96

Brindiamo al nuovo anno ...

Funny Pictures

CIN CIN !
 Vi auguro tanta salute e serenità !






38

Che bella sorpresa !



Per molti, la religione è una cosa distante, teorica.
 La vita è un'altra cosa.
La religione è vapore e chiacchiere. E soprattutto noia. A che serve credere in Dio?
 Il cristianesimo è la via più semplice per la verità e quindi per la felicità: questo piccolo libro cerca di dimostrarlo.

 Lo fa con infinita umiltà e semplicità.
Attraverso piccole storie e semplici riflessioni vengono trattati temi come Dio, la Chiesa, la missione, la preghiera: un aiuto a recuperare il senso vero della nostra fede e tornare a proclamarla con gioia. Un libro per tutti.

E questo libro mi è stato regalato
 in occasione del Natale,
  con la dedica e la firma autografa
 di don Bruno Ferrero, 
autore di tanti raccontini
 che ho pubblicato in questo mio blog.



 Grazie don Bruno !

Leggerò il libro con avidità.



126

Natale 2013


Vi voglio un gran bene e vi auguro...

Che i vostri sogni si avverino !


Il mio presepe


I miei sorrisi per voi.



32

Solidarietà

 


 Stamattina sono andata in Banca per ritirare il solito calendario che veniva regalato ogni anno ai clienti.

Con enorme sorpresa, ho saputo  dal direttore che, quest'anno, ogni tipo di strenne aziendali  erano state devolute in beneficenza a diverse Onlus, elencate nel volantino


Ho apprezzato molto questo gesto di solidarietà natalizia.



 Testimonianza di una mamma

 Una Mamma racconta perchè devolverà il suo 5x1000 alla Associazione Peter Pan Onlus.

La casa di Peter Pan è una vera e propria casa di accoglienza per i bambini malati di tumore, si trova a Roma e ciascun bambino che è troppo lontano dalla sua vera casa può soggiornarvi insieme a mamma e papà, seguire tutte le cure di cui ha bisogno in  "Day Ospital"  e quando rientra ritrovare tutti i giorni un ambiente sereno in cui può giocare, riposarsi, mangiare insieme  e sentire il calore di una vera famiglia composta dagli altri bambini e genitori e naturalmente i volontari di questa associazione.

Raccontata così sembra una bella favola, in effetti lo è perchè Dio solo sa come avrei vissuto la malattia di mio figlio se non ci fossero stati loro ad aiutarmi a non farmi sentire sola e soprattutto a donare gioia e serenità al mio bambino che ce l'ha fatta.  Come ogni anno dedico un post a questa vicenda personale perchè mi sembra doveroso raccontarla come una bella testimonianza di fede e guarigione ma anche di solidarietà per ricambiare come posso tutto l'amore che questa casa mi ha donato e continua a donarmi nella vita di tutti i giorni. Questa associazione non ha mai chiesto un centesimo per aiutare e accogliere il mio bambino, vive delle offerte e donazioni che ciascuno di noi può e si sente di dare.

Angela.
46

Doni

Quest'anno il Natale per me è iniziato molto presto e molto ricco.
Due carissime amiche, Betty e Paola, mi hanno inviato due pacchi  che mi hanno letteralmente lasciata senza parole.

Le sorprese che vi ho trovato, mi hanno emozionata tantissimo, per il loro significato affettivo.

Ecco i regali di Betty:


scatola con cuneesi al rhum

la Natività


portafoto originale



Da Paola: Pensieri "made in Paoly"


due stelle

una gallinella porta-fortuna





un piccolo cestino con degli ottimi cioccolatini fatti da Paola


disegno della Madonnina del Rosario

infine, un pensierino per Sara.








Questo bellissimo quadro delicato è, invece, per il mio compleanno passato.
La foto non gli rende giustizia


Ora non mi resta che ringraziare anche pubblicamente le due carissime amiche, a cui va tutto il mio affetto.




56

Al nostro caro Papa



Papa Francesco oggi compie 77 anni.


Ti vogliamo bene, Santità, e
ti porgiamo gli  auguri più affettuosi
 di buon compleanno.



26

Ero qui ...

 ... in una discoteca a Santena ... 

... con Babbo Natale



... e con Sara al suo primo saggio di danza. 


Mi sono divertita tantissimo !!!

Nobile lo scopo di tale iniziativa, perchè le quote libere per accedere allo spettacolo sono state interamente devolute all'associazione italiana genitori onlus.

44

Indovinello facile


Ieri, 14 dicembre, dove mi trovavo?

E perchè ?





71

Natale di nuovo ?




Depressione da Natale: non sentitevi in colpa
Stefano Pallanti

Natale: di nuovo? Di già?
 Questa ricorrenza arriva come tutti gli anni d’improvviso ed in noi si fa strada un turbamento astratto.
 Non è come nell’infanzia quando, almeno ci sembra adesso di ricordare, la gioia cresceva, giorno dopo giorno, da adulti invece è diverso.
 E’ un peccato! E infatti lo viviamo davvero come una colpa.
Colpa, sì, perché sappiamo bene che dovremmo invece sentirci più felici.

Essere infelici a Natale ci pare disonesto, ingiusto, un tradimento dei sentimenti comuni:
 una bestemmia.
Ci dispiace rovinare la festa agli altri, ma spesso non riusciamo a nascondere questo stato d’animo.
Negli altri giorni i sentimenti tristi sembrano meno continui e tollerabili.

Diceva Giorgio Manganelli ‘L’infelicità del Natale è un’infelicità elusiva, viscida, serpentesca, e insieme calamitosa’, e vediamo tutte le imperfezioni dei rapporti umani, ne soffriamo di più, perché ci sembrano più che mai incompleti. La festa suprema è il momento della suprema vergogna. E prima tra tutte quella dei nostri sentimenti, miseri, sbilenchi. E mai come in questi momenti l’essenza dei nostri sentimenti amorosi, che avevamo serbato per ricorrenze speciali come le buone bottiglie, si disperde e soccombe tra i miasmi del disamore del mondo. E’ proprio il contrasto con l’ideale perfetto della ‘felicità natalizia’ che rende in questi giorni più aspra la pena.

 Tranquilli, non si tratta di una faccenda privata, poichè riguarda tante persone,
 basta domandarlo un po’ in giro ...



E in giro io ho saputo che Natale sarà triste per :

le persone che vivono con paura e ansia il dover rivedere parenti che non vedono tutto l'anno e con cui  si sentono a disagio;

le persone sole che non hanno una famiglia;

le persone che hanno subìto di recente la perdita di un loro caro.  



61

Orgoglio o paura del primo passo?



Stamattina al bar un signore seduto mi guarda e mi dice:

“Giovane…ma tu sai cos’è l’amicizia?”

Sto per rispondere e mi interrompe:

“Lo vedi quel signore seduto laggiù? Quello è il mio migliore amico… siamo nati nel ‘39.. siamo nati e cresciuti insieme… io gli ho fatto da testimone a nozze e lui l’ha fatto a me… abbiamo comprato la terra da lavorare insieme… e tutti i giorni venivamo in questo bar e prendevamo un Bianchino e leggevamo le notizie.

Lui me le leggeva,

 perchè io non so leggere e

 io ascoltavo 

sempre insieme...

Nel ‘78 abbiamo litigato.. ce le siamo anche date… e da quel giorno non ci siamo più parlati.. neanche un ciao… beh.. ti dirò.. dal ’78, nonostante tutto, ogni giorno veniamo qui sempre alla stessa ora…

 ogni giorno ci vediamo.. non ci salutiamo.. e ci sediamo in due tavolini differenti.. entrambi prendiamo un Bianchino...

 Tutti i giorni prende il giornale e legge le notizie ad alta voce…

la gente pensa che sia matto... 

ma lo fa per me.. dal ‘78!"



53

Vero spirito natalizio...


Se volete calarvi nell'atmosfera natalizia,

vi consiglio di fare un salto su

 Poesie in Vetrina :

vi troverete la Luce del Natale...

vi leggerete versi profondi, dolci ed emozionanti,

ricchi di speranza

per un mondo migliore...

51

Dite la vostra


Troppo tardi, caro papà !



Meglio usare la testa, no ?



71

Benvenuto, dicembre !

Torino sotto la neve 

 DICEMBRE

Sugli immensi candori

piove uno sciame lieve.

Forse cercano i fiori

le farfalle di neve.

Noi siamo i fiori belli

siam le fiorenti vite:

Veniteci ai capelli,

O farfalle, venite.

Ci piove sulla testa

Freddo lo sciame lieve:

E' gran pioggia mesta

Di farfalle di neve:

Noi siamo fiori belli,

Siam le vite fiorenti:

Copriteci i capelli,

O farfalle morenti:

o farfalle.

G.d'Annunzio

Sul mio blog di poesia è partita 
la rassegna delle poesie natalizie.

Auguro a tutti voi un magico dicembre ... 
 


55

Il più grande bisogno del mondo



Un uomo cadde in un pozzo da cui non riusciva a uscire.

Una persona di buon cuore che passava di là disse:

 "Mi dispiace davvero tanto per te. Partecipo al tuo dolore".

Un politico impegnato nel sociale che passava di là disse: 

"Era logico che, prima o poi, qualcuno ci sarebbe finito dentro".

Un pio disse: "Solo i cattivi cadono nei pozzi".

Uno scienziato calcolò come aveva fatto l'uomo a cadere nel pozzo.

Un politico dell'opposizione si impegnò a fare un esposto contro il governo.

Un giornalista promise un articolo polemico sul giornale della domenica dopo.

Un uomo pratico gli chiese se erano alte le tasse per il pozzo.

Una persona triste disse: "Il mio pozzo è peggio!".

Un umorista sghignazzò: "Prendi un caffè che ti tira su!".

Un ottimista disse: "Potresti star peggio".

Un pessimista disse: "Scivolerai ancora più giù".

Gesù, vedendo l'uomo, lo prese per mano e lo tirò fuori dal pozzo.

Il più grande bisogno del mondo...

Un po' più di gentilezza e un po' meno avidità,

Un po' più dare e un po' meno pretendere;

Un po' più sorrisi e un po' meno smorfie;

Un po' meno calci a chi è steso per terra;

Un po' più "noi" e un po' meno "io";

Un po' più risate e un po' meno pianti;

Un po' più fiori sulla strada della vita;

e un po' meno sulle tombe.

Bruno Ferrero, A volte basta un raggio di sole
62

Test psicologico

 Sapete che amo i test, ora ve ne propongo uno
  molto facile e carino :

Scopri il tuo vero Io

Conoscere il proprio profilo psicologico può rivelarsi utile e interessante:
si ha modo di fare autocritica su se stessi.

Ottenendo un buon profilo psicologico è infatti possibile comprendere quali sono i nostri punti forti e quali i nostri punti deboli. Ci dà, insomma, l’opportunità di guardarci dentro e di modificare quelle cose che consideriamo delle barriere, degli ostacoli alla nostra felicità.

Ognuno degli oggetti o delle immagini che trovate nella figura che compongono il disegno qui sotto ha una relazione ben precisa con il vostro stato d’animo del momento.

 Scegliete quello che per primo attira la vostra attenzione




Guarda i risultati riportati sotto













Fantasma
Sta ad indicare delle problematiche psichiche (a cui si cerca di non dare corposità) riferite a se stessi o a persone che formano il proprio ambiente, verso le quali si nutrono dei dubbi.

Luci
Simbolicamente raffigurano gli occhi, e quindi possono rappresentare i condizionamenti morali o la paura del giudizio degli altri.

Maschera
Copertura della nostra vera identità, paura di esporsi, quindi insicurezza profonda con alterazione del proprio io.

Ballerina
Espressione di vita, di armonia e di energia. Può anche indicare civetteria, narcisismo, egocentrismo.

Attore
Figura che rappresenta l’essere umano nelle varie manifestazioni della vita. Non è visto come simbolo positivo perché, come l’attore per avere successo deve attenersi al copione, così l’uomo spesso è costretto ad accettare compromessi nella propria realtà.

Gatto
Simbolo sessuale femminile che indica problematiche al riguardo. E’ anche sinonimo di indipendenza, di libertà e di calore, ma con un’aggressività interiore latente.

Pipa
Simbolo dell’energia libidica, perciò di forte carica personale. Indica personalità sicura che non esita a smascherare eventuali atteggiamenti poco chiari con chi si ha davanti

Pentagramma
Simbolo della creatività e della potenzialità interiore. Indica una capacità energetica ricca, anche se non del tutto conosciuta. Predisposizione verso tutto ciò che richiede la capacità di costruire e di analisi.

Tendaggi
Copertura delle proprie esigenze: non si vuole vedere oltre e si accetta di vivere alla giornata. Paura di affrontare determinate situazioni. Mancanza di volontà di vedere oltre. Problemi di ansia

Suggeritore
Necessità di essere guidato, quindi dipendenza, insicurezza e debolezza dell’Io, limitante la propria espressione vitale. Generalmente si instaurano rapporti sentimentali e sociali con soggetti narcisisti.

Ombra
Parte oscura della nostra psiche. Dovrebbe essere affrontata per eliminare l’eventuale insicurezza, l’ambivalenza affettiva, l’aggressività nascosta, e per evitare la minaccia di espansione di contenuti inconsci.

Pianista
Rappresenta il tramite tra il genere umano e la forza creatrice e trascinatrice della natura: indica quindi capacità personali profonde. Forte predisposizione verso le materie quali filosofia, psicologia e letteratura. I soggetti che si rispecchiano in questa immagine hanno una forte empatia e comunicabilità

Pianoforte
Simbolo di unificazione del maschile e del femminile rappresentata dai toni bassi e alti, dai tasti neri e bianchi, dalla parte sinistra (psiche profonda) e destra (parte cosciente), per cui è sinonimo di armonia e potenzialità creativa. I soggetti che si rispecchiano in questa immagine hanno un gusto elegante e raffinato. Inoltre hanno un forte magnetismo e carisma. Successo nei rapporti interpersonali e sociali.

ATTENZIONE: il test sopra riportato non fornisce una diagnosi ben precisa soltanto un riferimento approssimativo di tipo psicologico. Dott.sa A. Sepe

58

La forza è dentro di noi



Lettera di forza alle donne

Cara donna, io so che la forza è dentro di te. Tu sai essere...

….forte quando hai un peso grosso sulle spalle però non smetti di tendere la tua mano a chi ne ha bisogno
….forte quando ti sembra che non ci sia più speranza eppure tu credi ancora che tutto possa sistemarsi per il bene
….forte quando consegni il tuo cuore e ti viene restituito in pezzi ma tu continui a credere nell'amore
….forte quando ti ammali ma tu speri, e speri, che il tuo corpo ce la possa fare
….forte quando combatti per i tuoi figli come solo una madre sa fare
….forte quando vieni lasciata in disparte da tutti e ti lecchi le ferite da sola, per riprenderti e risorgere
….forte quando piangi, e piangi, fino a far ritornare sul tuo viso il sorriso
…forte quando gli anni passano e tu cerchi nuove risorse dentro di te, per rinascere ancora
...forte quando non sai più chi sei e inizi a scavare, e a scavare, per ritrovare i pezzetti di te stessa
…forte quando sogni e continui a credere al tuo sogno, contro tutti i pronostici a sfavore, perchè è la tua creatura
….forte quando ti senti diversa da tutti gli altri ma hai il coraggio di mostrarlo, camminando a testa alta, senza mai smettere di credere in te stessa
….forte quando nonostante le burrasche della vita sai che accanto a te c'è sempre la tua anima….

La forza è dentro di noi, nel nostro femminile.



71

Come si cambia ...



Non commettere mai l’errore di pensare che ci sia qualcosa nella vita d’immutabile.

Tutto cambia.
 Qualcosa finisce, tante cose scompaiono, molte crescono, crescono…

comunque sia non restano mai identiche a quando sono nate.

Vivi il cambiamento, giorno dopo giorno, serenamente.

Perchè anche tu non sei lo stesso di ieri… e sarai altro domani!

Anton Vanligt

 Anni fa
senza occhiali, senza rughe, abbastanza magra e ... senza Sara

Ora
ho la gioia più grande, il mio amore più grande...
 tutto il resto non conta.


Anche il mio modo d'essere è cambiato...per fortuna in meglio.



48

Elogio dell'umiltà








Meditiamo su questo video





L’umiltà non fa rumore

 Camminavo con mio padre, quando all’improvviso si arrestò ad una curva e dopo un breve silenzio mi domandò:

 “Oltre al canto dei passeri, senti qualcos’altro?”

 Aguzzai le orecchie e dopo alcuni secondi gli risposi: 

“Il rumore di un carretto”.

 “Giusto - mi disse -. È un carretto vuoto”.

 Io gli domandai: “Come fai a sapere che si tratta di un carretto vuoto se non lo hai ancora visto?”.

 Mi rispose: 

“E’ facile capire quando un carretto è vuoto, dal momento che quanto più è vuoto, tanto più fa rumore”.

 Divenni adulto e anche oggi quando vedo una persona che

 parla troppo, 

interrompe la conversazione degli altri,

 è invadente,

 si vanta delle doti che pensa di avere, 

è prepotente

 e pensa di poter fare a meno degli altri,

 ho l’impressione di ascoltare la voce di mio padre che dice: 

“Quanto più il carretto è vuoto, tanto più fa rumore".



36

Sardegna, fate girare questo post

 
Pubblicato da:
Mauro Meloni
con l'invito a far girare questo post
Io l'ho riportato da Barbarella.
Il Meteo Giornale e tantissimi delle sue decine di migliaia di lettori sono vicini alla terra di Sardegna, ferita ancora una volta da nubifragi alluvionali. 
Condividi questo post.
Parte della redazione del Meteo Giornale è della Sardegna, ed ha vissuto i giorni precedenti l'evento meteo dove si è temuto avvenisse il peggio, e soprattutto l'evolversi delle celle temporalesche che lunedì 18 hanno interessato con persistenza oltre la metà della regione.
Questo non è il momento di fare polemiche, bensì è il momento della solidarietà e di vicinanza ai morti ed ai loro familiari, a chi ha la casa allagata, agli sfollati, a coloro che hanno le attività economiche compromesse dall'alluvione.
Siamo vicini alle forze dell'ordine, alle autorità della Sardegna che lavorano senza sosta per pianificare gli interventi.


 Ancora una volta sono senza parole...

Una preghiera!


numeri sardegna

Mediafriends Onlus ha avviato una raccolta
fondi per aiutare la popolazione della Sardegna flagellata dal maltempo.
Queste le coordinate bancarie
del conto corrente dove poter effettuare le donazioni:

IBAN IT 03 S 03069 09400 000000006262.

 Beneficiario: Mediafriends.

Causale: Alluvione Sardegna.
74

L'impiegato macchina: impressionante!






El Empleo: video vincitore al Festival di Berlino

E’amaro e triste  il video che segue, ci rendiamo conto che l'uomo,  nonostante abbia tantissimi al suo servizio e apparentemente abbia tutto,  mai sorride, mai è felice… eppure tutti sono lì per lui…

 La verità è che anche lui, a sua volta, è parte della macchina più complessa che forma questa piramide nella quale l’umanità si è perduta.




61

Emergenza Filippine


Preghiamo per l'immane catastrofe nelle Filippine

 “Desidero assicurare la mia vicinanza alle popolazioni delle Filippine e di quella regione, che sono state colpite da un tremendo tifone. Purtroppo le vittime sono tante e i danni enormi. Preghiamo un attimo in silenzio, e poi alla Madonna, per questi nostri fratelli e sorelle, e cerchiamo di far giungere ad essi anche il nostro aiuto concreto. Preghiamo in silenzio”. (Recita “Ave Maria”)
papa Francesco


Per l’emergenza nelle Filippine,  UNICEF e World Food Programme Italia hanno lanciato un numero solidale per donare 1 euro da rete mobile e 2 euro da rete fissa.

Il numero è il 45590

Anche i "Medici senza frontiere" si sono immediatamente attivati per portare soccorso ai Filippini, particolarmente ai bambini di quelle zone.




Il bene in noidiGiannaDesign byIole