16/03/10

38

SENZA AMORE NON C'E' VITA , SENZA VITA C'E' AMORE



Ci deve morire un figlio per capire qual è la vera felicità nella vita ?

A Pino e a Conci è successo l'irreparabile.

Il loro unico, amatissimo figlio è stato travolto sulla strada e un oceano di cupo dolore li ha travolti, svuotati, annientati.

Di fronte a quel giovane corpo senza vita hanno iniziato a fare memoria delle occasioni perdute, dei sentimenti trattenuti, delle carezze non date.

Pino ha messo in poesia e in prosa questo cumulo di sensazioni e di emozioni, di grida soffocate e di sordi rancori.

Qui di seguito, riporto la poesia che Pino Santagada, l'autore del libro, ha scritto a suo figlio Alessandro.


Grazie Alessandro

Arrogante, presuntuoso egoismo.

Ho vissuto la vita inseguendo

miraggi di fumo.

Un gelido soffio,

come lama sottile,

ha reciso in un attimo

convinzioni e certezze.

Senza appigli sprofondo,

lentamente, perdendomi

nell'abisso del nulla.

La tua mano mi prende,

mi riporta sul ciglio.

La tua voce, muta,

sussurra al mio cuore

mi ricorda il dono più bello.

Gli anni che Tu ci hai donato.

Senza il tuo amore

la nostra vita

si sarebbe consumata nel nulla.


38 commenti:

  1. sai bene che di fronte a queste situazioni....il buio diventa insopportabile....

    RispondiElimina
  2. E' innaturale che i genitori sopravvivano ai figli!!!
    Non c'è rassegnazione..non credo, non oso immaginare!

    RispondiElimina
  3. ciao Stella,
    questo post è struggente e la poesia meravigliosa... non molto da aggiungere a questa triste storia che però ci dovrebbe fare capire tante cose.
    un caro saluto

    RispondiElimina
  4. Mi è venuto un nodo in gola come se il mio cuore si fosse fermato.
    Non trovo parole, anzi credo non esistono parole!
    La cosa più dolorosa nella vita cre sia proprio accompagnare un figlio
    al cimitero.
    Buona serata cara Stella

    RispondiElimina
  5. Pepe, non ci sarà mai rassegnazione ...è quanto più terribile possa succedere.

    RispondiElimina
  6. Massimo, tendiamo le mani ai nostri figli...sempre.

    RispondiElimina
  7. Tomaso, verissimo.
    Nessuna parola...

    RispondiElimina
  8. Penso non possa esserci dolore più grande che perdere un figlio...!

    RispondiElimina
  9. "la tua mano mi prende,
    mi riporta sul ciglio..."
    in questo verso c'è la forza di vivere che l'amore trasmette dall'aldilà,c'è un po' di speranza.
    ho toccato il dolore di un padre...,ho un nodo in gola!
    un abbraccio!

    RispondiElimina
  10. Ciao Stella,è stato molto giusto da parte tua fare il post,può servire.
    Buona serata.
    Baci.

    RispondiElimina
  11. Come si può superare un dolore così grande? A volte ci penso e credimi è l'unico pensiero che mi fa tremare... l'ho provato anche mentre leggevo il tuo post.
    Ciao Stella, Roberta

    RispondiElimina
  12. Achab può servire certamente ai genitori...me compresa.

    RispondiElimina
  13. S.i.r. non sono riuscita a commentare da te nel primo pomeriggio.

    RispondiElimina
  14. A volte m'è venuto in mente che al mio unico figlio succedesse qualcosa di irreparabile, specialmente quand'era più giovane ed ho pensato che avrei dato fuori di testa. Il dolore mi avrebbe stroncato.
    Quando ho letto questi versi mi somno compenetrato nel dolore dei due genitori.
    Auguro loro di trovare la serenità.

    RispondiElimina
  15. Una tragedia che non posso neanche immaginare.

    RispondiElimina
  16. Sembra incredibile che possano accadere cose del genere. Deve essere tremendo. Alex

    RispondiElimina
  17. Aldo, per queste tragedie non ci sono parole...

    RispondiElimina
  18. Kylie,occorre pensarci ogni tanto per dimostrare sempre l'amore che nutriamo verso i nostri cari e non...per non avere mai sensi di colpa, poi.

    RispondiElimina
  19. non e' giusto!
    non esiste una scala di priorita'
    pero' prima io poi i figli
    invece purtroppo e' tutto causale e a volte infinitamente crudele
    e ingiusto
    basta! mi viene la pelle d'oca
    ciao
    Michele pianetatempolibero

    RispondiElimina
  20. Michele, sono con te.
    Un abbraccio.

    RispondiElimina
  21. Mi è venuto un brivido,perdere un figlio è ..non credo riuscire nemmeno ad immaginarmelo,credo la realtà superi l'immaginazione,forse è come 'morire da vivo',ogni giorno un pò.
    Ammiro la forza dei genitori di Alessandro !

    RispondiElimina
  22. buongiorno!!credo non ci sia dolore piu' grande,della perdita di un figlio..cara Stella...per un genitore;non ce l'ho fatta a leggere la poesia..perdonami..il mio primo mio figlio,si chiama come quel ragazzo...buona giornata :-*

    RispondiElimina
  23. Elisabetta, buona giornata a te.

    RispondiElimina
  24. Parole strazianti! che vuoto enorme deve avvolgere un genitore di fronte a simili tragedie. Ricordo di aver pensato molto a fondo a cose del genere leggendo il libro(per altro non autobiografico) della Mazzantini"Non ti muovere" e mi ritrovai a piangere: leggendo questa poesia è ancora più forte la sensazione che mi penetra il cuore.
    Un bacio cara Stella.

    RispondiElimina
  25. Cara Paola, trovare la forza d'animo per superare un trauma del genere non è da tutti.
    Il papà di Alessandro ha trovato la forza per proseguire, facendo rivivere il figlio con l'amore.
    Sente la sua presenza e il suo continuo incoraggiamento a proseguire...
    Bacioni.

    RispondiElimina
  26. è con il mio destriero
    che entro in questo sentiero
    di stelle riempito
    per darti l'augurio
    di un sonno sereno
    .
    .
    .
    Sogni d'argento
    mani di fata
    maestra
    madre
    amica
    zia Stella!

    Un abbraccio,
    alexia

    RispondiElimina
  27. Alexia, che buongiorno...grazie tesoro di artista, figlia, amica, nipote...
    Felice giornata e baci.

    RispondiElimina
  28. A volte penso come potrei agire se dovesse mancarmi un figlio, un nipote. Mi vengono i brividi anche il solo pensarlo.
    Una cosa è certa, da quel momento perderei tutti i miei sogni e le mie speranze.
    I miei pensieri vanno ai genitori di Alessandro e stringo loro forte le mani.
    Bruna

    RispondiElimina
  29. È assurdo ma a volte è così. La cosa bella, e difficile, di questo padre è stata riuscire a trovare nuova energia, a trovare una lezione positiva su un fatto così devastante. Razionalmente è la cosa più logica da fare, il piangersi addosso non è mai servito a nulla, ma con le emozioni che girano dentro non è mai facile.

    RispondiElimina
  30. Orm, un padre che ha ha saputo trasformare in amore una tragedia.
    Da imitare.

    RispondiElimina



Grazie del tuo gradito commento.


Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...