24/07/10

32

SIAMO TUTTI IMPORTANTI


C'è uno studente iscritto da qualche mese alla facoltà di medicina intento nella compilazione di un difficile questionario. Essendo un ottimo studente risponde prontamente a tutte le domande fino a quando giunge all'ultima, che diceva all'incirca così:

"Qual è il nome di battesimo della donna delle pulizie della scuola?"

Lo studente, leggermente sorpreso, pensò che si trattasse di uno scherzo.
Aveva visto quella donna molte volte: era alta, capelli scuri, avrà avuto i suoi cinquant'anni, ma lui non conosceva assolutamente il suo nome di battesimo
Consegna il suo test lasciando questa risposta in bianco e, poco prima che finisse la lezione, un altro studente domanda al professore se l'ultima domanda del test avrebbe contato ai fini del voto.
"E' chiaro!, risponde il professore. "Nella vostra carriera voi incontrerete molte persone. Hanno tutte il loro grado d'importanza. Esse meritano la vostra attenzione, anche con un sorriso o un semplice ciao".
Lo studente non dimenticò mai questa lezione ed imparò che il nome di battesimo della loro donna delle pulizie era Marianna.

32 commenti:

  1. Buongiorno stellina!
    Quello studente diverrà un bravo medico, perchè si è reso conto che avrà a che fare con delle persone e non con dei numeri...come purtroppo avviene in alcune situazioni!
    Buon sabato con un bacione.

    RispondiElimina
  2. Questo racconto sembra una parabola...
    è perfettamente giusto tutti siamo importanti!
    Prova ha togliere un insignificante piccolo quasi invisibile ingranaggio da un orologio tene accorgerai che si ferma allistante...
    Buona giornata a te cara Stella, spero che a Torino non sia freddo come qui...
    14 gradi, Tomaso

    RispondiElimina
  3. Sirio anche l'insegnante è stato in gamba a formulare quella domanda.
    Buon sabato a te!

    RispondiElimina
  4. Tomaso, congratulazioni per l'esempio che hai portato.

    Qui a Torino oggi è una splendida giornata, tiepida e senza afa.

    Preferisco 14 gradi, piuttosto che 34!

    RispondiElimina
  5. Ottima lezione di vita!!
    Anche nel nostro piccolo, quando ci suona il campanello, diciamo "è il postino" non diciamo è Fabiana (la mia è una donna, bella, bionda, simpatica, 35 anni ma sembra una ragazzina e single, una ragazza così genuina credo metta paura ai ragazzi di oggi). Ho divagato un pò solo perchè ci siamo incontrate proprio adesso sul cancello di casa.

    RispondiElimina
  6. Mary hai fatto benissimo, è inerente al post ciò che hai raccontato ed è tutto vero.

    RispondiElimina
  7. E' vero, tutti hanno la loro importanza, e avere un sorriso o una buona parola per tutti, non costa molto e fa bene alla vita di ognuno.
    Buona giornata ^___^

    RispondiElimina
  8. Ciao Stella,

    una storia estremamente educativa che ho letto con piacere !
    Facciamo parte di un grande puzzle in cui ognuno ha il suo ruolo .
    Grazie per questa lezione di vita !

    Un abbraccio e ..buona estate anche a te ♥

    RispondiElimina
  9. In una società dove conta più il fare che l'essere non mi sorprende che il ragazzo non conoscesse il nome della donna delle pulizie...
    In ogni modo bella lezione ha ricevuto e meno male...
    Buona e santa domenica mia cara!!!

    RispondiElimina
  10. Questa essenziale lezione di vita, dovrebbe essere imparata da molti che non conoscono il rispetto per chi, meno fortunatamente di altri, fa lavori apparentemente meno interessanti. meno gratificanti e meno retribuiti Ma se andiamo a soppesare , ci rendiamo conto che anche il lavoro più uminle, è , in realtà, importantissimo e indispensabile per l'equilibrio della società. Ognuno di noi conta in egual misura e dvoremmo imparare a rispettarci e a considerarci tutti esseri umani, cosa che, purtroppo, qualcuno non ha ancora capito e continua, imperterrito, a fare ciò che vuole pensando solo a se se stesso, calpestando quello che per lui/lei non conta.
    "Rispetta gli altri se vuoi essere ripsettato".....

    Un abbraccio e buona fine settimana, Stella

    Cri

    RispondiElimina
  11. ciao stella...bello il post di oggi!
    Baci Lu

    RispondiElimina
  12. Bella storia Stella. Sai che io ho una fissa: mi dà fastidio quando gli alunni danno del "tu" ai collaboratori scolastici o li chiamano "bidello/a". Li richiamo subito e dico loro che devono dire Signora, Lei... Quando glielo dici una volta non "sbagliano" più! Baci

    RispondiElimina
  13. Ciao Stella, come sempre condividi con noi belle storie.
    Buon week-end :-)

    RispondiElimina
  14. Bella lezione di umiltà e sul valore dei ruoli occupati nella vita indipendentemente da etichette più o meno prestigiose assegnate socialmente - della serie tutti siamo importanti e utili! In conclusione potrei citare un recente slogan pubblicitario : perchè io valgo!...ovviamente esteso a tutti-

    RispondiElimina
  15. Stela lindo post, amei! Bom fim de semana, até depois.
    Beijod

    RispondiElimina
  16. Alessandra, tutti siamo utili, infatti!

    RispondiElimina
  17. Marina, per fortuna, c'è sempre chi ci corregge.

    RispondiElimina
  18. Cri, grazie, commento più che esauriente!

    RispondiElimina
  19. bravissimo insegnante...lo studente lo ricorderà con piacere.
    bel post.
    ciao a presto
    Dany

    RispondiElimina
  20. Idea non è una fissa, ma rispetto.

    Al ristorante, mi dà fastidio quando danno del tu al camariere e l'apostrofano con ehi...!

    RispondiElimina
  21. Grazie Elzina, buona settimana a te!

    RispondiElimina
  22. Cara Stella, leggendo tutti i commenti, vedo che tutti hanno detto cose essenziali e giuste, non mi resta che ringraziarti per averlo postato, perche' se di questi argomenti non se ne parla, restano sconosciuti e non viene portato all'attenzione dei giovani che non conoscono le buone maniere.
    Un dolce saluto da gaetano.

    RispondiElimina
  23. Grazie Gaetano, dolce notte e fa' il bravo!

    RispondiElimina
  24. Grazie Stella,

    questa storia la metto in cornice e l'appendo in ufficio, le persone hanno tutte la loro dignità e meritano considerazione indipendentemente dal tipo di attività che svolgono.

    Felice domenica a te.

    Gabriella

    RispondiElimina
  25. Gabriella la signora delle pulizie della mia camera d'albergo mi chiese di darle del tu, le risposi : se me lo dai anche tu.

    RispondiElimina
  26. una bella lezione di vita, da elogiare e da mettere in pratica, sempre...

    RispondiElimina
  27. Raggio, non avevo dubbi su di te.

    RispondiElimina



Grazie del tuo gradito commento.


Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...