03/06/08

94

AFRICA


I MISSIONARI







L'AFRICA e' un continente innamorato della vita, ha il più elevato tasso d'incremento demografico annuo il 3%, nonostante le carestie, le instabili situazioni politiche, la diminuzione del prodotto interno lordo e l'incognita di gravi malattie come l'AIDS. La vita umana, in Africa, compie continuamente il miracolo di coesione nella famiglia e tra le famiglie, non e' questo il fattore che ritarda lo sviluppo di questi popoli, ma la mancata condivisione disinteressata da parte del ricco Occidente, per avviare una responsabile ed autentica promozione umana.
Ci sono strade tortuose, percorsi difficili, sentieri interrotti lungo i quali sembra impossibile proseguire il cammino.

Ci sono uomini che in silenzio, nell'ombra, senza clamore muovono i loro passi su questi terreni impervi e vanno avanti... stringendo le mani di tutti quelli che incontrano lungo il viaggio, parlando ai cuori di tutti coloro che desiderano ascoltare. Questi uomini sono i missionari, di loro spesso non conosciamo neppure i nomi, non ricordiamo i volti. Essi stessi non ci dicono delle difficoltà personali, non ci parlano della loro stanchezza, della forza che tutti i giorni incontrano nel Signore e nei volti delle persone a cui sono accanto, quella forza che da sola offre energie straordinarie e grandi.

I missionari sono uomini di poche parole, parla il cuore, parlano i fatti. Non li sentite mai raccontare gloriose imprese, non vi parleranno mai del loro mondo come di un mondo di eroi, pronto a sfidare la morte per salvare i più deboli. Essi ci raccontano della nuova scuola che a fatica la gente sta costruendo, ci parlano delle donne nei villaggi che straordinariamente stanno andando avanti lungo un cammino di emancipazione e conoscenza. Ci descrivono la gioia di ogni loro arrivo nei villaggi, dopo ore di jeep per sentieri sterrati.
Ci parlano dei bambini che imparano finalmente a leggere e a scrivere nella loro lingua. Ricordano gli incontri con le famiglie nelle capanne, le messe con la gente dei villaggi nelle piccole chiese di paglia, dove al lume di poche candele si celebra la funzione, si prega e si canta insieme. Ci dicono del cammino faticoso di popoli indigeni verso la salvaguardia delle proprie tradizioni, verso la difesa della loro autonomia.

Affermano con forza che la vera protagonista dello sviluppo e' la gente. Persone che stanno costruendo un futuro nuovo con le loro mani, con fatica, con tanto sudore ma anche con la certezza di essere sulla giusta via, con la serenità di avere al loro fianco i padri missionari.
Padri veri, che vegliano sui loro figli, indicano la strada più breve per raggiungere rapidamente la meta.
Il missionario e’ accolto con gioia in ogni paese, per la sua capacita’ di ascoltare prima di parlare, di rispettare prima di giudicare, di amare prima di agire. Nel suo cuore batte il cuore di questa gente, il loro dolore e le loro sofferenze sono il suo dolore, la sua sofferenza.
Questi uomini e queste persone lontane hanno un’altra grande forza su cui contare... i benefattori. Attraverso la generosità delle offerte essi sentono la vicinanza di chi attraverso un semplice gesto di amore e fiducia ha lasciato viaggiare il suo cuore in terra di missione e per un intero anno, giorno per giorno, ha accompagnato il passo incerto di chi “sta ancora imparando a camminare” verso il futuro.

94 commenti:

  1. Apprezzo tanto queste persone e noi tutti dovremmo imparare da loro..non ci sarebbe bisogno di spostarsi chissà dove..già nella nostra città o stesso nella nostra famiglia ci sono tante persone che avrebbero bisogno di una parola, di un abbraccio o di un semplice sorriso..

    RispondiElimina
  2. Sergio,d'accordissimo,lo dico spesso che se ognuno di noi contrribuisse nel suo piccolo al bene comune, senza delegare sempre gli altri, vivremmo meglio...

    RispondiElimina
  3. Ciao Stella, i missionari, i medici senza frontiere, le associazioni di volontariato che operano in Africa, sono spesso, purtroppo, snobbate ed ignorate. Lo si vede negli occhi della gente, nella loro indifferenza, nel loro egoismo. Quando ho detto ad una persona che c'è gente che scappa da questi posti orribili per sfuggire alla morte certa, sai cosa mi ha risposto? "E perchè, qua in Italia ce la passiamo meglio?" come a dire che si devono arrangiare, morire in silenzio e senza disturbare. Per fortuna i veri eroi continuano nella loro missione, contro l'indifferenza, con coraggio e sacrificio, là dove un pezzo di pane significa sopravvivere per qualche altro giorno, e guarire da una malattia quasi un'utopia.

    RispondiElimina
  4. Queste realtà ci appartengono più di quanto in molti credono, vedere in tv certe immagini... sembrano lontane come se non appartenessero ad una realtà... poi si cambia canale e ...via... tutto dimenticato... dovremmo pensare più spesso a quanto siamo fortunati e a quanto potremmo fare per aiutare quella gente... ognuno di noi nel suo piccolo ( senza grosse privaziononi) potrebbe...!!!

    RispondiElimina
  5. imparare a camminare verso il futuro...

    RispondiElimina
  6. Condivido,caro cesco! I veri eroi sono quelli che non si presentano alla ribalta...sono persone altruiste e coraggiose,lavorano in silenzio impegnandosi in prima persona,a costo di sacrifici quotidiani e qualche volta rischiano la propria vita.

    RispondiElimina
  7. Ciao claudia,i missionari operano in silenzio e con amore...i media purtroppo ne parlano poco ,perchè non fanno notizia e invece dovrebbero mettere in evidenza i valori che animano queste persone.
    Non esiste solo malvagità ma anche bontà!
    Un po' di speranza...insomma!
    Baci.

    RispondiElimina
  8. Certo,Lo! Dobbiamo guardare al futuro.
    Le sofferenze che pure ci tormentano,si trasformeranno in seguito in altrettanti punti di forza per andare avanti.
    Ti abbraccio caramente

    RispondiElimina
  9. peccato che la chiesa destini solo il 20% DELL'OTTO DEL MILLE per aiutare certa gente
    ma so cose che capitano

    per questo ci ho fatto le maglie
    vieni a vede so arrivate ahahahaha

    RispondiElimina
  10. hai ragione stella, se ognuno di noi facesse qualcosa per il bene comune... il lavoro dei missionari è durissimo... e sono sempre meno quelli che vogliono fare i missionari.. un saluto da angela

    RispondiElimina
  11. Stefano, noi non siamo la chiesa;è ora di finirla col delegare sempre gli altri!!!E' colpa della chiesa, è colpa della scuola, è colpa della società...Diciamo mai :è colpa anche mia???

    RispondiElimina
  12. Ciao Angela,sono contenta che sono stata capita.Grazie

    RispondiElimina
  13. Ciao Stella, noto con piacere che il mio consiglio ti è stato utile :-) D'altronde la condivisione di esperienze su internet serve anche per ampliare le nostre coscenze. Un problema di impostazione ad esempio me l'ha risolto Ishtar quando ero alle prime armi con le configurazioni del blog.

    RispondiElimina
  14. ma io dico solo quello che vedo, ovvero la chiesa fa pubblicita per l'otto per mille tutto l'anno in tv facendo vedere missionari preti etc e alla fine ne usa solo il 20% a scopi utili.
    Io cosa dovrei fare nel mio piccolo se si puo fare qualcosa certo non mi tiro indietro ma resta il fatto che chi lo fa e si fa pagare per farlo alla fine pensa agli interessi di bottega punto

    RispondiElimina
  15. Sì cesco,questa è solidarietà in piccolo...

    RispondiElimina
  16. Stefano,forse non sono stata chiara.Volevo parlare di noi,non della chiesa...Il mio tot % lo destino alla lotta sul cancro,pur essendo credente...

    RispondiElimina
  17. Stella fa piacere sapere che c'è chi dedica la vita per amore del prossimo..... ognuno di noi senza andare lontano puo' rendersi utile incominciando la propria missione con chi gli sta piu' vicino........notte....

    RispondiElimina
  18. Ammiro queste persone, le ammiro per tutto quello che fanno.
    E' importante che questa gente riesca ad emanciparsi.

    P.S.: Scusami mi ero dimenticato.. La memoria non è uno dei miei pregi o_O

    RispondiElimina
  19. hai ragione cara Stella andare avanti pensare al futuro...lasciare dei semi oggi e aspettare senza stare fermi domani...io cerco ogni giorno nel mio quotidiano di fare scelte che sia il più rispettose dell'essere sempre, cerco di dirlo a chi mi ascolta...un bacione

    RispondiElimina
  20. Tony ,da un po' di tempo, tra noi si è creata condivisione.Mi fa piacere!

    RispondiElimina
  21. Miglioriamo anche noi ,du!!

    RispondiElimina
  22. Io ti ascolto lo e conta pure su di me.Un bacio anche a te!

    RispondiElimina
  23. ciao

    come x caso sono finito nel tuo blog cosi non per caso ti faccio i miei complimenti x alcuni suoi contenuti davvero interessanti, come questo in cui parla di Africa e della sua immensa umanità anche oltre la disperazione umanitaria della gente.

    saluti

    indiano

    RispondiElimina
  24. Si se ne parla molto dell'Africa ma si sa poco se non niente. I missionari? Sono granelli di sabbia necessari ma allo stato poco influenti. Poveri noi e soprattutto loro.
    Ciao cucù ... africana ...

    RispondiElimina
  25. Spesso di queste persone se ne dimentica anche l'esistenza.Poco tempo fa ho conosciuto una ragazza che dopo aver trascorso due anni in Africa è ritornata in Italia ma non riusciva più ad abituarsi alla nostra vita.Mi raccontava che anche buttare un bicchire d'acqua la rendeva triste.Così ora è di nuovo in quelle terre spesso dimenticate e ignorate.Complimenti per aver ricordato queste persone e complimenti per il bellissimo blog.
    A presto,Francesco.

    RispondiElimina
  26. E' vero: i missionari sono gli unici, a mio avviso, che possano dire di ispirarsi a Cristo.
    Poveri, lavoratori, umani e caritatevoli.
    Ho dei bei ricordi dei Missionari. ma solo di loro. :|

    RispondiElimina
  27. Certamente dyo,Gesù era tra la gente,non era discriminante,amava tutti,non si ergeva a giudice,consolava gli afflitti e i deboli,proteggeva i bambini...e perdonò,prima di morire ,coloro che l'avevano crocifisso.
    I missionari fanno il possibile per imitarlo.

    RispondiElimina
  28. Francesco C. grazie per la tua preziosa testimonianza...
    Benvenuto nel mio blog!

    RispondiElimina
  29. sono uomini grandissimi, per coraggio, determinazione e bontà una spanna sopra la media. sostenerli economicamente è davvero il minimo che possiamo fare...

    RispondiElimina
  30. max ,per noi che viviamo nell'opulenza e con i servizi sanitari a disposizione, saranno poco influenti ma per chi usufruisce del sevizio dei missionari è influentissimo.
    Leggi la testimonianza di Francesco.

    RispondiElimina
  31. Come promesso Stella, ti vengo a cercare... e ti trovo pronta a farmi riflettere sul tipo d'Amore, universale e incorruttibile, che cambia in meglio la vita degl'uomini...
    grazie.

    RispondiElimina
  32. Ciao anche a te indiano. Ti confesso che le tue parole mi hanno toccata profondamente, grazie per i tuoi complimenti, grazie per la tua attenzione ai problemi dell'Africa, che troppo spesso dai paesi ricchi è considerata come il cestino del mondo, dove la gente dona spesso solo il superfluo. Meritevoli sono coloro che donano "invece" se stessi come i missionari,che lasciano i propri affetti e i propri averi per mettersi al servizio degli ultimi fra gli ultimi, per essere come Madre Teresa in grande umiltà " la matita di Dio ".

    RispondiElimina
  33. Ciao arabafenice, mi fa molto piacere che condividiamo le stesse idee, pertanto con te non mi dilungo, ma ti sono grata di esserci.
    A presto

    RispondiElimina
  34. cara vjj, con i miei post spero di far riflettere gli amici che mi leggono ;quando ci riesco e leggo parole come le tue sto bene, grazie.
    Un caro saluto

    RispondiElimina
  35. Quanta verità in quello che scrivi!
    Brava Stella che richiami l'attenzione di noi tutti su realtà troppo spesso dimenticate...
    Quanti Angeli su questa nostra povera Terra...

    Mi hai fatto ricordare un'intervista toccante ad Alex Zanotelli vista qualche tempo.
    Ti passo il link se hai voglia di vederla... secondo me merita...

    http://www.chetempochefa.rai.it/TE_videoteca/0,10916,,00.html?nome=alex+zanotelli&anno=&mese=&tipo=vt&x=27&y=10

    Ti abbraccio forte.

    RispondiElimina
  36. Perdona stella, vedo solo ora che il link è troppo lungo per questo spazio e nella fase della pubblicazione del commento viene tagliato.
    Puoi comunque trovarlo su
    www.chetempochefa.rai.it
    selezionando "videoteca"
    digitando nello spazio "cerca video" il nome "alex zanotelli"

    Scusa ancora!

    RispondiElimina
  37. Rita sei stata carinissima a segnalarmi l'intervista a Padre Zanotelli, avevo già visto questa intervista e ti dirò che conosco di persona Padre Alfonso De Coll dei missionari della Consolata di Torino, che è stato nella stessa missione di padre Zanotelli.
    E' emozionante sentire parlare questi uomini di fede così particolari e pertanto invito gli amici dei blog ad ascoltare l'intervista sul sito http://www.chetempochefa.rai.it/TE_videoteca/0,10916,,00.html?nome=alex+zanotelli&anno=&mese=&tipo=vt&x=27&y=10 che tu mi hai indicato.
    Grazie di tutto.
    Ti abbraccio forte anch'io

    RispondiElimina
  38. Grazie per le tue belle parole a commentare la mia prima visita e il mio tentativo di avere un blog interessante e che possa essere utile non solo a me ma anche a chi dovesse leggerlo. spero di rileggerti presto.

    ciao

    indiano

    RispondiElimina
  39. I missionari fanno parte di "medici senza frontiere",secondo me...!Sono tutti volontari benemeriti,la differenza consiste nel fatto che i medici curano il corpo,i missionari vanno oltre...!!

    "Anche tu sei mio fratello,
    anche tu sei uguale a me.
    Non importa se sei rosso,
    se sei giallo oppure nero:
    hai le stesse mie mani
    sei un ragazzo come me!"
    Dal canzoniere di TUTTOSCOUT.

    RispondiElimina
  40. Ciao Stella,mi piace il tuo blog.Che ne dici di uno scambio link per non perdere i nostri contatti?
    A presto

    RispondiElimina
  41. Ok Francesco C. va benissimo!

    RispondiElimina
  42. Ciao indiano,nel momento in cui parli di "tentativo" per me sei già interessante.
    L'importante è non parlare di banalità e tanto meno polemizzare!

    RispondiElimina
  43. Grazie sirio,hai capito perfettamente l'importanza dell'opera dei missionari,i nostri angeli ricordiamoli ogni tanto.
    Un caro saluto.

    RispondiElimina
  44. io ho uno zio in africa da decenni. ogni anno rientra qualche giorno per stare con la famiglia e ogni anno mi invita in kenya per dare una mano!
    mi piacerebbe..ma vome si fa? nn si può mollar tutto all'inizio della carriera.
    però sarebbe una bella esperienza!

    RispondiElimina
  45. mat,hai una testimonianza in famiglia,perciò è superfluo aggiungere altro.
    Spero tu ti sia rimesso in salute.
    Un abbraccio

    RispondiElimina
  46. La nostra condivisione nasce dalla fortuna di credere in qualcosa..buona serata Stella.

    RispondiElimina
  47. Dei missionari non se ne parla perchè alla stragrande maggioranza delle persone non "gliene" frega niente... Siamo tutti ipocriti o quasi tutti... :)

    RispondiElimina
  48. Certamente Tony,se no Guai...
    Buona serata pure a te!

    RispondiElimina
  49. reanto ogni regola ha la sua eccezione, per fortuna! Ti abbraccio,perchè sono contro l'ipocrisia!!!

    RispondiElimina
  50. Sì Claudia con fatica, ma con entusiasmo,perchè due amici mi hanno spronata e questo è :solidarietà.
    Quanto sto bene qui con voi!
    Un caro abbraccio...

    RispondiElimina
  51. Stella
    ti confesso che per un periodo avevo sognato di fare la missionaria ma il mio ex non condivideva, quando si è in coppia certe scelte devono essere condivise, ora ho capito che la mia strada è un'altra.
    Tu pensa una mia cara amica si ostinava a tentare la strada della missione ma sempre capitava qualcosa che la portava altrove io le dicevo sempre per me dovresti farti suore e lei rideva, be ora ha scelto la vita del claustro delle carmelitane!
    Non sempre ciò che vorremmo è ciò a cui siamo destinati!
    Ciao e buona serata :-)

    RispondiElimina
  52. Adesso stacco dall'impegnato e ti dico che secondo me Mat e un pò pelandrone, spero si dica così anche da te.
    Ciao cucù ... aiuto ... missionaria ...

    RispondiElimina
  53. Ciao max,non posso biasimare mat.
    Buona serata

    RispondiElimina
  54. Ciao IS, la chiamata missionaria è un qualcosa che viene dal profondo del cuore,dobbiamo decidere noi, al di là dei sentimenti e della condivisione, ciò che ci detta la mente...
    Un abbraccio piccola mia!

    RispondiElimina
  55. Mea Culpa!
    saranno 10 anni che penso di partire, di seguire il corso preparatorio ed andare. Dove? Africa, Guinea Bissau, Guatemala... e poi... ora una SCUSA, ora un'ALTRA... poi un imperdimento vero (eh si purtroppo ci sono anche gli intoppi veri tra tante scusanti) e la voglia che preme dentro alla fine mi ha fatto porre la domanda "sei pronta per farlo davvero?"...
    La risposta te la lascio immaginare, considerato che sono qui.
    Alla fine mi son detta "se è un problema allontanarmi di migliaia di km cerca di fare qualcosa qui"... ma qullo che si fa forse non è mai abbastanza.
    Direi che sarebbe già un buon inizio se si cominciasse a guardarsi intorno nella piccola società in cui si vive... che so, la famiglia, un anziano genitore, un nonno, il cntro disabili sotto casa... basta un po' del nostro tempo, ma soprattutto tanto amore per il prossimo (valore che mi sembra si stia perdendo al giorno d'oggi)

    RispondiElimina
  56. ciao nn c'è problema se ti fidi e mi lasci la password del tuo blog posso fare tutto io. famm isapere. ciaooo

    RispondiElimina
  57. Cara Annagi,
    come ti capisco, condivido le tue parole, incominciamo ad aiutare nell'ambito della famiglia, poi possiamo allargare le nostre attenzioni al prossimo, sì è vero quello che facciamo, sembra solo una goccia di bene nel mare del bisogno umano, ma ricorda che Madre Teresa di Calcutta diceva :" senza quella goccia il mare non è più lo stesso ".

    RispondiElimina
  58. Caro Robj, non è che non mi fidi di te, ma ci siamo conosciuti appena oggi.
    Per e-mail ti prego di dirmi quanto ti ho chiesto.
    Grazie

    RispondiElimina
  59. Stella,
    davvero sei brava a ricordarci queste realtà, a farci riflettere sul "bene" da parte dell'uomo..."il bene in noi...",
    Dovremmo metterlo in atto molto più spesso di quanto facciamo.
    Mi viene in mente che mia madre, fino a quando ha potuto, ha regolarmente inviato le sue offerte per i Missionari.
    Lei non può più...io non l'ho più fatto per parte sua.
    Sento che è stata migliore di me.
    Un abbraccio Ste'
    g

    RispondiElimina
  60. I Missionari dovrebbero essere un esempio per noi tutti; purtroppo se ne parla troppo poco. Il sostegno economico ai Missionari ed alle Associazioni Umanitarie sono il minimo che possiamo fare per contribuire a salvare tante vite.
    Grazie per aver trattato questo argomento ;)

    Ciao
    Pino Amoruso

    RispondiElimina
  61. Cara Giovanna ,sento molto questo tema ,perchè ho conosciuto personalmente dei missionari che mi hanno raccontato con gioia,bada bene,delle loro fatiche e rinunce:Uno di essi mi ha regalato un minisandaletto che tengo sempre in borsetta raccomandandomi: se ti capita di non voler camminare,corri...!
    Queste parole le ho impresse nel cuore.Mi permetto di dirti:sei sempre in tempo a continuare l'opera della tua mamma.
    Ti abbraccio caramente

    RispondiElimina
  62. Benvenuto Pino A. ,proprio perchè se ne parla poco,ho contribuito a informare e a ricordare i missionari, nel mio piccolo...
    Un saluto e grazie!

    RispondiElimina
  63. Gran bel post Stella! Personalmente conosco anche molti "missionari" laici che svolgono la loro opera non in ogni parte del mondo, anche qui in Italia per aiutare chi soffre. Mi permetto di segnalare il sito dei volontari dell'ANT che assistono mio suocero gratis e con amore per permettergli di morire serenamente nel suo letto http://www.antitalia.org/chisiamo/StoriaANT.php

    RispondiElimina
  64. Grazie Luigina per la tua commovente testimonianza. Ecco,vedete che non esistono sempre e solo i malvagi?Mettiamo anche in risalto laici che si dedicano con dedizione agli altri e ce ne sono tanti...

    RispondiElimina
  65. Ciao cara Stella, per aderire al meme di Gramos è facilissimo.
    Devi mettere il mio meme e linkare le informazioni riguardanti il piccoletto.
    E diffondere l'iniziativa.
    Spero di essere stata chiara. Altrimenti vieni nel mio blog. E clicca dove ci è scritto "chi è Gramos" e troverai tutte le informazioni.
    Grazie per l'interessamento.

    RispondiElimina
  66. Grazie Stella per queste informazioni incredibili. Buona giornata. Francesco

    RispondiElimina
  67. Grazie eclisse di luce,ora provo.

    RispondiElimina
  68. i missionari sono di quelle persone che mi fanno sentire piccola piccola loro con i grandi atti d'amore quotidiano

    RispondiElimina
  69. stellastale sapessi come mi trovo d'accordo con te...!!

    RispondiElimina
  70. Caro francesco sono contenta che tu abbia scoperto questa bella realtà!
    Buona giornata anche a te.

    RispondiElimina
  71. Stella!
    >>se ti capita di non voler camminare, corri...!

    oddio Stella...come mi colpisce...
    mi aiuti molto.
    un bacione.
    ps. anche quello che mi dici su continuare...
    g.

    RispondiElimina
  72. Cara Giovanna,
    mi hai commossa.E' bello pensare che le mie parole possano esserti d'aiuto,perchè il bene che ne trai mi ritorna indietro come un balsamo per la mia anima.
    Grazie Giovanna

    RispondiElimina
  73. Ciao Stella!
    :)
    Infatti se ne parla molto poco..al solito si parla tanto solo delle cose negative della vita!
    Mi pare ci sia questa tendenza!

    Andare a fare volontariato in quelle zone è un mio sogno.
    Vediamo quando sarò in grado di realizzarlo...
    La mia città non mi basta più!

    RispondiElimina
  74. Cara Stella, grazie, ti consiglierei di mettere il link della pagina di Gramos, almeno le persone che cliccano sulla foto, vanno direttamente sulla sua pagina.
    Grazie infinite.

    RispondiElimina
  75. Stella hai il dono di trasmettere il bene agli altri e lo fai naturalmente: sei una persona unica!

    Un abbraccio

    RispondiElimina
  76. Ciao eclisse di luce,non riesco a inserire il meme di Gramos.
    Puoi verificare se l'indirizzo "http://angelirossana.blogspot.com" è quello giusto e farmelo sapere?
    Grazie!

    RispondiElimina
  77. damista mi lusinghi e mi commuovi:sono sempre me stessa!
    Un caldo abbraccio.

    RispondiElimina
  78. Tutti dovremo impegnarci, anche con piccoli gesti a fare del bene..brava Stella per il tuo post. Che sia di riflessione per tutti noi.

    RispondiElimina
  79. Cara guernica,
    sono molto contenta di apprendere che hai deciso di vivere la grande avventura della missione.
    Rispondere alla chiamata è un " dono" del cielo e io ti ammiro molto ; sii fiera di diventare un "inviato speciale " di Dio, come sono definiti i missionari.
    Auguri, ti sono vicino con la mente e con il cuore. Con rispetto ti saluto

    RispondiElimina
  80. grazie Stella ... per essere passata da me! e per questo post.

    un abbraccio Ale:)

    RispondiElimina
  81. Grazie a te Ale,ricambio l'abbraccio!

    RispondiElimina
  82. Grazie streghetta,ti voglio bene!

    RispondiElimina
  83. Ciao Stella un saluto.
    ciao, silvano.

    RispondiElimina
  84. ciao stella.. grazie per essere passata da me,, un saluto. Ci risentiamo lunedì vado via qualche gg al mare,, sperando che il tempo sia migliore

    RispondiElimina
  85. silvano grazie della visita. Ricambio il saluto!

    RispondiElimina
  86. Grazie,angela,ti auguro un sole a palla!Poi mi dirai...

    RispondiElimina
  87. Grazie sei ufficialmente un Corsaro del pensiero benevolo..ricorda non hai vinto niente, ma ti sei impegnata a rispettare in modo coerente, attegiamenti rispettosi, ordinati, linguaggio pulito, ed altro che man mano vi terro' informati. Tranquilla non è un obbligo, mantenere certi attegiamenti e filosofia di vita, ma intanto se si è coerenti serve per creare un mondo migliore........

    RispondiElimina
  88. Tony mi hai commossa...Ho vinto tanto invece .Un bacione vero

    RispondiElimina
  89. Sempre emozionante rileggerti...
    stamattina grazie a Lucio, a te e a tutti gli amici del Bosco ho un cuore leggero... non sembra più di tessuti, muscoli e sangue, ma di sostanza gassosa...

    Siamo in diversi ad avere gli occhi lucidi stamattina... Ciascuno di noi sente il cuore dell'altro al centro del proprio... ed è una sensazione stupenda!

    Ti abbraccio forte forte Stellina bella!

    RispondiElimina
  90. Rita cara è commovente ciò che hai scritto.
    Ti abbraccio.

    RispondiElimina
  91. Cara Stella, grazie mille per le tue parole che non fa altro che prestare la voce a molti aficani che direbbero le stesse cose se avessero la possibilità: ne ho sritto un libro intitolato "Il ritorno del volontario" per rendere omaggio a quelli che ho definito "eroi silenziosi" che prendono in mano le sofferenze della gente - spesso sconosciuta - e cercano di trasformale in amore...
    Come scrissi nel mio libro, è molto più facile dire grazie a chi ti un semplice favore, ma non riesco ancora a trovare le parole giuste per coloro che sacrificano le propri vite o sono pronti a farlo per gli altri che magari non conoscono....
    Grazie!

    RispondiElimina



Grazie del tuo gradito commento.


Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...