21/08/13

56

Sono fifona?

 Non conoscevo la Ferrata dell'Infernone, finchè non ho visto queste foto, che mi hanno provocato sgomento e tanta paura, vedendo mio figlio sospeso nel vuoto...

 






"La ferrata delle gole dell' infernone e' un bellissimo e vario percorso in un
ambiente unico, tra gole e marmitte dei giganti, sempre al cospetto della
limpidissima acqua del torrente Elvo. E' stata pensata dalla guida alpina
Gianni Lanza che su incarico della comunità montana Valle Elvo ne ha realizzato
lo studio di fattibilita', che di fatto e' stato il progetto del lavoro,
terminata nell’ autunno 2009."

56 commenti:

  1. Ciao Gianna, se ti può consolare sono fifona anch'io...e ho un vero terrore del vuoto! Però i miei figli e mio marito no, e anche loro fanno cose che a me mettono paura solo a vederle..buona giornata!!
    Carmen

    RispondiElimina
  2. Nooooo sei solo mamma ;-)
    Bacio da un'altezza fattibile

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mamma apprensiva Eli, mi rendo conto...

      Bacione con i piedi per terra.

      Elimina
  3. Cara Gianna, credo che ogni mamma oppure papà provi questa sensazione di paura!
    Questa è la vita, guardando quelle che fa il mio nipote di 16 anni mi viene i brividi!!! Poi penso che quando io ero giovane ne ho fatto molte di peggio.
    Ciao e buona giornata cara amica.
    Tomaso

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Hai ragione, caro Tomaso.

      Abbraccio grande.

      Elimina
  4. Non so se è fifa...ma a me, che soffro di vertigini, solo a guardare le foto, mi gira la testa!
    Invidio chi...come tuo figlio...riesce a fare certe cose.
    Ciao Gianna... ancora qualche giorno di vacanza per me...assolutamente meno "estreme"...spiaggia, sdraio e sole!
    A presto.
    Un abbraccio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Loris si è messo in gioco...per sua moglie è stata una passeggiata...

      Goditi fino all'ultimo istante la vacanza rilassante.

      Abbraccio, Pino.

      Elimina
  5. Lo sarei anche io..e di più, vedendo mio figlio così appeso. :-)

    RispondiElimina
  6. Meglio rimanere con i piedi per terra... Buona giornata.

    RispondiElimina
  7. la montagna è pericolosa se non si è esperti non si tratta di fifa ma PRUDENZA
    CIAO STELLINA!!!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Purtroppo capitano disgrazie pure agli esperti...

      e Loris non è per niente esperto.

      Elimina
  8. Oddio, ma è terribile! Ma nemmeno se mi pagano! Altro che fifa, io avrei puro terrore, gelo nelle vene! Però...BRAVO TUO FIGLIO! Chissà che soddisfatto, dopo!?

    RispondiElimina
  9. Io soffro di vertigini Gianna, quindi altro che paura... Ne ho il terrore solo a guardare, e ancora di piú se lí ci fosse mio figlio.
    Un abbraccio Giannina, buona giornata

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cara Betty, anch'io ho le vertigini...
      Quando ho visto queste foto mi sono talmente impressionata che dicevo tra me e me : figlio mio, figlio mio !

      Un grande abbraccio e a risentirci a presto.

      Elimina
  10. Non sei fifona, queste le cose le faceva anche mio fratello ma per quanto a me piace scalare le montagne perchè con mio padre facciamo anche delle scalate, queste cose le ho sempre lasciate fare a lui: chissà, forse un giorno quando diventerò Superman se ne riparlerà.
    Un abbraccio grande

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Caro Xavier, in montagna vado volentieri per respirare aria pura e fare delle passeggiate.

      Avvisami, quando diventerai Superman...

      Bacione.

      Elimina
  11. Che ginnico il figlio!
    Di certo un percorso del genere non farebbe per me, né per mio marito! Qui vertigini a go-go!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Loris è ginnico, ma non credevo fino a questo punto.

      Elimina
  12. Mi sono angosciata io a vedere le immagini figuriamoci tu che sei la mamma! Questi nostri figli!!!

    RispondiElimina
  13. Sarei fifone anch'io. Anche solo a a guardare. E pensare che dalle mie parti ci sono ferrate e gole molto paurose.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Adriano, non farmi impressionare pure tu!

      Elimina
  14. ciao Gianna, non lo farei mai, anche legata, ti capisco, anch'io sarei stata in ansia, ma loro sono giovani, piu' allenati e amanti delle avventure e delle sfide, crescendo si diventa piu' cauti, bellissimo posto cque, complimenti a tuo figlio , ciao buona serata rosa a presto.)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cara Rosa, mio figlio non è che sia poi tanto un ragazzino, a ottobre compirà 38 anni.
      Ora che l'impresa è andata a buon fine, sono orgogliosa di lui.

      Baci e a presto.

      Elimina
  15. Anzitutto bentornata, cara Gianna!
    Un percorso del genere adesso non lo farei, ma se mi fosse stato proposto all'età di tuo figlio, credo che un pensierino ce l'avrei fatto...!!!

    Un bacione e buona serata.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non avevo dubbi caro Leonardo, visto che ami la montagna più di me.

      Elimina
  16. Cara Gianna , non sei una fifona , sei mamma !! Anch'io se vedessi mio figlio li ,sospeso , mi verrebbe un coccolone considerato che ho scoperto anni fa , quando in montagna siamo stati sorpresi da un violento temporale e abbiamo dovuto accorciare la strada del ritorno attraversando un canalone , di soffrire la paura del vuoto !!!! Terribile sensazione. Un bacione .

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cara Mirtilla, non l'ho scritto ma durante il percorso era pure venuto a piovere...!!
      Ci capiamo.

      Abbraccio.

      Elimina
  17. foto da incubo e non solo per una mamma,ciao Giannina,bentornata

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi fa piacere sentirtelo dire, Graziella.

      Elimina
  18. Gianna!!!! Ma hai fatto i capelli bianchi dallo spavento? Complimenti a chi ha realizzato quel percorso in una natura incantevole, anch'io sono stato uno spericolato, ma proprio questa era la mia paura, non avrei desiderato vedere un figlio fare cose pericolose.
    Ti lascio un abbraccio.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non mi sono venuti i capelli bianchi, ma le gambe hanno fatto "giacomo giacomo"...

      Abbraccio ricambiato.

      Elimina
  19. che coraggio!!!
    beato lui che ci è riuscito .... io ne sto alla larga... però superare queste sfide con se stessi deve essere un'esperienza elettrizzante e che dà soddisfazione...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' stata un'esperienza che lo ha molto emozionato e gli ha dato ancora più sicurezza in se stesso.

      Elimina
  20. Ciao Mio Dolce Sorriso, credo che l'esperienza di Loris sia stata bellissima, ma tu non sei assolutamente fifona, sei una Mamma che protegge giustamente il suo "cucciolo"!
    Un bacio e un abbraccio stritoloso!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mia Diletta, io conosco i limiti di Loris: non è portato per le cose pratiche, mentre eccelle in quelle intellettuali.
      Vedendo pertanto queste foto, capisci che la mia sorpresa è stata molto grande.

      Un grande abbraccio infinito.

      Elimina
  21. io non lo farei mai ma capisco che invece a certe persone piaccia, e capisco anche le tue paure che sarebbero poi le miei

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Tanto per cambiare, siamo in sintonia, Zefi!

      Elimina
  22. Ci vuole coraggio ed essendo giovani tutto risulta più facile,complimenti dell'impresa!

    Saluti

    RispondiElimina
  23. Ho un figlio che ama la montagna e arrampicarsi su grossi sassi alti 7 o 8 metri e so che significa l'ansia e l'attesa...
    Bellissime immagini da vertigini con tuo figlio felice e soddisfatto!
    Un abbraccio e buon pomeriggio da Beatris

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cara Beatris, a cose fatte sono contenta per lui.

      Bacione e buon pomeriggio a te.

      Elimina
  24. Sicuramente ci vuole grande coraggio e complimenti a tuo figlio per l'impresa.
    Saluti a presto.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Per fortuna tutto bene, Cavaliere.

      A presto.

      Elimina
  25. Dai, Gianna. Non tremare troppo, non vedi che è ben attaccato con il moschettone sul cavo? In gioventù ne ho fatto qualcuna anch'io di ferrata, ma oggi credo che non ce la farei anche perché ho smesso il giorno in cui uno dei miei amici è precipitato dalla ferrata del Monte Civetta solo perché aveva dimenticato di agganciarsi al cavo di soccorso. Quindi la lezione è che bisogna sempre rispettare i codici di sicurezza da ripetere ogni volta che si intraprende qualche cosa. Un amichevole abbraccio.

    RispondiElimina
  26. Caro Elio, quante disgrazie in montagna quest'estate...anche persone esperte hanno perso la vita...
    Sono rimasta scossa.

    Mi dispiace molto per il tuo amico.

    Abbraccio ricambiato.

    RispondiElimina
  27. capisco la tua apprensione, ma tuo figlio è stato all'altezza dell'impresa!!!
    belle foto in un magnifico luogo!

    RispondiElimina
  28. E ti credo! Ca cardiopalma...capisco benissimo.

    RispondiElimina



Grazie del tuo gradito commento.


Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...