11/09/13

63

Arrabbiarsi è inutile e nocivo

C'è modo e modo d'arrabbiarsi...



Voglio condividere con voi 
questo interessante articolo
 sulla rabbia:
Quando arrabbiarsi?

 Ci sono persone che si lasciano dominare dall’ira e si arrabbiano per un nonnulla.

 Altre all’opposto, che non si arrabbiano mai. 

Ci sono poi coloro che si adirano ma tengono tutto dentro.

 Qual è la strada giusta?

Arrabbiarsi sì o no?  

Lasciarsi trascinare dalla rabbia non solo è immorale ed indegno di un uomo, ma è inutile e, spesso, pericoloso.

È vero che, dopo la sfuriata, vi sentite “scarichi” e sfogati, ma il più delle volte il gioco non vale la candela. La collera, infatti, ti fa perdere il lume della ragione, ti fa uscire fuori di te e, di certo, non favorisce i buoni e sani rapporti interpersonali. È difficile andar d'accordo con una persona che “salta sempre sul cavallo grigio” per ogni minima sciocchezza.

Anche rodersi il fegato, senza manifestare nulla all'esterno, può essere pericoloso. Lasciarsi corrodere dentro dall'ira, bloccando ogni esteriorizzazione, non è la soluzione del problema, perché la rabbia repressa può portare a comportamenti aggressivi mascherati, come criticare gli altri alle spalle, senza aver mai il coraggio di affrontare direttamente la situazione: fa diventare meno produttivi e rende insofferenti ed irritabili. Oltre a predisporre a pesanti ripercussioni psicosomatiche come mal di testa, mal di schiena, ulcera e depressione. A furia di “mandare giù” e di accettare tutto, non è improbabile che si raggiunga un livello di saturazione tale per cui, quando finalmente ci si arrabbia, si perde completamente il controllo di se stessi, giungendo anche a fare o a dire cose di cui ci si dovrà pentire amaramente.

C’è una terza soluzione: manifestare chiaramente i propri sentimenti, ma in modo civile e sereno. Questa è la formula ideale, che implica un notevole tasso di autocontrollo e di lavoro su di sé.

Infine, consigliano gli esperti, se sei arrabbiato fa' un bel respiro profondo e domandati:

* È una cosa tanto seria da meritare che io sia così alterato?
* La mia rabbia è giustificata?
* Arrabbiarsi cambierà in qualche modo la situazione?

Se la risposta a una di queste tre domande è no, rilassati: fa' una bella passeggiata, ascolta un buon disco, oppure chiudi gli occhi e concentrati nella meditazione.

 (Tratto da G. Brondino, Uomini per gli uomini, n. 2, aprile 1999)

http://www.informacristo.org/print.php?sid=34

Io quando mi arrabbio e, raramente, sto per esplodere, penso agli affetti più cari e immancabilmente sorrido...


Sara è il mio toccasana!


E come le sta bene il cappello della nonna...


E voi come gestite la rabbia?

63 commenti:

  1. secondo me la rabbia è umana. è una delle emozioni fondamentali. arrabbiarsi può far cambiare le cose, le situazioni. La rabbia aperta e giustificata da un evento che può danneggiarci la vedo legittima. La collera è già qualcosa di diverso è una rabbia velenosa che può far male soprattutto a se stessi se non è aperta.
    Meglio arrabbiato che rabbuiato, secondo me :)
    Naturalmente, se si è sempre arrabbiati con tutto e con tutti, quello è patologico!
    Ciao!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Direi che hai fatto una bella analisi della rabbia.
      Grazie del tuo intervento.

      A presto.

      Elimina
  2. una volta mi arrabbiavo facilmente, ora meno (per fortuna). Il Dalai Lama la chiama emozione negativa! eh sii la è davvero!
    Un bacio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eh, ricordo, ricordo bene cara Anna....
      Ora, che non ti arrabbi più tanto sovente, non stai meglio?

      Ricambio il bacio.

      Elimina
  3. a volte come dicono a roma ...quando ce vo ce vo.....
    viaggiando di cuore penso che ogni situazione sia a se ....ma il più delle volte "scarico" o in mezzo ai miei prati ...o con qualche amico che so che ha le spalle grosse ....tipo moschettiere come lo chiamo io ....ma bene o male scarico cosi....a parte la musica che è sempre un toccasana.....sempre in ogni situazione....

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cara Barbarella, sei da imitare...

      Bacioni e buona serata.

      Elimina
  4. Nei vari corsi di psicologia che devo seguire per la mia professione , ci hanno insegnato che la rabbia repressa è nociva e per questo non dovrebbe mai essere messa da parte perchè andrebbe ad accumularsi per poi esplodere nel modo sbagliato , nel momento sbagliato e verso la persona sbagliata . E' importante imparare ad esprimerla in maniera costruttiva , senza archiviarla , esternando le proprie sensazioni parlandone , dicendo chiaramente che siamo molto arrabbiati e perchè lo siamo . Questo dovrebbe evitare di farci arrivare a quel punto in cui , in un attimo, si rischia di passare quasi inconsapevolmente dalla rabbia alla collera , emozione che spesso trascende in atteggiamenti incontrollabili .Certo è che metterlo in pratica non è sempre così facile , è necessario un forte autocontrollo e molto dipende anche dalla situazione che ha generato questa rabbia . Ci si prova , anche facendo come te , pensando alle persone più care . Ti abbraccio Gianna e ancora complimenti per la tua bellissima nipotina.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cara Mirtilla, grazie per la tua approfondita analisi del problema, da vera competente in materia.
      Il tuo commento impreziosisce questo post.

      So bene di una persona che a furia di reprimere le arrabbiature, poi esplode in modo oncontrollato e con la persona sbagliata.

      Un abbraccio grande e buona serata.

      Elimina
  5. e come si fa a non arrabbiarsi? penso che molte cose le possiamo evitare....
    ma quando e' troppo e' difficile non starsene calmi....

    baci cara sereno pomeriggio!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cara Nan, l'importante è non superare la misura.

      Bacio e buon pomeriggio a te.

      Elimina
  6. infatti, non serve arrabbiarsi. si sta solo più male.
    controllare la rabbia però è più facile a dirsi che a farsi...
    io cerco di controllarmi analizzando la situazione oppure allontanandomi per sbollire o entrambe le cose insieme.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cara Pupottina, hai trovato il tuo rimedio.

      Buona serata.

      Elimina
  7. Sono molto paziente e ce ne vuole per farmi perdere le staffe, di solito respiro profondamente e penso a ciò che di importante ho e che vale più di qualsiasi altra cosa al mondo. Tu hai Sara, io ho le due piccole e Luca. Bisogna cercare di guardare sempre le cose nella giusta prospettiva, spesso ci si arrabbia per cose stupide, quando me ne rendo conto mi passa all'istante.
    Bacioni anche alla tua Sara che è splendida!!!!
    Sabrina&Luca

    RispondiElimina
    Risposte
    1. I nostri tesori ci fanno superare di tutto e di più...

      Sara ti ricambia i bacioni.

      Elimina
  8. Essere arrabbiati nei confronti di ingiustizie o per qualcosa che può nuocerci è legittimo!
    Altra cosa è l'ira o la collera...due sentimenti solitamente senza "controllo" e quindi "pericolosi".
    Il problema è riuscire a "domare" la rabbia per non farla sconfinare nell'ira!

    ...il tuo toccasana è sicuramente molto tranquillizzante e rilassante!!! E' dolcissima Sara...Ciao Gianna...buona giornata!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Giusto Pino, l'importante è non trascendere.

      Buona serata.

      Elimina
  9. Cara Gianna, non è sempre facile e/o possibile starsene calmi e lasciar sbollire la rabbia. A volte è meglio sfogarla, magari piangendo o parlando con una persona amica, ma, talvolta, anche urlando un pò.....così esce fuori e ci si sente più leggeri.....ma solo un pò:-)
    Complimenti per quella meravigliosa bambola che ci mostri in queste foto:-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cara Cri, sfogarla è sempre meglio che reprimerla.
      I metodi sono individuali.
      Hai ragione, Sara è un amore!

      Elimina
  10. Arrabbiarsi per un'ingiustizia o per qualcosa che ci fa star male credo che si possa accettare ed è anzi legittimo!
    Altra cosa è l'ira o la collera due sentimenti solitamente senza "controllo" e quindi "pericolosi".
    Il difficile è appunto saper "contenere" la rabbia affinché non sconfini nell'ira!

    ...il tuo toccasana è sicuramente tranquillizzante e rilassante!...E' dolcissima Sara...Ciao Gianna e buona giornata.

    RispondiElimina
  11. Gianna...aiuto!...ho già inserito 2 commenti e non li vedo!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Quante volte è capitato anche a me di scrivere un commento e non vederlo pubblicato...
      Mi sfuggiva che ci fosse la moderazione attiva, perciò non ti preoccupare.

      Elimina
  12. ahhh...è vero!...adesso che ci penso hai inserito la moderazione! avevo seguito i tuoi post in proposito...anche se non ero riuscito a partecipare...
    visto così allora...ti chiederei di tenere conto del primo...era quello che mi era piaciuto di più...ciao e scusa.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. CAro Pino, è da poco che ho attivato la moderazione, e non ho ancora tanta esperienza, ho pubblicato tutti i commenti via via che arrivavano.

      Ancora buon pomeriggio.

      Elimina
  13. Cara Gianna, io personalmente riesco a gestirla abbastanza bene, ma devo sempre sfogarmi in qualche modo e lo faccio piangendo… piango per ore ed ore, e chi mi ferma più…. tanto che alla fine allago sempre la casa ahahaha!!
    Un bacione a te e alla piccola Sara, guardarvi è sempre una gioia per gli occhi e il cuore

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cara Betty, piangere è uno sfogo, ma tanto tanto...non va neanche bene,ti fai solo del male.

      Ti abbraccio forte forte.

      Elimina
  14. Me la tengo dentro e sto molto male..., poi scoppio a piangere e po' alla volta mi sento meglio (ma il magone resta dentro). Grazie Gianna, e buon pomeriggio.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cara Ale, ogni tanto potresti anche sfogarti, per stare meglio.

      Un bacione.

      Elimina
  15. Raramente mi arrabbio. Con l'età ho smussato anche questo aspetto del carattere. Non che mi arrabbiassi spesso manco da giovane, però mi rodevo di più tenendo spesso tutto dentro.
    Ora son più "filosofa" e cerco di dire , esprimere, chiarire...il più possibile. Si vive meglio.
    Amore della nonna, quella cucciola!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Quanta saggezza si possiede ad una certa età...

      Quella cucciola è irresistibile, come sarà certamente il tuo Filippo.

      Elimina
  16. Io mi arrabbio molto quando le persone scorrette cercano di darsi ragione ribaltando la situazione e cioè cercando di farmi passare per stupida: costoro devono guardarsi bene da me soprattutto se agiscono così quando ho una giornata storta. Di solito reagisco come un fulmine e loro se la mettono via. Sono dei vili ipocriti e non riescono a sostenere il confronto, ma quando incontro un protervo, allora sono guai e certamente io non mollo nel corpo a corpo :) Però lascio sempre perdere quando sono in auto.. non ne vale la pena perché ci sono troppe persone squilibrate che colpiscono e poi scappano. Dunque ci sono situazioni e situazioni. Però se vado in crisi ho il mio ricorrente pensiero che mi salva e cioè che stiamo girando e girando su questo pianeta che è assolutamente indifferente alle nostre emozioni e reazioni e che in confronto siamo un nulla, tutti, sospesi nel vuoto.

    Un abbraccio Gianna a te e alla piccola Sara che diventa sempre più bella:)

    Ciao Nou

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cara Nou, che commento vulcanico!
      Sì sì, in macchina le arrabbiature sono assolutamente da evitare, per il motivo che tu hai elencato.

      Mi è piaciuta molto la metafora del pianeta...

      Bacioni e buona serata.

      Elimina
  17. cerco sempre di non lasciarmi andare, ma qualche volta è capitato e dopo me ne sono pentita amaramente...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cara Ines, errare humanum est...

      Bacione.

      Elimina
  18. Da giovane la manifestavo molto, ora che son vecchia riesco a gestirla molto meglio!
    Ciao, cara Gianna, un abbraccio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vecchia? Noooooooooooo, Lella, non ancora.

      Abbraccio ricambiato.

      Elimina
  19. Buonasera Gianna,
    è proprio vero: arrabbiarsi fa male ed è rischioso per se e gli altri, ma a volte è proprio inevitabile ;-)
    Saluti cordialissimi.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Certamente, siamo comuni mortali.

      Abbraccio e a presto.

      Elimina
  20. ciao Gianna, bel post interessante, devo dire che non mi arrabbio quasi mai, ho una pazienza di Giobbe, ma se capitasse vuol dire che mi hanno portato all'esasperazione, riesco a dire le mie ragioni con calma spesso, ma alcune volte incasso, dipende dalle persone con cui hai a che fare, se non capiscono o non vogliono capire e' inutile arrabbiarsi, ci si arrabbia ancora di piu', ciao grazie baci rosa a presto.)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sei ammirevole, Rosa, anche perchè arrabbiarsi con certe persone significa dare loro importanza.

      Baci e a presto.

      Elimina
  21. Quando sono arrabbiata parlo parlo parlo.... e non concludo niente. Quando sono MOLTO ARRABBIATA, prima esplodo per qualche minuto, poi non dico una parola per ore, così mi calmo.

    RispondiElimina
  22. Scusa, ho dimenticato di dirti che il tuo toccasana è uno splendore!

    RispondiElimina
  23. Ciao Gianna,
    per me la rabbia è un sentimento difficile da gestire.
    Alcune volte riesco a trattenerla, altre volte esplodo un po' e qualche volta divento un vulcano in eruzione...
    buona giornata

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Da ragazza reagivo anch'io come te, poi ho imparato addirittura a fare silenzio di fronte a certe situazioni esagerate...

      Buona serata.

      Elimina
  24. Cerco di capire chi e perché mi ha fatto arrabbiare ed ho imparato a "giustificare"... per il mio stesso bene...
    Penso sia un pochino la saggezza dell'età e poi ho la fortuna, come te, di avere dei favolosi "toccasana"
    Baciotti alla tua bellissima principessa
    Tante serene e gioiose giornate a tutti
    nonnAnna

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eppure hai ragione, cara Anna.
      Con la saggezza si valutano le cose in modo diverso.

      Bacioni a te e ai tuoi tesori.

      Elimina
  25. cara Gianna,con l'eta',le stesse cose che in gioventu',mi facevano perdere le staffe,oggi,mi scivolano addosso...certo,sono implusiva di carattere,ma riesco a controllare le arrabbiature e come dici tu,penso a cose e persone importanti,come la mia famiglia!!certo che le sta bene il cappello della nonna,a Sara :) le starebbe bene qualsiasi cosa,tanto è bella e solare!!un caro abbraccio e buona serata,cara ;0))

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi riconosco in te, Eli.

      Abbraccio grande.

      Elimina
  26. Purtroppo la mia ira la esterno ben bene..ma per fortuna passa presto....Bacio Giannina mia!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ...ma poi stai meglio, Nella.

      Bacio-bacio.

      Elimina
  27. Cara Gianna, l'ira quando arriva, vorrei spaccare il mondo, poi vedo che ho da combattere contro chi non comprende ed allora è meglio lasciar perdere.
    Vedo che Sara è un buon rimedio contro le ire del mondo, è cresciuta e sa comprendere di più gli insegnamenti di nonna, quindi sicuramente preferisce stare con te, un grosso abbraccio ad entrambe e buona vita.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Quante volte ho lasciato perdere pure io...per evitare il peggio.

      Sara è il mio tesoro unico!

      Abbraccio ricambiato.

      Elimina
  28. L'ira è un vizio capitale, quindi un comportamento da evitare. Diverso è il caso di un legittimo sdegno, oppure di una giusta indignazione di fronte a gravi o comunque importanti situazioni e azioni.

    L'ira toglie il lume della ragione, e quindi accieca e fa uscire fuori il peggio di una persona.

    Lo sdegno mantiene lucidi nell'agire e nel parlare, e mira a correggere l'errore, non a ferire le persone.

    Detto questo, prima di arrivare ad alzare la voce, meglio cercare di argomentare con le ragioni che uno crede di avere e magari conquistare con un bel sorriso, come hai detto.

    Ma talvolta, l'indignazione è inevitabile, e direi doverosa.

    Un grande abbraccio, carissima e dolcissima Gianna :-) Tu hai un meraviglioso angelo della mitezza che ti aiuta... ;-))

    RispondiElimina
  29. Caro Antonio, grazie del tuo prezioso contributo!

    Hai chiarito efficacemente il significato di "ira" e "sdegno"

    Purtoppo il mio angelo non lo vedo spesso...ma lo posso solo pensare.

    Ti abbraccio affettuosamente.

    RispondiElimina
  30. Quando sono arrabbiato davvero molto vado in montagna, solo restando a contatto con la natura riesco a sbollire.
    un saluto :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ti capisco, caro Xavier.

      La montagna è un'amica rilassante.

      Elimina
  31. Ciao Gianna, avevo inserito già un commento,ma non lo vedo ,comunque avevo scritto che spesso la rabbia incontrollata fa agire in modo sbagliato e quindi occorre non farsi trascinare dalla situazione contingente ,sebbene a volte, è molto difficile resistere. Ti abbraccio ,a presto

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cara Cettina, ho ricevuto solo questo commento.

      Grazie del tuo punto di vista che condivido.

      Abbraccio.

      Elimina
  32. La calma è la virtù dei forti.
    Salutoni a presto.

    RispondiElimina
  33. Ciao Gianna, che amore Sara col cappello della nonna!!
    Io prima mi arrabbiavo difficilmente, sono stata educata al self-control...ho "dovuto" imparare ad esternare i miei sentimenti, anche la rabbia..non fa proprio bene tenersi tutto dentro!
    Però, in linea di massima, cerco di prenderla con filosofia...soprattutto per cose poco importanti!
    Un abbraccio e buon fine settimana!
    Carmen

    RispondiElimina



Grazie del tuo gradito commento.


Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...