18/01/13

59

ITALIA A PEZZI






POST ALL'UNISONO PER ESPRIMERE LA NOSTRA INDIGNAZIONE!

Questo vuol essere un post che unisce la nostra indignazione per quanto accade in Italia!

"Prendiamo l'Arte e ...mettiamola da parte!"

Sì per una volta facciamolo, facciamolo davvero ...

Tutto nasce dal post di Carla del 14 gennaio 2013 dal titolo: 

"Bastaaaaaaaaaaa!"



A tale proposito leggete la sua poesia sull'altro mio blog.


59 commenti:

  1. Ciao Gianna, io parteciperò con un mio scritto, che casualmente avevo già preparato, e lo pubblicherò lunedì...non servirà a cambiare le cose ma almeno non è l'inerzia della non reazione.
    Ciao Antonella

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Benissimo!

      E' bene far sentire la nostra protesta...

      Elimina
  2. La rivoluzione.....quando impareremo davvero a farla!?!?!

    E' come se fossimo legati, pronti a fare QUASI tutto, attivi e attivisti di noi stessi, ma non v'e' traccia ahimè di quell'impulso coraggioso e pieno di vera voglia di cambiamento che avevano tatuato nell'anima i veri ribelli.

    E' che siamo morbidi, teneri.... INNOCUI

    Una manifestazione diventa innocua, un libro di protesta diventa innocuo, incatenarsi davanti ad una banca diventa innocuo...

    In un modno dove , le vendite di Nike aumentano del 45 per cento in un mese dopo aver scoperto che Armstrong si sia dopato per dieci anni, diventa tutto piu' complicato.......

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Caro Gio, sei il benvenuto!

      Secondo me, il problema è che ognuno pensa solo a se stesso.
      Prima noi, poi eventualmente...

      C'è gente, purtroppo, che sta troppo bene per ribellarsi e impegnarsi.

      In questo periodo di saldi, vedo gente nei negozi di alta moda e nessuno in quelli più modesti.

      Tutto detto!

      Elimina
    2. La ribellione..la rivoluzione, l'intifada, nasce proprio nel momento in cui il sistema arriva a toccare il singolo individuo...la tua è un osservazione intelligente , e la politica del "prima mi sistemo io poi forse se avanza qualcosa faccio stare bene gli altri" è prettamente di concezione italica, ma lasciami aggiungere che in una società con volontà di cambiamento un ruolo fondamentale viene giocato anche dalle parole, dall'uso della parola e dal concetto che viene da essa espresso e visualizzato.

      E' proprio il concetto di RIVOLUZIONE che sta cambiando, il sistema vuole che questo concetto cambi, allontanarci dai significati delle parole è la prima regola su cui si basa il lavaggio del cervello imposto in maniera subliminale ma costante del sistema.

      La rivoluzione del pulito, è lo slogan di un detersivo, la rivoluzionaria nuova macchina supercompatta è un o slogan di un autovettura, rivoluziona il tuo modo di guardare la tv è la campagna pubblicitaria di una tv a pagamento..... cosi facendo allontanano le persone dai SIGNIFICATI, e senza le parole, che sono le prime e uniche armi che in un mondo civile e democratico dovrebbe usare, siamo costretti ad inventarne di nuove, ma si si la fantasia oggi è in via d'estinzione.

      Elimina
    3. Grazie dei tuoi interventi pertinenti, Gio.

      Elimina
  3. Grazie cara Gianna di esserci...
    Un abbraccio forte forte.
    Tomaso

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Tomaso, se tutti ci ribellassimo non saremmo ridotti così all'osso.

      Abbraccio.

      Elimina
  4. Bellissima poesia, condivido pienamente.

    In genere sono sempre stata a guardare con fiducia ma soprattutto speranza, questi governanti del Paese ma ora mi sento più che mai coinvolta. Di loro, non ho più fiducia pertanto se in un primo momento si era creata in me come risposta al loro egoismo un'assenteismo, ora più che mai voglio sentirmi presente. Mentre mostrano i loro litigi, hanno pensato a far crescere solo la loro casta a sfavore del popolo lavoratore.
    Alcuni vogliono distruggere la famiglia, creare dei disvalori come l'eutanasia e tanto altro senza capire che è proprio la famiglia, formata da mamma, papà e figli ad essere ricchezza per la società e non genitore uno o due, disorientando ulteriormente i figli.
    Basta! fino ad oggi hanno fatto ciò che hanno voluto. Pensiamo solo al fatto che il voto è il senso di dare fiducia a chi mi rappresenta: loro, non mi rappresentano!

    Ho trovato invece un programma che il mio amico Max mi ha fatto conoscere e che mi rappresenta, vuole l'Italia con un'anima quella cristiana, si chiama

    "Io Amo L'Italia" .

    Questa sarà la prima vera volta che andrò a votare volentieri e ricordandomi della frase di un grande uomo che silenziosamente fece una grande rivoluzione:

    " "sii il cambiamento che vorresti vedere nel mondo"

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Terry hai perfettamente ragione, non se ne può più e bisogna andare al voto...bisogna partecipare in massa...

      Elimina
  5. Cara Giannna, come posso non essere al tuo fianco ...ma questa parola "basta" rimbomba nelle orecchie di milioni di italiani in questo momento!....
    Abbraccio sentito..

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Speriamo che se ne ricordino quando apporranno la crocetta sulla scheda elettorale.

      Fatti e non parole...

      Elimina
  6. Bene Gianna...ero un po stupito nel non vedere ancora il tuo post...
    Ti posso solo chiedere di fare un copia-incolla dei link dei blog che hanno finora aderito?! (li trovi in fondo al mio ultimo post....
    Grazie e ora aspettiamo altri anelli!
    Buona giornata

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Caro Pino, certo aspettiamo altre adesioni.
      Il conto lo state già tenendo tu e Tomaso, e penso che basti già.

      Grazie, buona serata.

      Elimina
  7. ah gianna oggi la pensiamo tutti allo stesso modo: e bastaaaa!!! bisognerebbe affacciarsi alla finestra come nel film quarto potere e urlarlo!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Zefirina il film era QUINTO POTERE, di solito non sono cosi puntiglioso ma sul mio film preferito non posso non esserlo..

      http://www.youtube.com/watch?v=Zr3N4yd3rT4

      :-)

      Elimina
    2. Concordo nel puntualizzare.

      Elimina
    3. E se andassimo per le strade...?

      Elimina
  8. grazie Gianna per il post e per esserci...facciamoci sentire per quel che puo' servire, ma almeno avremo detto la nostra.ciaooo e lieta giornata.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie a a te, Carla.

      Io non potevo mancare...

      Elimina
  9. siamo tutti d'accordo ...........basta!!

    un abbraccio gianna e sereno pomeriggio.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. L'unione fa la forza, cara Nan.

      Bacioni.

      Elimina
  10. Siamo tutti d'accordo!!!
    Bacione! NI

    RispondiElimina
  11. Cara Gianna davvero basta,non se ne puo piu' di promesse....un abbraccio nonna di Sara gianna

    RispondiElimina
  12. In casi come questo la solidarietà e l'unione sono d'obbligo!

    Ho appena pubblicato pari pari da me.

    Buon pomeriggio, un bacione!

    RispondiElimina
  13. Gianna, ci uniamo anche noi al coro dei Bastaaaaaa, siamo stritolati da una realtà che ci è stata incollata addosso senza pietà, senza possibilità di replica, ammantando di grigio cenere il nostro futuro.
    Un abbraccio da Sabrina&Luca

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Prima o poi qualcosa accadrà...non è possibile andare avanti così...

      Elimina
  14. Io sono un po' in overdose da comunicati, sceneggiate,pseudo dibattiti,....
    un vago senso di nausea.
    Per contrastare questa overdose di "notizie" annichilenti, ho allentato - e parecchio - ascolto e frequentazioni. Cercherò di usare la mia matita al seggio come meglio posso.
    Abbraccio.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ...manca anche la materia prima...purtroppo.

      Elimina
  15. si,davvero basta,cara Gianna!!se fossimo tutti uniti,dal nord al sud,si potrebbe rivoltare al meglio,il nostro bel paese.Letta la splendida poesia,di Carla.Ho vissuto un bel momento di eccellente poesia.Felice weekend,carissima!un abbraccio :-*

    RispondiElimina
  16. Mi unisco all'indignazione di tutti per dire basta a tutti i privilegi di una casta intoccabile,che fa pagare ai contribuenti perfino i caffè che si sorbiscono per stare svegli nelle loro poltrone (più di 100.000 euro nel 2012, ho letto stamani).

    In pratica ogni giorno noi offriamo il caffè a questi squattrinati poveracci di deputati e gente simile.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Noi siamo i signori e loro i poveretti...

      Ahimé, Antonio.

      Elimina
  17. Ciao Gianna mi unisco allo sdegno generale, non se ne puo' piu', ci prendono per i fondelli, praticamente lavoriamo per mantenerli...e' ora di finirla davvero!!! ciao grazie rosa

    RispondiElimina
  18. Viviamo in un paese con una Costituzione di grande valore. Una Costituzione che concilia esigenze di solidarietà ed eguaglianza con le esigenze della produzione. Che privilegia l'essere rispetto all'avere. Basta applicarla e non dimenticarci che quando in Spagna ebbe termine il deleterio regime franchista, la nostra Costituzione fu presa ad esempio per costruire la giovane democrazia iberica. La Costituzione Italiana è il frutto del lavoro di anime diverse che hanno saputo ritrovarsi assieme attorno a dei valori comuni. Credo che la consapevolezza di ciò ci possa aiutare a dir basta ai parolai che hanno imperversato nella politica italiana degli ultimi vent'anni e più. Un caro saluto, Fabio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Caro Fabio dici bene... Benigni aveva descritto degnamente la nostra bella Costituzione, eppure c'è qualche marionetta che vorrebbe intaccarla...

      Buon fine settimana, con un abbraccio.

      Elimina
  19. Mi sono unita anche io Giannina... ho unito il mio anello alla catena...
    Grazie per la tua vicinanza, ti voglio bene.
    Un abbraccio immenso dolce Stella kisssssss!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono parte di voi, ormai, cara Betty.

      Anch'io vi voglio molto bene e vi sento vicini.

      Abbraccio infinito a tutta la famiglia.

      Elimina
    2. ♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥♥

      Elimina
  20. Pure io sono con voi in questa indignazione generale,sarà dura avere le idee chiare per chi votare,teniamo duro e stiamo uniti.
    Buon fine settimana cara Gianna,bacino.

    RispondiElimina
  21. Ciao Mio Dolce Sorriso, fin quando non imporremo ai nostri politici nuove regole che non favoriscano la loro casta, le cose son destinate a non cambiare, anzi no, cambieranno ma in peggio, affidarsi per l'ennesima volta a gente che ha giocato a ping pong con la sorte dell'Italia e che riteneva e ritiene il rappresentarci in Europa un viaggio premio-vacanza dove si accettano senza contestare alcune direttive inapplicabili nel nostro paese e quindi disattese con conseguente danno è una follia che ci affonderà tutti!
    Un bacio e sereno fine settimana!

    P.S. Bellissimo il commento di Fabio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mia Diletta, l'Unione Europea deve essere rappresentativa delle unità Nazionali, ma non per questo imporre Leggi e Regolamenti che vadano bene a tutti, perchè ciò non è possibile.
      I nostri rappresentanti, dovrebbero avere di conseguenza il coraggio di sostenere con fermezza quanto può far bene alla nostra Nazione, senza assecondare qualunque decisione, anche se comunitaria.

      Felice domenica.

      Elimina
  22. Insieme siamo più forti...almeno spero!!!!!!!!!!!

    RispondiElimina
  23. Come ho scritto anche a Tomaso speriamo cambi presto qualcosa.
    Buon weekend Gianna,
    Miky

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cara Miky, incrociamo le dita.

      Bacione.

      Elimina
  24. La nostra Costituzione è la migliore che ci sia difendiamola.Ciao

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Oh si, certamente!

      Buona domenica, Cettina.

      Elimina
  25. si, sono indignata anch'io!
    ciao, Gianna, buon w.e.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non avevo dubbi, cara Giglio.

      Buona domenica.

      Elimina



Grazie del tuo gradito commento.


Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...