11/01/10

35

IL PROFESSORE E IL BARCAIOLO


Un giorno, uno dei più grandi professori dell'Università, candidato al Premio Nobel, famoso in tutto il mondo, giunse sulle rive di un lago.
Chiese ad un barcaiolo di portarlo a fare una passeggiata sul lago con la sua barchetta.
Il brav'uomo accettò.
Quando furono lontani dalla riva, il professore cominciò ad interrogarlo.
"Sai la storia?" - "No!" - "Allora un quarto della tua vita è perduto".
"Sai l'astronomia?" - "No!" - "Allora due quarti della tua vita sono perduti".
"Sai la filosofia?" - "No!" - "Allora tre quarti della tua vita sono perduti".
All'improvviso prese ad infuriare una tremenda tempesta.
La barchetta, in mezzo al lago, veniva sballottata come un guscio di noce.
Gridando sopra il ruggito del vento, il barcaiolo si rivolse al professore.
"Sa nuotare?" - "No!", rispose il professore.
"Allora tutta la sua vita è perduta!".

Bruno Ferrero

Non dobbiamo mai perdere di vista l'essenziale.

35 commenti:

  1. Il proverbio recita: val più la pratica che la grammatica.

    RispondiElimina
  2. bella storia!
    Un giorno mi dirai dove le prendi tutte le belle storie che pubblichi!
    Sei un Mistero per me...il tuo blog è uno dei più belli che abbia visto,lo dico sinceramente.
    Baci Lucia

    RispondiElimina
  3. Immagino la faccia del prof.con tutta la sua "scienza infusa" in quel preciso istante ....;))))
    AHAHAHAHAHAHAHAH!!!!!

    Una barzelletta "sociale" stavolta.

    Mai essere convinti di sapere tutto e, soprattutto che quel sapere ci collochi al di sopra di tutte le parti nel tutto.

    Grazie tesoro. Un bacio!

    RispondiElimina
  4. per me da oggi avrai un doppio nome...ti va Mistero?
    Enigma?Scegli tu,cara Stella,sei troppo FORTE!
    Baci Lucia

    RispondiElimina
  5. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  6. Ciao Carissima Preziosa Stella del Mio Cuore.
    C'è sempre qualcosa da imparare anche e soprattutto dagli altri. Solo la sinergica unione del cuore può varcare quegli invisibili illusori cancelli invalicabili della mente.

    Se poi ci rapportiamo con questo prezioso insegnamento dettato dal tuo amorevole saggio cuore, la vita non finisce solo con questi giusti insegnamenti perchè, ENTRAMBI HANNO DIMENTICATO CHE UN TERZO DELLA LORO ESISTENZA LO TRASCORRONO DORMENDO, NON CONSIDERANDO CHE QUESTA SONNOLEZA (NON ATTENZIONE) SPESSO VIENE MANIFETATA ANCHE NELLO STATO DI VEGLIA. Quindi tutto si basa su quell'aspetto interiore che riusciamo a manifestare fuori CONSAPEVOLMENTE attraverso l' ATTENZIONE che spesso è assai poco per SVEGLIARE LA PROPRIA CELATA COSCIENZA INTERIORE.
    SIATE AMOREVOLI COME LE PECORE E ATTENTI COME I SERPENTI

    Questa Attenzione è anche necessaria rivolgerla anche e soprattutto DENTRO DI NOI. È la tecnica dell'agguato del Negual Don Juan riportata da Costaneda, Prendere consapevolezza dei meccanismi ripetitivi del corpo e dell'ego, per ri-svegliare la propria COSCIENZA INTERIORE. Gli stessi insegnamenti di Gudjieff e di Tanti Saggi Attenti Osservatori e Maestri di Saggezza di ogni tempo. Così come anche e soprattutto il Maestro Gesù ci diceva e ci dice ancora.

    Non c'è niente di diabolico che non sia generato dallo stesso sentiero di crescita degli uomini di questo o di altri mondi visibili o invisibili. Tutto è già presente nella natura animica/spirituale dell'essere umano, basta accostarsi all'amorevole cuore, con il divino intelletto osservare quelle forze egoiche che agiscono nell'interiore, che se capite e trascese possono essere trasformate in forze armoniose del creato.

    Solo conoscendo se stessi l’essere umano potrà amare il Prossimo e i suoi Fratelli. che è la stessa cosa perché esiste una connessione non locale che tutti ci accomunai.

    E’ per questo che l’essere umano deve pervenire prima o poi a quella conoscenza intuitiva animico/spirituale che lo pone nello stato dell’essere, per vincere le induttanze che agiscono sui guna inferiori, per dominare il suo DEMONE INTERIORE (Arimanne, la materia l’aspetto maschile) e predisporsi per accogliere sempre di più quella luce spirituale dell’ANGELO DELLA PRESENZA (Lucifero, il portatore di luce, l’aspetto femminile) affinché quel raggiunto equilibrio, quella coincidenza degli opposti; possa trasmutare ogni cosa in benefiche forze creatrici che furono donate / impiantate geneticamente (in un antichissimo passato) con L’ALBERO DELLA CONOSCENZA DEL BENE E DEL MALE. Solo in questa fusione ri-nasce l’IO Superiore, la celata paterna/materna figliolanza, la divina DEITA’. Come disse GESU’ “Solo quando due sarete uno le porte del padre celeste vi saranno riaperte” solo quando metteremo in atto con tanto amore questa verità si potrà tornare come un figliol prodigo alla casa del PADRE CELESTE.

    RispondiElimina
  7. Caro Max, potrei aggiungere che vale più la pratica che la teoria.
    La teoria, se resta da sola, non porta a niente.

    RispondiElimina
  8. Cara Lucia, grazie per l'apprezzamento.
    Posso trovare queste cose perhè ho il tempo a mia disposizione e mi impegno allo stesso modo di quando insegnavo dedicandomi al blog con lo stesso entusiasmo.
    Baci.

    RispondiElimina
  9. Miryam sei troppo forte, direi che la nostra sintonia è galattica!

    Un bacione a te.

    RispondiElimina
  10. Lucia, la mia vita è "misteriosa". Quindi va bene mistero, che è il primo termine che hai usato.

    Bacioni.

    RispondiElimina
  11. Caro Raffaele,i tuoi commenti sono sempre molto profondi e spirituali.
    Bisogna sempre prima guardare dentro se stessi prima di osservare il prossimo, e soprattutto non sentirsi superiori agli altri.

    RispondiElimina
  12. La morale di questa storia;al mondo c'e' sempre da imparare nessuno puoi sentirsi migliore di un altro.Complimenti per il nuovo template grafico,veramente molto bello.Nella speranza che sia una buona settimana per te ,ti auguro una buona serata.Saluti a presto

    RispondiElimina
  13. Ciao cara Stella.
    E' vero come dice qualcuno dei tuoi lettori
    tante volte vale più la pratica
    della teoria.
    Ciao Carissima
    felice notte

    RispondiElimina
  14. a volte si da per scontato che conti solo il proprio sapere
    mai sottovalutare quello che sanno fare gli altri
    magari non hanno 'elevata' cultura pero' sanno sopravvivere
    come il barcaiolo
    bella
    bellissima storia
    ciao
    Michele pianetatempolibero

    RispondiElimina
  15. Vestito nuovo.....ti piace cambiare....sempre le sorprese da te.
    Ohh....imparassero le persone che è bello il diverso, che non vuol dire altro che arricchimento,e che si impara da tutti.
    Certo che invezioni strane ce ne sono ...talmente strane che non ho saputo sceglierte quale è la più strana.
    Dolce relax anche dalla musica......lo sai che ti ho copiato, l' ho messa anche da me,ho copiato da te......mi perdoni???

    RispondiElimina
  16. Ciao, soprattutto il professore era un pò troppo presuntuoso, chi ama la storia, la filosofia, la cultura, deve amare anche l'umanità e apprezzarne ogni aspetto e qualità, con umiltà perchè non si finisce mai di imparare, soprattutto dalle persone più semplici e dai bambini.
    Mi piace il tuo blog!!!
    Evelin

    RispondiElimina
  17. ogni conoscenza ha valore. be racconto stellassa. Ah il tuo giochino mi h adetto Brava, ricostruito il puze glitter in 1 minuto e 91 sec. Miaooooooooo

    RispondiElimina
  18. Le storie di Bruno Ferrero sono sempre molto educative! grazie sorellina!
    Una preghiera per me: come saprai, oggi la mia provincia è stata sede di importanti scosse sismiche creando in noi abitanti tanta paura e panico anche se non ci sono stati danni di rilievo. Ma non viviamo sereni.
    Un abbraccio!!!

    RispondiElimina
  19. Stupenda questa storia!

    Clelia

    RispondiElimina
  20. Grazie Cavaliere, sei sempre molto gentile.
    Buona settimana a te!

    RispondiElimina
  21. Ciao Dino, radiosa giornata!

    RispondiElimina
  22. Michele, l'ho sperimentato anch'io.
    Serena giornata.

    RispondiElimina
  23. Teo copia, copia, ora abbiamo l'età per farlo...bacioni.

    RispondiElimina
  24. hahahahah!! ben gli stà! Professore cafoncello! Buona giornata Stellina..sono stanco,non ho voglia di postare niente. vabbè..passerà!

    RispondiElimina
  25. Agave, pienamente d'accordo con te.

    RispondiElimina
  26. Feli bravissimaaaa!
    Peccato che questi giochini non fanno bene al blog...

    RispondiElimina
  27. Marina, non hai idea di quanto ti pensi...Ti sono vicina e prego.
    Ti abbraccio forte.

    RispondiElimina
  28. Adam, allora posta sulla speranza...

    RispondiElimina
  29. Ciao..sono in cura per una tremenda sinusite,ho preso molti antibiotici e cortisone. Sono stancoooooo! issimoooooo! baciotti

    RispondiElimina
  30. Adam, sono i frutti di stagione...

    RispondiElimina
  31. se si raccogliessero tutte le storie che pubblichi, con i loro profondi significati, verrebbe fuori un volumetto davvero significativo...

    RispondiElimina
  32. C'è quando tutta la scienza di questo mondo può essere perfettamente inutile.

    RispondiElimina



Grazie del tuo gradito commento.


Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...