06/03/10

31

MARTINA E MASSIMO GRAMELLINI


MARTINA CHE NON VOLEVA DORMIRE (di Massimo Gramellini, da “la Stampa” del 2/3/2010).

Martina Maturana ha dodici anni, vive sull’isola di Robinson Crusoe, al largo della costa del Cile, e non dorme. Ha appena sentito tremare il materasso sotto la schiena. Una vibrazione l’ha svegliata, ma neanche troppo.

Potrebbe tranquillamente girarsi dall’altra parte e ricominciare a dormire, come stanno facendo tutti gli altri seicento abitanti dell’isola di Juan Fernandez.

Martina invece scende dal letto. Vuole capire. Scuote il padre poliziotto, rintanato sotto le coperte.

«Cosa è stato, papà?», «Cosa è stato cosa? Niente, torna a letto».

Lei ci va, ma non riesce a prendere sonno. Allora, in punta di piedi, raggiunge la finestra, guarda in basso e vede. Vede ondeggiare le barche nella baia, al chiaro di luna. E capisce.

«Lo tsunami!».

Si precipita in piazza e suona il gong.

Adesso sono tutti svegli e corrono all’impazzata verso la cima dell’altura che domina l’isola. Appena in tempo: nel volgere di qualche minuto un’onda gigantesca sommerge la baia, inonda la piazza, distrugge il municipio e le case circostanti.

La bambina che non voleva dormire ha salvato la vita di tutti coloro che non volevano svegliarsi….

Ricordiamoci di lei, ogni volta che ci rassegniamo alle spiegazioni rassicuranti e rimuoviamo la realtà per non essere costretti ad affrontarla.

Martina incarna lo spirito di ogni essere umano, com’era al momento della nascita e come dovrebbe essere sempre e invece non è quasi mai: presente a se stesso, capace di meravigliarsi.

In una parola: vivo

31 commenti:

  1. HOLA AMIGA STELLA. UN ABRAZO ENORME PARA TIIII Y ESPERO ESTES DISFRUTANDO DE ESTE BONITO FIN DE SEMANAAAAA
    CHRISSSS

    RispondiElimina
  2. Premesso che Gramellini mi piace moltissimo, questa è l'ennesima dimostrazione che la sensibilità innata dei bambini supera di gran lunga l'indifferenza degli adulti.

    Ciao stellina, a presto!

    RispondiElimina
  3. La cocciutaggine dei bambini non sempre sono dei capricci. In questo caso è stata la salvezza di molte vite umane, come dimenticarla?
    Un caro saluto Stella, Roberta.

    RispondiElimina
  4. Ciao Stella!
    Una buona serata e una buona domenica.
    Per fortuna che Martina ha creduto nel proprio istinto...
    Un abbraccio.
    Nunzia

    RispondiElimina
  5. Buona sera Stella, ti auguro buona domenica. Ho postato una cosina sul mio blog per annunciare un paio di modifiche, indirizzo compreso :-)
    Un abbraccio e buona notte :-)

    RispondiElimina
  6. Avevo letto la storia di questa bambina che ha salvato la vita a tutti dalle onde dello tsunami.Un esempio per tutti;vivere cercando di aiutare il prossimo.Ti auguro una buona domenica,saluti a presto

    RispondiElimina
  7. Avevo letto dell'episodio di Martina qualche giorno fa ma quando l'ho sentito rievocare dal quel bravissimo
    giornalista di Gramellini da Fazio a Che tempo che fa mi sono emozionato.

    RispondiElimina
  8. Una grande bambina! per fortuna esistono persone così, che non si lasciano confondere da parole rassicuranti, ma vogliono sincerarsi con la propria mente e con i propri occhi.
    Ciao, buona domenica

    RispondiElimina
  9. premesso che gramellini mi piace moltissimo...avevo letto la notizia..che mi ha emozionato..per la caparbietà della bambina ....e per il suo coraggio ...

    P.S....ho notato con piacere che in molti seguiamo "che tempo che fa"...sono in ottima compagnia ...a questa sera su rai3

    un abbraccio....

    RispondiElimina
  10. Grande insegnamento...
    Buona domenica :)

    RispondiElimina
  11. Lore, in ottima compagnia a casa come sul blog.
    Abbraccio grande!

    RispondiElimina
  12. Tutto bene Chrisss, un abbraccio forte a te.

    RispondiElimina
  13. Roberta, i bambini sono lungimiranti.

    RispondiElimina
  14. buongiorno Stella!!felice domenica ;0))un'eroina,questa bimba!!si,a volte,anzi spesso,i bambini sono molto piu' lungimiranti e riflessivi,degli adulti!!!

    Fazio,lo seguo anch'io!!^;^

    RispondiElimina
  15. Nunzia felice domenica a te con tanti bacioni.

    RispondiElimina
  16. Cavaliere, penso esttamente come te.

    RispondiElimina
  17. Paola è proprio questo che bisogna insegnare ai bambini: pensare con la propria testa e non lasciarsi condizionare...da nessuno.

    RispondiElimina
  18. I bambini...guai se nn ci fossero! Abbiamo molto da imparare da loro.
    CInzia

    RispondiElimina
  19. Elisabetta allora siamo proprio una grande famiglia con interessi comuni.
    Felicità.

    RispondiElimina
  20. Cinzia, verissimo.
    Sai che mi capitava di dire a qualche alunno : è vero,hai ragione, non ci avevo pensato...

    RispondiElimina
  21. Carissima Stella quando si e' innocenti si puo' essere puri come Angeli, poi dicono che non esistono, magari potessimo ritornare puri come loro!
    un saluto con affetto.

    RispondiElimina
  22. Gaetano, io credo negli Angeli.
    Un caro abbraccio.

    RispondiElimina
  23. Anche in occasione dello tsunami disastroso di Pasqua di qualche anno fa, una bambina riconobbe i segni premonitori dell'arrivo di un'onda anomala e salvò la propria famiglia obbligandola a lasciare la spiaggia.
    Le bambine sono osservatrici, testarde e intelligenti. Almeno queste.

    RispondiElimina
  24. NonnaPapera hai fatto a puntualizzare, ti ringrazio!

    RispondiElimina
  25. "bene" me lo sono mangiato, scusa.

    RispondiElimina
  26. per fortuna, e beati loro, i bambini hanno questa splendida capacità di meravigliarsi...che riesce anche a salvare le vite!!!

    RispondiElimina



Grazie del tuo gradito commento.


Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...