11/02/11

34

Perchè a San Valentino s'inneggia all'amore?



Leggende

Valentino era un giovane cristiano nato sui monti della Sabina intorno al 270 d.C. Si trasferì a Roma con la sua famiglia, dove esercitò la professione di concia-pelli.
Era un bel ragazzo che, però, non si accorgeva nemmeno degli sguardi delle ragazze romane, preso com'era dal ricordo della sua adorata Valeria che lo attendeva al suo paese e con la quale si erano giurati eterno amore.
Valeria era però fastidiosamente corteggiata da un centurione romano ed invocò l'aiuto di Valentino per salvarsi da lui.
I due innamorati decisero che anche Valeria sarebbe andata a Roma e si misero in cammino. Durante la notte, una spia avvertì il centurione della fuga dei due giovani i quali furono sorpresi alle porte di Roma sulla via Flaminia.
Valentino fu ucciso.
Il centurione venne condannato e
Valentino divenne simbolo dell'amore tra fidanzati.



Un giorno San Valentino sentì passare, al di là del suo giardino, due giovani fidanzati che stavano litigando. Decise di andare loro incontro con in mano una magnifica rosa. Regalò la rosa ai due fidanzati e li pregò di riconciliarsi stringendo insieme il gambo della rosa, facendo attenzione a non pungersi e pregando affinché il Signore mantenesse vivo in eterno il loro amore.
Qualche tempo dopo la giovane coppia tornò da lui per invocare la benedizione del loro matrimonio.
La storia si diffuse e gli abitanti iniziarono ad andare in pellegrinaggio dal vescovo di Terni il 14 di ogni mese.
Il 14 di ogni mese diventò così il giorno dedicato alle benedizioni, ma la data è stata ristretta al solo mese di febbraio perché in quel giorno del 273 San Valentino morì.

POESIA
VALENTINO

Oh! Valentino vestito di nuovo,
come le brocche dei biancospini!
Solo, ai piedini provati dal rovo
porti la pelle de' tuoi piedini;

porti le scarpe che mamma ti fece,
che non mutasti mai da quel dì,
che non costarono un picciolo: in vece
costa il vestito che ti cucì.

Costa; ché mamma già tutto ci spese
quel tintinnante salvadanaio:
ora esso è vuoto; e cantò più d'un mese
per riempirlo, tutto il pollaio.

Pensa, a gennaio, che il fuoco del ciocco
non ti bastava, tremavi, ahimè!,
e le galline cantavano, Un cocco!
ecco ecco un cocco un cocco per te!

Poi, le galline chiocciarono, e venne
marzo, e tu, magro contadinello,
restasti a mezzo, così con le penne,
ma nudi i piedi, come un uccello:

come l'uccello venuto dal mare,
che tra il ciliegio salta, e non sa
ch'oltre il beccare, il cantare, l'amare,
ci sia qualch'altra felicità

Giovanni Pascoli



34 commenti:

  1. Pubblichi sempre dei pensieri e delle storie interessanti,Buon S.Valentino da lunedì!

    Speriamo che le Molinette rimanga un fiore all'occhiello della cura e della ricerca torinese,insieme al centro di Candiolo,naturalmente.

    Buon weekend

    RispondiElimina
  2. Questa poesia...

    l'ho sempre adorata!

    Fin da bambina...figuriamoci ORA! ;o)

    Kisses a buonissssssssssssssima domenica!NI

    RispondiElimina
  3. E' una bella ricorrenza.
    Ciao Stella
    Nou

    RispondiElimina
  4. Ciao Stellina, presentata da te la festa di san Valentino ha tutt'altro valore che non le varie pubblicità che la declassano ad un mero affare commerciale.
    Viva gli innamorati, ma soprattutto viva l'Amore, quello con la "A" maiuscola...
    Buona serata, con un bacione.

    RispondiElimina
  5. Che bella non conoscevo la storia di S. Valentino, sapevo di molti giovani che si giurano amore eterno a Terni,ma non conoscevo tutti i retroscena del caso. Felice serata e buon w.e. carissima Gianna.
    Un bacione Gilda

    RispondiElimina
  6. P.S. Complimenti per il nuovo award che ti è stato assegnato da Net-Parade, è il riconoscimento per come conduci e cosa proponi tramite il tuo blog!!

    RispondiElimina
  7. concordo con Sirio,è diventata soprattutto una festa consumistica,hai fatto bene a ricordare la leggenda,la simpatica poesia di Pascoli l'avevo dimenticata.Buon fine settimana

    RispondiElimina
  8. Oh Valentino, vestito di nuovo... Oddio, che bel ricordo! ero alle elementari quando la recitai e ricordo, con gioia, che la mia cara maestra fu contenta di come l'avevo esposta. Belle le leggende su San Valentino: anche se note, sono piacevoli da rileggere. Grazie per questo post.. ti abbraccio e, sono curiosa di vedere le scarpette rosse!!! :X

    RispondiElimina
  9. Brava Stella sei sempre in prima linea in ogni manifestazioni, San Valentino la festa degli innamorati, tutto questo è una bella cosa...
    Io propongo però che per dimostrare alla propria, o il proprio, innamorato di non aspettare San Valentino! San Valentino viene solo una volta all'anno, perché non fare che ogni giorno può essere San Valentino...
    Buona serata carissima amica.
    Tomaso

    RispondiElimina
  10. Una storia delicata, una poesia che é nel cuore di tanti italiani. Ci sarebbe molto da meditare.

    RispondiElimina
  11. Questa storia non la conoscevo, la poesia sì.
    Grazie Stella
    Buon fine settimana
    Erika

    RispondiElimina
  12. Una poesia indimenticabile!

    Bello tutto il post, su S. Valentino, carissima Gianna :)


    Un abbraccio

    RispondiElimina
  13. Mi hai fatto ricordare che quella poesia la conoscevo tutta a memoria, è stata una bella emozione rileggerla! Buon San Valentino a tutti!
    Un abbraccio
    Sabrina&Luca

    RispondiElimina
  14. belle leggende e tenere immagini per ricordare una festa che ormai di tenero ha poco, se non l'amore vero che non è di un solo giorno.
    leggendo la poesia di Pascoli, non ho potuto non pensare a quanto la vita sia cambiata...
    buon w.e. e buona festa! :-

    RispondiElimina
  15. Oh Valentino vestino di nuovo..........
    che bei ricordi della mia lontana fanciullezza....
    Buon proseguimento di giornata Stella

    RispondiElimina
  16. Ivo, si ama o non si ama, e se si ama : sempre!

    Candiolo è un centro d'eccellenza, unico, di cui essere orgogliosi.

    Buon w.e.

    RispondiElimina
  17. Ah, le "brocche del biancospino"...mi ha sempre fatto ridere questo verso da piccola!
    Paccato che sia soprattutto una festa per venditori di fiori e di cioccolatini...ma questo non toglie nulla all'alone di dolcezza e poesia che comunque aleggia intorno agli innamorati di ogni età. Innamorati del compagno/a , dei figli, della vita...
    Buon Valentino, cara Stella.E anche un po' di sè.

    RispondiElimina
  18. Nou, l'amore e l'amicizia sono due dei sentimenti più belli.

    RispondiElimina
  19. Sirio, il riconoscimento E mi ha fatto davvero piacere.

    RispondiElimina
  20. Cara Graziella, anch'io vedo questa festa come quella dell'Amore.
    E' stata purtroppo anche questa "dirottata"...
    Buona fine settimana.

    RispondiElimina
  21. Cara Paola, immagino che mentre recitavi ti sarai immedesimata, perciò la tua maestra fu così contenta!
    Per le scarpette rosse, porta solo ancora un po' di pazienza...

    RispondiElimina
  22. Tomaso e chi può darti torto...sei più che nel giusto.
    Un abbraccio enorme.

    RispondiElimina
  23. Tante cose sono cambiate, Raggio.
    Lieta domenica.

    RispondiElimina
  24. Sandra, è il mio stesso messaggio!

    RispondiElimina
  25. Come sei cara dolce Stella, questa poesia l'ho imparata da ragazzo ed ora l'ho ripassata, mi ricorda sempre la fanciullezza.
    Ti auguro un buon San Valentino.
    gaetano

    RispondiElimina
  26. Gaetano, continua ad amare...

    RispondiElimina



Grazie del tuo gradito commento.


Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...