28/07/11

34

L'acqua si chiede, il vino si offre

Ho ricevuto un simpatico fascicoletto da Frate Indovino:" Il mondo del vino tra sorrisi e cose serie"
E siccome ai pasti mi piace sorseggiare vino, rigorosamente rosso,l'ho letto con avidità!
La poesia che segue mi piace assai.



34 commenti:

  1. Sono sempre saggi i consigli di Frate indovino, e poi leggerli è davvero piacevole.
    Un abbraccio Daniela.

    RispondiElimina
  2. Quanta saggezza Frate indovino ed allora da questa sera berrò un sorso di vino rigorosamente rosso
    Ciao cara e un brindisi!

    RispondiElimina
  3. non bevo vino, nè rosso nè bianco, nonostante mio marito ne produca di ottima qualità... detesto persino l'odore! mi privo, dunque, di tutti i benefici di questa bevanda, preferisco un bicchiere d'acqua fresca! ciao!

    RispondiElimina
  4. Come dice il proverbio "con bacco,tabacco e venere non tocca esagerare",un segreto per una buona longevità e qualità di vita.

    Su Vendola che dire,fino a ieri lo potevamo considerare la più interessante novità nel panorama politico,ma una coalizione è un gioco di squadra,e se i componenti non sono diffusamente validi,anzi da ciò che sta emergendo pessimi,le voglie e gli interessi passano.

    Ciao

    RispondiElimina
  5. Frate Indovino è unico!!!
    NOn bevo vino rosso..accidenti. ciaoo Gianna

    RispondiElimina
  6. W i suggerimenti di frate Indovino, e...urrà al vino rosso!
    Come te cara Gianna, anche a me sulla tavola non manca mai, naturalmente rosso.
    Anche Giuseppe Verdi,nella sua Traviata ha inneggiato al vino con il celebre "brindisi", per i cantanti solisti e il coro.

    P.S. Complimenti per la nuova intestazione,hai scelto un'immagine decisamente "spumeggiante" !

    Un bacione.

    RispondiElimina
  7. Ciao Gianna, anche a me piace gustare un buon bicchiere di vino durante il pasto. Il medico mi consigliò di farlo anni fa quando avevo sempre la pressione bassa, si dice che aiuti. Delizioso Frate Indovino,un saluto cordiale. Magu

    RispondiElimina
  8. Anche io gradisco un buon bicchiere di vino ai pasti, mi piacciono i rosati e il mitico primitivo delle mie parti.
    Tutte belle le perle di saggezza sul vino di Frate indovino.
    In particolare le parole del Siracide, che è un libro della Bibbia che contiene appunto la saggezza del popolo d'Israele. Per questo ti piace... è parola di Dio!!!
    ciao un caro abbraccio!!!

    RispondiElimina
  9. Gianna, credo che il mio dottore abbia letto quello che tu hai pubblicato. Ti tolgo subito un dubbio non sono un alcoolizzato, né un ubriacone, ma amo il buon vino. Comunque è vero che un bicchiere di vino rosso al giorno fa molto bene. Povero vino bianco (sopprattutto il Prosecco di Treviso).
    PS - Per Sirio: il brindisi della Traviata dice "Viva il vino spumeggiante...." quindi se non era Lambrusco, doveva essere ... Proseccooooo. (lol)

    RispondiElimina
  10. Cara gianna, il vino e' Divino, non per caso Gesu' lo ha scelto per celebrare il Suo sacrificio, quando sull'altare il sacerdote versa il vino nel Calice e poi aggiunge un po' d'acqua, lui dice: L'acqua unita al vino e' segno della nostra natura umana con quella Divina!
    Ti diro' a me piace bere un bicchier di vino, ma negli ultimi anni, mio suocero ( con cui dividiamo la casa), facevamo ed ora compra il vino, ebbene lui travasa mette in bottiglie, ed alla fine risulta col gusto di aceto ed a me non va' come gusto, lui lo beve ed io ho perso l'abitudine. (Sai che se bevo il bianco anche se di ottima qualita', mi fa star male.
    Ti abbraccio proponendoti un brindisi tu col vino io con l'acqua.
    gaetano

    RispondiElimina
  11. Cara Gianna vorrei correggere Ivo, si dice che Bacco, Tabacco e Venere riducono l'uomo in cenere, ma con moderazione non si rovina nessuno, io una volta dissi che l'uomo e' come il vino, se e' di qualita' buona, invecchiando si sublima, potendo diventare anche un buon Brandy, ma se e' gia' scadente gia' da giovane, diventa aceto ed a volte non e' buono nemmeno per l'insalata.
    Ti riabbraccio.
    P.S. Bella foto che hai messo sul blog.
    gaetano

    RispondiElimina
  12. Oh, quanti calendari di Frate Indovino ho visto nella mia vita! :)))

    RispondiElimina
  13. Saresti in cattiva compagnia, io bevo pochissimo, qualche goccio di vino con il dolce...... cosa mi perdo!
    Buona giornata!

    RispondiElimina
  14. parole vere,cara Gianna!!come in tutte le cose,la moderazione,è sempre l'unica consigliera da seguire!!!io mi concedo solo a pranzo mezzo bicchiere di vino(mi piace quello bianco)ma l'estate niente..il caldo mi spezza le forze ed il vino farebbe peggio...felice giornata ed un bacio,carissima!!^;*

    p.s sei proprio carina,nella foto della home page ed il panorama dietro di te,è altrettanto affascinante!!!:-*

    RispondiElimina
  15. Raggio...anche bere acqua fa molto bene.

    RispondiElimina
  16. Che peccato, Carla!
    Non sai cosa ti perdi, soprattutto durante lauti pasti.

    RispondiElimina
  17. complimentissimi per la foto dell'intestazione, trasmette felicità! buona giornata!

    RispondiElimina
  18. Magu ed io avevo cominciato per la stessa ragione...fa bene anche in menopausa.

    RispondiElimina
  19. Caro Elio, concordo.
    L'importante è non esagerare, a me per esempio gli spumanti e i vini bianchi in genere non piacciono.
    Il vino rosso, invece, è indicato anche alle donne in menopausa.

    RispondiElimina
  20. Caro Gaetano, anch'io non berrei il vino che sa di aceto, poco ma buono.
    L'aceto, quello buono, lasciamolo per le insalate.
    Cin cin, alla nostra salute.

    RispondiElimina
  21. Adriano, anche con i calendari di frate Indovino si impara molto.

    RispondiElimina
  22. Mary, con me nono perderesti proprio niente...basterebbe una piccola distrazione da parte tua che...

    RispondiElimina
  23. Cara Eli, io invece non riesco a bere quallo bianco anche mangiando il pesce.
    Grazie per gli apprezzamenti personali sulla foto dell'intestazione.
    Un abbraccio affettuosissimo.

    RispondiElimina
  24. Raggio, è un sorriso per tutti voi.

    RispondiElimina
  25. Ciao Elio, grazie per avermi citato nel tuo commento!
    Certamente Mascagni, da buon toscano qual era, quando musicò "viva il vino spumeggiante" (Cavalleria Rusticana)
    aveva in mente il Lambrusco o il Chianti, non ci è dato saperlo...sta di fatto che il brano è uno dei cavalli di battaglia dei tenori nostrani.
    Buona serata!

    Ciao Gianna, un bacione!

    RispondiElimina
  26. Gianna, scusa se mi rivolgo a Sirio approfittando del tuo blog.
    Sirio, hai ragione e si vede che sto diventando vecchio. Si tratta effettivamente della Cavalleria Rusticana e non della Traviata. Ho confuso Turiddu con Alfredo e dovrei andarmi a nascondere. Come vedi faccio pubblica ammenda e per farmi perdonare vengo a vedere i tuoi blog ed inscrivermi come follower. Un cordiale saluto

    RispondiElimina
  27. Sirio ed Elio, tra intenditori vi capite, e, tra acqua e vino, è nata una nuova amicizia.

    Che bello!

    RispondiElimina
  28. Ciao Gianna. Ti ringrazio per la visita al mio blog e per esserti aggiunta ai lettori. Questo tuo post mi ha fatto ritornare indietro nel tempo quando, da bambino, divoravo letteralmente il calendario di frate indovino, affascinato dalle tante cose nuove che scoprivo nel leggerlo.Verrò spesso a trovarti.
    Roberto

    RispondiElimina
  29. Grazie Roberto, allora siamo quasi coetanei...

    RispondiElimina



Grazie del tuo gradito commento.


Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...