09/03/11

35

La giornata delle donne continua oltre l'8 marzo


Elenco di alcuni pensieri delle donne che lavorano

1. Io sono l'invisibile. Durante la notte o all'alba, pulisco il luogo dove lavorerai

2. Curo la vita e la morte, mi chiamano badante, sono prigioniera di un permesso di soggiorno

3. Ho firmato un foglio di dimissioni in bianco. Previene la gravidanza

4. Cerco lavoro. Meglio nascondere laurea e master, giuro di non avere specializzazioni

5. Corro a casa, ma la pizza con il mio capo era necessaria per la carriera

6. Guardo la fabbrica e so che il mio lavoro è andato in Serbia

7. Invento, ricerco. Aspetto un biglietto aereo per l'estero...

8. Curo, accudisco, lavo, stiro e tanto altro: chissà se è un lavoro...

9. Sono nata nel sud, posso scegliere tra obbedire o emigrare

10. Avevo un lavoro, poi hanno abolito il tempo pieno a scuola

11. Rispondo a un annuncio di lavoro: sarò abbastanza carina? E abbastanza giovane?

12. Passo le ore ad una cassa, sorrido. Ma non era domenica?

13. Quanti asili si possono fare con i soldi del Ponte sullo stretto di Messina?

14. Sono un dottore. Non sono un primario

15. Quando lavoro produco lavoro, potete spiegarlo a economisti e governanti?

16. Ho inventato nuove professioni

17. Ho conquistato le otto ore

18. Ho conquistato il tempo del matrimonio, della maternità, dell'allattamento

19. Ho conquistato il diritto di sentirmi uguale nel lavoro, restando differente

20. Felice il giorno in cui non dovrò conquistare niente di più, staranno meglio anche gli uomini.

In quali di questi pensieri ti ritrovi ?

35 commenti:

  1. È veramente un elenco molto lungo...
    Diciamo grazie a tutte le donne! anche se non si trovano in quel elenco.
    Buona giornata cara Stella.
    Tomaso

    RispondiElimina
  2. Quando questo quadretto sarà solo più un pro-memoria da incorniciare per ricordare...allora la Donna avrà ottenuto giustizia, considerata per ciò che è e quanto vale!!
    Buona giornata Stellina, un bacione.

    RispondiElimina
  3. Tutto questo fa accapponare la pelle, però rispecchia il mondo là fuori, il punto 13 trovo che sia lo specchio dei nostri tempi, si sperpera a destra e a manca e si tolgono i fondi a quelle che sono le esigenze primarie della nostra società e viene molta rabbia. Quel famoso ponte che nessuno vuole serve solo a fare entrare nelle tasche di più di qualcuno molti soldi, e in compenso ci troviamo con tagli alle scuole pubbliche, con insegnanti precari che probabilmente resteranno tali tutta la vita, con disagi a non finire per tutti, ci troviamo con asili che sono sottonumero e vogliamo parlare dei tagli alla sanità? E in tutto questo la figura più penalizzata è quella della donna, che continua a farne le spese. E' una vergogna.
    Bacioni
    Sabrina&Luca

    RispondiElimina
  4. Stellina, non mi ci ritrovo in questo elenco, sono stata forse fortunata? o forse ai miei tempi c'erano più possibilità di trovare lavoro? dovremmo forse dire che si stava meglio quando si stava peggio?
    Non ci capisco più nulla, mi dispiace per i giovani, per chi è ancora precario all'età della pensione, per chi ha bisogno dei genitori per poter mandare avanti la propria famiglia...
    I problemi ci sono da entrambe le parti, uomini e donne...
    Bacioni

    RispondiElimina
  5. Gioia io mi trovo nel numero 3 e 8 e mamma mia che brividi leggendo.E 1 post davvero molto interessante e mi mancava proprio la tua persona...:).Purtroppo il giorno d'oggi siamo tutti 1 pò preoccupati specialmente i ragazzi che finiscono le scuole e gli adulti che arrivano ad 1a certa età diciamo che hanno 40 anni fanno molta fatica a trovare qualsiasi tipo di lavoro...e brutto cosi e speriamo che nn succeda di peggio.Ti abbraccio forte e ti auguro buona giornata

    RispondiElimina
  6. ops scusa il 2 e l8 e x me nn il 3...uffi

    RispondiElimina
  7. Ciao Stella ho saputo adesso dal Guardiano che ti a scritto che può pubblicare la sua poesia, siamo molto veloci noi...
    Un abbraccio e a presto.
    Tomaso

    RispondiElimina
  8. questo elenco, incorniciato andrebbe esposto in tutti i posti di lavoro, in tutti i luoghi pubblici....e in tutte le case :)

    Ma che aria di primavera! vola vola vola l'ape Stella..dolce come il miele e sempre bella! :))
    bacio

    RispondiElimina
  9. Beh direi che anche senza ritrovarsi a titolo personale in tutti questi concetti, è chiaro che toccano molte di noi.
    Ultimamente sono un po' latitante, scusami, ma non ce la faccio a fare tutto.

    RispondiElimina
  10. Mi piace molto quello sugli asili... quanti asili si potrebbero fare!
    buon pomeriggio Stella:)

    RispondiElimina
  11. Ciao Stellina,
    posso solo dirti che man mano che leggevo, mi chiedevo "ma quante vittime miete, l'opportunistico delirio
    d' onnipotenza"?

    Buon pomeriggio, cara...

    Maddy

    RispondiElimina
  12. Caro Tomaso, le donne che non fanno parte di quell'elenco possono ritenersi fortunate.
    Fortunati pure i mariti!
    Un abbraccio.

    RispondiElimina
  13. Caro Sirio, speriamo veramente che venga un tempo in cui tutto questo si realizzi.

    RispondiElimina
  14. Cara Gianna,
    io sono, forse, una fortunata perchè ho mollato tutto ed ora faccio quello che mi pare
    Un bacio ed un sorriso

    RispondiElimina
  15. Sabri, sono perfettamente d'accordo.
    Come donne, cerchiamo di realizzare il meglio per i nostri figli...però non sempre la società ci viene incontro.
    Il ponte sulle stretto di Messina è un'opera faraonica non necessaria, e non se lo vogliono mettere in testa...
    E' una pura vergogna, hai ragione.
    Baci.

    RispondiElimina
  16. Cara Mary, forse alcune donne della nostra generazione hanno effettivamente avuto più possibilità.
    Il grosso problema, come dici tu, sono i giovani d'oggi,disoccupati, precari o assunti a tempo determinato e non si sa che futuro avranno...
    I nipotini saranno fortunati se hanno i nonni che li possono accudire, se i genitori lavorano.
    Bacioni!

    RispondiElimina
  17. Cara Alina, il tuo non sarà un lavoro gratificante ma, per fortuna, ce l'hai...mentre ci sono donne che pur cercando non riescono ad ottenerlo.
    Chi ce l'ha, se lo tiene ben stretto!
    Ti abbraccio forte.

    RispondiElimina
  18. Tomaso, ho ricevuto conferma.
    Grazie.
    Velocissimi davvero !

    RispondiElimina
  19. Rita, faccio quello che posso...mi piace giocare e divertirmi, almeno adesso...
    Baci.

    RispondiElimina
  20. Ambra stai tranquilla e non preoccuparti.
    Passa quando puoi.
    Baci.

    RispondiElimina
  21. Viola, asili e asili nido!
    Mio nipote è costretto a mandare il figlio in un asilo privato e paga un occhio della testa, per mezza giornata.
    Per fortuna che al pomeriggio ci sono i nonni, tanto per cambiare.

    RispondiElimina
  22. Cara Maddy, sembra che non ci siano limiti...per ora!

    RispondiElimina
  23. Zicin, hai fatto bene e altrettanto ho fatto io.
    Baci.

    RispondiElimina
  24. Ciao Stella.
    Per fortuna non mi ritrovo in nessuno di quei pensieri...tranne il punto 13...spendere soldi per qualcosa di inutile e quasi sicuramente irrealizzabile e togliere invece quelle che sono le necessità primarie: scuole, sanità, sicurezza lavorativa...
    Un bacio.
    Nunzia

    RispondiElimina
  25. E' vero Stella, molte mie colleghe sono costrette a mandare i figli negli asili privati e spendono intorno ai 600 euro, una follia. Tu pensa che in altri Paesi europei ci sono aziende e sono tante, che hanno i nidi all'interno, è un modo per venire incontro ai genitori che lavorano in quell'azienda e trovo che potrebbero essere attuati anche in Italia, se solo ci fosse davvero più interesse verso le tematiche sociali, verso le famiglie. Fai bene a sollevare queste discussioni, questi dialoghi, è bene prendere coscienza!
    Bacioni
    Sabrina&Luca

    RispondiElimina
  26. Sabry,occorrono più volontà e persone idonee a rappresentarci al governo...

    RispondiElimina
  27. Dolce stella, tutte le frasi menzionati sono vere e fanno rabbrividire, purtroppo nel nostro paese vige la legge del piu' forte e quella del Dio Denaro, e nel nome del denaro si possono calpestasre i diritti altrui e soprattutto coloro che con il loro sudore hanno contribuito ad arricchire un datore di lavoro ingrato che appena puo' ti scarica come uno straccio usato che non serve piu'.
    Ti saluto dolce amica, spero che in futuro le cose si aggiustino.
    gaetano

    RispondiElimina
  28. Ciao Stellina scusami m'ero dimenticata di farti gli auguri. Purtroppo ciò che hai scritto è molto veritiero, però pensa che anche noi uomini abbiamo così tanta difficoltà a trovar lavoro, forse per voi donne è un pò più difficile. Purtroppo sembra che gli imprenditori hanno sempre il coltello dalla parte del manico, e leggi in Italia sembrano solo un optional.

    RispondiElimina
  29. Gaetano, lo speriamo tutti.

    RispondiElimina
  30. Albert, hai perfettamente ragione.
    Grazie degli auguri.

    RispondiElimina
  31. io mi ritrovo nel n°8 perchè faccio tutti quei lavori oltre a quello ufficiale.
    certo che la donna, sfruttata, derisa e, a volte abusata, non ha certamente ancora conquistato la parità... :(

    RispondiElimina
  32. Hai ragione in pieno Stellina e credimi io sn molto contenta di avere questo lavoro penso solo che sarò presto nella situazione di altre donne e x me sarà molto dura cm lo e x mia sorella che ha 41 anni e nn riesce più a trovare lavoro e poi nn potrò più aiutarla poi sai quando nessuno ti vede ed io ne so qualcosa xchè nn vengo apprezzata x quello che faccio e mi fa star male anche xchè io adoro questa donnina che accudisco e quando nn ci sarà più qualcosa di me morirà e nn xchè poi sarò in difficoltà cn il lavoro x x l'affetto che provo x lei...lei e davvero molto brava e mi ha conssolata sempre anche se nn parla ma mi basta vederla sorridere e quando mi fa 1a carezza mi sento quasi completta.Le voglio 1 bn dell'anima cm voglio anche a te e tutte le donnine che mi seguono e senza di voi mi sn sentita persa e nn riuscivo nemmeno ad accendere il pc solo dopo giorni leggevo le poste poi chiudevo e mi rifugiavo nel mio piccolo xchè nn riuscivo nemmeno guardarmi allo specchio x quello che ho passato x 1 mese tra la mia bimba e la zia (la mia badata).Spero che mi perdonerai se nn sn mai passata almeno x farti gli auguri x le feste ma se vuoi lasciami il tuo numero di telefono in mail poi ti ciamo certo se nn ti chiedo troppo.Ti abbraccio

    RispondiElimina
  33. Raggio, purtroppo hai ragione...

    RispondiElimina
  34. Sei tanto buona Alina e vedrai che il bene che fai ti tornerà, ne sono certa.
    Un abbraccio infinito.

    RispondiElimina



Grazie del tuo gradito commento.


Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...