17/08/10

48

LA FORMICA



Tutti i giorni, molto presto, arrivava in ufficio la Formica produttiva e felice.

Là trascorreva i suoi giorni, lavorando e canticchiando una vecchia canzone d'amore.

La formica era produttiva e felice ma, ahimè, non era supervisionata.
Il Calabrone,gestore generale, considerò la cosa impossibile e creò il posto di supervisore, per il quale assunsero uno Scarafaggio con molta esperienza.
La prima preoccupazione dello Scarafaggio fu di standardizzare l'ora di entrata e di uscita e preparò pure dei bellissimi report.

Ben presto fu necessaria una segretaria per aiutare a preparare i report, e quindi assunsero una Ragnetta, che organizzò gli archivi e si occupò del telefono.E intanto, la formica produttiva e felice lavorava e lavorava. Il Calabrone gestore generale era incantato dai report dello Scarafaggio supervisore, e così finì col chiedere anche quadri comparativi e grafici, indicatori di gestione ed analisi delle tendenze.

Fu quindi necessario assumere una Mosca aiutante del supervisore e fu necessario un nuovo computer con stampante a colori.


Ben presto la Formica produttiva e felice smise di canticchiare le sue melodie e cominciò a lamentarsi di tutto il movimento di carte che c'era da fare.

Il Calabrone gestore generale, pertanto, concluse che era il momento di adottare delle misure: crearono la posizione di gestore dell'area dove lavorava la Formica produttiva e felice.
L'incarico fu dato ad una Cicala, che mise la moquette nel suo ufficio e fece comprare una poltrona speciale. Il nuovo gestore di area - chiaro - ebbe bisogno di un nuovo computer e quando si ha più di un computer è necessaria una Intranet.
Il nuovo gestore ben presto ebbe bisogno di un assistente (si chiamava Remora, era stato già suo aiutante nell'impresa dove aveva lavorato in precedenza), che l'aiutasse a preparare il piano strategico e il budget per l'area dove lavorava la Formica produttiva e felice.


La Formica non canticchiava più ed ogni giorno si faceva più irascibile. "Dovremo commissionare uno studio sull'ambiente lavorativo, un giorno di questi", disse la Cicala.

Ma un giorno il gestore generale, al rivedere le cifre, si rese conto che l'unità, nella quale lavorava la Formica produttiva e felice, non rendeva più tanto.
E così contattò il Gufo, prestigioso consulente, perché facesse una diagnosi della situazione.
Il Gufo rimase tre mesi negli uffici ed emise un cervellotico report di vari volumi e, soprattutto, di vari milioni di euro, che concludeva: "C'è troppa gente in questo ufficio."

E così il gestore generale seguì il consiglio del consulente e licenziò la Formica incazzata, che prima era produttiva e felice.

Morale:

Non ti venga mai in mente di essere una Formica produttiva e felice.

E' preferibile essere inutile e incompetente.
Gli incompetenti non hanno bisogno di supervisori, tutti lo sanno.

Se, nonostante tutto, sei produttivo, non dimostrare mai che sei felice. Non te lo perdoneranno. Inventati ogni tanto qualche disgrazia, cosa che genera compassione.

Però, se nonostante tutto, ti impegni ad essere una Formica produttiva e felice, mettiti in proprio, almeno non vivranno sulle tue spalle calabroni, scarafaggi, ragnetti, mosche, cicale, remore e gufi.

Non condivido la morale

A mio avviso, bisognerebbe essere sempre produttivi e felici, al di là di tutto.

48 commenti:

  1. anch'io la penso come te, ma gli uffici, soprattutto quelli pubblici, sono pieni di gente che occupa solo la poltrona! per la burocrazia, invece, anche il mondo della scuola non scherza!
    buona giornata con un forte abbraccio

    RispondiElimina
  2. Ciao Stella
    Condivido in pieno la tua affermazione ... al di là di tutto, ciò che conta davvero è in noi... e nella nostra capacità di capire il mondo circostante ... cercando di non farsi mai amareggiare e rovinare dalle negatività

    RispondiElimina
  3. Per completezza ...
    è buona regola anche imparare ad incassare i colpi ...

    RispondiElimina
  4. Solo 10 minuti di tempo questa mattina: non potevo non passare!
    La penso come te Stella: fare il proprio lavoro e farlo bene, con un pizzico di passione e di amore per sè e per gli altri.
    Buona giornata.

    RispondiElimina
  5. Stellina cara il giorno d'oggi nessuno puo essere felice anche se molto produttivo xchè più fai più vogliono e se ti ammali nn ti credono e ti rendono la vita difficile...:(...cmq se si fa 1 lavoro cn passione e piace forse nn ci si fa caso.1 forte abbraccio e buona giornata...smack

    RispondiElimina
  6. Cara Raggio, la burocrazia sta rovinando tutto,coinvolgendo anche chi svolge il proprio lavoro con passione e serietà.
    Buona giornata.

    RispondiElimina
  7. Caro Paolo , è quello che facevo quando lavoravo.
    Grazie della condivisione.

    RispondiElimina
  8. Ciao Stella,io la penso come te.Bisogna fare tesoro dell'esperienza aquisita che nessuno mai potrà toglierci.Ti auguro una buona giornata,saluti a presto

    RispondiElimina
  9. Quando in noi c'è il seme della formica nennun ostacolo lo può fermare.
    Sono con te cara Stella il 100%.
    Buona giornata con il mio abbraccio forte,
    Tomaso

    RispondiElimina
  10. Sandra sì, soprattutto per se stessi.

    RispondiElimina
  11. Sono della tua idea, neanch'io condivido la morale.
    Baci

    RispondiElimina
  12. Buona giornata Stella!! È incredibile come riesca a illuminare le menti della gente anche di mattina... :D

    Ah! Quando ho letto la morale sono saltata dalla sedia!!! È proprio diseducativa.... o.o

    Sono pienamente d'accordo con te!

    RispondiElimina
  13. Sono d'accordo anch'io; ma spesso essere formiche ci procura "calpestamenti"vari: a volte riusciamo a scuoterci la terra di dosso e a continuare ad essere produttivi, nonostante tutto... ma c'è anche quando ti calpestano moralmente e a quel punto non è sempre facile riemergere ed essere comunque felici nel lavoro.Ciao , buona giornata "formichina"^___^

    RispondiElimina
  14. ciaoo Stella...credo che la pensiamo tutti allo stesso modo...ma se devo aggiungere qualcosa, credo che sia vero, che oggi, manifestare la propria felicità, il proprio star bene, è controproducente.
    A volte dire che hai qualche problema..allontani invidie e maldicenze...ma si deve essere di carattere così.
    Io non ce la farei mai.
    Per farla breve, quelli che si lamentano alla lunga hanno privilegi, quelli che fanno il loro dovere, e magari di più...è sempre tutto normale e scontato.
    ciaoooooooooooooo

    RispondiElimina
  15. buongiorno Stella!
    Sarebbe bello essere sempre produttivi e felici,spesso non capita così,ma questo lo sappiamo è la vita!
    bacioni
    Lu

    RispondiElimina
  16. Mi immedesimo nella cicala è quella che mi sta più simpatica. Buon pomeriggio Stellina. Bacio

    RispondiElimina
  17. Se è vero che il lavoro nobilita l'uomo è anche vero che ognuno dovrebbe fare il suo con amore!E' vero che ci sono delle situazioni in cui uno si trova male...ma penso che tutti dovrebbero lavorare con l'impegno dovuto....tante cose andrebbero meglio!!!Ciao Stellina e grazie per le tue belle parole!!!!Bacioni Liza.

    RispondiElimina
  18. Io mi sento un po' una formica produttiva e felice e questa è la mia natura, non sono d'accordo con la morale perchè adeguarsi a quel pensiero significa lasciare tutto così com'è, significa che la meritocrazia non ha senso di esistere, però mi rendo conto che le cose funzionano proprio a quel modo in tanti ambienti di lavoro e la cosa è di una tristezza unica. La cosa che più mi sconvolge è che una persona felice suscita invidie, gelosie e questo fa innescare dei meccanismi perversi per cui a quella persona spesso vengono messi i bastoni tra le ruote. L'invidia è davvero pericolosa e insana.
    E' bello sapere che siamo in tanti a pensarla come te!
    Sabrina
    Sabrina&Luca

    RispondiElimina
  19. Novelina, è vero ciò che affermi.
    Bacio.

    RispondiElimina
  20. Cavaliere, l'esperienza è impagabile, la si fa sulle proprie spalle!

    Educare e vegliare 34 maschietti giorno e notte per 5 lunghi anni, quelli della giovinezza, ti garantisco che per me è stato massacrante, ma utilissimo per la mia carriera scolastica.

    RispondiElimina
  21. Stella, oggi niente indovinelli? :P :D

    RispondiElimina
  22. Tomaso carissimo, non avevo dubbi sul tuo pensiero.

    RispondiElimina
  23. Mary, non saresti la mia gemellina...

    RispondiElimina
  24. Izzy, mi è stato detto di postare un altro indovinello tra otto giorni ed io ubbidisco!
    No ho pronti già due!

    RispondiElimina
  25. Paola hai colto molto bene il nocciolo della questione.
    Io ne so qualcosa sia in campo lavorativo, una collega che cercava di mettermi contro i bambini, sia in altri ambiti...
    Ho sempre tenuto duro, ma la salute ci rimette.
    La formichina ti augura una lietissima giornata.

    RispondiElimina
  26. Carla, condivido le tue considerazioni!

    RispondiElimina
  27. Lu d'accordo, ma lavorare con professionalità sempre.

    RispondiElimina
  28. Fenice, la cicala è felice, ma non produce, pensando alla favola.

    RispondiElimina
  29. Lo so, lo so Stella. Era solo per non dover non nominarli anche oggi!!! ;) :D

    Almeno posso essere sicura di non perderne neanche uno quando sarò assente! :)

    Buon pomeriggio Stella!

    RispondiElimina
  30. Sabrina verissimo, l'invidia è una brutta bestia!

    E per non farti commiserare, devi sempre dire che tutto va bene...

    RispondiElimina
  31. Izzy, avvertimi il giorno prima del tuo ritorno, mi raccomando...

    RispondiElimina
  32. HAi visto STELLA LA TUA CREATIVITA' ha contagiato la MIA creatività!!!!!Sei forte ,il tuo buonumore mi ha contagiataaaaaa!!!!!Dolce sera,dolce STELLA!!!!Liza.

    RispondiElimina
  33. Ed io condivido pienamente la tua opposizione,è proprio come dici tu,si dovrebbe essere sempre produttivi e fieri del proprio operato,io lo considero una sorta di debito nei confronti della vita stessa.Tu Stella sei meravigliosa,questi articoli che trattano tanti temi,dai più freschi ed irresistibili a quelli più impegnati ed importanti,rappresentano un grande tesoro per noi.. tuoi lettori ed amici affezionatissimi!!Un fortissimo abbraccio,ho tanto piacere di augurarti una dolcissima sera,ciao splendida Stella! :) <3

    RispondiElimina
  34. Cara Formichina, pardon" Stellina, e' vera la tua storia, alla fine chi viene penalizzato? Ma chi produce!
    Sai la cosa che piu' mi manda in bestia, quando dai un consiglio e non ti prendono in considerazione finche' non ci sbattono il muso e ti dicono : Avevi ragione! Sai io mi occupo di tutto e mettendoci impegno sul lavoro, alla fine i risultati li notano tutti, pero' ti caricano di cose che dovrebbero fare loro.
    Ti saluto o saggia Formica allegra.
    gaetano
    P.S. Sai come fini' la favola moderna di La Fontain circa La Formica e la Cicala? La Cicala compose un Album di canti ed ebbe un gran successo e la formica si adiro' che si era ammazzata di lavoro per stare in una tana con i viveri che possono ammuffire mentre la Cicala va a trascorrere l'inverno ai Caraibi nei migliori locali.

    RispondiElimina
  35. ...e non può nemmeno andare a manifestare a Roma, la povera formica, perchè vogliono tassare anche questo!
    Io, comunque voglio essere formica attiva e felice, poi sarà quel che sarà!

    RispondiElimina
  36. Stella buongiorno! Ricambio la tua visita. Ho letto il post della formica, ma non tutti i commenti. Spero di non ripetere un pensiero già espresso.

    Ogni mattina andiamo al lavoro sapendo che opereremo con diligenza e ci appassioneremo per ogni piccola novità. Per qualunque cosa accada intorno a noi la riposta sarà una sola: un modesto e sincero sorriso.

    A nessuno verrà in mente di metterci un supervisore.

    RispondiElimina
  37. buon mercoledi,Stella^;^ la penso esattamnete come te!!essere se stessi sempre, esalta la nostra personalita' e preserva la dignita'...dare sempre il meglio di se',onora l'uomo e lo rende migliore,secondo me..e poi,mi annoiano le persone che si lagnano a prescindere,specialmente se stanno meglio di me...e soprattutto se lo fanno,per ricevere commiserazione...ma di che???c'è un proverbio napoletano che dice:
    "CHI CHIAGN,FOTT A CHI RIDE..."traduco:
    chi si lamenta,prende in giro
    chi si contenta con poco...w la formica!!bacioni

    RispondiElimina
  38. Ciao Stella, una meravigliosa metafora che rappresenta bene i tempi di oggi, dove il merito viene trascurato rispetto all'apparenza e dove la superficialità impera davanti all'impegno. Io sono una sostenitrice del sorriso e della "leggerezza" ( non superficialità") per affrontare i problemi in generale e anche quelli lavorativi, ma vedo tanta gente intorno a me che fa una gran fatica condizionandosi l'esistenza.

    RispondiElimina
  39. Liza, ci siamo contagiate vicendevolmente!

    RispondiElimina
  40. Cara Shiri è un modo per riflettere insieme.

    RispondiElimina
  41. Gaetano è vero si è penalizzati, ma almeno si sta bene con se stessi.

    Ilare il finale della favola moderna.
    Mi strappi sempre un sorriso...

    RispondiElimina
  42. mammaMarina, mancava pure la tassa per chi manifesta...pazzesco!

    RispondiElimina
  43. Davide,benvenuto!

    Non penso che sia sufficiente un modesto e sincero sorriso...
    Ti invito a leggere gli altri commenti, per non ripetermi.

    RispondiElimina
  44. Elisabetta pienamente d'accordo con te, ne vale giustamente anche della dignità personale.

    I proverbi napoletani sono superbi!

    RispondiElimina
  45. Purtroppo hai ragione, sciarada.

    RispondiElimina



Grazie del tuo gradito commento.


Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...