08/11/10

44

COMPITO IN CLASSE

L' UCCELLO LIRA

Due e due quattro
quattro e quattro otto
otto e otto fanno sedici...
Ripetete! dice il maestro
Due e due quattro
quattro e quattro otto
otto e otto fanno sedici.
Ma ecco l'uccello-lira
che passa nel cielo
il bambino lo vede
il bambino l'scolta
il bambino lo chiama:
Salvami
gioca con me
uccello!
Allora l'uccello discende
e gioca con il bambino
Due e due quattro
Ripetete! dice il maestro
e gioca il bambino
e l'uccello gioca con lui...
Quattro e quattro otto
otto e otto fan sedici
e sedici e sedici che fanno?
Niente fanno sedici e sedici
e soprattutto non fanno trentadue
in ogni modo
se ne vanno.
E il bambino ha nascosto l'uccello
nel suo banco
e tutti i bambini
ascoltano la sua canzone
e tutti i bambini
ascoltano la musica
e otto e otto a loro volta se ne vanno
e quattro e quattro e due e due
a loro volta abbandonano il campo
e uno e uno non fanno nè uno nè due
uno a uno egualmente se ne vanno.
E gioca l'uccello-lira
e il bambino canta
e il professore grida:
Quando finirete di fare i pagliacci!
Ma tutti gli altri bambini
ascoltano la musica
e i muri della classe
tranquillamente crollano.
E i vetri diventano sabbia
l'inchiostro ritorna acqua
i banchi ritornano alberi
il gesso ridiventa scoglio
la penna ridiventa uccello.

Jacques Prévert


Deux et deux quatre
quatre et quatre huit
huit et huit font seize...
Répétez! dit le maitre
Deux et deux quatre
quatre et quatre huit
huit et huit font seize.
Mais voilà l'oiseau lyre
qui passe dans le ciel
l'enfant le voit
l'enfant l'entend
l'enfant l'appelle
Sauve-moi
joue avec moi
oiseau!
Alors l'oiseau descend
et joue avec l'enfant
Deux et deux quatre...
Répétez! dit le maitre
et l'enfant joue
et joue avec lui...
Quatre et quatre huit
huit et huit font seize
et seize et seize qu'este-ce qu'ils font?
Ils ne font rien seize et seize
et surtout pas trente-deux
de toute façon
et ils s'en vont.
Et l'enfant a caché l'oiseau
dans son pupitre
et tous les enfants
entendent sa chanson
et tous l'enfants
entendent la musique
et huit et huit à leur tour s'en vont
et quatre et quatre et deux et deux
à leur tour fichent le camp
et un et un ne font ni une ni deux
un à un s'en vont également
Et l'oiseau lyre joue
et l'enfant chante
et le professeur crie:
Quand vous aurez fini de faire le pitre!
Mais tous les autres enfants
écoutent la musique
et les murs de la classe
s'écroulent tranquillement.
Et les vitres redeviennent sable
l'encre redevient eau
les pupitres redeviennent arbres
la craie redevient falaise
le porte-plume redevient oiseau.

44 commenti:

  1. Ciao Stella, buona settimana.

    RispondiElimina
  2. Sei incantevole Gianna..che buongiorno!Buon inizio di settimana cara Stellina..bacini a volontà. :)

    RispondiElimina
  3. Come inizio di giornata non c'è male!!!
    Un abbraccio sorellina...

    RispondiElimina
  4. come sempre ci fai iniziare alla grande la nostra giornata
    Un abbraccio e grazie di cuore
    Pinuccia

    RispondiElimina
  5. Martin, buona settimana a te.

    RispondiElimina
  6. ador le francais merci Sella !!!

    RispondiElimina
  7. Buongiorno... bellissima e dolce Stella ...
    son sempre dolcemente rimate le tue paginette...
    un bacio.. per cominciare al meglio questa settimana....
    Con infinita simnpatia... Loris...

    RispondiElimina
  8. Buon inizio settimana, Stella, tenendo per mano le ali della fantasia, sempre!
    Baci da Sabrina&Luca

    RispondiElimina
  9. Sei grande cara Stella, tu non finirai mai ha fare delle belle lezioni di classe
    se anche ora sei! diciamo ha riposo tu non sarai mai capace di riposare, tu se come me sempre attiva...
    Buona settimana con un abbraccio,
    Tomaso

    RispondiElimina
  10. Tesoro 6 1 mito e questo mi gusta moltissimo.1 buongiorno cosi cn le labra che si aprono x farsi 1a bella risata e la cosa più bella che tu ci puoi donare...:D.Ed io ti mando 1 abbraccio fortissimo e tanti smuacki smuacki...:D

    RispondiElimina
  11. Grande Prévert che passa dai "ragazzi che si baciano in piedi contro le porte della notte", alla disperazione seduta su una panchina, all' "uccello lira che giocando col bambino sveglia la sua fantasia.

    E grande Stella che, con grazia innata, ci regala la risata, la poesia, la commozione.

    RispondiElimina
  12. Tra il monotono studio delle tabelline e la vista di un coloratissimo uccello lira in un'aula scolastica, non c'è partita... ;-)

    E l'aula si trasforma in aperta campagna e in cielo aperto, dove si può volare con la fantasia insieme a questo fantastico uccello... :-))

    L'uccello lira no, ma quando entrava qualche passerotto in classe, succedeva davvero di tutto :-)

    Oggi non c'è pericolo; gli uccelli sono quasi spariti dalla circolazione :-( Ma ci sono altre distrazioni... non previste da Prévert ;-)

    Buon giorno, carissima Maestra Gianna :-)

    RispondiElimina
  13. Bella, bella, bellissima! Buona settimana!

    RispondiElimina
  14. Marianna, preferisci de rien o n'y a pas de quoi?

    RispondiElimina
  15. je preferì ici très bon cette blog

    RispondiElimina
  16. Ti auguro una splendida settimana!!!Un caldo abbraccio Gilda

    RispondiElimina
  17. Caro Loris, queste dolci parole mi commuovono e mi toccano nel profondo del cuore.
    Ti abbraccio forte.

    RispondiElimina
  18. Sabrina, aspetto sempre una tua nuova poesia da pubblicare.
    Mi piace tantissimo come scrivi.
    Buona settimana a voi con un abbraccio grande.

    RispondiElimina
  19. Caro Tomaso, hai capito come sono ora e come sono stata.
    Mantenersi attivi fa bene al corpo e allo spirito.
    Un abbraccio a te.

    RispondiElimina
  20. Carissima Alina, spero sempre di accogliervi bene come stamattina.
    Tanti bacetti con la boccuccia a forma di cuoricino.♥♣♥♣

    RispondiElimina
  21. Krilù ho apprezzato molto il tuo commento, mi viene tutto naturalmente!
    Deviazione professionale? Può essere...
    Un abbraccio grande.

    RispondiElimina
  22. Caro Antonio, qui i passerotti ci sono ancora, capita che vengono sul mio balcone e qualcuno addirittura mi entra in casa.
    La distrazione, in certi casi, attira l'attenzione...
    Buona serata professore!

    RispondiElimina
  23. Buona serata a voi, io e clo.

    RispondiElimina
  24. mammaMarina, ci sentiremo ancora.
    Baci.

    RispondiElimina
  25. Cara Gilda, buona serata e a presto.

    RispondiElimina
  26. Non poteva essere che di Prévert. Un bacione e buona serata.
    erika

    RispondiElimina
  27. Buona settimana, con l'animo lieve .
    Grazie Stella.

    RispondiElimina
  28. Cioa Carissima Radiosa Stella,
    non manchi mai di manifestare il tuo prezioso cuore.
    Attraverso l'immaginazione, come per magia tutto può diventare realtà cristallizzata. E' quella possibilità/probabilità che l'osservatore può informare.

    RispondiElimina
  29. Che gioioso il tuo blog! Piacere di conoscere una " collega";anch'io insegnante scuola primaria.....

    RispondiElimina
  30. E' proprio adatta alla mia piccolina!!!!Che vola con la fantasia!!!Ciao Stellina,sogni d'oro!!!Liza.

    RispondiElimina
  31. Con Prevért la matematica non è più la scienza arida che non mi piaceva...anche quando credevo che l'uccello lira fosse una creatura mitologica!
    Buongiorno stellina, un bacione.

    RispondiElimina
  32. Sandra, è stato un piacere...

    RispondiElimina
  33. Ciao Liza.
    Un bacione a te e alla piccola.

    RispondiElimina
  34. certo che la distrazione è una bella compagna di viaggio!!!

    RispondiElimina



Grazie del tuo gradito commento.


Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...