03/12/13

51

Dite la vostra


Troppo tardi, caro papà !



Meglio usare la testa, no ?



51 commenti:

  1. Verdadeira e forte! beijos,tudo de bom,chica

    RispondiElimina
  2. Buonasera Gianna,
    il tema che proponi stasera si presenta con un paio di vignette, ma richiede un commento articolato, per cui vorrai scusarmi se mi dilungo un po'.
    Oltre alla crisi economica e politica si sta registrando nel nostro paese una crisi morale, che consiste in una crescente indifferenza verso i valori veri della vita.
    Ciò si verifica soprattutto nel mondo giovanile, sempre più attratto da ideali solipsistici e di facile protagonismo, valori falsi, surrettizi, alimentati pure da programmi televisivi di dubbio gusto.
    Le cronache di questi ultimi anni riportano numerosi episodi di violenza e teppismo, perpetrati anche ai danni di emarginati e disabili, oltre che casi d’insofferenza verso le istituzioni.
    La scuola fatica sempre più a gestire gli allievi e, anche quando fa ricorso a legittime forme sanzionatorie, viene accusata di autoritarismo e finisce al centro di mortificanti polemiche.
    Molti osservatori sono concordi nell’ affermare che certi comportamenti giovanili derivano dalle profonde trasformazioni socio-culturali avvenute nell’ ultimo trentennio, ma sono anche il frutto di un processo iniziato negli anni Settanta e volto a ridimensionare il ruolo di insegnanti ed educatori e ad enfatizzare invece i diritti dei giovani, generando in loro un senso d’onnipotenza e d’impunibilità.
    Purtroppo anche le famiglie sono cadute nell'errore, rinunziando (naturalmente solo in alcuni casi) ad esercitare la propria funzione educativa, magari per mancanza di tempo, indifferenza oppure assenza dalla scena domestica.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Tutto vero ciò che affermi, caro Antonio.

      La scuola fatica...certamente e qui tiro in ballo proprio le famiglie...

      I primi educatori sono i genitori...che il più delle volte sono assenti per i motivi più svariati e i bimbi non hanno punti di riferimento.

      Crescendo,durante l'adolescenza, se restano soli...sono come fuscelli al vento, non hanno interiorizzato sani valori e vanno allo sbando.

      Grazie del tuo commento molto pertinente ed esaustivo.

      Abbraccio

      Elimina
    2. Condivido completamente quanto letto.

      Elimina
  3. ciao Gianna, molto belle e realistiche queste vignette complimenti, ci mostrano la realta' purtroppo, ciao grazie buona serata rosa.) baci

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Le vignette, a volte, lanciano messeggi, più delle parole, cara Rosa.

      Baci e a presto.

      Elimina
  4. Ciao Gianna, belle le vignette!!
    Buona serata!
    Carmen

    RispondiElimina
  5. Pensare per molti è un lavoro faticoso... forse non sanno che pensare rende liberi!
    Un abbraccio :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non pensare è agire da robot...

      Abbraccio.

      Elimina
  6. la seconda sembra una barzelletta ma alla fine niente di più vero......
    e la testa molto spesso viene utilizzata come optional.....ma la tecnologia può darci una mano ma non può sostituire quell'organo che molto spesso lasciamo per strada ......
    un bacione gianna

    RispondiElimina
    Risposte
    1. In tutte le cose buon uso e non abuso, Barbarella.

      Abbraccio.

      Elimina
  7. Purtroppo si sta perdendo sempre più l'abitudine a pensare...e i risultati sono sotto gli occhi di tutti.

    Ciao Gianna, buona serata.
    Antonella

    RispondiElimina
  8. Cara Gianna, quanta verità ce in tutte queste belle vignette!!! Penso che il pensare non sia di moda!!!
    I risultati sono spaventosi!!! cosa sarà delle prossime generazioni, se non trovano il modo di far pensare hai giovani... Ciao e buona notte cara amica.
    Tomaso

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Caro Tomaso, la superficialità sta dilagando, e se non si corre ai ripari sarà sempre peggio....

      Abbraccio e buona serata.

      Elimina
  9. direi proprio che usare la testa sia indispensabile.....
    un abbraccio

    RispondiElimina
  10. Cara Gianna, purtroppo alcuni genitori si comportano proprio come nella prima vignetta verso i loro figli, forse colpa del troppo lavoro, o per il semplice fatto di non avere la pazienza di ascoltare… e i figli alla fine si dirigono altrove, cercano di trovare in altro luogo ciò che li appaga in assenza dei genitori, ma quando quest’ultimi decidono di “guardare” ormai è troppo tardi.
    La seconda vignetta è molto chiara, oggigiorno si usa poco la testa e al posto di essa si usa la tecnologia.
    Non dico sia sbagliato, anzi… in tanti casi sono molto utili, ti cito come esempio il mio sito, ma ci sono tante risorse online che possono aiutare persone con problemi di apprendimento e/o con ritardi del linguaggio.
    Comunque tutto questo va sempre monitorato da persone adulte, e mai lasciare i bambini soli davanti ad un PC che ha libero accesso ad internet.
    Per quanto riguarda i giochini con Playstation o roba simile, sono contraria al 100%, prima di tutto perchè non sono educativi e soprattutto è stato constatato che portano assuefazione.
    Un bacione a te dolce stella :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cara Betty, e cosa aggiungere di più alla tua 'analisi perfetta delle due vignette?
      Condivido tutto ciò che affermi.

      Abbraccio grande a te e a Matteo.

      Elimina
  11. Ciao Gianna, il compito che ci dai oggi è interessante, un genitore non si deve sottrarre dal compito di ascoltare ed intuire come essere presente nella vita di un figlio, l'albero va raddrizzato mentre cresce, figli si nasce e genitori si diventa, per grazia di Dio sono cresciuto con i miei figli, però mi è capitato di vedere i figli aggrapparsi alle tecnologie e leggere poco e rifiutare di svolgere compiti con solo il proprio cervello e senza aiuti, poi da adulti hanno imparato a leggere di più e usare il cervello sfruttandolo un po di più.
    Ciao Gianna, serena vita.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Caro Gaetano, ascoltare e colloquiare con i propri figli, soprattutto durante l'adolescenza è basilare.
      Io mi stupisco sempre quando un genitore afferma di non essersi mai accorto dei disagi del proprio figlio quando, ad esempio, è dedito all'alcool o si droga.

      Abbraccio grande.

      Elimina
  12. L'argomento sembrerebbe i-pad o non i-pad, strumenti elettronici o cervello, ma anch'io credo che vada al di là di questo specifico dilemma ed abbracci questione più ampie e profonde.
    Buonanotte cara Gianna ;-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Giovy, una volta era la tv a fare la baby-sitter, oggi c'è l'abuso della tecnologia che si dimostra fuorviante.
      Ricordiamoci che i genitori hanno un ruolo insostituibile.

      Abbraccio.

      Elimina
  13. Io a volte mi lamento con i miei figli, proprio del contrario. Vorrei che ci raccontassero di più della loro vita, di quella parte interiore, di emozioni, di sentimenti, anche solo di pensieri, che non vediamo al primo sguardo. Poi mi rendo conto che alcuni spazi devono restare propri e allora faccio comunque arrivare loro il "messaggio" che anche per quella parte della loro esistenza intima, quando serve, ci siamo!
    La miopia e la sordità nei confronti dei figli è un sintomo di incomunicabilità inspiegabile e che non dovrebbe esistere, ma è sicuramente una riduzione di quell'umanità e amore che si dovrebbe sempre dimostrare, alimentare e condividere con loro. Per fortuna io credo che le mamme compensino questa mancanza quasi prettamente dei papà!...dico credo...eh!...
    Credo anche, almeno per la mia esperienza diretta, che la testa la usino e che la tecnologia li aiuti semplicemente ad usarla meglio. Quando non viene "usata" non è sicuramente da attribuire all'utilizzo del pc...dell'MP3 o dell'Ipod...Iphone...ecc...
    Secondo me non bisogna solo sconfinare e ribaltare le percentuali di "utilizzo"! Usiamo la nostra testa almeno per il 60%, affinché possiamo utilizzarne per il restante 40% (massimo!) la tecnologia per svago, per studio, per supporto insomma al raggiungimento degli obiettivi...che siano di passatempo o d'applicazione allo studio e/o al lavoro!
    Penso che i nostri figli abbiano grandi vantaggi dalla comunicazione e strumenti realizzativi che noi non avevamo!...e questo deve essere considerato un vantaggio...e non una limitazione..alla loro "intelligenza" che a prescindere hanno e sono dotati!...poi...esistono le eccezioni!...e questo è tutt'altro argomento...

    Ciao Gianna...grazie per questo post...ci si potrebbe scrivere per ore...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Caro Pino, sapevo che hai un buon rapporto con i tuoi figli e questo accurato e pertinente commento lo conferma.
      Anch'io sono convinta dell'importanza che la mamma ha nel ruolo educativo, mio figlio ha sempre avuto e ha tuttora me come suo punto di riferimento.

      Grazie e abbraccio.

      Elimina
  14. Profondamente convinta di tutto quello che dici mia cara..e le tue vignette ne sono un degno esempio...
    Il cervello sembra messo in stand -by in questi ultimi tempi e la fantasia ormai è una marca di pelati!
    Un abbraccio fortissimo!:::)))

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Dici bene,cara Nella.
      La tecnologia non sviluppa la fantasia e non favorisce la creatività, che dipendono solo e sempre dal nostro cervello.

      Abbraccio grande.

      Elimina
  15. Ieri sera ho giocato col Nintendo insieme alle mie bambine. Divertentissimo.
    Quando c'è amore non importa il cosa ma il come.
    ;)
    ciao

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Caro Bruno, dedicare del tempo ai propri figli è costruttivo e indice di amore, come tu affermi.

      Buona serata.

      Elimina
  16. La difficoltà generazionale a comunicare tutto sommato è sempre esistita. Forse era meno conflittuale negli anni passati dove gli stimoli esterni erano minori e la famiglia era più unita.
    Buona giornata Gianna, un abbraccio
    enrico

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Caro Enrico, con poche parole hai "fatto centro" sul problema.

      Buona serata con un abbraccio.

      Elimina
  17. Ciao Gianna,
    concordo con te. Questa tecnologia sta rovinando le famiglie e soprattutto i ragazzi. Secondo me è sbagliatissimo dare in mano ai bambini determinati strumenti, dovremmo fare tutti un passo indietro e renderci conto che non è cosi che funzionano le cose.
    un abbraccio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cara Audrey, i ritmi frenetici di questa società a cui apparteniamo hanno stravolto i reali valori della vita.
      I regali che oggi si aspettano i bambini a Natale, sono solo tecnologici...e i genitori accondiscendono.

      Abbraccio.

      Elimina
  18. Le due vignette, in forma umoristica, dicono due grandi verità: 1) si raccoglie quello che si è seminato;
    2) nessuno strumento potrà mai sostituire lo "strumento testa". Altrimenti saremmo dei robot... ;-)

    Molto simpatiche le storielle e molto istruttive. Un grande abbraccio, mia cara Gianna :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Caro Antonio, siamo in perfetta sintonia.

      Buona serata con un grande abbraccio.

      Elimina
  19. Eh, sembra una "robetta" da ridere e invece è parecchio seria. E chi ha avuto tutta la vita a che fare con i bimbi non può non avere fondate preoccupazioni . Penso sia, da sempre, una questione di equilibrio. Ogni giorno, pigiando su questi tasti che mi aprono le porte del mondo - parlo del web - son felice di essermi costretta a imparare e penso che se avessi avuto queste "facilitazioni" anni fa, chissà che avrei fatto di più e meglio e con meno fatica. D'altra parte c'è il rischio di strafare, di esagerare, di non vedere altro...In questo si gioca il ruolo degli adulti-veri-educatori. Come in ogni epoca, del resto.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cara Sandra, hai ragione.
      Sembra proprio che l'equilibrio sia diventata "merce" rara.
      Che la tecnologia aiuti è fuori dubbio, ma non bisogna esserne dipendenti.

      Buona serata con un abbraccio.

      Elimina
  20. C'è tanta verità in queste vignette... è proprio vero che, col tempo le parti si invertono e poi gli strumenti che ci offre la tecnologia son utili ma, usare la testa è più utile ancora: aguzza l'ingegno, stimola la fantasia e, alla fine, usar la testa ci porta a capire che è bello usare anche il cuore. Un caro saluto, Fabio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Caro Fabio, mi hai colpita molto la tua affermazione sul cuore....
      Concordo su tutto, grazie.

      Buona serata.

      Elimina
  21. meglio usare la testa e a volte anche il cuore!
    trova il tempo per ascoltare, pensare e gioire di quello che hai udito!
    bello il tuo blog mi posso inserire come lettrice!
    ciao io sono VAleria

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Piacere di conoscerti, Valeria.

      A presto.

      Elimina
  22. che tristezza la prima serie di vignette...
    mi viene da pensare: chi semina raccoglie!
    buona serata con un abbraccio...noi abbiamo tempo...per noi!!!

    RispondiElimina
  23. Queste vignette raccontano una triste verità... chissà se forse non sarebbe bastato semplicemente "ascoltare e ascoltarsi" per ristabilire l'equilibrio.
    Ciao Gianna, piacere di conoscere il tuo spazio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie, Blumoon.

      Benvenuta tra noi.

      Un abbraccio

      Elimina
  24. Permettimi di dirti solo che sei semplicemente mitica!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Se me lo dici tu, sono particolarmente lusingata, mia Diletta!

      Baci

      Elimina
  25. Non c'è dubbio! Usare la testa è sempre la miglior cosa. Quanto alla prima vignetta, è proprio vero che, ciò che è fatto, è reso!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non si può piangere sul latte versato...

      Elimina



Grazie del tuo gradito commento.


Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...