08/06/13

72

Video choc impressionante





ORRORE : Il ragazzo che si vede nel video è Michele, ha 15 anni e soffre di autismo.

 Per almeno sei mesi Michele ha subìto insulti, botte e umiliazioni dalle sue maestre a scuola.


72 commenti:

  1. L'"animale, la bestia e il maiale" è la maestra, se possiamo definirla tale.
    Ho visto questo video ieri sera cara Gianna, e mi è venuta una rabbia...

    Ciao, un bacione!

    RispondiElimina
  2. il mio cuore si rifiuta di ascoltare quelle parole e i miei occhi non possono guardare tanto orrore! non sono degne di chiamarsi "insegnanti..."
    un abbraccio grande al ragazzo e alla sua mamma!
    un abbraccio pure a te!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non sono insegnanti, infatti...e tanto meno educatrici...

      Abbraccio grande a te, Ines, insegnante con la "i" maiuscola.

      Elimina
    2. grazie, accetto il tuo complimento perché ai bambini do davvero tanto e col cuore!!!

      Elimina
  3. Ieri ho visto e sentito la notizia al tg1 e mentre scorrevano le immagini mi scendevano le lacrime senza che me ne rendessi conto....mettiti nei miei panni, Gianna...è vero che la mia monella ha un disturbo meno grave del ragazzo del video ma....è inutile dire altro.
    Sono disgustata, arrabbiata e tanto triste per queste cose orribili...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ti capisco e ti sono vicina, Maris.

      Perchè non mettere asili e scuole sotto controllo?

      Questi fattacci stanno aumentando...e non si può più andare avanti così.

      Ti abbraccio forte forte.

      Elimina
  4. si l'ho visto ieri al tg .....e scusa se non riesco a riguardarlo ....ma mi fanno schifo ste persone se cosi si possono definirle ...io le chiamerei mostri ....ma purtroppo qui la nostra giustizia fa acqua da tutte le parti ....io gli impedirei che loro continuassero il loro lavoro ...gli metterei un vieto ...le prenderei le rinchiuderei e getterei via davvero la chiave ....e il bello è che queste persone sono anche insegnanti di sostegno .....dovrebbero avere quel qualcosa di più rispetto ad altri insegnanti ....quell'amore ...non so manco definirlo ora ....scusa ma mi viene schifo a vedere ste cose .....il che non è voler chiudere gli occhi davanti a ste cose ....ma non riesco proprio ......

    RispondiElimina
  5. Esistono migliaia di persone che si occupano con amore di bambini, disabili, ammalati, vecchi. Per loro è quasi una missione compiere bene il loro incarico. Poi sentiamo e vediamo come si comportano certi rifiuti umani che debbono essere emarginati dalla società. Non è possibile che questa gente sia messa semplicemente agli arresti domiciliari, deve essere sbattuta in galera.
    Buon fine settimana, un abbraccio
    enrico

    RispondiElimina
  6. ciao gianna.............l'ho visto ieri alla tv...che rabbia!! .............sono d'accordo con enrico .

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non ci sono parole adeguate per questi misfatti...

      Elimina
  7. Io sono sordomuto è ho subito atti di bullismo molto pesanti e gli insegnanti chissà perchè erano sempre a bere il caffè o erano colpiti da improvvisa cecità... A queste persone disgustose, prive di morale e umanità farei provare la loro stessa medicina.
    Un abbraccio!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie della tua testimonianza, caro amico.

      Hai tutta la mia solidarietà.

      Altro che concorsi sulle conoscenze per diventare insegnanti di ruolo, ci vorrebbero prima test psicologici per loro.

      Durante la mia carriera scolastica ero molto vicina ai bambini più deboli e meno fortunati.

      Ti abbraccio Chat Noir.

      Elimina
  8. Cara Gianna è veramente da vergognarsi che possa esistere di questi esseri cosi detti umani...
    Tomaso

    RispondiElimina
  9. Mi riferisco naturalmente a quella insegnante!!!
    Spero solo che venga severamente punita.
    Tomaso

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Era chiaro Tomaso.

      Spero si renda conto del male che ha fatto, vergognosa!

      Elimina
  10. Ieri stavo guardando questo video Gianna, ma non sono riuscita a guardarlo tutto... ci ho visto il mio Matteo, mi sono sentita morire, ho pianto per ore, e anche ora mentre sto scrivendo qui...
    Questi mostri senza cuore andrebbero accantonati in qualche posto e lasciati marcire nei loro escrementi per il resto della vita…. questi esseri inutili e malvagi, inquinano il mondo con il loro fetore…. esercitano il potere sui più deboli, perchè si sentono inutili, frustrati e altro non sanno fare...
    Sto provando una rabbia Gianna, e posso capire perfettamente come si sentano i genitori di questo ragazzo…
    Un abbraccio Gianna, grande grande...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Betty e io pensavo a te e a Matteo e a tanti altri bambini e ragazzi che, maltrattati, non sono in grado di ribellarsi e riferire a casa....

      Esseri cattivi e vigliacchi, fuori non solo dalla scuola, ma dalla società intera!

      Vi abbraccio forte.

      Elimina
    2. Quasi mai apro il blog la domenica, l'ho fatto per far conoscere a mia moglie Te Betty, perché dopo aver parlato di questa notizia (leggi il mio commento sotto) mi sei venuta in mente tu e così accendo il pc per farle vedere il tuo blog e poi il tuo sito. Ho pensato e detto a lei: "Chissà se l'ha sentita anche lei come avrà reagito!...Poi già che ci sono guardo i post degli amici...e vedo proprio questo post! commento e poi vedo che anche tu eri già passata e ...leggo la tua reazione...ed era proprio così che me l'aspettavo! anzi conoscendo la tua "moderazione" non pensavo arrivassi a termini così "giustamente forti" e sottolineo giustamente. Scrivi "...Questi mostri senza cuore andrebbero accantonati in qualche posto e lasciati marcire nei loro escrementi per il resto della vita… questi esseri inutili e malvagi, inquinano il mondo con il loro fetore..." ..e sono d'accordo con te!

      Ciao Betty.

      Elimina
    3. Chiedo scusa a tutti per le mie esternazioni forti, ma queste cose tirano fuori il peggio di me...
      Grazie Pino, a tua moglie Terry e anche a te Gianna...

      Elimina
    4. E' più che comprensibile, Betty.

      Condivido il tuo commento al cento per cento.

      Elimina
    5. Non devi scusarti Betty!..come ho scritto...ho sottolineato "giustamente forti" e ho concluso che sono d'accordo con te...come lo è Gianna e credo chiunque in questa pagina!
      ...gli esseri inutili!...e il "peggio dell'umanità"...sono loro!
      Ciao e buona serata.

      Elimina
  11. Ciao gianna, l'ho visto anch'io il video, sono senza parole, dovrebbero mettere le telecamere dappertutto, proprio le insegnanti che dovrebbero educare, si macchiano con queste azioni disumane, per fortuna sono stati presi provvedimenti nei loro confronti, ma il bambino chissa' cosa ha dovuto passare poveretto, ciao grazie buon week end a presto rosa...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Chissà quanti altri bambini sono stati maltrattati in questo modo...di cui non si sa nulla, purtroppo!
      Condivido che ci dovrebbe essere controlli improvvisi, se non addirittura le telecamere in scuole e asili.
      Questi bambini rimarranno segnati per sempre.

      Buona domenica Rosa e a presto.

      Elimina
  12. Vergognoso! Inutile aggiungere altro!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono assolutamente d'accordo con te, professoressa!

      Elimina
  13. Non posso crederci! Impossibile esistano persone simili, qualificate insegnanti!!!
    Un video choc davvero impressionante!
    L'ho guardato col cuore a pezzi dal dolore!
    Un abbraccio e buona domenica da Beatris

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non poteva essere diversamente, Beatris!

      Bacio

      Elimina
  14. Quando ci si vergogna ad essere uomini!

    RispondiElimina
  15. Purtroppo l'ho già visto al TG con meno attenzione di ora ed ora ho più ribrezzo nel vederlo, non trovo parole giuste per questa vicenda, posso solo dire che dobbiamo ringraziare Dio per non essere noi nei panni di quel povero ragazzo, perchè oltre al danno anche la beffa.
    Ti abbraccio Gianna.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non è una consolazione questa, Gaetano.

      Elimina
  16. Il bue che da del cornuto all'asino.
    Ma queste, come fanno a dormire di notte ?
    Cristiana

    RispondiElimina
  17. Ciao Gianna
    è una cosa che mi ha sconvolto!!! Credo che una persona di quel tipo non sia degna di stare anche un solo minuto di più con i bambini in modo particolare con chi ha problemi come un bambino autistico.
    Mi chiedo se ha un minimo di senso materno!!! Vergogna!!
    Buon fine settimana carissima
    Abbraccio
    Bruna

    RispondiElimina
  18. Oggi in televisione mi hanno ancora più sconvolto dopo che hanno detto : E' la malattia delle maestre, hanno voluto giustificare un atto vergognoso del genere , ora bisogna solo buttare le chiavi e non farla più uscire dal carcere.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Malattie delle maestre?

      Quando si è malati si sta a casa, per curarsi... e non lavorare, per fare danni...

      Elimina
  19. Ciao Gianna, l'ho visto ieri sera e non ci potevo credere, ma soprattutto non ci potevo credere oggi quando ho sentito le stesse cose di cui scrive Marianna nel commento prima del mio. Altro che malattia degli insegnanti e arresti domiciliare, in questi case carcere subito e senza sconti.
    Mentre scrivo sento al tg in una notizia per certi versi anche più terribile: una segretaria di scuola materna rinviata a giudizio per violenza sessuale su una bambina di 3 anni...sono indignata, arrabbiata, sconfortata...
    Un abbraccio.
    Atonellan

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non sapevo della bimba...mi sono documentata, pazzesco!

      E chissà quante altre angherie...verso minori che giacciono nell'ombra...

      Sconfortata e indignata pure io, Antonella

      Elimina
  20. Preferisco pensare che ci sono tante persone che si dedicano con amore ai meno fortunati e che ci dimostrano che sono poche le persone senza cuore come queste.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Brava Adriana, le mele marce non devono infangare il nome degli insegnanti...

      Insegnanti scrupolosi e validi!

      Elimina
  21. Quello che mi chiedo è come possano farla franca.. ma non c'è un test che dimostri la loro scarsa attitudine? E visto che non sopportano quel lavoro, perché lo fanno? E sopratutto come fanno a dormire la notte!! Le parolacce che mi vengono son davvero troppo forti da scrive in un blog... ma immagino che siamo le stesse che son venute a tutti!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Hai ragione, gli insegnanti non hanno a che fare con le scartoffie, ma con materiale umano...

      Chi non ha pazienza e amore per i bambini, lasci subito la scuola o non vi entri proprio...

      Elimina
  22. Gianna, mi piace molto quello che hai scritto "Chi non ha pazienza e amore per i bambini, lasci subito la scuola o non vi entri proprio". Quella è a chiave di tutto, credimi, sto male quando leggo storie di maltrattamenti e immediatamente penso a te ed alla tua dolcezza, all'amore che riesci a fare trapelare da ogni tua parola, all'amore che metti in ogni cosa che fai, ai tuoi studenti che si ricordano di te, persona meravigliosa!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi veniva spontaneo chiamarli "amore" e "tesoro" al punto tale che anche fuori della scuola mi rivolgevo con questi termini agli amici.

      Grazie degli apprezzamenti.

      Bacini, famiglia doc!

      Elimina
  23. L'ho visto al telegiornale...sembra impossibile che unì insegnante si comporti così...invece è possibilissimo e succede, purtroppo...
    Anche nelle "case di riposo" avvengono episodi analoghi o addirittura peggiori e non tutti vengono denunciati...l'animo umano è capace di gesti di grande altruismo ma anche di cattiverie e bassezze...
    Ti auguro una buona domenica!!
    Carmen

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Purtroppo devo darti ragione per quanto riguarda le strutture per anziani.

      Anche lì ho assistito io personalmente a certi episodi deplorevoli... che ho subito segnalato alla direttrice.

      Buona domenica, Carmen.

      Elimina
  24. Cose da far inorridire, che si ripetono sempre più frequentemente....
    Queste care maestre dovrebbere avere lo stesso identico trattamento....

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sempre più frequentemente ne veniamo a conoscenza, cara Nella.

      Quanti altri casi ignoriamo?

      Questa è una domanda che mi perseguita...

      Elimina
    2. La stessa nostra domanda...e chissà di quanti altri casi del genere non ne siamo a conoscenza! Dentro 4 mura di un'aula...quanto "potere e soprusi" si possono far subire a ...chiunque! (ci ponevamo questa domanda ricordando es. personali!)

      Elimina
  25. Dite:
    è faticoso frequentare i bambini.
    Avete ragione.

    Poi aggiungete:
    perché bisogna mettersi al loro livello,
    abbassarsi,inclinarsi,curvarsi,farsi piccoli.
    Ora avete torto.

    Non è questo che più stanca.
    E' piuttosto il fatto di essere obbligati ad innalzarsi fino all'altezza dei loro sentimenti.
    Tirarsi,allungarsi,alzarsi sulla punta dei piedi.
    Per non ferirli.

    Janusz Korczak

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' bellissimo questo scritto di Janusz Korczak (ammetto però che non so chi sia!)
      Gli insegnanti dovrebbero averlo sempre a mente...soprattutto le ultime 3 righe!

      Grazie Gianna per averlo riportato...integra perfettamente il tuo post

      Elimina
  26. Cara Gianna L'ho visto al telegiornale,ma come si fa neanche gli animali si comportano cosi',sempre i piu' deboli subiscono.Ci vuole la galera per queste persone. un abbraccio nonna di Sara gianna

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Elementi senza scrupolo e senza umanità, cara Gianna.

      Bacioni.

      Elimina
  27. Proprio un attimo fa mi moglie mi raccontava di questo servizio che io non avevo visto e lo commentavamo con tutto lo sdegno e l'orrore che possa esistere! Apro il blog e vedo questo tuo post...quindi ti rispondo anche a nome di mia moglie Terry: "dovrebbero internarle questo tipo di persone! e lasciarle nelle mani di persone più forti, più perfide, più malvagie...più (in una parola!) "bestie" di loro! così da sapere cosa si possa provare nei momenti, quei momenti terribili, che loro fanno (e chissà quante altre volte lo hanno fatto!) passare a quei bambini, quei ragazzi. Ma come fanno a non pensare che hanno già "subìto" una malvagità dalla vita...quella purtroppo di essere nati con patologie di quel tipo che rendono loro la vita stessa di per sé "diversa". Virgoletto il termine diversa, perché non necessariamente debba essere inteso come peggiore o brutta, magari più "problematica semplicemente! queste "bestie" però sicuramente rendono la vita di questi ragazzi ...peggiore, brutta, orrenda...la riducono ad una ..."vita da diversi!" ...purtroppo!
    Io e mia moglie eravamo concordi che le forze dell'ordine avrebbero dovuto arrivare ad ammanettare noi affinché non li avremmo "massacrati di botte"...così da far sentire loro la paura, il terrore di subire, la desolazione di sentirsi soli contro chi è più forte...

    Scusa Gianna per la lungaggine, ma sono davvero inorridito e questi accadimenti mi mettono prima molta rabbia, poi molta tristezza!

    Ciao e buona domenica.

    RispondiElimina
  28. Non potevi che esprimerti così, caro Pino...conosco la tua sensibilità e ora pure quella di Terry, tua degna signora..

    All'unanime dimostriamo sdegno e disprezzo verso chi danneggia in tutti i sensi bambini e ragazzi...

    Vi abbraccio e buona domenica!

    RispondiElimina
  29. Vedi Gianna .... è proprio davanti a situazioni come queste che nel mio vocabolario non troverai mai scritta la parola PERDONO ..... perch'io di fronte alla violenza gratuita contro chi non ha "armi" per difendersi ..... farei rimpianger il giorno in cui son stati messi al mondo! E non avrei rimorsi .... credimi!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Rispetto il tuo punto di vista Elisena.

      Queste miserabili meritano d'essere punite severamente!

      Elimina
  30. Non sono riuscita a vedere tutto il filmato ma ciò che ho visto è abbastanza.

    Quanta tenerezza per quel figlio di Dio che la maestra non ha saputo amare.

    Il primo istinto forse è di rabbia? Non so dire cosa... il fatto è che ho pensato fortemente che

    noi esseri umani possiamo fare di meglio.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Terry, di fronte a episodi simili...si rimane shoccati.

      Elimina
  31. Non sono riuscita ad arrivare fino alla fine!!! Avevo la cuffia e quelle parole mi sono arrivate come tante fitte al Cuore!!! Non riesco a pensare a tutti i mesi di violenze...
    Ognuno di noi svolge il compito di educatore in un modo o nell'altro, con le nostre responsabilità; quando si assume questo ruolo fuori da ciò che sono i rapporti interpersonali del quotidiano e se ne fa un mestiere, allora bisogna assolutamente essere certi che quell'incarico venga svolto da persone competenti e capaci.

    Manco da più di due anni e sono passata a salutari :) e a ri-abbracciarti :)

    Gabriella

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Bentornata Gabriella.

      Mi sei mancata tanto!

      Ti riabbraccio pure io.

      Elimina
  32. Non conosco cosa più agghiacciante dell'insensibilità verso gli indifesi.

    *Un bacio e ben ritrovata, amica cara *

    M@ddy

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cara Maddy, al peggio non c'è mai fine...

      Bentornata!

      Elimina
  33. ho letto di questa storia: è assurda...no nessuna pietà per chi porta tanto dolore...
    un abbraccio Stella

    RispondiElimina
  34. Da insegnante e, prima di ogni altra cosa, educatore mi si rivolta lo stomaco e mi ribolle il sangue ogni volta che incappiamo in episodi simili.

    RispondiElimina



Grazie del tuo gradito commento.


Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...