22/02/12

75

LA PREPOTENZA REGNA OVUNQUE



Questa frase del post precedente:

" e anche quegli stivali che avevi preso in quella costosa boutique ma che non portavi perché in ufficio una ne aveva un paio uguali..."


ha risvegliato in me un brutto ricordo di quando insegnavo.


Una nostra alunna, tutta sorridente si rivolse alla mia collega, credendo di farle un complimento:

"Maestra che bella borsetta che hai, è uguale a quella di mia zia"


Risposta ferma e dura  dell'  "insegnante":

" Da domani non la metto più".

 Rimasi raggelata e la bambina mortificata,credo, rimase senza parole.

Con questa tipa ho lavorato un ciclo intero, vale a dire ben 5 anni.

Ho sopportato in silenzio la sua  prepotenza, rischiando anche l'esaurimento nervoso, per il bene degli alunni.

75 commenti:

  1. Che tristezza Gianna, certe persone non dovrebbero lavorare a contatto con il pubblico e ancora meno nelle scuole. Le persone prepotenti e forse anche un pò maleducate dovrebbero rinchiudersi in un ufficio da sole e non avere contatti con nessuno...
    Mi spiace per quello che hai dovuto passare a causa di questa tua collega.
    Ti auguro una buona giornata.
    Miky

    RispondiElimina
  2. Ci si dovrebbe chiedere perché alcune persone vogliono apparire, agli occhi degli altri, uniche per ciò che indossano o posseggono, non è che forse la loro personalità è talmente banale e povera che sentono il bisogno di compensare?

    RispondiElimina
  3. Altro che esaurimento!!!! io ho rischiato l'esaurimento con una compagna invece, per i cinque anni di elementari, che con la sua invidia e gelosia non mi dava pace.... non c'è cosa peggiore quando ti capitano accanto persone prepotenti, specialmente se hai un carattere mite e, per abitudine ed educazione, non dai fastidio a nessuno. Ma se rinasco voglio provare a fare la prepotente!!!! che ne dici?
    Bacino

    RispondiElimina
  4. Paola no, non ne saresti capace, con tutta la tua buona volontà!

    Ti rendi conto che in mia assenza cercava di mettermi contro i bambini?

    Ma loro mi raccontavano tutto.

    Terribile.

    RispondiElimina
  5. Penso tu abbia ragione: non ne sarei capace... però se penso a certe cose...e tu, con una tipa del genere hai proprio avuto il tuo bel da fare; penso che se i bambini ti raccontavano tutto, è perché verso di te provavano affetto, mentre per l'altra ai loro occhi non meritava né affetto e tantomeno rispetto.

    RispondiElimina
  6. Brava Sciarada, apparire...cambiava abito firmato ogni giorno e alle riunioni con i genitori sembrava serafica e mite, lasciando la patata bollente a me:
    denunciare i problemi della classe...

    RispondiElimina
  7. sei una grande donna!
    le persone prepotenti proprio non le sopporto, è vero il detto:
    la calma è la virtù dei forti!

    RispondiElimina
  8. Sei mitica sorellina cara!!...condivido con giglio : La calma è la virtù dei forti...ed aggiungo che certe persone è meglio ignorarle.

    Baciotti by Pixia!! :O)

    RispondiElimina
  9. Cara Gianna una antica e vecchia professione c è qualcuno che prova a oscurare qualcosa di grande, quando penso a tante maestre che sono disposte a sacrificarsi per i suoi alunni , tutto questo che succede mi fa veramente male.
    Tomaso

    RispondiElimina
  10. Se fosse successo a me avrei risposto:-Si vede che andiamo tutte e due al mercatino del martedì!
    Io ho resistito 17 anni! Pura follia!!! Ma ora andare a scuola per me è una meraviglia...

    RispondiElimina
  11. Le snob sono ovunque ed anziché far più bello il mondo con il loro presunto "senso estetico", lo ammorbano d'invidie, gelosie e maldicenze...

    RispondiElimina
  12. Gianna, ti prego dimmi, ho il mio blog da due anni, ma non con il successo del tuo. Mi aiuti a capire perchè? Dipende dagli argomenti che tratto, dal modo, dalla veste grafica? Come fai ad avere tanti commenti e followers? E' difficoltoso entrare nel mio e registrarsi? Le mie amiche non riescono? TIRA E ... molla TITTI GRECO
    www.tittig.blogspot.com

    RispondiElimina
  13. Anna Marina dopo, con un collega giovane ed intelligente, è andata a gonfie vele fino al mio pensionamento...

    Se rispondevo, apriti cielo...e poi davanti alla bambina...non era fattibile.

    RispondiElimina
  14. Ciao cara Gianna,che strega questa
    tua ex collega..scusa la mia assenza dal blog,ma purtroppo sono caduta e mi sono fratturata due costole e sedermi al PC è una vera tortura,e purtroppo alla mia eta'ci vuole un mesetto per la guarigione.un caro abbraccio nonna gianna.

    RispondiElimina
  15. Gianna 'ste tipe girano in ogni ambiente...a scuola sono un vero guaio però. Io son sempre stata fortunata con le colleghe: gente seria e in gamba...tranne una poveretta vicina alla pensione (solo per due anni ma fu dura) che era letteralmente "scoppiata". Che brutta faccenda...in questi casi si dovrebbe poter fare di più anche da parte dei dirigenti che spesso hanno le mani legate...

    RispondiElimina
  16. La prepotenza spesso regna sovrana, è una tristezza lo so!!!
    Buon pomeriggio cara!

    RispondiElimina
  17. Leggo ora il racconto sotto Gianna, troppo bello ! e quello di oggi ... che fare ?? riderci sopra, anche se a volte è difficile.. anche nel mio ufficio ci sono persone così..:) un bacio

    RispondiElimina
  18. Cara Titti, alla tua domanda ti rispondo con un commento di una mia lettric e tanti altri simili puoi trovarli al post "Il mio blog".

    "Perché passo da te? a volte me lo chiedo anche io ;-)
    più seriamente:
    - perché non sei la solita ragazzina saccente (i giovani bloggano molto e spesso senza contenuti)
    - perché mi interessa il punto di vista di una persona con un bel po' di esperienza alle spalle
    - perchè mi sembri limpida
    - perché scrivi quello che pensi senza voler per forza provocare, senza cercare la rissa o il consenso
    - perché scrivi in un buon italiano (dote troppo spesso rara)
    - perché mi affascina il consenso che hai creato intorno a te, e direi che non l'hai neppure cercato
    - perché ci hai messo la faccia, cosa abbastanza rara.
    - perché è così folle fare dei post sul numero di scarpe che chi li scrive merita di essere seguito ;-)

    RispondiElimina
  19. Perché il tuo blog è così seguito? per me è semplice : sei una persona che sa dare e lo si capisce perfettamente! i tuoi post sono vari e piacevolissimi.. spesso ci invitano a riflettere , a confrontare idee e opinioni..e ci fai anche divertire con simpatiche storielle e altrettanto simpatici giochi... cosa si può cercare di più? per non parlare del tuo fare così amichevole e il tuo sorriso con cui ci accogli..
    Ti seguo dal 2008, e ancora ti seguirò..da sorellina a sorellina. Un bacione con lo schiocco!

    RispondiElimina
  20. http://stella-ilbeneinnoi.blogspot.com/2011/02/il-mio-blog.html

    RispondiElimina
  21. Che cosa terribile!
    Ancora nel mondo esiste gente che non ha cuore :(

    RispondiElimina
  22. eh,si,cara Gianna....sopportare le persone moleste..credo che solo la tua fede ed animo cristallino,ti abbiano dato la forza di farlo..un bacione,cara!!!

    RispondiElimina
  23. Ciao Miky, hai perfettamente ragione.
    Un bacione.

    RispondiElimina
  24. Cara Adriana, al peggio non c'è limite...

    RispondiElimina
  25. Cara Cristiana, non potevi definirla meglio.

    RispondiElimina
  26. Cara Giglio, hai usato esattamente le parole che mi rivolge mio figlio.
    Abbraccio.

    RispondiElimina
  27. Pixia, non potevo - purtroppo - ignorarla, eravamo entrambe sulla stessa classe.

    RispondiElimina
  28. Caro Tomaso, l'invidia è brutta tanto quanto la prepotenza.
    Acqua passata!
    A presto.

    RispondiElimina
  29. Valentina, ebbene sì è proprio così.

    RispondiElimina
  30. Cara Gianna mi dispiace molto per la caduta e le brutte conseguenze.
    Colpa delle strade ghiacciate?
    Abbi cura di te.
    Ti abbraccio dolcemente.

    RispondiElimina
  31. Sandra, hai compreso perfettamente.
    Sono stati cinque anni veramente duri.

    RispondiElimina
  32. Viola, pazienza e tanta sopportazione finchè non si esplode...
    Baci.

    RispondiElimina
  33. Cara Desirè, stai alla larga da chi è insensibile.
    Un bacio.

    RispondiElimina
  34. Cara Eli, sarò stata aiutata anche da Qualcuno.
    Baci.

    RispondiElimina
  35. Cara Paola, effettivamente i bambini erano più legati a me che alla collega...ci sarà pure stato un motivo.
    Baci baci.

    RispondiElimina
  36. Oltre ad essere prepotente e snob è anche molto superficiale

    RispondiElimina
  37. Trillina, si credeva pure una scrittrice.

    RispondiElimina
  38. Ma via...se qualche collega ha qualcosa uguale al mio, perché non dovrei metterlo? Mah...ciao, Arianna!

    RispondiElimina
  39. Perchè non avresti l'esclusiva, Arianna.

    RispondiElimina
  40. E' incredibile come certa gente possa essere dura, arrogante e assolutamente priva di tatto e delle elementari norme di comportamento.
    In più, se questa persona lavora a contatto con dei bambini....pazzesco!!!

    Baciii
    Cri&Anna

    RispondiElimina
  41. Il mondo è bello perchè varia....che vuoi farci? bisogna prenderla come viene.....ciao

    RispondiElimina
  42. di queste persone...meglio perderle che trovarle!

    RispondiElimina
  43. cara gianna tranne a qualcuno che merita come te.......per il resto purtroppo a queste persone viene dato il posto fisso che sia nelle scuole o altrove!!!! se fossi io il capo di una persona così la licenzierei in tronco senza farla fiatare!!!!


    scusa il mio sfogo ma queste persone ci sono ovunque e purtroppo anche peggio!!!

    ciao cara un abbraccio felice giornata!!! :)

    RispondiElimina
  44. Confermo, pazzesco Cri e Anna.

    RispondiElimina
  45. Simo...c'è responsabilità nell'insegnamento, si ha a che fare con materiale vivo e non con scartoffie...

    RispondiElimina
  46. Lu, ma non potevo disfarmene...

    RispondiElimina
  47. Sono senza parole... ma come si fa?
    Questa maestra avrebbe bisogno di serie e severe lezioni di umanità...
    Un abbraccio

    RispondiElimina
  48. Dopo questo post, mi sento più leggera.

    La sogno ancora di notte, dopo vent'anni.

    RispondiElimina
  49. sì, persone così sono dure da sopportare.
    quei 5 anni devono essere state lunghissimi!
    per fortuna che è passato, non vale nemmeno la pena di pensarci

    RispondiElimina
  50. Non ho parole,che persona orribile,per fortuna che i bimbi avevano te,ciao cara Gianna.

    RispondiElimina
  51. ciao..ha ragione achab..meno male che i bambini avevano te....
    ciao..un sorriso..luigina

    RispondiElimina
  52. Che tristezza, e ce ne sono tante così! Bisogna corazzarsi, ma non è facile...

    RispondiElimina
  53. ciao
    buongiorno
    bellisimo blog

    http://laracroft3.skynetblogs.be http://lunatic.skynetblogs.be

    RispondiElimina
  54. Difficile far modificare atteggiamenti radicati come quello, ma di sicuro la società non fa molto in tale direzione!

    RispondiElimina
  55. Pupottina io non ci penso, ma evidentemente non ho digerito ancora la cosa perchè in sogno mi capita ancora di vederla...

    RispondiElimina
  56. Ciao Lui, ancora complimenti per la bella poesia.

    RispondiElimina
  57. Anche il tuo, Lalique.

    Benvenuta!

    RispondiElimina
  58. Non c'è niente da fare per tipe così, caro Adriano.

    RispondiElimina
  59. Persono coì non dovrebbero lavorare con i bambini...

    RispondiElimina
  60. naaaa! non val la pena di farsi venire l'esaurimento x gente di quel...basso spessore...
    ciao!

    RispondiElimina
  61. Signora in rosso, sapeva mascherare molto bene la sua cattiveria.

    RispondiElimina
  62. Cara Nonna papera, era difficile da realizzare quando si deve lavorare insieme per diverse ore al giorno, era un tempo pieno.
    Buona serata.

    RispondiElimina
  63. Beh io, cercando di mantenere un certo aplomb, le avrei detto: LEI e sottolineo il LEI... signora la vaga a da via i ciapet.
    Se serve faccio pure il disegno ahah
    Baciotto
    buon fine settimana
    enrico

    RispondiElimina



Grazie del tuo gradito commento.


Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...