27/11/08

82

QUIESCENZA


Desidero raccontarvi un fatto che mi è realmente accaduto

Chi mi conosce da un bel po',sa come ero appassionata alla professione di educatrice.
Sono andata in pensione a causa della vituperata riforma Moratti che incombeva,non la condividevo ,come non posso condividere oggi quella del ministro Gelmini.

Arriviamo al dunque : mi scadeva la carta d'identità per cui mi recai all'Ufficio anagrafico distaccato del mio quartiere e
compilai il modulo per il rinnovo.
L'impiegata addetta controllò i dati e mi disse :"Lei è in pensione?"
"Sì",risposi.
"Allora nella casella deve scrivere 'pensionata' e non 'insegnante' (come c'era nella carta d'identità scaduta). In quell' istante mi vidi privata di una vita intera...appassionante!
Chiesi gentilmente se poteva confermare la professione,scrivendo 'insegnante in pensione'.
L'impiegata si informò e mi disse che non era possibile,però, mi era permesso di scrivere 'insegnante in quiescenza'.
A questo punto accettai, anche se "quiescenza" non mi piaceva molto.

Più di un anno fa dovetti sottopormi ad un intervento chirurgico,per cui mi presentai alla reception della clinica con tutti i documenti,tra cui la nuova carta d'identità.
"Insegnante,signora?" Mi chiese gentilmente l'addetta al ricevimento. E proseguì :"Mi scusi,ma...che materia è 'quiescenza' ? Non l'ho mai sentita nominare! Leggo:insegnante in quiescenza"

Rimasi un attimo interdetta, perchè ero presa dall'operazione imminente, ma subito dopo realizzai e le spiegai che il vocabolo non sottintendeva una disciplina scolastica,ma voleva semplicemente significare " a riposo "... Insegnante a riposo.

MI VEDETE IN QUESTA VESTE ?

CONOSCEVATE QUESTO TERMINE?

82 commenti:

  1. Che senso ha scrivere termini poco conosciuti sui documenti?
    Comunque sono d'accordo con te, la professionalità di una persona rimane sempre anche durante la pensione; non scriverlo sul documento è piuttosto triste.
    Ciao!

    RispondiElimina
  2. giovedi 11 dicembre sono con il coro della mia città a Torino.chiesa Dei Sant Martiri di via garibaldi
    ore 20.30
    se ci sei , grazie
    erre54

    RispondiElimina
  3. Erre,farò il possibile per esserci!

    RispondiElimina
  4. Hai ragione quella e' una delle tante ingiustizie nei confronti di gente che ha dato una vita per il proprio lavoro..bravi non ce' che dire...bacino Stella e grazie...smack!!!!

    RispondiElimina
  5. Vedi Stella..sarà il fatto che io non bado mai alle apparenze, manco a quelle stampate..ed è per questo che sarebbe stato ininfluente per me la dicitura sulla cara d'identità.
    Il termine quiescenza è probabilmente un termine tecnico e non mi piace proprio..stile ibernazione..io avrei preferito pensionata e non insegnante in congelamento ibernato.
    Capisco cosa intendevi tu ma fregatene..non è un documento che cambia quel che si è e non devi sentirti privata della professione svolta, è un vissuto che nessuno potrà mai cancellarti.
    Ciao Stellì buona giornata.

    RispondiElimina
  6. Cara Calliope il termine incriminato è arcaico.

    Le apparenze ingannano e sono d'accordo con te.

    Nel mio caso non volevo apparire...io sono.

    Sono una persona che ha dato tanto alla scuola per 40 anni e all'improvviso ero solo una pensionata anonima(con tutto il rispetto per i pensionati)e mi sono sentita defraudata.

    Ogni tanti si possono avere idee discordanti. Il blog serve anche per il confronto.

    Grazie per il tuo commento sincero.

    RispondiElimina
  7. Conosco il termine "quiescenza",dici bene stella,è arcaico ma nell'ambiente di lavoro dal quale sono uscito l'avevo sentito dire da molti,compresi il responsabile del personale e l'assistente sociale...

    Certamente una persona rimane quello che è,non è la carta d'identità a rendere giustizia...!

    Ciao,a presto.

    RispondiElimina
  8. ripasserò a leggerti con calma, in questi gg non ho la testa. Un bacione

    RispondiElimina
  9. Mi ha fatto una bruttissima impressione immagginarmi a fare la CI
    e far cancellare tutto quello che sei stato fino ad allora con una parola.

    RispondiElimina
  10. Buongiorno a te!
    certamente non è quello che c'è scritto o non scritto sui documenti che conta, però ti capisco perfettamente e hai ragione in pieno!
    ed ora ti invito a venire un attimo a "casa mia":
    Sorridi
    Teneramente
    E dai dolcezza,
    Letizia,
    Luminosità
    Anche a chi non ti offre niente...
    Un bacione,con affetto

    RispondiElimina
  11. du io la vedo così infatti,anche perchè non ero preparata...

    RispondiElimina
  12. Paola sei straordinaria.

    Versi anche qui...

    Dono tutto...promesso.

    Con immenso affetto!

    RispondiElimina
  13. Le parole,a volte,possono ferire più di mille schiaffi ricevuti in una vita intera! Non è un termine che può cambiare ciò che sei! Se quella parola l'ha cancellato allora sii tu a cancellare quella parola!! Baci! Anto

    RispondiElimina
  14. Acquiescente ti dico che il post è meraviglioso e che son quie

    RispondiElimina
  15. Ho appena raccontato il tutto a mia moglie che è una tua collega (Insegnante Precaria)...sta ancora ridendo!!!
    Buona giornata ;)

    RispondiElimina
  16. Anto,allora ci rimasi male,ora non ci penso più!

    RispondiElimina
  17. Pino ora rido pure io ...

    Tua moglie può ridere a crepapelle,ha ragione...

    RispondiElimina
  18. Pino ora rido pure io ...

    Tua moglie può ridere a crepapelle,ha ragione...

    RispondiElimina
  19. Sembra un lessico da libro cuore, da italiano ottocentesco.
    Adesso tocca a me tirarti le orecchie
    ;-)

    RispondiElimina
  20. Grazie d' esserti iscritta al mio Candy, non osavo chiedertelo...
    Ho visto sul tuo blog le foto dei lupi, non è che per caso fai parte del Club de Cane Lupo Cecoslovacco? Hai visto le foto del mio Wyakin, sul mio blog?
    lamagagiò

    RispondiElimina
  21. Grazie a Paola cara stella ti ho incontrato...accogliente il tuo blog..

    Al posto tuo, non me prenderei tanto con i termini, ma pittosto con chi li inventa..

    La tua professionalità sta scritto in tutto quello che fai.

    Buona giornata.

    RispondiElimina
  22. Silvano,il mio codice segreto funziona...

    Vedrai!

    RispondiElimina
  23. Il poster dei lupi è un fotomontaggio che mi ha regalato dual.
    Mi piacerebbe leggere il tuo libro magagiò,tutto qui.

    RispondiElimina
  24. Cara rosy grazie e benvenuta !

    Sei degna lettrice di Paola. Un caro saluto e a presto!

    RispondiElimina
  25. Sono stupefatto dopo aver attenta-mente letto il tuo racconto mi domando, come fanno a complicare sempre più le cose??
    Cara Stella mi sento fortemente vicino a te,
    Potrei aggiungere che dopo essere pensionato sui miei documenti continua sempre ad essere scritto la mia professione, credo che sia chiaro che si vede la data di nascita cosa posso dire, incomprensibile!!

    un forte abbraccio

    Tomaso

    RispondiElimina
  26. quello che non vorrei aggiornare è la foto, ad ogni aggiornamento della carta è un colpo...non ho provato a chiedere, ma ci ho pensato:"è cosi bella questa foto perchè la dobbiamo sostituire??"
    Proverò al prossimo rinnovo...un bacione Stellina, A

    RispondiElimina
  27. Non conoscevo questo termine....spero solo di risentirlo entro i prossimi 20 anni ma soprattutto legarlo al suo significato che a sua volta lo leghero' al post che a sua volta mi porta a te...quindi....sappi che se mi dicono sto termine mi verrai in mente :-D

    RispondiElimina
  28. Più che quello che c'è scritto sulla carta di identità, la cosa triste è che sei andata in pensione quando avevi ancora tanto da dare...

    RispondiElimina
  29. deve essere dura per un'insegnante scoprire che in giro c'è ancora tanta ignoranza, io non mi sarei fatta metter niente sulla carta di dientità sull amia per esempio lo stato civile non c'è perchè vedova mi faceva troppa impressione...che poi ma che ve frega di cosa faccio nella vita o se sono libera o occupata, perchè non mettono solo i dati anagrafici puri: data di nascita , residenza e vabbè statura e occhi, che poi anche il colore dei capelli specie per una donna...è variabile

    RispondiElimina
  30. Tomaso,grazie della tua comprensione.

    Un bacione.

    RispondiElimina
  31. Aliza sulla patente ho ancora la prima foto,quella dei 20 anni...,ad ogni rinnovo nessuno mi ha mai detto di sostituirla.

    Un abbraccio

    RispondiElimina
  32. Ho capito Bruno,tra 20 anni mi penserai,meglio questo che niente!

    RispondiElimina
  33. Shaina cara hai toccato un tasto dolente,perchè vero.

    Ancora ora parlo come se insegnassi ancora,è più forte di me.

    Ho lasciato bambini e genitori in lacrime...

    RispondiElimina
  34. Hai ragione! per me la professione dovrebbe rimane sul documento, altrimenti sembra che pensionato significhi : persona che non fa niente! e che perde tutta la vita professionale. E' assurdo
    ciao Michele di pianetaempolibero

    RispondiElimina
  35. Zefirina il colore dei capelli è variabile...lo stato civile può cambiare e allora concordo con te :dati anagrafici per tutti e stop.

    RispondiElimina
  36. ops...è vero.....leggendo da questa sensazione.... eheheheh.....
    :-D

    RispondiElimina
  37. Bruno,te le darò di santa ragione,appena ti vedrò,così mi ricorderai prima!

    RispondiElimina
  38. Cara Stella non devi abbatterti...ti capisco perfettamente cosa provi,ma non lasciarti condizionare dal punto di starci molto male...tu vali,e anche molto...il tuo lavoro l'hai fatto con molto orgoglio...e io credo che i tuoi alunni,e colleghi non ti scorderanno mai per questo...ma pultroppo nella Vita ci sono anche queste ingiustizie...tu vali veramente anche sul blog,davvero... perchè riesci a regalarci con la tua cultura e parole belle, emozioni indimenticabili.Ciao Stella...ti abbraccio forte.

    RispondiElimina
  39. No, non conoscevo questo termine... Ma se significa "a riposo"... non potevano scrivere DIRETTAMENTE insegnante a riposo???!!!

    Mah!

    ;-)

    RispondiElimina
  40. uhh santo cielo ho la stella quiesciente e non lo sapevo...tu sei quel che sei e che hai costruito, non quello che dicono le parole, sei tu non un ruolo

    RispondiElimina
  41. Lo sei forte,quanto sto ridendo!

    RispondiElimina
  42. Silvia,sto ridendo anche dopo il tuo commento!
    Avevo fatto la tua richiesta,mi hanno risposto "picche", ma gentilmente perchè avevano capito il mio stato d'animo.

    RispondiElimina
  43. Frufrupina,grazie delle tue dolci parole,ma ormai mi è passato.
    Sei sempre molto carina e sono contenta di averti conosciuta.

    RispondiElimina
  44. Quiescenza: letteralmente, stato di riposo o di inerzia. Poi anche condizione di dipendente collocato a riposo, poi infine mettere in pensione.
    Certamente andando all' anagrafe non eri ne' in stato di riposo, ne' di inerzia, purtroppo la burocrazia non conosce l' italiano, era sicuramente meglio insegnante in pensione.
    Cosi' va il mondo.
    Vale

    RispondiElimina
  45. Pierre chiedevo solo quello,infatti!

    RispondiElimina
  46. Sono d'accordo con te, la professione di una persona, soprattutto se fatta per una vita e con passione, rimane quella punto.

    Purtroppo dobbiamo fare i conti con la burocrazia e i burocrati:-((
    Ciao stella, fa freddo a Torino?
    Qui molto!!!

    RispondiElimina
  47. Io ho lasciato l'insegnamento senza aspettare di andare in pensione perciò sui miei documenti risulto come "casalinga" e sono sincera, senza avere nulla conto le casalinghe non mi è mai piaciuto

    RispondiElimina
  48. gturs fa molto freddo ed io sono una freddolosa!

    qui-e-scienza, per ridere un po'!

    (sulla e andrebbe l'accento e ho messo la i a scienza,come è giusto che sia).

    Un abbraccio

    RispondiElimina
  49. Suysan come mai hai lasciato l'insegnamento?

    Non lo sapevo. Non voglio essere invadente,se non ti va di rispondere ok!

    RispondiElimina
  50. Adesso sei anche una blogger, altro che pensione ;)

    RispondiElimina
  51. Bello essere bloggher, altro che pensionata,romano!!

    RispondiElimina
  52. Michele è così,hai ragione.

    Buona serata!

    RispondiElimina
  53. ma dai stella!!! a riposo tu? e quando mai!!!! è solo "formalità"... un abbraccio e... che tristezza la nostra burocrazia!

    RispondiElimina
  54. Stella, il termine lo conoscevo, ma mai avrei pensato di vederlo comparire sulla carta d'identità..è una grande cavolata, come tante altre che ci obbligano a sottostare..
    Comunque alla fine conta sempre cosa senti tu per quello che hai dato agli altri..chissenefrega di cosa c'è scritto sulla carta d'identità..
    Un bacione..

    RispondiElimina
  55. Davide ora la penso come te ,ma sul momento...tristezza,tanta tristezza!

    RispondiElimina
  56. Davide ora la penso come te ,ma sul momento...tristezza,tanta tristezza!

    RispondiElimina
  57. Lo si usa + negli ambienti militari.

    RispondiElimina
  58. Si conosco il termini. A volte la quiescenza può essere temporanea. Certo in questo caso no.

    Capisco e comprendo il tuo stato d'animo in quella occasione.

    RispondiElimina
  59. Grazie della condivisione,dani!

    RispondiElimina
  60. Nessun motivo speciale ...ad un certo punto ho preferito smettere di insegnare e stare a casa con mio figlio

    RispondiElimina
  61. Per me tu non sei in "quiescenza" perche l'energia si trasforma e non si esaurisce.La tua energia si sta trasmettendo nel blog,non sta andando in riposo.
    Ciao Stella noi tutti stiamo prendendo l'affetto dei tuoi ex allievi.
    Buona notte.

    RispondiElimina
  62. Cara Stella, come possiamo considerarti in quiescenza???
    Anche se sei ufficialmente in pensione, continui ad insegnare narrandoci le tue esperienze di vita, finora sempre molto ricche e interessanti.
    Certo, ti conosco ancora da pochissimo, ma da quello che ho letto sul tuo blog sono certo di non sbagliarmi

    RispondiElimina
  63. Troppo simpatica la gag dei documenti.
    Daltronde siamo in fondo a tutte le classifiche europee, abbiamo il peggior piazzamento per quello che riguarda l'istruzione...quindi la fotografia del nostro paese è centrata in pieno.
    A parte gli scherzi le persone apprezzate come lei ( da quanto si evince nei commenti) non dovrebbero dare peso al termine quiescenza perchè era in uso nel medio evo o giù di li. Lei invece mi pare molto attiva e brava in quello che fa. Oggi.
    Complimenti davvero per il blog

    Saluti Virginio.

    RispondiElimina
  64. Io ti capisco, però io personalmente non vedo l'ora di andare in quiescenza e gridare al mondo sono una pensionata in pensione eheheheh
    A parte gli scherzi, non ho capito molto la differenza, secondo me la signora dell'anagrafe era un pò pignola. e un pò dispettosa perchè lei ancora lavorava...Ciao un abbraccio non prendertela e goditi il tuo periodo di riposo, ne hai tutti i diritti, giò
    P.S Buona giornata amica mia

    RispondiElimina
  65. Be insegnare in quiescenza potrebbe anche voler sottintendere farlo da pensionati, magari gratis che è meglio.
    Ciao cucù in quiesccenza.
    Ma sta nevicando di brutto anche li in piemont?

    RispondiElimina
  66. Lello mi hai capita,sto riversando su di voi ciò che davo ai miei alunni e l'energia non manca,per fortuna!

    RispondiElimina
  67. Virginio, benvenuto!

    Grazie dei complimenti e dammi pure del tu.

    Spero tornerai a visitarmi.

    Un caro saluto e a presto.

    RispondiElimina
  68. Farfalla, l'impiegata ha applicato la legge, si è consultata anche col suo capo.

    E' stata gentilissima ad informarsi,se no solo "pensionata" non me lo toglieva nessuno sulla CI, documento ufficiale.

    RispondiElimina
  69. Max è tutto bianco e sta nevicando alla grande!!

    Sì ora preparo con entusiasmo le lezioni per voi!

    RispondiElimina
  70. Io so con quanta dedizione Ti sei dedicata al Tuo lavoro-missione di insegnante!
    Ti resterà sempre nel cuore l'intenso rapporto che hai avuto con i tuoi....bambini. Perciò per me tu sarai sempre INSEGNANTE, (non in quiescenza) perchè non hai mai smesso di AMARE il Tuo lavoro.
    La burocrazia non ti appartiene, è tutta un'altra storia, ignorala.

    RispondiElimina
  71. Cara anonima,il tuo commento mi ha commossa,hai esaltato le doti che mi riconosci.
    Grazie per la condivisione.

    RispondiElimina



Grazie del tuo gradito commento.


Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...