25/08/08

47

CHI SARA' QUELLA SIGNORA ?


Una donna incomincio' a camminare per le vie della Terra,finchè giunse in un paese che chiamavano Italia.
Era piccola,grassoccia,con la pelle ambrata,grandi occhi neri ed una treccia di capelli,pure neri,che le girava attorno al capo.
Indossava una specie di saio marrone,lungo fino a meta' polpaccio,di una stoffa che lei stessa aveva tessuto; in testa,uno scialle scuro.
Si guardo' attorno e vide una grande costruzione con tante finestre.
Ospedale lesse sulla facciata.Entro'.Tante camere,tanti letti,tante persone malate.
Nel corridoio vide una statua.Era di una donna molto bella,capelli lunghi chiari,occhi azzurri,un bell'abito,un grande manto azzurro,come i suoi occhi.
Davanti a lei erano posati grandi mazzi di fiori.
-Sara' una regina,forse era cosi' la regina di Saba-penso' la donna. Guardo' nelle stanze.In una,in un letto verso il muro,c'era una ragazza,sola,piangeva.
La donna si avvicino' :
-Cos'hai?
-Non viene nessuno a trovarmi,anche chi diceva di amarmi.
-Non piangere,ci sono io-disse la donna. La accarezzo' dolcemente,la bacio' sui capelli e la ragazza si addormento'.
La donna usci' in corridoio,ando' davanti alla statua e preso un fiore,uno piccolo,voleva metterlo vicino alla ragazza perchè,al risveglio,pensasse che qualcuno l'amava.
Passo' un'infermiera,la vide e grido':
-Cosa fai ? Rubi i fiori alla Madonna ? Poi corse via perchè era l'ora del caffè.
-Ne ha cosi' tanti ! Chissa' perchè...e poi,chi è ? Prese il fiore,disse "scusa" alla statua,anche se le sembrava assurdo e sciocco,e lo porto' sul comodino della ragazza che era ancora assopita,pero' con un sorriso sulle labbra.
Usci' dal quel grande palazzo e si incammino' per la citta'. Ogni tanto si imbatteva in grandi edifici,enormi veramente,in qualcuno entrava e trovava sempre le stesse cose: grandi navate,banchi,vetrate multicolori,e sempre,sempre la statua di quella misteriosa signora.
Candele grandi e piccole davanti, fiori in enormi mazzi,collane d'oro al collo,a volte,in testa,preziosi diademi.
La donna scuoteva il capo. Ma come,davanti a quei grandi edifici era accucciata un'umanita' affamata e sofferente che tendeva la mano a chi entrava e, dentro,c'erano tesori che sarebbero bastati a sfamare tutti!
Non capiva,non capiva...
Poi,uscendo da un ennesimo edificio,vide una donna emaciata. Teneva un bimbo in braccio,entrando non l'aveva notata.
Aveva gli occhi bassi e tendava la mano,in silenzio.
-Cosa ti è successo ?
-Mio marito non lavora piu', è caduto da una impalcatura,non era assicurato. Non abbiamo piu' casa,non sappiamo cosa mangiare. La donna penso' ai gioielli della statua e rientro' nell'edificio.
Avrebbe cercato il proprietario per chiedergli il permesso di dare alla poveretta una delle collane della statua.
Una persona tanto ricca non avrebbe detto di no.
Si guardo' attorno: non c'era nessuno. La statua la fissava con i suoi immobili occhi azzurri. Penso' :
Prendero' una collana e andro' a cercare il proprietario. Posso ? - disse la donna alla statua,mentre le sfilava la piu' grande delle collane d'oro.
Improvvisamente si senti' afferrare un polso :
-Brutta ladra,rubi alla Madonna. Vieni con me che ti faro' vedere - urlo' un uomo curioso. Fu portata davanti a un giudice.
Cosa volevi fare ?
-Volevo aiutare chi non ha nulla,le statue di quella signora sono coperte di monili d'oro...A cosa le servono ?
-Vedi - disse il giudice - sono per ringraziare di qualche favore che pensano la Madonna abbia fatto.
-Ma non sarebbe meglio aiutare gli altri ?
- Eh,si' - replico' il giudice che la pensava come lei.
- Ma sai, noi cattolici, con la Madonna...
- Ma io sono ebrea...- esclamo' la donna.
- Ah,capito,un'extra comunitaria. Ce l'hai il permesso di soggiorno ?
- Cos'è ? - chiese la donna.
Percio' fu espulsa. Ritorno' da dove era venuta : un luogo in cui si festeggia sempre,perchè,come disse quel suo strano Figlio : "Si fa più festa in Cielo per un peccatore che si pente che per 99 giusti ".
E di peccatori pentiti ne arrivavano tutti i momenti.
Pertanto quella Donna piccola,un po' grassoccia,vestita di marrone,con capelli e occhi neri, quella Donna che con la sua fede e la sua semplicita' aveva allevato un meraviglioso Figlio, è li' anche Lei che festeggia i peccatori pentiti e continua a chiedersi : "Chi sara' quella signora coperta di gioielli ?" Le favole di nonna Isa

47 commenti:

  1. un grandissimo saluto alla nostra stella da parte di asterix dj e the best.
    un salutone a sirio.

    RispondiElimina
  2. Asterix hai visto il post precedente e quello del salvagente?
    Best fatti vivo !
    Sirio ha sentito la vostra mancanza,più di me.Ve lo saluto

    RispondiElimina
  3. Davvero peccato che questo sia un blog, e non un forum di discussioni.

    Ci sarebbero molte, molte, molte cose da dire sulla storia della signora grassoccia e velata venuta da lontano!

    Lucio Musto

    RispondiElimina
  4. Ho cominciato a leggere attentamente seriosa e ho finito con un'espressione serena e un sorriso.

    Si può dare un bacino, lieve, a nonna Isa? Ci pensi tu ?

    E per te ? Un abbraccio.

    RispondiElimina
  5. Su un blog non si può discutere lucio? Perchè? Spiegamelo,per favore.

    RispondiElimina
  6. Cara renata bacio io nonna isa per te e a te un grosso abbraccio.
    Grazie!

    RispondiElimina
  7. L'errore è proprio questo coprire d'oro una statua e lasciare morire di fame migliaia di persone..... la chiesa dovrebbe costriure statue di carne e premiare chi lotta veramente contro la poverta'.... Stella ma è un po' un gioco di magia... la Madonna chiede sacrifici e molti portano l'oro ricavato dalle nefandezze e dal sangue e lei non puo far altro che lacrimare........ ciao Stella.

    RispondiElimina
  8. Tony sei fantastico,approvo in pieno !!!

    RispondiElimina
  9. Ciao Stella, una storia molto significativa, da dove l'hai presa? Purtroppo spesso si fa i conti anche con le grandi contraddizioni della nostra società. Io, da ateo, non capisco una cosa: che senso ha andare in chiesa, offrire gioielli alla madonna, ripetere infiniti gesti che vengono fatti da millenni, se poi usciti da quel tempio dove i buoni propositi nascono, si ignorano bellamente il vero significato di quei gesti, perchè una volta che si esce di lì si volta lo sguardo disgustato da chi soffre e chiede di essere trattato con la stessa dignità con cui tratteremmo persone che non sono disperate? Sono queste le cose che non capisco della religione. Quando ero bambino, credevo fermamente nel messaggio di aiuto che diffondeva la chiesa. Non credo più in Dio, in Gesù e in tutte quelle cose che rappresentano la chiesa, eppure non ho mai perso la mia voglia di aiutare, di rispettare anche chi è più debole di me, di avere un senso del sociale, perchè invece è così difficile da capire per chi va in chiesa sempre? Mi fa paura che molti fascisti siano fermamente religiosi, e questo è un controsenso, se si pensa al messaggio che in teoria avrebbe lasciato Gesù. Tutta la nostra società cozza con i princìpi che la chiesa dovrebbe diffondere, e c'è da rammaricarsi che è la chiesa stessa ad essere incontraddizione con tale messaggio.

    RispondiElimina
  10. Condivido totalmente con quanto scritto da Cesco.
    Penso che tutte le atrocità di questo mondo sono il prodotto delle religioni.
    Ammiro quei singoli religiosi che danno anche la vita per il bene comune, ma sono singoli.
    Pensiamo alla mafia, tutti con i crocifissi in casa e i quadri della madonna, eppure uccidono senza problemi. Tutto quello che ha predicato Gesù non viene attuato dalla chiesa ufficiale.
    Un saluto a tutti.
    Salvo

    RispondiElimina
  11. Credo che signore come la protagonista del post ce ne siano,disposte a rischiare di persona per alleviare le sofferenze altrui.
    In Italia la religione cattolica è stata osteggiata e perseguitata a iniziare dalla Palestina fino al tempo del'impero romano,poi ci fu il concordato che la fece diventare "di stato".
    Fatta questa premessa,se è vero che abbiamo una "libera Chiesa" in un "libero stato",le manifestazioni di ringraziamento alla Madonna con il donarle oggetti preziosi da porre su una sua effige non penso che vadano contro quallo che noi,come società "civile" dobbiamo fare per aiutare chi è in difficoltà.
    E guarda caso,l'esempio ci viene proposto da una extracomunitaria...ebrea!
    Buona notte stella,chiunque sia questa "nonna isa" ha un cuore grandissimo...!!

    RispondiElimina
  12. Te lo posso spiegare per come lo hanno detto a me, amica Stella.

    Tu sai che io non ho un blog mio e talvolta mi permetto di entrare, in punta di piedi, come ospite in quello di altri. Forse sai pure che partecipo e dibatto in svariati forum, sia impostati sul sociale che su alcuni aspetti specifici che più mi intrigano.

    In sostanza mi hanno spiegato che un blog è come un salotto privato, dove il padrone di casa conduce l’incontro degli ospiti secondo il suo stile ed i suoi gusti, aprendo o chiudendo le danze secondo opportunità e pilotando la conversazione secondo come crede. Noi ospiti siamo in casa sua e siamo tenuti ad adeguarci all’atmosfera dell’ambiente.

    I forum invece sono luoghi privati ma aperti al pubblico, ed organizzati su un preciso regolamento, pubblico e consultabile, nonché una serie di netiquettes, cioè norme raccomandate di buona creanza che occorre tener ben presenti.

    Il gestore del forum, che non è un anfitrione ma un amministratore, si rifà a tali norme per salvaguardare l’ambiente. Inoltre nei forum (abitualmente) esistono delle “sezioni” (spazi tematici) ove gli iscritti stessi propongono gli argomenti su cui vogliono discutere.
    Il forum lo “fanno” quindi gli utenti e non il “padrone di casa”.

    Ed eccoci al succo. Nei forum, rispettando regolamento e netiquette, il dibattito è aperto, libero, duro e duraturo quanto occorre, e gli iscritti possono argomentare come meglio credono. Si tratta cioè di una pubblica arena e non di un salotto privato, e l’Admin e il Moderatore intervengono come semplici utenti, salvo la funzione di sorveglianza delle norme di comportamento.

    Tutto ciò porta, a cascata, una serie di conseguenze, che posso dettagliarti, se credi, ma che per ora ometto per non appesantire inutilmente il discorso.
    Accennerò solo che esistono anche dei forum completamente privi di norme e moderazione, ma per questi io di solito sconsiglio la frequentazione a signore non sufficientemente addestrate. Sono tuttavia forum validissimi e di grande interesse… per chi riesce a reggerli.

    Considerando questo dicevo che l’argomento proposto è da forum e non da blog, e lo ribadisco ancor più dopo aver letto i primi commenti. (hai notato che nei blog si parla di “commenti”?... nei forum di chiamano “interventi”!... proprio perché ognuno di essi può dar adito ad altri lunghi ed intrecciati conversari… purché non si vada “OT”, fuori argomento, e ci si becchi il giusto rimbrotto dell’Admin o del Moderatore)

    Lucio Musto

    RispondiElimina
  13. Io continuo a pensare che la cosa più bella che una persona possa fare nella sua vita, è donare tempo e amore agli altri.Puoi riempire la madonna di gioielli ma se una volta fuori non riesci ad indignarti anche per i problemi altrui, quel gesto rimane fine a se stesso.

    "Ne ha cosi' tanti ! Chissa' perchè...e poi,chi è ? Prese il fiore,disse "scusa" alla statua,anche se le sembrava assurdo e sciocco,e lo porto' sul comodino della ragazza che era ancora assopita,pero' con un sorriso sulle labbra."

    Saper donare il cuore come questa ragazza dona il fiore.

    Grazie per questa storia e un abbraccio a nonna Isa.

    RispondiElimina
  14. Una bella storia Stella.
    ciao, silvano.

    RispondiElimina
  15. sicuramente una bella favola con una grande morale, ma devo dire che dare una connotazione Ebraica stona parecchio, accetto extracomutaria perchè la solidarietà è molto più presente tra chi non ha nulla,e ne ho un'esperienza diretta in Africa, cosi come dei tentativi di rapporti di lavoro con Israele, con gli Arabi non ho mai perso un soldo ma con loro si, per loro la solidarietà (previo impegno di restituzione) avviene solo tra di loro e per l'esterno non c'è nulla, il Kibbuz (spero si scriva così) è il modello principe della chiusura, se ben ricordo puoi essere considerato Ebreo solo se sei di madre Ebraica, questo non fà di me un antisemita, ma a livello di società posso dire di aver visto di meglio, stesso discorso per quanto rigurda la chiesa in quanto organizzazione.
    Donare oggetti preziosi se fatto con il cuore è simbolo di rinuncia, si dona un qualcosa a cui tenevamo molto, in questo c'è valore, la Maddalena profuma i capelli di Gesù con un olio preziosissimo e Lui la lascia fare nonostante le proteste dei Discepoli perché sa quanto era prezioso per Lei eppure lo sacrifica volentieri per professare il suo amore e rispetto nei confronti del Maestro.
    Purtroppo il discorso è complesso il potere ha sempre camminato pari passo con la classe sacerdotale, in qualunque tempo e religione, lo stesso Hitler diceva "Got mit uns" Dio è con noi, ma pare che sia ancora nel limbo dei maledetti che urla la sua rabbia al cielo.
    Dio o il Padre Creatore ha donato il libero arbitrio all'uomo e l'Universo di regole e meccanismi evolutivi stabili, semplicemente lo lascia fare e non interviene perchè non è possibile andare in contrasto con i meccanismi dell'universo, i costi vanno pagati per riequilibrare il proprio percorso, Quando Gesù diceva di temere la morte seconda si riferiva a quella dell'anima perchè nell'insistere ad andare contro la propria evoluzione finira per dissolversi e perdere l'individualità costruita per tornare energia dissolta nell'universo.
    Spero di non essermi allungato troppo ma volte mi scappa :-)))))bf

    RispondiElimina
  16. Bellissima, un abbraccio sincero!

    RispondiElimina
  17. Caro lucio e se il padrone di casa permette il confronto tra i lettori è un fuorilegge? Grazie delle utili informazioni.Oggi è il giorno fatidico!

    RispondiElimina
  18. ahhhh...un trauma il rientro stella!
    mamma mia...ufff...sono proprio demotivato!passerà...per il resto tutto ok :)

    RispondiElimina
  19. Il Cristo scaccio' i mercanti dal Tempio, diede da mangiare agli affamati, da bere agli assetati, ma era un altro uomo e erano altri tempi...
    Hevenu Shalom Aleichem
    PL

    RispondiElimina
  20. Stella, coraggioso e bello il tuo post. Aver incoraggiato la discussione su un argomento così delicato non ti mette fuorilegge, ma son sicura, come dice Lucio, che se qualcuno scrivesse commenti che possono offendere te o la religione altrui, come spesso avviene sui forum, anche tu interverresti a riportare la discussione dove vuoi tu. Io sono profondamente credente e praticante e ti assicuro che a quella Signora mi rivolgo spesso e mi ha aiutato senza che le donassi nulla se non una preghiera

    RispondiElimina
  21. Acquachiara sei sulla buona strada che porta all' antisemitismo.
    Nelle tue parole si leggono pregiudizi e false credenze.
    La mia nonna e la mia mamma avrebbero detto ''idee poche e confuse''.
    Havenu Shalom Aldeichem

    RispondiElimina
  22. Pier Luigi
    non direi, io di fondo non amo l'ingiustizia e la sopraffazione, qualunque colore vesta.
    Mi baso su esperienze personali e come in tutte le cose ho conosciuto persone valide e altre molto meno, tutto il mondo è paese, ma se leggiamo la storia è innegabile che il modello di società Ebraica è un modello chiuso, spesso più rigido di molte altre situazioni organizzate.
    Avrai notato che in questo contesto ho accomunato la chiesa cattolica ma potrei aggiungere tante altre organizzazioni o stati,credo che gli esempi di apertura e vera solidarietà li puoi trovare nel singolo che si impegna in prima persona, si può essere veramente solidali solo se si conosce il dolore perchè lo si è vissuto in prima persona, il resto è sempre solo politica dell'ingerenza e del potere ma anche dell'interesse personale.
    Dare con disinteresse, amare senza pretendere, vivere la compassione e permettere all'altro di crescere nel rispetto della sua cultura o condizione, quante volte l'hai visto nelle organizzazioni, anche di volontariato ?
    Come giustamente diceva Madre Teresa " i poveri non hanno bisogno di elemosina, hanno bisogno di dignità"
    :-)))

    RispondiElimina
  23. Acquachiara ti rispono co le parole di AcShimòn il Giusto, uno degli ultimi membri della Grande Assemblea.
    Egli soleva dire: “su tre cose poggia il mondo: sulla Torà, sul servizio divino e sulle opere di misericordia”.
    L’uomo ha l’obbligo di mettere in pratica tre categorie di doveri: quelli verso se stesso, quelli verso Dio e quelli verso il suo prossimo. Il primo dovere, dell’uomo verso se stesso, consiste nello studio della Torà, il secondo nel servire il suo Creatore attraverso la preghiera e il terzo nei doveri verso il suo prossimo attraverso la pratiche di buone azioni.
    Il tuo ulteriore commento e' in ncontrasto con quanto affermato prima. Ora siamo un po' piu' vicini.
    Ritengo che ti manchino ancora elementi per capire meglio la storia degli ebrei. In libreria ci sono buoni libri che possono farti conoscere questi argomenti, utili per allontanare dalla tua mente falsi giudizi e pregiudizi.
    Non mi sembra giusto, pero', aprofittare dello spazio di Stella per un confronto che potrebbe portarci lontano.
    Ritengo che entrambi abbiamo buoni elementi per lasciarci con riflessioni utili a tutt' e due.
    Sono convinto che se due persone si incontrano e si scambiano una moneta, un euro, ciascuna di loro se ne andra' con una moneta, un euro. Ma se le medesime persone si incontrano, anche nel web, e si scambiano una idea, ciascuna se ne andra' con due idee.
    Havenu shalom Aleichem.
    PL

    RispondiElimina
  24. certo che abbiamo visto il post precedente...e lo commenteremo pure.per best ufficialmente in ferie in realta sta facendo concorsi per grafico a piu' non posso e e' un po impegnato...pure noi abbiamo qualche difficolta' a sentirlo...ma presto tornera' a farsi vivo.
    per sirio:gia' salutato e gia 'scritto in privato
    ciao ciao

    RispondiElimina
  25. ps vedo che accetti anche i commenti anonimi...da noi invece no anzi abbiamo fatto una crociata contro gli utenti anonimi.....pensaci

    RispondiElimina
  26. Asterix l'anonimo che mi scrive è una persona stupenda! Ho aperto agli anonimi per Lui. Cmq grazie. Finora tutti i miei lettori sono stati squisiti e corretti e colgo l'occasione per ringraziarli tutti.
    Anche ora che c'è un dibattito in corso,ognuno è rispettoso dell'altro.
    A presto!

    RispondiElimina
  27. Pierluigi e acqua chiara ben vengano i confronti corretti,ne sono lieta. Avessi saputo,avrei aperto un forum. Non mi piace limitare i lettori...

    RispondiElimina
  28. Mat il rientro dalle ferie è sempre traumatico. Forza e coraggio,doti che non ti mancano di certo!
    Un abbraccio e a presto !

    RispondiElimina
  29. Best ce la fai,sei grande !
    Un caro saluto

    RispondiElimina
  30. Ste' nessuna limitazione. Grazie per la tua ospitalita'.
    Ritorno al latino
    Vale
    PL

    RispondiElimina
  31. Premesso che credo in cio' che posto,sono convinta che per fare del bene non è necessario adornare con oggetti preziosi le statue,pregare invece sì,com affermano luigina e marco.
    Aver fede aiuta a vivere caro cesco,bisogna però andare "oltre" quelle che sono le azioni dei rappresentanti della Chiesa.
    Sarebbe auspicabile che cadessero le barricate,razziali o religiose che siano.
    Cari pierluigi e acquachiara,parlate entrambi di amore,umanita' e solidarieta'.Questo,a mio modesto parere,è l'essenza di una convivenza pacifica.
    Grazie del vostro "prezioso" apporto,tanto per restare in tema...!
    Regalatemi dei fiori,ma senza farmi del male.

    RispondiElimina
  32. Stella per intanto grazie per l'ospitalità, io generalmente non faccio dei distinguo di forma, per me un blog resta comunque un luogo di scambio e di possibile discussione, un luogo dove un pensiero viene comunque messo in pubblico e questo pone la condizione per ricevere dei commenti sia favorevoli che contrari, un salotto dove scambiarsi convenevoli e opinioni.
    Da me non ci sono limitazioni a chi desidera partecipare, la porta è sempre aperta per tutti.
    un abbraccio
    :-))))

    RispondiElimina
  33. Caro acquachiara,sei stato molto gentile.Io per quanto riguarda il blog la penso esattamente come te.
    Scambiarsi le opinioni,le idee,le affinita',i sentimenti è crescita e per me questo è il luogo ideale dove poterlo fare.
    Un abbraccio affettuoso

    RispondiElimina
  34. Salvo,so come la pensi.
    Mi volevi mettere al rogo all'unitre,quando si parlava di religione.
    A presto.

    RispondiElimina
  35. Ti ringrazio, Stella, per i complimenti che mi fai ed alla stima per la mia persona "anonima".

    E' vero, ho scelto di non avere un account Blogger e di non utilizzare il mio account Google, ma almeno mi presento con nome e cognome, e se ti prendi la briga di indagare, puoi conoscermi sul web o come Wikipedista.

    Chi ti previene contro di me invece chi è?... un eroe dei fumetti come Topolino o Capitan Cocoricò?...

    E' lui che parla di identità esplicite o di anonimato?... vedi amica mia, come ho ben ragione io quando parlo di accoglienza cortese e salottiera in cui si presume un certo garbo di base contrapposta a club chiusi e controllati, ove un gorilla fisico o virtuale, alla porta ti chiede la tessera, e la verifica, prima di farti entrare!

    Lucio Musto, l'anonimo.

    RispondiElimina
  36. Caro lucio me la sono cavata bene,direi ! Sono molto attenta ,grazie a Dio. Hai visto che ha funzionato bene il forum? Ne sono soddisfatta!

    RispondiElimina
  37. cara stella, sono asinissima ad usare il pc, i blog ecc. ecc. ma ho trovato la tua stella e ti mando una mia paginetta una specie di canto popolare:
    La mia Madonna non ha collane di perle – non ha anelli di rubino – la mia Madonna ha una figlia di sedici anni – con le braccia bruciate dalle siringhe –
    Non può più farne senza.
    La mia Madonna ha studiato - e tutte le mattine fa la fila all’ufficio di collocamento che tutte le mattine le dicono “ Torna domani!”-
    La mia Madonna è incinta da sei mesi - e il suo uomo non crede agli angeli - che vengono di notte a consolare. – e lui le dice “ arrangiati con il tuo fagotto” E lui se ne va, con il suo cappello in testa.- .
    La mia Madonna ha la pelle nera – come uno scarafaggio – e io la vedo venire da lontano – e mi pare abbia una croce in mano, ma man mano si avvicina – mi accorgo che tiene in bracio – un bimbo di due anni – con le piccole braccia allargate – che muore di fame.
    Questa Madonna piega le mie ginocchia – e tutto il mondo è chiesa.

    Ciao Stella

    RispondiElimina
  38. Carissima silvia ti ringrazio per la fiducia accordatami e per il tuo sfogo tragico, ma sereno. Ti voglio già bene. Preghiamo,preghiamo insieme. Chi crede nei miracoli,questi si avvereranno.
    Ti abbraccio fortissimo e scrivimi ancora...

    RispondiElimina
  39. - Spero di aver colto il senso del post e quindi lo ritengo bellissimo.

    - Per me 'adorare una statua' è idolatria.

    - Comunque sia è un post non solo interessante ma UTILE!

    Ciao Stella

    RispondiElimina
  40. Caro romano hai inteso molto bene.
    Grazie.
    Un abbraccio

    RispondiElimina
  41. un piccolo pensiero per lucio musto L?anonimo no,non sono ne topolino ne capitan chichessia ,il mio ,anzi il nostro era solo una piccola presa di posizione sull' utente anonimo che a nostro avviso tutti gli utenti che frequentano la rete dovrebbero fruire dei servizi esistenti solo mediante l’identificazione chiara e univoca di chi sono nella vita reale. In altri termini qualsiasi post, intervento o utilizzo di ogni strumento di comunicazione o di utilità messo a disposizione dal Web dovrebbe essere effettuato solamente tramite l’inserimento del proprio nome e cognome, il recapito e la propria email verificata.Lo scopo sarebbe quello di impedire agli utenti di esprimere contenuti ingiuriosi o sconvenienti, cosa che riesce estremamente facile e praticabile quando si è protetti dal velo dell’anonimato.Capiamo anche che cio'è in pieno contrasto con lo spirito di libertà e anarchia di internet.
    per questo noi abbiamo aderito da tempo alla campagna contro l'utente anonimo

    RispondiElimina
  42. Caro asterix è vero,alcuni utenti anonimi hanno creato parecchi problemi seri ad alcuni miei amici blogger e per questo motivo avevo preso precauzioni. Quando ho incontrato lucio nei vari salotti ho fatto questo passo e finchè va tutto bene continuo così.Ti ringrazio della tua preoccupazione per me.
    Caro lucio giusto il tuo risentimento e sono intervenuta pure io,ma...

    RispondiElimina
  43. Carissima Stella, mi permetto un breve intervento sull'argomento:donare cosa preziosa per grazia ricevuta è un istinto ancestrale che l'uomo in se porta per ingraziarsi gli dei,e lo fanno gli aborigeni in Australia, i cristiani alle madonne e ai Santi per gli exvoto, gli Ebrei ai tempi di Abramo, gli indù a Gamesh e a tutta la comitiva del Cielo,i bhuddisti e le loro statue e i loro templi in oro, gli ortodossi nelle loro chiese ricche, e via discorrendo.
    Ergo la questione non si pone.
    Posso esere una pesona misericordiosa e contemporanemente regalare un rubino a San Nicola perchè è cosa preziosa che dò ad una figura preziosa per me.
    Tutto è relativo.
    Ti abbraccio

    RispondiElimina
  44. Cara luce,sono d'accordo con te,se voglio regalare un oggetto prezioso lo faccio,semza dimenticare pero' le persone bisognose.
    Grazie del tuo intervento,amica.

    RispondiElimina
  45. Ciao Stella,
    complimenti per il blog: è molto bello. E questa storiella mi piace veramente tanto!!!

    Non sono sicura di aver interpretato bene il finale però, nonché la domanda del titolo... chi è quella signora? E' forse la Madonna stessa?

    Comunque la storia è molto bella e commovente e il fine di criticare la Chiesa per il fatto di avere molte ricchezze che potrebbero essere distribuite ai poveri lo condivido pienamente.

    Però ad una riflessione più attenta c'è un punto che trovo un po' incongruente: la signora mi sembra un po' una Robin Hood della situazione: sebbene animata dalle migliori intenzioni, le ricchezze donate non sono sue ma della Madonna (che poi se è vero che la Madonna è lei allora sono sue... ma lei non lo sa! ;p )... quindi non è poi così generosa...

    I fedeli che hanno donato i tesori alla Madonna non dovrebbero sentirsi in qualche modo "derubati"? Fermo restando che secondo me è sbagliato donare ricchezze ad una statua piuttosto che ai poveri e ai bisognosi... è comunque una loro scelta...

    Ah un'altra cosa a cui mi ha fatto pensare il commento di acquachiara: credo che la signora sia Ebrea per dei motivi precisi: a parte il fatto che se ho ragione di pensare che sia la Madonna non potrebbe essere che ebrea, credo che si tratti di un'altra accusa contro la Chiesa che per molti anni ha condannato gli ebrei, sostenuta dall'idea che fossero i responsabili dell'uccisione di Gesu.

    Grazie Stella per tutti questi spunti di riflessione e a voi tutti partecipanti per questa bella discussione! :)

    RispondiElimina
  46. Memole benvenuta !Ognuno può interpretare come crede. Questa storia porta a delle riflessioni: Gesù è nato povero in una grotta e la sua Mamma vuole che si aiutino i bisognosi...Io la vedo così !

    RispondiElimina



Grazie del tuo gradito commento.


Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...