04/09/09

54

VOTI O GIUDIZI?



ALBERTO MANZI

Chi non ha visto o sentito parlare della trasmissione televisiva "Non è mai troppo tardi" che, dal 1959 al 1968, ha insegnato a scrivere e a leggere a - si stima - almeno un milione di italiani?
E quel signore alto e garbato così bravo a disegnare coi gessetti alla lavagna?
Tutti lo ricordano e conoscono: il maestro Manzi.
O credono di conoscerlo.

In realtà Alberto Manzi è rimasto 'nascosto' dalla grande notorietà della sua prima trasmissione televisiva. È stato sì maestro in/di televisione e in/di radio, sceneggiatore e regista, ma anche maestro in carcere e per quasi 40 anni nella scuola, maestro tra indios e campesinos analfabeti del Sud America e maestro di italiano per gli extracomunitari ("Insieme", 1992); scrittore di grande successo in particolare di libri per bambini e ragazzi; traduttore e divulgatore scientifico; sindaco di Pitigliano (Grosseto)...

Laureato in scienze biologiche e naturali, in psicologia e pedagogia, oltre che insegnante, 'formatore a distanza' e precursore nell'utilizzo dello strumento radio-televisivo, Manzi si è sempre sentito impegnato nella costante ricerca di un'efficace metodologia didattica.

Da maestro tornò alla ribalta nel 1981 , poiché si era rifiutato di redigere le appena introdotte "schede di valutazione", che con la riforma della scuola avevano sostituito la tradizionale pagella ; Manzi si rifiuta di scrivere le suddette valutazioni perché «non posso bollare un ragazzo con un giudizio perché il ragazzo cambia è in movimento, se il prossimo anno uno legge il giudizio che ho dato quest'anno l'abbiamo bollato per i prossimi anni».

La "disobbedienza" fu sanzionata con la sospensione dall'insegnamento e dalla paga.

L'anno successivo il Ministero della Pubblica Istruzione torna a far pressione sull'insegnante cercando di convincerlo a scrivere le valutazioni tanto attese.

Manzi fa intendere di non avere cambiato opinione, ma si mostra disponibile nel redigere una valutazione riepilogativa comune per tutti i ragazzi tramite un timbro; il giudizio era: "fa quel che può, quel che non può non fa".

Il Ministero della Pubblica Istruzione si mostra subito contrario alla valutazione timbrata.

Manzi risponde dicendo:«Non c'è problema posso scriverlo anche a penna».


Come insegnante inizialmente compilavo le pagelle e non avevo il patema d'animo di bollare un bambino.

Un 4 o un 5 volevano dire tante cose...anche solo svogliatezza...

Quando mi ritrovai, invece, a compilare le schede di valutazione, cominciò la mia ansia : scrivo o non scrivo che l'alunno è ... e se poi l'anno prossimo cambia perchè più maturo?

La penso esattamente come il maestro Manzi.



54 commenti:

  1. Cara Stella, anch'io mi trovo daccorddo con il maestro Manzi!
    La mia esperienza lavorativa nella scuola e di mamma mi porta a dire che l'evoluzione intellettiva, emotiva e psicologica di un alunno ,partendo dalla scuola materna, arrivando alle superiori e, qualche volta anche all'università, è notevole...spesso tanti alunni vengono valutati solo in base alle conoscenze didattiche e non secondo le capacità che nel tempo possono emergere. Posso dire , e non parlo ovviamente per tutti, che molto insegnanti non hanno una preparazione adeguata al ruolo che svolgono. Ho vissuto un'esperienza del genere con mio figlio che era stato dichiarato incapace dalla maestra elementare e quindi destinato a fare si e no le medie. Il mio amore di mamma mi ha portata a non darmi per vinta: ho fatto seguire mio figlio da un esperto che ha capito perfettamente qual era il problema e lo ha aiutato a venire fuori secondo le reali capacità...
    Ora Paolo ha "24 anni, si è laureato e lavora come interior designer in un'importante azienda locale. Vorrei tanto incontrare quella povera maestra e farle sapere di quanto si era sbagliata nel giudicare...Ho ancora le pagelle con quei pessimi giudizi che mio figlio ancora deve vedere.
    Grazie Stella per aver parlato di questa realtà.
    Un bacione!!!

    RispondiElimina
  2. Ovviamente volevo scrivere d'accordo! Scusa l'errore...

    RispondiElimina
  3. Auryn, benvenuta da me.
    Sono passata sul tuo blog, ma non ho potuto lasciarti un commento, perchè mi si diceva codice non valido...dopo che avevo controllato attentamente.

    RispondiElimina
  4. Cara Marina, grazie della tua sincera testimonianza.
    Tu sollevi ancora un altro problema : non essere compresi dall'insegnante.
    Purtroppo devo darti ragione.
    Nell'arco della mia carriera è capitato che genitori facessero cambiare classe ai figli e spesso mi capitavano alunni che prima di tutto dovevano imparare ad amare la scuola e poi se stessi.
    I risultati finali, poi, non erano eccellenti, ma discreti.

    RispondiElimina
  5. l'introduzione dei voti è arrivata dopo anni di giudizi, in cui si cercava di "dire" trovando le parole giuste, proprio per non cadere nell'errore di "bollare" un alunno. sembrava che il voto potesse dire meglio... ora che è stato introdotto, rimpiango il giudizio perchè era più completo, in quanto usavo sfumature che spiegavano meglio la situazione, il rendimento... più di un sintetico voto numerico.

    RispondiElimina
  6. Un bell'omaggio ad un uomo capace di ragionare con la propria testa. Portare le intelligenze all'ammasso è stato il gravissimo tentativo - purtroppo riuscito - della nostra classe politica.

    RispondiElimina
  7. Raggio onestamente ero in grosse difficoltà a descrivere il profitto negativo di un bambino...poco dotato.
    Non ti è mai capitato di dover spiegare ai genitori il giudizio scritto e sentirti dire di non capire?
    Ti ricordi : si impegna, ma, tuttavia, però...

    Ai colloqui bimestrali, alle famiglie riferivo e spiegavo la mia valutazione.

    Scripta manent, verba volant.

    RispondiElimina
  8. Un bella figura di un'Italia che purtroppo non c'è più. Proprio oggi servirebbero docenti di tale spessore e (non me ne vogliano le donne che penso siano d'accordo) figure maschili nell'insegnamento che nella scuola dell'obbligo si è ormai completamente femminilizzato.

    RispondiElimina
  9. ottimo questo post.
    Ricordo queste belle trasmissioni.Ero bima e già mi affascinava questo suo modo di fare schizzi veloci sul fogli bianco.
    Per me era una goduria.
    Grazie Stella per avermi regalato questo ricordo...questa immagine di antica memoria.
    Carla

    RispondiElimina
  10. Lucien, condivido.
    Grazie della visita.

    RispondiElimina
  11. Carla, grazie a te per la visita.
    Mi fa piacere di averti regalato un bel ricordo,quindi un momento di gioia.
    Buona serata.

    RispondiElimina
  12. E' stato una gran bella persona! ricordo come era gentile e garbato in tv, ma a parte questo, si vedeva da mille cose che valeva davvero molto.
    Grazie a te per averlo ricordato. Maestri così,come lui e come sei stata tu, se ne trovano ben pochi purtroppo: alcuni di simili scrupoli non se ne fanno proprio e lasciano, sulla pelle dei poveri ragazzi che li subiscono, dei timbri difficilmente cancellabili.
    Ciao cara, buona serata.

    RispondiElimina
  13. Anch'io la penso come il maestro Manzi. Il giudizio può condannare il ragazzo, il voto può esprimere tante valutazioni che nel tempo possono mutare.
    Ciao

    RispondiElimina
  14. Un grande...com non esere d'accordo con lui. Grazie per ave parlato di lui in questo periodo in cui stanno distruggendo la scuola pubblica licenziando migliaia di insegnanti.

    RispondiElimina
  15. Quanto ci sarebbe bisogno oggi, di una televisione e di uomini del genere..
    Un caro saluto

    RispondiElimina
  16. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  17. Grazie Paola sei troppo buona.
    Ancora buon compleanno!

    RispondiElimina
  18. Pino...non a caso in questo periodo ho pubblicato questo post.

    RispondiElimina
  19. Ciao Stella, grazie di aver ricordato il grande Manzi, da cui noi insegnanti abbiamo tutti da imparare.

    Precisato questo, devo però dire che non mi piacevano i giudizi per i motivi addotti dal maestro Manzi, ma non mi piacciono neanche i voti perché riduttivi. Il delicato e complesso processo di apprendimento non può essere compendiato ed espresso da un voto.

    Mi sono interessata per anni e mi interesso di valutazione. Dopo diverse sperimentazioni, mi sento vicina al concetto di "valutazione autentica" di Grant Wiggins che non valuta l'alunno (e quindi non lo bolla) ma la sua prestazione autentica, analizzata e descritta grazie a rubriche di valutazione molto specifiche e tarate sulla prestazione dell'alunno, appunto.

    Tutta un'altra musica! Un sistema di valutazione da cui la scuola italiana è molto lontana, purtroppo!

    Bacioni
    annarita

    RispondiElimina
  20. Esatto, cara Annarita.
    In questo modo di muoversi, non ho nulla da obiettare.

    Bentornata!

    RispondiElimina
  21. Un vero buon maestro per fare un gioco di parole.
    ciao Stella, un grande saluto.

    RispondiElimina
  22. Povera scuola...quella del maestro Manzi la ricordo bene, nel 59 avevo finito le elementari e allora c'erano i voti ma soprattutto c'era il rispetto per l'insegnante, che per noi bambini era una seconda mamma.
    Meglio i voti o la valutazione? non saprei dire,quello che invece dico con preoccupazione è che vedo un progressivo scadimento della scuola, che ha toccato il massimo con la cosiddetta riforma Gelmini, che di riforma non ha proprio nulla
    se non il drastico ridimensionamento dei docenti e delle risorse.

    Proviamo a pensare e a fare come Alberto Manzi...non è mai troppo tardi!

    Ciao stellina, buona serata!

    RispondiElimina
  23. Posso garantire che le lezione alla televisione del maestro Manzi funzionavano...ho imparato prima di andare alle elementari a leggere e scrivere seguendo le sue lezioni!

    RispondiElimina
  24. Io nella scheda di valutazione do sempre più importanza al giudizio globale....non so se faccio bene o male ma faccio così.
    Tra breve inizierà il nuovo ciclo di studi e forse dovrò iniziare a cambiare modo di lettura, sono in confusione totale, i voti mi sembrano così riduttivi......
    un caro saluto, roberta in confusione;(

    RispondiElimina
  25. Hai già detto tutto tu, giustissimo, capire i ragazzi è altro. Ho visto sotto il tuo Campionissimo, complimenti ad entrambi. n mondo di belle cose a tutti e due mmmmiiiiaaaaooooooo

    RispondiElimina
  26. Roberta i voti sono riduttivi per un alunno che brilla...e stilare la sua scheda è stupefacente e facile.

    RispondiElimina
  27. Suysan non sei la sola ad affermare quanto dici.

    RispondiElimina
  28. da piccina lo seguivo anch'io...mi piaceva quella lavagna a fogli bianchi dove lui faceva i disegni... A parte Manzi, sai quanti bravi insegnanti, pieni di passione ci sono ... e purtroppo devono sottostare a leggi in cui i bambini non contano nulla?

    RispondiElimina
  29. Sir, lo so benissimo.
    Hai fatto bene a ricordarlo.

    RispondiElimina
  30. Bellissimo post Stella, complimenti per questa segnalazione. Ricordo di aver imparato a leggere e scrivere, prima dell'età scolare, proprio seguendo le lezioni televisive del maestro Manzi.
    Fondamentali i suoi modi garbati e il tono di voce, che ispiravano sicurezza e fiducia.
    Della questione valutativa penso che si continuerà a discutere a lungo.
    Vista la difficoltà a rappresentare in termini qualitativi certe situazioni critiche, io sono più favorevole alla valutazione espressa con il voto.
    Verbalmente si può, comunque, esplicitarlo con un giudizio che non "pesi" come certi termini scritti.
    Un abbraccio e buon weekend

    RispondiElimina
  31. Grazie Stella,

    sia per le dieci domande che per Nathan (ci metteremo d'accordo per concordare la telefonata, sei un tesoro!!)

    Un bacio
    Ornella

    RispondiElimina
  32. Anna grazie.
    Al tuo commento più che esauriente non ho nulla da aggiungere, hai detto tutto tu...
    Buon sabato.

    RispondiElimina
  33. Un grande. Vero anche che poteva permettersi di fare un gesto così sia perchè un personaggio di spicco, sia perchè aveva un alternativa lavorativa, o comunque non aveva problemi di soldi. E meno male che se lo è permesso. Mi pare però che il Ministro non ha recepito la lezione.
    Ciao

    RispondiElimina
  34. Orm, comunque un Uomo di valore e determinato...

    RispondiElimina
  35. ni ricordo il maestro Manzi.
    Ho letto nello scorrevole: 20 settembre ti aspetto a torino, di cosa si tratta?
    ciao buona domenica

    RispondiElimina
  36. Cara Pierangela, leggi il post del 10 agosto.
    Potrebbe essere un incontro tra blogger.

    RispondiElimina
  37. Sono per il voto anche se riconosco che è molto riduttivo , ma sono sicura che non fa danni così gravi quanto un giudizio sbagliato, espresso senza alcuna competenza e senza considerare alcune cose fondamentali come le capacità del bambino . La valutazione va di pari passo con un insegnamento individualizzato , che non significa solo diversificare i contenuti , ma considerare quello che l'alunno riesce a dare , stimolandolo con mille attività per far scaaturire tutte le sue potenzialità . Molti insegnanti non lo fanno perchè è molto faticoso e un lavoro del genere richiede strutture adeguate , che mancano nella maggior parte delle nostre scuole . Pochi isegnanti , i più stakanovisti e e molto in gamba , riescono ,ma spendono tutto il loro tempo nella loro professione , con un misero stipendio.
    Bacioni

    RispondiElimina
  38. Grazie maestra Paola!

    Hai arricchito ed impreziosito il mio post.

    RispondiElimina
  39. "fa quel che può, quel che non può non fa".
    GRANDE MANZI!
    Grazie Stella per averci raccontato ciò .
    Buon fine settimana.
    Ciao.

    RispondiElimina
  40. "fa quel che può, quel che non può non fa".
    GRANDE MANZI!
    Grazie Stella per averci raccontato ciò .
    Buon fine settimana.
    Ciao.

    RispondiElimina
  41. Teo, buona fine settimana a te!
    Un bacio

    RispondiElimina
  42. Mah, io sono più per i giudizi che per i voti, volendo anche un 3 o un 4 può bollare una persona, almeno se il giudizio è scritto con coscienza può dare degli input sulle potenzialità di una persona ma bisogna avere psicologia per capire un bambino. Continuo a pensare che fare il maestro, soprattutto elementare, sia più una vocazione che una professione
    P.S. grazie per il sostegno al mio blog :-)

    RispondiElimina
  43. Carissima un 3 o un 4 possono diventare anche un 4 o un 5...
    E tante sono le motivazioni (non scritte) per tali voti...
    Che l'insegnante debba essere anche psicologo è fuori dubbio.
    Grazie del commento e buona domenica.

    RispondiElimina
  44. Leggo solo ora questo post, sostanzialmente sono d'accordo.
    Tuttavia il tema della valutazione è sempre all'apice nei pensieri di un insegnante.
    Mi permetto solo di affermare che non è cambiato poi molto, con l'introduzione dei voti numerici.
    Il documento di valutazione sostanzialmente è rimasto tale, il giudizio intermedio e finale va compilato lo stesso, nelle discipline invece si mette il voto che va a sostituire il giudizio sintetico che corrispondeva alla scala di valore Ottimo-distinto-buono-sufficiente-non sufficiente...non è poi che sia cambiato molto... anzi, cercando di oggettivizzare la valutazione , per quanto sia possibile, ogni scuola si è dotata di criteri che corrispondono al giudizio sintetico e quindi al voto numerico... con il risultato che tra una scuola ed un'altra ci possono essere differenze di valutazioni non affatto trascurabili.
    Io credo che, al di là della valutazione, che resta un tema importantissimo e fondamentale non solo per l'alunno ma anche per la didattica e quindi per l'insegnante, la scuola oggi ha bisogno di essere ripensata e ristrutturata pedagogicamente e didatticamente.
    Il bravo insegnante non è il tuttologo o quello che sa bene la sua disciplina ma, secondo me, è soprattutto colui che riflette sulla propria metodologia e si interroga sempre se la sua azione educativa e didattica sia adeguata per quel tipo di alunno, poichè quello che può andare bene per un bambino o adolescente non è detto che va lo stesso bene per un altro.
    La scuola è importante e la formazione degli insegnanti costituisce uno dei capisaldi per migliorare l'offerta formativa.
    Il maestro Manzi è stato grande, certamente, come anche grande è stato Don Milani, anche se oggi molti lo criticano, ma oggi la società è cambiata, non possiamo guardare avanti se poi facciamo continui passi indietro.
    Nuove sfide ci aspettano, bisognerà essere preparati ad affrontarle.
    Ma con la scuola del caos e del risparmio non credo proprio che si può migliorare.
    Ciao Stella, grazie cmq di averci ricordato il grande Manzi, icona della formazione e dell'educazione.

    RispondiElimina
  45. Miryam grazie del tuo commento più che esauriente.
    Non sapevo che la valutazione numerica riguardasse solo il giudizio finale.

    Vedi, la non corretta informazione?
    Un caro abbraccio

    RispondiElimina
  46. leggere l'intero blog, pretty good

    RispondiElimina



Grazie del tuo gradito commento.


Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...