04/03/11

42

VILLA . . . IN DONO


Un capomastro lavorava da molti anni alle dipendenze di una grossa società edile.

Un giorno ricevette l'ordine di costruire una villa esemplare secondo un progetto a suo piacere.

Poteva costruirla nel posto che più gradiva e non badare alle spese.

I lavori cominciarono ben presto. Ma, approfittando di questa cieca fiducia, il capomastro pensò di usare materiali scadenti, di assumere operai poco competenti a stipendio più basso, e di intascare così la somma risparmiata.

Quando la villa fu terminata, durante una festicciola, il capomastro consegnò al Presidente della società la chiave d'entrata.

Il Presidente gliela restituì sorridendo e disse, stringendogli la mano:

"Questa villa è il nostro regalo per lei in segno di stima e di riconoscenza".

42 commenti:

  1. Bellissima!!!
    Troppo forte!!!
    Una sana risata è quel che ci vuole ogni tanto
    Grazie Gianna.
    Ti auguro un buon fine settimana

    RispondiElimina
  2. Un sorriso in una teretra giornata di pioggia, grazie Gianna sei fantastica. Ti auguro unw.e. pieno di sole.baciotti Gilda

    RispondiElimina
  3. Hehehehehe... come si suol dire " chi la fà l'aspetti"!!!
    Carinissima ogni tanto ci vuole una sana risata!!!
    Ciao cara Stella se lo desideri nello Scrigno dei Tesori che ho un premio da consegnarti... magari lo hai già ricevuto... ma se ti fa piacere... ti aspetto!!!
    Un abbraccio per augurarti un felice weekend!!!

    RispondiElimina
  4. Sembra una favola dei sogni di noi tutti... ma alla fine non resta che una bella risata...
    Brava Stella.
    Tomaso

    RispondiElimina
  5. ...chi troppo vuole nulla stringe!!! troppo bella, Stella sei fortissima
    ciao

    RispondiElimina
  6. chi fa il furbo si frega da solo
    ciao Michele pianetatempolibero

    RispondiElimina
  7. Stellina....si sarà mangiato le...ehmmm la lingua.! :))

    RispondiElimina
  8. Insomma aveva odorato già il futuro crollo!!

    Buon fine settimana Stella!!

    RispondiElimina
  9. Certo che e' triste vedere che in realta' succedono cose del genere, proprio oggi discutevo con un conoscente che quante volte esco per comperare ricambi ed attrezzature non ne ho mai approfittato, l'onesta' ti ripaga nel tempo.
    Ti lascio un saluto e ti auguro un buon fine settimana.
    gaetano

    RispondiElimina
  10. Chi troppo vuole nulla stringe......
    Buonanotte Stellina

    RispondiElimina
  11. bene, chi la fa l'aspetti! ;;) buona serata!

    RispondiElimina
  12. Grazie delle storielle divertenti che ci proponi sempre.
    Buon fine settimana!
    Erika

    RispondiElimina
  13. "Chi è causa del suo mal..."

    Grande, Stella.
    Prima o poi, l'avidità presenta il conto.
    Il lato triste della faccenda è che troppo spesso, nel frattempo, ci rimettono degli innocenti...

    Un bacio!

    Maddy

    RispondiElimina
  14. :)) :))
    Ciao cara Stella!!!
    Buon fine settimana!!!

    :X :X :X
    Cri&Anna

    RispondiElimina
  15. Ogni tanto, sul serio, "chi la fa l'aspetti!"!

    RispondiElimina
  16. Il furbetto pensava di fregare, e fu fregato... così direbbero in Toscana :))

    Complimenti, Gianna :) Bella la storia, e una bellissima... lezione ;)

    RispondiElimina
  17. Ottima storia! Nella sua semplicità fa riflettere molto!
    Baci Baci

    RispondiElimina
  18. Bellissimo!!! ha avuto la giusta medaglia!!! un bacione :)

    RispondiElimina
  19. Grandiosa metafora di quanto stiamo facendo della nostra bella terra. Buon fine settimana Stella.

    RispondiElimina
  20. Buon fine settimana a te, zicin.

    RispondiElimina
  21. Paola, grazie di cuore.
    Buona domenica.

    RispondiElimina
  22. Bisogna ridere ogni tanto, caro Tomaso.

    RispondiElimina
  23. Una storia che fa riflettere

    RispondiElimina
  24. Rita, penso proprio di sì...

    RispondiElimina
  25. Cosimo grazie, altrettanto a te.

    RispondiElimina
  26. Erika, grazie anche a te che me le invii.
    Bacio

    RispondiElimina
  27. Maddy, la cupidigia è terribile...

    Bacio

    RispondiElimina
  28. Cri e Anna, lieta domenica.

    RispondiElimina
  29. Antonio chi sbaglia solitamente paga...

    RispondiElimina
  30. Elena, proprio le cose semplici fanno riflettere di più.

    RispondiElimina
  31. Antonio questo ne è un esempio...

    RispondiElimina
  32. Spero solo che quel capomastro si sia vergognato di se stesso, la cupidigia umana non ha limiti a volte! Fa sorridere, ma anche pensare!
    Baciotti
    Sabrina&Luca

    RispondiElimina
  33. Luca e Sabrina, è proprio così!

    RispondiElimina



Grazie del tuo gradito commento.


Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...