13/02/11

36

IL SEGNO


Un eremita vide una volta, in un bosco, uno sparviero. Lo sparviero portava al suo nido un pezzo di carne: lacerò quella carne in tanti piccoli pezzi, e si mise a imbeccare anche una piccola cornacchia ferita.
L'eremita si meravigliò che uno sparviero imbeccasse così una piccola cornacchia, e penso:

"Dio mi ha mandato un segno. Neppure una piccola cornacchia ferita viene abbandonata da Lui. Dio ha insegnato addirittura ad un feroce sparviero a nutrire una creaturina d'altra razza, rimasta orfana al mondo. Si vede proprio che Dio dà il necessario a tutte le creature: e noi, invece, stiamo sempre in pensiero per noi stessi.
Voglio smetterla di preoccuparmi di me stesso! Dio mi ha fatto vedere che cosa devo fare. Non mi procurerà più da mangiare! Dio non abbandona nessuna delle sue creature: non abbandonerà neanche me".

E così fece: si mise a sedere in quel bosco e non si mosse più di là: pregava, pregava, e nient'altro.

Per tre giorni e per tre notti rimase così, senza bere un sorso d'acqua e senza mangiare un boccone. Dopo tre giorni, l'eremita s'era tanto indebolito, che non era più capace d'alzare la mano.
Dalla gran debolezza, s'addormentò.

Ed ecco apparirgli in sogno un angelo. L'angelo lo guardò accigliato e gli disse:

"Il segno era per te, certo. Ma perché tu imparassi ad imitare lo sparviero!"

Spesso e facilmente ci mettiamo dalla parte di chi deve ricevere.

Per Gesù, invece, noi siamo tra quelli chiamati a dare!

36 commenti:

  1. bellissimo il fiore
    foto superba
    fa sembrar primavera
    peccato che qui piove
    ma finira'
    ciao Michele pianetatempolibero

    RispondiElimina
  2. Bella questa orchidea, sai cara Stella che ne curiamo una uguale qui nella finestra dei fiore.
    Se non sbaglio ne avevo offerta come premio a tutti nel passato.
    Buona domenica cara amica.
    Tomaso

    RispondiElimina
  3. Anche qui è grigio! Buona domenica comunque!

    RispondiElimina
  4. Stella un bellissimo racconto, e poi se possibile hai fatto il tuo blog ancora più bello, l' orchidea è meravigliosa e si intona ai colori del tuo sito.
    Buona domenica e buon Valentino.

    RispondiElimina
  5. Bello il post Stellina, mi ricorda una barzelletta...un uomo con una fede icrollabile, caduto in mare pregava per la salvezza. Passò di lì una barca di pescatori, ma lui non chiamò aiuto aspettandolo dal cielo...morì annegato e arrivò sconsolato davanti al Padre:" perchè non mi hai salvato?" "Figlio mio, ti ho mandato una barca!" Buona giornata Stellina :|

    RispondiElimina
  6. Stella, quanto è vera questa morale, ci aspettiamo sempre qualcosa, ma quanto siamo in grado di dare e di mettere da parte il nostro egoismo? C'è da riflettere.
    Baciotti
    Sabrina&Luca

    RispondiElimina
  7. buona domenica,Gianna :-*
    bellissima la nuova intestazione del blog,cara!!
    sembra gia' primavera :))qui è stata una bella giornata di sole,cominciata con un po' di nevischio e umidita'...speriamo che il meteo si sia sbagliato..da domani,ci dovrebbe essere di nuovo il tempo tipico di questo mese....bacioni,carissima!!:-* :-*

    RispondiElimina
  8. opss....dimenticavo di dirti che la storia dello sparviero,mi è piaciuta tanto ;)come al solito,ogni giorno ci regali perle di saggezza!!!:-*

    RispondiElimina
  9. Tomaso che bello essere circondati da fiori...

    RispondiElimina
  10. Ciao Stella. Il tuo racconto rispecchia una realtà frequente. Il problema è sempre l'egoismo.

    RispondiElimina
  11. Aspettare di ricevere ( la così detta "manna dal cielo" ) e non dare mai, non è certo la forma migliore di vivere.. Uno può pregare quanto vuole anche stando fra gli altri e dando loro, amore, conforto e sostenendoli nel bisogno. Bel post, e così pieno di significati.
    Un bacio

    RispondiElimina
  12. è più facile criticare che fare. certo, se metessimo in pratica gli insegnamenti del Vangelo, tutto andrebbe meglio! buona serata ;;)

    RispondiElimina
  13. stella, rileggendo il post mi è venuta in mente la massima: "Aiutati che il ciel ti aiuta!" notte!!! :)

    RispondiElimina
  14. Teo più vado avanti e più miglioro...

    RispondiElimina
  15. Sì Sabri, tutti dovremmo riflettere...

    RispondiElimina
  16. Ciao Eli, i fiori ci deliziano sempre...

    RispondiElimina
  17. Ambra e anche debolezza e il dolce far niente...

    RispondiElimina
  18. Raggio, l'avrei scritto io, se non l'avessi scritto tu...

    RispondiElimina
  19. L'orchidea e' bella quasi quanto te, vedi che la bellezza interiore e' maggiore di quella esteriore
    e sicuramente la tua anima brilla di piu' Cara Stella, vedi che c'e' piu' gioia nel donare che nel ricevere e' questa per me la morale del tuo racconto.
    Stella cara, cio' che affermo l'ho sperimentato, quando doni e vedi la gioia di chi riceve, ti senti appagato di cio' che hai fatto anche se non ricevi ringraziamenti.
    Ti auguro una serena settimana ed un buon San Valentino con tanti amici che ti danno gioia per cio' che doni a noi.
    gaetano

    RispondiElimina
  20. Cara Gianna,
    devo farti i complimenti per le bellissime orchidee che hai inserito, per l'album di foto che sfogli e non ultimo il tuo bellissimo e significativo racconto.
    Parole sagge da non dimenticare mai
    Grazie
    Ti auguro una felice settimana

    RispondiElimina
  21. ciao..quanto è bello e veritiero questo racconto... davvero a volte aspettiamo che le cose ci giungano da sole... fa riflettere..ciao..un abbraccio..luigina

    RispondiElimina
  22. Mia splendida mamma,il racconto è bellissimo e ci porta a riflettere su quanto sia vero.
    Mi sono permessa di dare una sistematina alle orchidee..ora si vedono benissimo,come il tuo meraviglioso cuore.Ti stringo forte,ti voglio bene. :X :-*

    RispondiElimina
  23. zicin sei carinissima, grazie!

    RispondiElimina
  24. Lui tutto bene?
    E' da un po' che non ci si sente...

    RispondiElimina
  25. Shiri ti ringrazio molto.
    Che figlia adorabile sei...

    RispondiElimina
  26. Qui, foschia, per via di un certo rialzo della temperatura.

    RispondiElimina
  27. Al mare la foschia è ancora più brutta.

    RispondiElimina
  28. Saggia e Cortese Stella

    Cio' che doni e' tuo per sempre, cio' che tieni e' perduto per sempre

    che sia un sorriso, una frase, una mano concreta
    solo questo resta di noi e si perpetua nel ricordo degli altri.

    RispondiElimina
  29. Carissimo Paolo, le tue parole mi fanno star bene, grazie!

    RispondiElimina
  30. Fare del bene agli altri aiuta anche sé stessi :-)

    Complimenti per le bellissime immagini :-)

    Un post davvero luminoso :-))

    RispondiElimina
  31. Antonio grazie!
    I tuoi commenti mi sono particolarmente graditi e lo sai.

    RispondiElimina



Grazie del tuo gradito commento.


Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...