26/05/09

19

TRILUSSA : La solidarietà der gatto



La solidarietà der Gatto
Er Cane disse ar Gatto:
Se famo er patto d'esse solidali
potremo tené testa a li padroni
e a tutte l'antre specie d'animali.
Dice - Ce stai? - Ce sto. -
Ecco che 'na matina
er Cane annò in cucina
e ritornò con un piccione in bocca.
Me devi da' la parte che me tocca:
je disse er Gatto - armeno la metà:
se no, compagno, in che consisterebbe
la solidarietà?
È giusto! - fece quello,
e je spartì l'ucello.
Ma in quer momento er coco,
che s'incajò der gioco,
acchiappò er Cane e lo coprì de bòtte
finché nu' lo lasciò coll'ossa rotte.
Appena vidde quel'acciaccapisto
er Gatto trovò subbito la porta,
scappò in soffitta e disse: - Pe' 'sta vorta
so' solidale, sì, ma nun insisto!

Trilussa,attraverso le sue bestie mette in ridicolo le
vanità,la cattiveria e l'infinita presunzione degli uomini.

19 commenti:

  1. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  2. C'era un signore, che aveva un gatto e un cane.
    Ogni giorno a pranzo, metteva accanto a se tutti e due animali,
    dando a tutte e due gli stessi bocconi, avendo cura che fossero
    uguali.
    Come finiva il pranzo, il gatto scappava via e
    il cane si accucciava ai piedi del padrone.
    Un giorno, l'uomo ad alta voce fece una sua considerazione.

    "do a tutti e due gli stessi bocconi,
    perchè non vorrei che si offendessero,
    il gatto come finisce di mangiare scappa via, il cane riconoscente si accuccia ai miei piedi".
    Il cane che aveva sentito la riflessione del suo padrone.
    lo guardò e pensò
    "mica so fesso io, domani chi mi da da mangiare?
    negli animali, molto spesso riscontriamo vizi e virtù degli uomini.Ha ragione Trilussa

    Storiella che lessi tanto tempo fa, non mi ricordo dove.
    Ciao stella. bonjour!

    RispondiElimina
  3. Madame Rosy, merci!
    Dal francese al napoletano : O guaglione e Lazzarella che fine hanno fatto?
    A buon intenditore, poche parole...

    RispondiElimina
  4. cara Stella...Trilussa docet!!!!!!!

    RispondiElimina
  5. Trilussa docet, carissima upupa.

    RispondiElimina
  6. i gatti son troppo furbi :-)

    RispondiElimina
  7. Di Trilussa se ne parla sempre troppo poco.

    RispondiElimina
  8. Stupenda!!!
    Si vero Trilussa con un modo semplice ridicolizza essere vivente... peccato che molti non lo recepiscono!!!
    Ciao Stella buona giornata un abbraccio e bacione

    RispondiElimina
  9. devo correre ad una riunione ma ho voluto leggerti!!!
    bello Trilussa, sempre ironico e veritiero... ciao

    RispondiElimina
  10. Molto dissacrante il mio concittadino.

    RispondiElimina
  11. Bruno, mi sa che sono i cani ad essere più ingenui, e i gatti ne approfittano.

    RispondiElimina
  12. Veneris, forse perchè non tutti sanno apprezzare il dialetto romanesco?
    A me piace tanto perchè il suo scritto è molto efficace.

    RispondiElimina
  13. Raggio, mi fai sempre molto piacere.
    Vieni sempre!

    Buona riunione.

    RispondiElimina
  14. Paola, non lo vogliono recepire...

    Il tuo viaggio mi è rimasto impresso.

    Bacioni-oni.

    RispondiElimina
  15. ...Che il tuo concittadino abbia preso da te ?

    Marina un abbraccio.

    RispondiElimina
  16. Stella,
    Trilussa è un grande!
    Ti abbraccio
    Ornella

    RispondiElimina
  17. Ornella ricambio con un abbraccio fortissimo.

    RispondiElimina



Grazie del tuo gradito commento.


Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...