dove può trovare solo il "silenzio"...
    Un bacione grande grande.

    RispondiElimina
  27. E' una slpendida iniziativa che puo' aiutare l'ammalato e la sua famiglia ad avere un momento di raccoglimento, indipendentemente dal proprio credo religioso. Ovviamente, però, queste idee si attuano al nord...
    Lindy- sereenella
    Ti indico l'altro mio blog, così, se vuoi, puoi passarci.
    lindy11.blog.excite.it

    RispondiElimina
  28. bene, è gia' un luogo di sofferenza...almeno tutti possono pregare in cio' che credono....
    ahh sti "freddi" piemontesi ..ehhehehehheh

    RispondiElimina
  29. Bella iniziativa, anche se forse più che alle cappelle si dovrebbe pensare alle strutture sanitarie.

    Scusa, credo che pregare lo si possa fare anche in una saletta buia e vuota mentre le strutture sanitarie sono importanti per aiutare il Signore a dare una mano ai malati.

    RispondiElimina
  30. non ci credo..è un'idea stupenda

    RispondiElimina
  31. Che bella idea! Il supporto morale a chi non sta bene è importante soprattutto per chi ha fede. Un complimento a chi ha avuto l'idea e a chi l'ha approvata. Ciao Stella :-)

    RispondiElimina
  32. Per questo mi pace l'Italia:
    siamo un paese civile e la libertà di religione è rispettata.

    RispondiElimina
  33. l'ospedale è un posto che ha molto bisogno di questo spazio^^...
    brava Stellina.. sempre sei un abella luce nel cielo^^

    RispondiElimina
  34. Ottima iniziativa. Le paure per i cosiddetti ''diversi'' nascono proprio dal fatto che non si conoscono.
    Vale

    RispondiElimina
  35. Caro Daniele,le strutture sanitarie non vengono minimamente toccate da questa iniziativa,che viene portata avanti dai ministri dei diversi culti.
    Questo ospedale ha solamente messo un locale a disposizione per i malati che hanno questa necessità.

    RispondiElimina
  36. Dual,veramente un commento che quoto al 100%.
    Bisogna,però,tenere conto anche delle esigenze altrui.

    RispondiElimina
  37. Caro Raffaele,i tuoi commenti sono sempre ricchi di contenuto spirituale ed è bello leggerti.

    Mi fai arrossire per i complimenti...

    Grazie,un abbraccio

    RispondiElimina
  38. Laumig condivido pienamente.

    Un bacio.

    RispondiElimina
  39. Cara pupottina,un supporto spirituale fa bene a tutti,soprattutto agli ammalati che lo richiedono.

    RispondiElimina
  40. The sun,grazie e un bacione a te!

    RispondiElimina
  41. Caro Davide,condivido questo tuo punto di vista ma non sempre è possibile trovare in casa un posticino appartato,magari in una villa sì...

    Un abbraccio forte.

    RispondiElimina
  42. bello e rispettoso nei confronti di chi ha un credo religioso. poi se uno non lo approva, che eviti di recarvisi senza, necessariamente, aggiungere altro!
    ciao, stella.

    RispondiElimina
  43. Cara Serenella,effettivamente a Torino ci sono iniziative all'avanguardia.

    Verrò a trovarti nell'altro blog.

    RispondiElimina
  44. Bruno hai capito,l'iniziativa tende proprio a questo.

    Io abito in un condominio riscaldato eppure ho freddo...

    RispondiElimina
  45. Nadia hai ragione,non si vive di solo pane...

    RispondiElimina
  46. Caro Lello,purtroppo non dappertutto è così...

    RispondiElimina
  47. Vane sei sempre poetica con me.

    Dedicami una poesia bellissima,ragazza mia!

    RispondiElimina
  48. Pierre,come si fa a non darti ragione ?

    RispondiElimina
  49. Maria Rosaria è proprio come dici tu!
    Ognuno, al di là della propria fede, può usufruire di questo servizio reso alla comunità,soprattutto quando è in difficoltà...

    RispondiElimina
  50. ho qualche dubbio...ma devo ammetterlo...in tempi remoti ormai, ho usufruito della cappella vicinissima alla stanza d'ospedale dov'era mio marito,entrare in una altra "stanza" ed estranearsi per qualche minuto dall'ambiente in cui si soffre devo ammettere che già è un sollievo!si riprende fiato!pregare?sì certo!volendo anche adirarsi....perchè no?
    Dio non è compassionevole?...
    Quello che mi lascia un po' perplessa è l'uso,sarà usata?...la cappella prima citata era sempre desolatamente vuotaaa!
    cmq sia l'idea ha una sua grande importanza,è un bellissimo segnale di accoglienza!questo è l'aspetto da sottolineare!
    carissimo saluto
    angela

    RispondiElimina
  51. Angela è un'iniziativa lodevole,se resta vuota è perchè nessuno avverte l'esigenza di entrarvi.

    RispondiElimina
  52. Il diritto di preghiera va dato a tutti, bellissima iniziativa.
    Un caro saluto.

    RispondiElimina
  53. ciao mi sembra una cosa giusta; tutti devono avere il diritto di praticare le loro religioni e soprattutto nei momenti di difficoltà...

    RispondiElimina
  54. Gturs brava ,in una frase hai espresso il concetto del post!

    RispondiElimina
  55. Ciao Stella,il mio è un Blog dedicato tutto a Madonna e tu anche se non se una fan sei la BENVENUTA. Mi fa piacere averti con noi...PS comunque sono un ragazzo :)
    A presto e grazie per il commento,verrò più spesso da te,CIAOOO!!!

    RispondiElimina
  56. Steven grazie per la comprensione.

    Vieni,ti aspetto!

    Ciao

    RispondiElimina
  57. E quelli che a Genova hanno comprato spazio pubblicitario sugli autobus per scrivere "La cattiva notizia è che Dio non esiste. Quella buona è che non ne hai bisogno", quale stanza useranno???

    RispondiElimina
  58. Sergio,pazzesco!

    Dove siamo arrivati...

    La cappella in via Cherasco.

    RispondiElimina
  59. Cara Stella è bello questo post....io aamiro tanto questa iniziativa,è bello poter ritrovare un piccolo posticino sacro dove ognuno di noi si mette in contatto col propio Divino...la preghiera è la carezza che purifica l'anima afflitta...io trovo sempre un posticino ove potermi rifugiare in silenzio a pregare...quindi è bello ciò che hanno fatto...ti abbraccio forte forte.

    RispondiElimina
  60. Ciao Stella..mi kiamo Luca e ho appena scoperto il tuo blog..devo farti i complimenti..ho letto qlcs velocemente e da quello ke ho capito dovresti essere una maestra..beh..ho appena conosciuto la maestra + dolce del mondo :P..sei tenerissima..e i tuoi post sono tutti bellissimi e ricchi di significato!complimenti ancora!Baci:)

    RispondiElimina
  61. Speriamo che questa iniziativa venga attuata in tutt'Italia; mi sembra una cosa molto giusta e apprezzabilissima.
    Ciao carissima Stella, ti saluto con affetto.

    RispondiElimina
  62. Pina ero convinta che avreste condiviso...

    RispondiElimina
  63. Lukino benvenuto da me e grazie per i complimenti.

    A presto

    RispondiElimina
  64. Ciao Paola,me lo auguro anch'io.

    E' un'iniziativa lodevole da imitare!

    Un caro abbraccio

    RispondiElimina
  65. Nel dolore c'è condivisione e nessuna differenza ed è giusto che ognuno abbia quel supporto morale che più lo aiuta..ciao carissima

    RispondiElimina
  66. cio' che ci racconti oggi con questo post lo considero un evento molto importante,e' un gesto di apertura verso la diversita'di religione.ho sempre pensato che un buon religioso si puo' definire tale se prima di tutto sa rispettare la religione dell'altro,senza dove per forza sentirsi in obbligo di far cambiare idea a qualcuno,come se dicesse:se cambi idea vuol dire che ho ragione,non ci dobbiamo spaventare delle religioni degli altri; l'atteggiamento giusto sarebbe quello della curiosita' di imparare cose nuove o punti di vista nuovi e il rispetto.dobbiamo integrare le nostre conoscenze,non rimanere intrappolati nelle nostre gabbie,o ignoranze,c'e chi crede che essere mussulmani vuol dire essere terroristi,nel corano si predica la pace.notizie come questa dovrebbero avere piu' spazio sui giornali o tv,invece vengono ignorate,abbiamo fame di tragedie e notizie violenti,sembra che ci aspettiamo che qualcuno ci uccida da un momento all'altro,per tanto ti dico grazie per questa notizia

    RispondiElimina
  67. Grazie a te Andrea per il contenuto del tuo commento.

    Sono davvero lieta di averti conosciuto.

    RispondiElimina
  68. Devo venire da te per sapere di questo segno di civiltà.
    Ho vissuto a Torino 5 anni per studiare. Allora era molto diffidente e provinciale.
    Oggi i problemi sono altri, l'integrazione con gli extracomunitari e l'invasione degli stessi.
    Questa scelte delle Molinette e' incomiabile
    Ciao Stella

    RispondiElimina
  69. Saba,Torino è cambiata. E' molto più aperta dopo le olimpiadi invernali e devo dire che è all'avanguardia, soprattutto nel campo medico.

    RispondiElimina
  70. Ma che bella iniziativa!!! Mi fa piacere vivere in una città che sta avanti! :)
    Comme commento ti cito quello che manco a farlo apposta ho scritto ieri (ma il post uscirà stasera):
    Il mio augurio è che la multiculturalità generi in futuro qualcosa di simile a una religione globale. Forse è un po' utopistico, ma sin da bambina mi piace immaginare un mondo con una sola lingua e una sola ideologia. Un'unica nazione senza guerre. Un paradiso sulla Terra.

    RispondiElimina
  71. You these things, I have read twice, for me, this is a relatively rare phenomenon!
    handmade jewelry

    RispondiElimina



Grazie del tuo gradito commento.


Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...