30/08/08

56

SEI UNA TESTA DI Cxxxx!


PERCHE' DICIAMO LE PAROLACCE ?
Sono 5 i motivi principali :
1.
Sfogarsi
Secondo lo psicologo americano Timothy Jay, il turpiloquio da intensita' alle espressioni emotive in un modo che le parole inoffensive non riescono a eguagliare.
"Comunica i sentimenti di chi lo esprime e rappresenta il piu' forte canale di trasmissione di emozioni intense come rabbia,frustrazione,sorpresa,gioia",spiega Romolo Giovanni Capuano,sociologo e criminologo. "Alcuni psicoterapeuti arrivano a sostenere che il turpiloquio possa guarire da nevrosi e altri disturbi psichici facendo leva proprio sulle forze piu' interne dell'uomo".
2.
Offendere,umiliare,ferire
"Il turpiloquio permette di centrare questi tre obiettivi",precisa Capuano.
L'insulto puo' essere rivolto anche contro noi stessi. Se sbagliamo strada,e normale che ci scappi - Che cretino che sono ! -
3.
Segnare l'appartenenza a un gruppo
Non è difficile assistere a situazioni in cui due adolescenti (e non) si rivolgono nomignoli infamanti come riconoscimento reciproco di amicizia. "Usare le stesse parolacce,come il medesimo gergo,aumenta la coesione all'interno del gruppo e la distanza rispetto ad altri gruppi",dice l'esperto.
4.
Attirare l'attenzione
Spesso capita di leggere per strada avvisi che iniziano "Stronzo chi legge" e seguono le scuse in cui si giustifica che il turpiloquio aiuta a fissare l'attenzione di chi legge.
5.
Cacciare il male
"E' il cosiddetto turpiloquio apotropaico,letteralmente che allontana dal male. Ne sono un esempio le locuzioni scurrili come - in culo alla balena -",dice Capuano.
Gli esempi piu' singolari arrivano da personaggi insospettabili,come San Francesco d'Assisi.
Nel capitolo 29 de i
Fioretti (scritti da un anonimo frate francescano) San Francesco racconta le apparizioni del demonio a frate Ruffino di cacciarlo con la formula oscena "Apri la bocca;mo' vi ti caco".Per quanto ci sorprenda il fatto che un Santo possa essere cosi' volgare,la tradizione popolare riconosce un indubbio valore a queste locuzioni scatologiche.
Ma il turpiloquio esercita una funzione apotropaica anche in un altro senso.
quando definiamo un altro "storpio" o "frocio", affermiamo indirettamente la nostra normalita' indirizzando verso l'altro tutta la negativita' della parola usata,allontanandola da noi stessi.

Anna Fregonara

56 commenti:

  1. Pero'! Ste' riservi sempre sorprese.
    Vale

    RispondiElimina
  2. Pierluì, mai essere monotoni !A te mai scappato parolacce ?

    RispondiElimina
  3. credo faccia parte dell'linguaggio comune che oramai ognuno di noi ha fatto proprio... personalmente cerco di non dire parolacce... ma mi rendo conto che quando sono incazzata.. diventa un modo per scaricare il nervoso che altrimenti resterebbe represso.


    ciao Pier

    RispondiElimina
  4. Ma che cxxx di post !
    Quindi se scrivo qui sotto, sarò sotto la lista di "sei una testa di cxxx".
    Ma certo che ci scrivo qui sotto, in fondo così facciamo un bel gruppo, poi possiamo sempre rafforzarlo insultandoci...

    Mitico ! Sento già la mia autostima aumentare a dismisura.

    Scherzi a parte, propongo una lettura volta all'interpretazione, non tanto dalla parte di chi le pronuncia, quanto dalla parte di chi le ascolta, in quanto a parer mio la differenza "emotivamente significativa" è nella parte udente, che non necessariamente è quella a cui è diretto il turpilocquio.

    ByBy

    RispondiElimina
  5. ahhaha! bellissimo questo post...mi salva dal fatto che per quanto mi metta d'impegno...io non riesco proprio a evitare di dirle ogni tanto..così il mio modello educativo nei confronti dei miei figli va a farsi friggere...solo che loro le usano in modo che a me sembra troppo gratuito...(per fortuna si autoregolano e le usano solo a casa)
    Bene bene...visto l'effetto terapeutico, mi sento meno in colpa riguarda il mio sistema educativo che nel campo delle parolacce lascia molto a desiderare...

    pero pure io penso...che uno str..zo ha una sua particolare forza che non può essere sostituita con un cagata di mucca!

    RispondiElimina
  6. az..neanche a farlo a posta ...lucignolo!..stavamo postando insieme..!!

    RispondiElimina
  7. Jasna è così,capita anche a me purtroppo dire che cxxxx dici,quando mi esasperano ...

    RispondiElimina
  8. Mbè, la parola che citi con crocette la dico spesso, ed anche altre. Tutto sta a saperle dire :-)

    RispondiElimina
  9. Lucignolo abbiamo fatto in verità un bel gruppo di teste di capra,come diceva qualcuno... Che memoria eh!
    Per quanto riguarda l'udente,dipende,tutto dipende...dice qualcun altro !
    Stella trasformata? No,stella disinibita finalmente.grazie !

    RispondiElimina
  10. Janas sfido chiunque a dire che non gli sia mai scappato una parolaccia per un motivo o per un altro. E'bene che i figli si scarichino in casa come faceva il mio,piuttosto che imitare il gruppo a cui appartiene,fuori.Questo post è da un po' che volevo pubblicarlo,ma avevo delle remore che ora fortunatamente sono sparite.

    RispondiElimina
  11. ciao stella ,scusa ma esistono ancora le parolaccie?oramai sono parte integrante del nostro linguaggio

    RispondiElimina
  12. Ebbene sì, le parolacce io le dico eccome!
    Contro l'ottusità mentale, contro la stupidità, contro le cose troppo ingiuste. E anche contro la presunzione, la supponenza, la superbia!
    quando queste mi fanno inca...are! :-) :-)
    cioa Stelli'!

    RispondiElimina
  13. Asterix ogni tanto ok,quando ce le strappono dalla bocca,ma usualmente non le condivido...
    Abbraccione caro amico !

    RispondiElimina
  14. Come le dici anna? Non è uno sfottò. Mi piacerebbe per intero il tuo pensiero o forse l'ho capito,ma vorrei ti esprimessi di più. Fa' conto che io non sia stella ,ma silvano,cesco,daniele o chi vuoi tu. In questo post non sono un'educatrice.

    RispondiElimina
  15. Brava giovà,così si fa,quando troppo è troppo...

    RispondiElimina
  16. Penso che il testo sia abbastanza esplicativo, anche io non sono esente da questi aspetti e ancora oggi uso una sequela di parolacce ad alta voce per sfogarmi (quando son solo) altre poi come qualcuno ha detto sono entrate nell'uso comune, per gli adolescenti poi c'è la sensazione di sentirsi già grandi proprio in funzione di questo linguaggio, io sono nato nella periferia di Torino e in un tempo in cui si bestemmiava parecchio, ci son voluti molti anni di attenzione per togliermi l'automatizzazione dell'uso di certi epiteti che erano più un intercalare che un vero e proprio intento.
    Certo che come è stato detto molto del problema è in chi ascolta e dell'ambiente in cui viene usato un certo tipo di linguaggio, etica e morale sono figlie dell'ambiente che le ha generate e se esser nudi in campo nudista nessuno si scandalizza, andare nudi a fare la spesa potrebbe provocare tutt'altre reazioni :-)))

    RispondiElimina
  17. Caro acquachiara dire una parolaccia ogi tanto ok,però non bisogna essere scurrili.Come reagisce l'insultato? e rispondo pure a lucignolo .Il turpiloquio produce,in chi ascolta o legge,un elevato battito cardiaco, un maggior livello di eccitabilità e ansia, sudorazione e irrequietezza.
    Se con il martello ti schiacci un dito e urli " Cxxxx ",chi sente si rende subito conto della sofferenza del parlante e può venire in soccorso (comportamento positivo). Se invece, urli " Sei uno stronzo " come reazione verbale a una situazione di frustrazione, il frustrante può percepire di essere la causa e reagire con altrettanta violenza (comportamento negativo).

    RispondiElimina
  18. Al di là dei casi patologici, e della frenesia tipica dei bambini che ne dicono tante (ma ci sono le spiegazioni) senza conoscerne nemmeno il significato, a mio avviso il turpiloquio è l'ultimo rifugio di chi si rende conto di aver perduto lo scontro verbale, di essere stato messo alle corde e non aver più nulla di ragionevole (o comunque vincente) da ribattere

    Lucio Musto

    RispondiElimina
  19. Per onestà intellettuale devo aggiungere che la/le parolaccia possono avere anche una funzione catartica di sfogo, di liberazione, di scarico di tensione nervosa.

    Dico questo perché m'è tornata in mente un'invettiva ch'io stesso scrissi contro un bestemmiatore, un Troll incallito che lordava il forum cui stavo partecipando e contro cui ogni ragionamento era ovviamente inutile.

    Ne ricordo lo stato d'animo che mi spinse e la voglia rabbiosa che fosse una risposta più greve delle sue parolacce pur senza contenerne alcuna.

    Potrei anche trascriverla qui, ma non so se sia il caso.
    Crocette non ce ne sono, ma non sono quelle che fanno la differenza, ed un c***o o un "diamine!" si somigliano abbastanza!

    Lucio Musto

    RispondiElimina
  20. Caro lucio,grazie per la tua sincerità,d'altronde lo dice il post stesso.
    Fantastica domenica !

    RispondiElimina
  21. Quando mi sfogo mi scappano spesso..

    RispondiElimina
  22. Cara apotropaica, sarà vero, sarà falso, Sarah Fergusson diceva L'Ezio Greggio (che non è petrolio) ?. Ed infatti le prime parole che si imparano da una lingua straniera sono head of c..., fu.. you, malpari.. e maric.., baren..., tete de ..., mer.. ecc. ecc.
    A me danno fastidio solo le bestemmie, tutto il resto lo tollero. Tollerare però non significa approvare.
    Quindi appena arriva mia moglie che fa i turni anche la domenica, la deve riempire di improperi così garantiamo la coesione della famiglia?
    Tutto può essere, let it be, let it be.
    Viva i cucù abbasso gli altri!

    RispondiElimina
  23. Du conferma ,non frequentemente,mi raccomando...

    RispondiElimina
  24. Max anche tu ti stai svelando poco per volta,proprio come ho fatto io.
    Condanno le bestemmie e il turpiloquio fine a se stesso o come intercalare.Felice domenica e tanti cucù

    RispondiElimina
  25. Esempio

    - In questa notte d’agosto,
    senza te,
    cercavo a caso, ed ho trovato
    Bing Crosby e il suo canto.
    “Silent night” su YouTube, fra
    palle di vetro ed alberi lucenti.
    M’è venuto da piangere,
    ed ubriacarmi.

    - Se è per questo, d’ubriacarti,
    ti viene anche senza Crosby
    ed il piccolo Gesù nella sua culla!

    - Sei molto cara, amore.
    Grazie e vaffanculo!.


    Lucio Musto 31 agosto 2008
    ________________________________________


    Senz’alcun riferimento o allusione, se non il fatto che davvero ero in cerca di un brano di Crosby, m’è venuta questa ispirazione per questa stupenda lirica che vi sottopongo con la domanda:
    «Ma l’esclamazione finale, è davvero da considerarsi una parolaccia?... o magari solo un’altra amara lacrima?»


    Buona domenica!...
    Lucio Musto

    RispondiElimina
  26. Senz'altro un'altra amara lacrima,forse ancora più amara...

    RispondiElimina
  27. can che abbaia, non morde!
    io diffido di chi non dice mai parolacce...troppo autocontrollo...poca spontaneità!
    di solito non è la parolacce e più la violenza che ci si mette nell'esprimerla!
    ...poi non ci sono parole e parolacce... ci sono significati più o meno maliziosi:
    così i miei figli hanno cambiato parole alle parolocce:
    che palle diventa che pillole!
    stronz...diventa strombolo!
    porco Zio! vafancubo (che tutto sommato è elevato alla potenza!!) e vafancucchio...ma il messaggio arriva comunque!

    RispondiElimina
  28. il punto è che il "concetto" con cui esprimiamo la parolaccia l'abbiamo in testa...la parolaccia è solo la traduzione del concetto...trattasi di "pensiero parolaccioso" che sebbene non espresso resta latente...nelle nostre idee innate!

    RispondiElimina
  29. Grazie janas, esaustiva e brava genetrice !

    RispondiElimina
  30. Si a tutti sono scappate, anche se forse sarebbe meglio contenersi. A volte sfogarsi va bene.
    Un caro aluto.

    RispondiElimina
  31. Ogni tanto...sfogarsi va bene... e contenersi altrettanto bene !! Saluti carissimi marco !

    RispondiElimina
  32. Sinceramente le parolacce sono tra le mie esternazioni inusitate.
    Le dico, non mi vergogno, critico quelli che dicono di non dirle e poi sono i primi a spararle appena aprono bocca.
    Io le uso in situazioni di rabbia o quando ci vuole.
    Non sarà una parolaccia a turbarmi la vita nè sentita nè detta.
    Mi fa più schifo l'ipocrisia e il finto perbenismo che ritrovo in molti commenti.
    E vaff....ogni tanto ditele ste c...o di parolacce di m...a!!!!

    RispondiElimina
  33. Michele d'accordissimo!!! L'ipocrisia è la mia peggior nemica,è pù forte di me... Non capisco perchè camuffarsi,sparlare di una persona e poco dopo magari sorridere alla stessa...
    Un abbraccio

    RispondiElimina
  34. Uhmm,stella ;-)alle volte sfogo,ma alle volte puo' servire da...catarsi,puo' sembrare esagerato ma serve...come catarsi,eh,eh,eh,
    gabrybabelle

    p.s. io ricordo perfettamente la prima parolaccia(10 anni) che ho detto,fu scioccante anche per me e fui messa"in castigo"per un mese,passarono anni e anni prima che mi riazzardarsi a sfogarmi in quel modo!indovina il chi e il cosa detto ??

    RispondiElimina
  35. Gabry se per te è così,ok ! Gli indovinelli mi piacciono,vediamo, alla mamma vaff...?

    RispondiElimina
  36. Posterò qualcosa sul tema perchè mi ero ripromessa di non commentare blog che contenessero parolacce. invece, mi sono accorta che le dicono e (molto peggio) le scrivono, anche persone che stimo. Secondo me certe parole - scritte -perdono efficacia e diventano patetiche. A presto.

    RispondiElimina
  37. Cara renata hai letto attentamente il perchè si dicono parolacce ? A volte te le tirano proprio fuori...
    Continua a stimare chi ti sta a cuore...

    RispondiElimina
  38. E non solo parolacce...anche le bestemmie.

    RispondiElimina
  39. Marco le bestemmie no,non le tollero.

    RispondiElimina
  40. Neanche io le tollero, ma era solo per fare un esempio.


    Risposta al commento: "Pazzesco,letteralmente pazzesco... E questi sono i nostri governanti ??"

    Sì, questi ignorantoni ci governano.

    RispondiElimina
  41. Continuo a dire pazzesco!!! Correte da marco,merita...

    RispondiElimina
  42. Resto alla versione verdoniana: danno forza al discorso! Ah, ah, ah!

    RispondiElimina
  43. Scherzando ok russo,ma non più di tanto è lecito ,secondo me.

    RispondiElimina
  44. Da buon torinese,leggendo questo post mi ritorna in mente la famosa "predica" di Gipo Farassino,dove ad un certo punto "nu'Sgnur Idio" apostrofa Adamo dicendo:"Adam...adam,lazaron d'l boia,ven foeura!!" D'accordo,queste non sono parolacce ma hanno suscitato
    grande ilarità in chi ascoltava.Secondo me la parolaccia,mai la bestemmia,può essere un rafforzativo,mai un dispregiativo!
    Ciao stella,buona notte!

    RispondiElimina
  45. Ciao sirio,buona notte. Ieri era un altro giorno !

    RispondiElimina
  46. P.S. chiedo scusa ai non piemontesi,la frase che ho citato di gipo significa : Ad un certo punto il Signore Iddio chiama Adamo dicendo."Adamo,lazzarone che non sei altro,vieni fuori!"

    RispondiElimina
  47. Ciao stella,con le parole della Vanoni ti dico:domani è un altro giorno,e si vedrà!
    Ancora buona notte.

    RispondiElimina
  48. ...è che sò TANTO liberatorie!!!!

    Scherzo neh!

    Comprendo il significato che hai descritto nel post, io ne dico in quantità a volte forse esagerata, soprattutto quando sono particolarmente nervosa; ma il turpiloquio in gnerale mi infastidisce parecchio.

    A volte è vero, per rafforzare un concetto la parolaccia ci sta bene, basta non esagerare. Che poi, bisogna pur considerare in che contesto la si dice, insomma, con il capo il concetto è meglio rafforzarlo cercando dei SINONIMI... no?!?!??!!

    Non condivido invece l'uso della parolaccia per rafforzare il concetto della nostra "superiorità" nei confronti di chi è diverso da noi e/o diversamente abile... quello PROPRIO NO!

    RispondiElimina
  49. Cara annagi d'accordo,d'accordo,d'accordo!
    Bacione.

    RispondiElimina
  50. Io non condanno la 'parolaccia-sfogo', capita anche a me. Non mi piace chi le dice abitualmente.

    Faccio una considerazione però.

    Personalmente, non so se pure a te e agli altri amici blogger, mi è capito di conoscere (purtroppo) persone che offendono e feriscono l'altro senza dire parolaccie ma con altre parole peggiori, quelle più 'sottili', insinuanti.

    Sono i peggiori!

    p.s.: mi hai dato lo spunto per un prossimo post...vediamo...

    Ciao

    RispondiElimina
  51. Beh romano,quello è un altro discorso. Ci sono persone che feriscono più con la lingua che con la spada e per me sono persone malvagie...
    A presto.

    RispondiElimina
  52. A volte si dicono solo perchè ci girano le scatole tutto qui LOL!

    RispondiElimina
  53. Daniele evviva la sincerità !

    RispondiElimina



Grazie del tuo gradito commento.


Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...