15/09/14

52

Primo giorno di scuola




Oggi i bimbi tornano a scuola e ...

"ma che cos'è quel nodo in gola
che mi assale
che cos'è
" ?

E' nostalgia  degli anni belli e costruttivi, vissuti con i miei affettuosi allievi.

Anni felici, soprattutto in classe !







52 commenti:

  1. ...a me da una bella sensazione di cose nuove, di fiori sbocciati...

    RispondiElimina
  2. Cara Gianna capisco la tua nostalgia, dopo aver passato tanti anni con i tuoi alunni e tu sei tanto cara e sensibile.Chissa quanti tuoi alunni gia'grandicelli ti ricordano .un abbraccio nonna di Sara gianna

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Hai ragione cara Gianna.
      Parecchi di loro li ritrovo genitori, su facebook, e il loro affetto nei miei confronti è immutato.

      Ancora auguri agli sposi.

      Ti abbraccio forte.

      Elimina
  3. Ciao cara Gianna, come scrivevo anche in un altro commento, buon rientro a TUTTI, anche ai ragazzi universitari che con l'università le vacanze non le hanno mai fatte...ma il proseguo avanza. Buona settimana. NI

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Diciamo allora auguri anche ai più "grandicelli".

      Buona serata con un abbraccio.

      Elimina
  4. Amica dolcissima la,poesia di Rodari e' sempre così attuale, vera ma per affacciarsi e tuffarsi dentro al mondo si ha bisogno insegnanti come te, con la tua profonda preparazione, sensibilità, complicità, intelligenza e tanto tanto affetto per gli alunni, capisco bene quanto ti manchino ma son sicura che tu mancherai tanto a colori i quali non hanno avuto,la fortuna di averti come educatrice!
    Ti abbraccio e vorrei poter sciogliere quel nodo che ti stringe la gola con il mio affetto che è un granello o si sabbia riportato al tuo cuore però fa...e comunque i tuoi insegnamenti mica son finiti! Io li leggo ogni volta attraverso i tuoi bellissimi post!
    Un bacione amica mia dolcissima, buon lunedì!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cara Stella, mi conosci da poco eppure hai compreso a fondo il mio amore per l'insegnamento.
      Le tue parole mi sono entrate dentro come un balsamo benefico.
      Sei sempre molto buona con me, e di questo ti ringrazio infinitamente.

      Buona serata con un forte abbraccio.

      Elimina
  5. bellissima poesia.....in bocca al lupo a tutti gli studenti per questo nuovo anno....

    RispondiElimina
    Risposte
    1. In bocca al lupo ai tuoi cari nipotini.

      Buona serata, Andreina.

      Elimina
  6. Cara Gianna, qui da noi, è già incominciata la scuola, come lo sai qui le vacanze funzionano in tutto un'altro modo. Auguro a tutti e scolari di affrontare con serenità e impegno questo periodo.
    E spero che tutti gli insegnanti sappiano con molta pazienza e dovere il suo difficile compito.
    Ciao e buon pomeriggio cara amica.
    Tomaso

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Caro Tomaso, in realtà è difficile insegnare ma con pazienza, buona volontà e amore si possono raggiungere risultati educativi soddisfacenti.

      Ti abbraccio.

      Elimina
  7. Suvvia Gianna, niente tristezza. Sai, mi sarebbe piaciuto averti avuto come insegnante...
    Ciao a tutti gli scolari del mondo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Che onore, caro Vittorino.
      Ti avrei accolto a braccia aperte, sicuramente.

      Buona serata.

      Elimina
  8. bellissima poesia di Rodari,cara Gianna!!capisco la tua nostalgia...ma i bei ricordi,restano ancorati nel tuo cuore...un bacione e buona settimana ^__^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ed è così, cara Eli.

      Baci e buona serata.

      Elimina
  9. Cara Gianna, io insegno da più di 30 anni....quante cose sono cambiate...ma non in meglio....sigh!

    Un abbraccione,
    Cri

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cara Cri, noto con tristezza che non sei la sola a riscontrare le "carenze" della scuola attuale.
      Io mi sono limitata a ricordare i miei anni belli di insegnamento, anche se fin da allora qualcosa stava cambiando...

      Forza e coraggio!

      Abbraccio.

      Elimina
  10. Ha ragione Vittorino, niente tristezza!
    Siamo tutti quanti ancora alunni, cara Gianna.
    Certamente con la passione, l impegno e l'amore che ci hai messo tu, i tuoi alunni si ricordano di te e del tuo esempio, oltre ciò che insegnavj loro.
    Potrà essere molto fortunata Sara, la tua nipotina...

    Buon pomeriggio, un bacione.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Hai decisamente ragione caro Leo, non si finisce mai di imparare nella vita.

      Sara, hai tocato un punto dolente, purtroppo la vedo proprio con il lanternino...

      Buona serata.

      Elimina
  11. Che bella poesia cara Gianna ...tantissimi auguri di buon cammino a tutti gli studenti e ai loro insegnanti ....e sono certa che tu eri un'insegnante sensibile , comprensiva e i tuoi studenti ti ricordano con affetto. Un bacione . Mirtilla

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie per le belle parole, Mirtilla.

      Bacione.

      Elimina
  12. anche a me piacerebbe tornare indietro a scuola piuttosto che avere le belle giornatine del lavoro.. mi sa però che anche la scuola è cambiata rispetto ai miei anni, e purtroppo in peggio

    RispondiElimina
  13. E' un piacere leggere le tue parole, per chi come me, conserva un bel ricordo della scuola, e soprattutto della maestra. Sicuramente i tuoi alunni ti terranno nel cuore, così come tu serbi nel cuore con malinconia, il ricordo degli anni d'insegnamento. Per essere insegnanti bisogna avere vocazione, cosa che vedo latitare molto, ai giorni nostri...Il posto e l'aumento di stipendio sono motivazioni molto più forti di tutto il resto. Ti abbraccio e mi unisco un po' alla tua malinconia...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Carissima, in effetti per insegnare occorre una predisposizione particolare.
      Non tutti, purtroppo, ne dispongono e l'insegnamento viene considerato come un qualunque altro mestiere.
      Grazie del commento, a presto con un bacio.

      Elimina
  14. Cara Gianna, anzi...cara maestra Gianna....comprendo il tuo nodo alla gola e sono certa che i tuoi alunni che ti hanno amato per tanti anni ti ricordano sempre con affetto immneso!!
    Grazie per l'augurio di buona scuola, oggi anche i miei monelli hanno ripreso le "fatiche" :-)
    La poesia di Rodari è meravigliosa, come solo lui sapeva esserlo!!
    Un bacione.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cara Maris,ancora oggi i miei ex alunni si ricordano perfettamente di me, e mi dimostrano affetto anche a distanza di anni.
      Effettivamente dalla scuola ho ricevuto tanto.
      Ti abbraccio e in bocca al lupo ai tuoi monelli.

      Elimina
  15. Che bene, non solo la poesia è bella, ma ho anche la scheda pronta da colorare. Qui da noi c'è tutto un fermento perchè ogni cosa funzioni; nonostante i tagli emerge sempre e comunque un desiderio di innovazione, una voglia di novità per rendere il tradizionale, il fondamentale più piacevole e, se ci fossero più soldi, chissà a quante belle iniziative potremmo dar vita. Ciao, domani è i mio giorno libero: che ridere!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cara Anna Marina, giorno libero?
      Che novità per me, è di quest'anno?

      Buon lavoro, e so che lo farai bene al di là delle risorse economiche.

      Ti abbraccio.

      Elimina
  16. in effetti l'emozione prende alunni ed insegnanti : per me ogni anno era una scoperta iniziale ed una gioia guando raccoglievo i frutti del mio lavoro appassionato .Un abbraccio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Errata corrige : --quando---- al posto di guando

      Elimina
    2. Ti capisco eccome, cara Cettina.

      Abbraccio.

      Elimina
  17. Ciao Gianna, leggendo questa simpatica poesia e i tuoi auguri, per un attimo son ritornato al mio primo giorno di scuola.

    RispondiElimina
  18. Cara Gianna, a me le varie scuole mi hanno lasciato dei ricordi indelebili che non posso dimenticare, anche se la vita insegna molto, e chi ha insegnato per molti anni, come lo hai fatto tu, non può dimenticare la gioia di poter dare tanto ai giovani, perchè spesso i bravi insegnanti che ho conosciuto, andavano ben oltre il semplice programma scolastico, naturalmente se i ragazzi avevano desiderio di apprendere.
    Ti abbraccio forte.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Caro Gaetano, fa sempre piacere ritrovare ex alunni che hanno un bel ricordo dei loro insegnanti.
      A me capita sovente, e di questo ne vado fiera.

      Ti abbraccio.

      Elimina
  19. ricomincio con la prima, ma son tempi duri!!!
    buona giornata con un abbraccio!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Che succede Ines, sei sempre stata positiva...

      Abbraccio.

      Elimina
    2. ti informo subito: nel nostro plesso abbiamo avuto una riduzione orario di 22 ore, quindi la collega di matematica ruota su due plessi.
      in prima è inserito un alunno con problemi comportamentali, ma non ho nessun aiuto. corro tutta la mattina tra i banchi cercando di interessarlo alle attività che cerco di rendere interessanti!
      ecco perchè "son tempi duri"...

      Elimina
  20. ciao Gianna....e sai che noi abbiamo iniziato questo nuovo anno con un sacco di ansia che poi si è volatilizzata
    che bello essere una maestra chissà quante soddisfazioni, quanti ricordi...è un lavoro bellissimo!
    cosa insegnavi?
    baci VAleria

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Fin da bambina sognavo d'insegnare, cara Valeria.

      Maestra nelle elementari prima come ins. unica, poi col tempo pieno area scientifica...matamatica, scienze, geogragia e ginnastica

      Ho dato tanto e ho ricevuto altrettanto dai bambini.

      Baci

      Elimina
  21. Nel parco sotto le finestre dell'ufficio sono ricominciati gli schiamazzi! È proprio ricominciata la scuola.

    Un abbraccio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E i pullman a Torino sono aumentati...

      Abbraccio.

      Elimina
  22. Ho sempre considerato i primi giorni come i più importanti dell'anno, anzi, decisivi.
    I ragazzi ti squadrano, ti "misurano", ti soppesano e poi traggono le conseguenze, buone, meno buone, nefaste, per l'andamento dell'anno.
    Per questo ho sempre cercato, fin dal primo giorno di scuola, specie nelle prime classi, di avere un rapporto sereno ma costruttivo con gli studenti, come nel corso dell'anno. E la prima cosa la imparavo subito io: i vari cognomi (che nel corso degli anni anni successivi diventavano nomi). Un "trucco", o se vogliamo, un mezzo molto efficace per tenere a bada i "bollenti spiriti".

    Ovvio che il primo giorno era sempre speciale... ;-) Lo ricordo come il più bello (forse) di tutto l'anno :-)

    Un abbraccio affettuoso, carissima collega Gianna :-))




    RispondiElimina
    Risposte
    1. Carissimo Antonio, per esperienza, condivido pienamente il tuo pensiero

      Il primo giorno di scuola è importantissimo per instaurare un buon rapporto positivo tra scolari e insegnanti.

      Dolcezza e fermezza subito...e ahimè, chi non la pensava così, andava avanti tutto l'anno con la classe indisciplinata...

      Ricordi Marco, l'alunno che mi dedicò quella bellissima poesia?

      Ieri su facebook gli ho ho fatto gli auguri di buon compleanno e sai come mi ha ringraziata?

      " Grazie mille maestra,per tutto quello che sei stata per noi studenti . Un bacio grande "

      Nota bene, parla al plurale, anche se per lui avevo un occhio di riguardo -intelligentissimo, ma vivacissimo- gli preparavo un programmino personalizzato, per non farlo annoiare e per sviluppare le sue capacità logiche superiori alla media.

      Sempre molto emozionata, il primo giorno di scuola...la notte precedente sonnecchiavo, ma non dormivo.

      Come mi piace dialogare con te, grande prof.

      Ti abbraccio forte.

      Elimina
  23. Bellissimo post con grandi ricordi!
    Buona serata da Beatris

    RispondiElimina
  24. Eh, come non darti ragione. Continuo a sentire le farfalline nello stomaco anche ora che non vado più in classe - da cinque anni ormai - il giorno prima del nuovo inizio.
    Un po' di tristezza c'è ma son consapevole che non avrei più le energie che spendevo in questo nostro meraviglioso mestiere, Gianna. Comunque gli anni vissuti sono ben vivi nella memoria e nessuno ce li può portare via, vero?

    RispondiElimina
  25. Tu sei, ancora e lo sarai sempre, maestra di vita e di gioia!

    RispondiElimina



Grazie del tuo gradito commento.


Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...