19/06/09

29

AIUTARE...


Aiutare gli altri è lo scopo principale delle cosiddette “professioni di aiuto” (medico, infermiere, psicologo, volontario, ecc.), nelle quali il rapporto tra curante e assistito ha implicazioni emotive spesso molto forti. Ma, quando l’operatore si fa troppo coinvolgere dai problemi di chi è stato affidato alle sue cure, può andare in burnout.
Con questa espressione si intende una particolare condizione di logorio psicologico (a volte anche fisico) provocato da una progressiva perdita di idealismo e di energia nel lavoro, accompagnata da una sensazione di impotenza e fallimento. E’ lo stress di chi avverte un forte squilibrio tra richieste e risorse, tra ideale e realtà, tra ciò che gli assistiti richiedono e le reali possibilità di rispondere ai loro bisogni.
E’ questo l’argomento trattato nel volume di Sandrin, camilliano, il quale, oltre a descrivere le premesse e le dinamiche del burnout, suggerisce anche alcune strategie per prevenirlo.

29 commenti:

  1. Io sono volontario Avo.
    Rifletto sul fatto che talvolta è facile farsi coinvolgere emotivamente da certi casi umani...

    RispondiElimina
  2. Penso che forse sarebbe utile leggerlo anche a me...
    Ciao Stellina, buon tutto, e un bacione

    RispondiElimina
  3. Ciao Stella, sono riuscita ad inserirti, ma non sai che tribolazione!!!! Risultavi bloccata. Sono contanta, ciaoo Diana B

    RispondiElimina
  4. A proposito del libro di Camillano, penso proprio che andrò a comprarlo perchè m'interessa leggerlo. Faccio parte di un'associazione di volontariato e non immagini quante volte mi trovo in situazioni difficili. Quando mi rendo conto che le strutture, la burocrazia e a volte il menefreghismo, non danno la possibilità di aiutare un anziano nei suoi giusti bisogni, credimi mi sento impotente e piena di rabbia.
    Ciao Stella sempre interessante ciò che pubblichi. Baciotti

    RispondiElimina
  5. Angelo, tutto questo ti fa onore.Non tutti hanno la tua volontà e la tua sensibilità.
    Bisogna avere la forza di non farsi coinvolgere emotivamente.

    RispondiElimina
  6. Cara Paola, un libro così fa bene leggerlo a tutti...
    Buon tutto anche a te, un bacione.

    RispondiElimina
  7. Cara Diana, innanzi tutto ti comunico che mi sono iscritta tra i tuoi sostenitori grazie a te.
    Complimenti per il tuo impegno sociale, sei ammirevole.
    Penso che il libro ti sarà sicuramente utile.

    Tanti baciotti anche a te.

    RispondiElimina
  8. anche la nostra è una professione d'aiuto, ti sembra??
    quando ci sono problemi familiari (dei ragazzi, s'intende)che non posso risolvere, potrei andare in "burnout"... ciao Stella, sono agli sgoccioli!!!

    RispondiElimina
  9. Raggio, esulta...ed io con te!

    RispondiElimina
  10. Sai,credo che il coinvolgimento si debba avere per fare una professione così con umanità,l'importante è sapersi tenere l'amore dentro e non il dolore così si prosegue senza danni ma arricchendosi interiormente, perchè si riceve molto più di quel che si da!
    Non potrei farlo da 30 anni altrimentie sempre col sorriso!
    Un bacio grande Stella;-)

    RispondiElimina
  11. Grande Aglaia, grazie del tuo pensiero!

    RispondiElimina
  12. Stella...interessante..
    Un bacione..

    RispondiElimina
  13. Però è il coinvolgimento che ci porta verso gli altri. Forse per non farsi distruggere non bisogna dimenticarsi anche un po' di noi, e sembra affermazione assurda tra tanto egoismo che ci circonda,ma molte persone dimenticano spesso di occupparsi di sè, e se non ci amiamo un po' e difficile poi amare anche gli altri. Felinità

    RispondiElimina
  14. Ciao Stellina d'oro, sei grande, buon weekend

    RispondiElimina
  15. INteressante...consiglierò il libro a mia sorella che è un medico nefrologo che fa il suo mestiere con passione...

    RispondiElimina
  16. El desgaste se produce cuando, ves las cosas y no ves soluciones.Y llega un momento que te sientes culpable, al pensar que no estás haciendo las cosas bien.
    Saluditos

    RispondiElimina
  17. bisogna aiutare sempre
    ciao stella

    RispondiElimina
  18. Mia moglie svolge una di quelle professioni da te enunciate. Sul lavoro è quasi perfetta ma quando torna è sempre nervosissima ...

    RispondiElimina
  19. Feli è giusto quello che affermi, ci vorrebbe una dose di sano egoismo...ho usato il condizionale, bada bene.

    RispondiElimina
  20. Adamus grazie, sei carinissimo.
    Buon W.E.a te!

    RispondiElimina
  21. Pino, fai benissimo.
    Buona fine settimana.

    RispondiElimina
  22. Victory, giusta osservazione, a volte pensiamo di sbagliare, ma dobbiamo affidarci ai medici.
    Carissimi saluti

    RispondiElimina
  23. Massimo anch'io a scuola ero impeccabile e poi mi sfogavo, si fa per dire, a casa.
    Non siamo macchine, ma esseri umani e complimenti a tua moglie!

    RispondiElimina
  24. ...Ma infatti...io credo (e perciò ammiro tanto chi lo fa)che per svolgere certe professioni,occorrono...innanzitutto una certa indole e capacità di distacco emotivo...poi...un personale equilibrio e tanta dedizione...
    un bacio!

    RispondiElimina
  25. È una cosa piuttosto importante, anche perchè cadere nel burnout non permette più di aiutare come prima. Non sapevo ci fosse un nome specifico per questo problema, che tra l'altro non credevo fosse così comune. Se ne impara sempre una.

    RispondiElimina
  26. Ormoled, abbiamo sempre da imparare!

    RispondiElimina



Grazie del tuo gradito commento.


Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...