13/12/11

20

GUIDO GOZZANO : la leggenda dell'abete



Viveva un tempo, nella Foresta Nera, un uomo di nome Andrea, che fabbricava oggetti di legno intagliato: cucchiai, forchette e bambole.
Lavorava molto, ma guadagnava poco per mantenere la moglie e i due figlioletti.
Un anno lavorò moltissimo per tutta l'estate e per tutto l'autunno, senza riposo, finché venne l'inverno. Voleva portare tanti soldi a casa e fare due bei regali ai suoi bambini, per il Natale.
Andrea partì dunque, due giorni prima di Natale, con la slitta stracarica di cucchiai, di forchette e di bambole e traversò la foresta coperta di neve.
Riuscì a vendere tutto ai signori della città ed era felice perché aveva incassato cento monete d'argento e cinque monete d'oro.
Comprò i regali per i suoi bimbi e riprese la via del ritorno, attraverso la Foresta Nera.
Ma venne una bufera di neve e Andrea si smarrì...

Tic tic tic!

Chi è? Chi mi cerca?

Sono io, signor scoiattolo!

Chi io?

Il picchio che picchia. Ho bisogno di un consiglio.

Poco lontano da qui, ho visto Andrea nella bufera. Ha perduto la strada di casa.
È disperato. Bisogna aiutarlo.

Come si fa?
disse lo scoiattolo.

Ci vorrebbe un lume. Aspetta! Ho una idea. Va' a chiamare tutti i tuoi fratelli, i picchi che picchiano, poi andrete insieme nella chiesa della città a prendere le candele accese.

Subito il picchiò andò a chiamare i picchi suoi fratelli e tutti insieme volarono fino alla chiesa della città dove la gente aspettava la mezzanotte di Natale.
Nessuno sa come la porta si aprì, i picchi raggiunsero l'altare, presero ciascuno una candela accesa e uscirono uno dopo l'altro.

Anche la gente, rimasta al buio, uscì dalla chiesa. Qualcuno gridò:

 " Guardate! I picchi con le candele accese si dirigono verso la Foresta Nera!"

E fu così che Andrea vide venire avanti tanti piccoli lumi.
I lumi si posero sulla punta dei rami dell'abete, sotto il quale Andrea, sfinito e quasi morto, si era rifugiato.
Tutta la foresta intorno si illuminò.
L'uomo si alzò, si guardò intorno meravigliato e gridò con gioia:
"Ecco la mia casa, laggiù, fra gli alberi!"

Da allora tutti vollero che l'albero di Natale fosse illuminato.

20 commenti:

  1. Ciao cara Gianna incomincio ora provare come va il mio piede.
    Grazie di questo sempre bello racconto alla vigilia di Natale.
    Un abbraccio forte.
    Tomaso

    RispondiElimina
  2. Tenera, delicata fatica letteraria di Gozzano! Racconto che invero non conoscevo.

    RispondiElimina
  3. Molto bella questa leggenda!Gozzano:reminiscenze di scuola.Buona serata Gianna!

    RispondiElimina
  4. Racconto che non conoscevo, fantastico e surreale, una favola,
    buona serata,
    Piero

    RispondiElimina
  5. è una bella leggenda, ce ne sono parecchie. anche questa la metterò nel mio archivio. grazie e buona serata!

    RispondiElimina
  6. Davvero bella questa leggenda e bellissima l'immagine che ci hai donato
    Un abbraccio
    Pinuccia

    RispondiElimina
  7. Molto piacevole,grazie Gianna per aver presentato il racconto.
    Buona serata,un bacino.

    RispondiElimina
  8. Cara Gianna, scegli per noi sempre belle storie emozionanti, ti diro' che all'inizio credevo che gli animali non lo avrebbero aiutato perche' magari tagliava gli alberi per fare gli oggetti,ma le persone di un tempo collaboravano con la natura nel togliere gli alberi meno buoni o quelli troppo vicini cosi' gli alberi crescessero in armonia,cosi' faceva il mio defunto papa' ora tagliano tutto.
    Ti auguro un bel periodo Natalizio ed un bacione a Sara.
    gaetano

    RispondiElimina
  9. Bella questa leggenda! Non la conoscevo, grazie. Buona serata

    RispondiElimina
  10. Che racconto tenero, ho sempre amato Gozzano. Grazie ancora per gli auguri di buononomastico.
    Un bacione fffffffffrrrrrrrrrrr

    RispondiElimina
  11. Leggenda molto dolce che non conoscevo.
    Buona serata e dolce notte carissima Gianna
    enrico

    RispondiElimina
  12. Bella leggenda Gianna!
    buonanotte e baci alla piccola Sara

    RispondiElimina
  13. che bella questa storiella!!!! è piaciuta molto anche alle mie bimbe!

    RispondiElimina
  14. Una storia molto significativa, grazie Gianna!

    RispondiElimina
  15. E' bella, non la conoscevo.
    Ciao, Gianna, un abbraccio

    RispondiElimina
  16. Gran bella leggenda di Gozzano... una favoletta indicata per grandi e piccini e ci indirizza anche a riflettere sull'altruismo...
    Ciao Gianna cara ottima scelta per dare inizio alle festività... ma nel frattempo lascio a te e Sara un abbraccio affettuoso con un bacino!!!

    RispondiElimina
  17. Molto bella questa leggenda!
    Grazie cara Gianna!
    Un abbraccio!

    RispondiElimina
  18. Sempre mi sorprende le cose belle che ci mostri. Un forte bacio

    RispondiElimina
  19. Eh...che bella che è, questa! Mi ricorda alcune recite scolastiche...

    RispondiElimina
  20. Anche questo è un racconto molto bello. Mi ha fatto piacere leggerlo. Bacioni

    RispondiElimina



Grazie del tuo gradito commento.


Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...