07/03/13

64

Genitori spazzaneve


E' di  febbraio 2013 l' articolo di Emanuela Chiappero pubblicato su "Illustrato", il mensile dei dipendenti e senior Fiat.

Li chiamano genitori  "spazzaneve" quelli che eliminano ogni ostacolo dalla strada dei figli, condannandoli così all' immaturità.
Invece i ragazzi dovrebbero sperimentare, arrangiarsi e sbagliare.
 Perché quando sono troppo tutelati e  protetti, ogni  difficoltà li ritroverà impreparati.

 "Chi io?  genitore spazzaneve proprio no."
 Risponderebbe così la maggioranza dei genitori italiani, mentendo.

 Non è così, anzi,  è una questione molto seria.

 Genitore “spazzaneve”  è quello che spiana la strada ai propri figli, che li precede togliendo ogni ostacolo dalla strada, che getta il sale a terra perché non scivolino mai.
Che si sostituisce a loro
 Spazzaneve, appunto:  l'immagine perfetta.

 Così come è perfetta un'altra definizione: " genitori cacciabombardieri".
 Bombardano indiscriminatamente il terreno per fare strada alle truppe di figli in arrivo.
 Terra bruciata su cui i ragazzi si possono muovere.
 Per poi trovare insormontabile anche la più piccola difficoltà a cui non sono preparati.

TROPPO VIZIATI

 l'allarme arriva dagli Stati Uniti scientificamente viene chiamato “over  parenting” e cioè eccesso di attenzione per i figli.
 Il rischio,  quasi una certezza, è quello di creare generazioni di ragazzi letteralmente incapaci di affrontare le difficoltà anche piccole della vita.


Per i genitori,  le regole da seguire:

 -     esigere e aiutare.

 -     non pretendere da un figlio maschio meno di ciò che pretendi da una femmina.

-    bisogna essere disponibili quando tuo figlio ti cerca, ma aiutalo solo quando non può farcela senza di te e dopo che ha provato seriamente con le sue forze.

-    insegna il valore dei soldi, non essere troppo generoso.

-    non permettere comportamenti maleducati e ferma subito quello che disapprovi.

-    non contestare mai gli insegnanti davanti ai tuoi figli.  Devi diventare alleato dei docenti .

-    insegnare a perdere. Lo sport è importante e così la competizione,  ma le sconfitte, senza darne la colpa ad altri,  sono fondamentali per crescere.

-    incoraggia a seguire la propria strada, le proprie passioni e le proprie aspirazioni. Anche quando non le condividi.

-    ricorda che tuo figlio è maggiorenne e non trattarlo come un ragazzino.

-    lascia che gestisca le sue energie e il suo tempo. E non importa se ogni tanto si annoia.

-    insegna a dare il meglio di sé e ad essere leale.

64 commenti:

  1. Molto interessante! Non sono ancora mamma, ma comincio a pensarci...

    RispondiElimina
  2. bisogna lasciarli cadere ...come da neonati che quando imparano a camminare li lasci cadere ..se no non si alzeranno mai ....cosi quando sono maggiorenni ....è logico che per un genitore ogni caduta del figlio sia dispiacere e si voglia che queste non ci siano ...ma solo cosi potranno imparare a crescere e rialzarsi ....

    per le regole ....penso che ognuno di noi cerchi di fare quello che il proprio cuore suggerisca ...perchè ogni persona è a se .....e si reagisce a seconda di chi si ha davanti ....sono ottime regole ....ma essendo tali c'è sempre l'eccezione......


    i genitori sbagliano anche loro ....perchè non si nasce con un manulae d'istruzione .....lo si impara strada facendo ......buona giornata gianna un'abbraccio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Come genitori cerchiamo di sbagliare il meno possibile, non esiste,infatti,un manuale d'istruzione per divenire genitore perfetto...

      Ogni bambino è unico e pertanto bisogna adeguarsi a lui giustamente, sono però fondamentali in ogni caso l'esempio e la coerenza, a mio avviso.

      Grazie per i tuoi commenti sempre pertinenti, Barbarella.

      Elimina
  3. Un compito difficile essere genitore ma sicuramente gratificante!!!! Voglio ringraziare i miei genitori per tutti gli insegnamenti che mi hanno trasmesso e per l'amore che mi donano ogni giorno. Ciao Gianna e scusami se ho approfittato del tuo spazio.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Hai fatto benissimo, Simo.

      La tua è una bella testimonianza di figlia.

      Elimina
  4. Sono consigli fondamentali per un buona riuscita nella crescita dei propri figli, ma siccome anche noi genitori impariamo crescendo a volte ci capita di sbagliare o di non saper scegliere il consiglio migliore da dare e ci capita di imparare da loro, dai nostri figli. Cresciamo e impariamo insieme... genitori e figli insieme...
    Buona giornata e un abbraccio forte da Beatris

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Hai perfettamente ragione, Beatris.

      Abbraccio grande.

      Elimina
  5. sempre post interessanti!!
    ciao gianna felice giornata!

    RispondiElimina
  6. Cara Gianna, questo post mi ha fatto riflettere... molti anni fa in una riunione di associazione di genitori italiani, qui dove abitiamo, ricordo che abbiamo discusso molto dei nostri figli. Io mi arrabbiai molto che certi genitori, che lasciavano i bambini dopo la scuola in strada per ché entrambi i genitori lavoravano. la cosa non mi piaceva il perché questi lo facevano per fare non una propria casa mi di condomini. Ci sono dei momenti che i bambini non possono essere lasciati solo. Però arrivati ad una certa maturità i figli devono imparare ad arrangiarsi da solo e prendere le proprie responsabilità.
    Non so se mi sia spiegato abbastanza ma credo che tu mai abbia capito.
    Tomaso

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Se vengono educati fin da bambini...i risultati da adulti si vedono Tomaso.


      Bacione

      Elimina
  7. Constatazione molto vera quella che emerge dal tuo interessante post. Di questi tempi i figli sono davvero assai viziati ed è troppo facile per loro ottenere dalla famiglia quello che desiderano, senza che debbano impegnarsi a conquistarselo.
    Un tempo i genitori erano forse più "duri" ma questo ci aiutava ad essere più autonomi. Traggo dai miei ricordi d'infanzia un piccolo esempio: quando mi capitava di cadere, magari sbucciandomi le ginocchia o procurandomi un bernoccolo e restavo a terra piagnucolante, mia mamma mi diceva: "O poverina! vieni qui che ti aiuto a rialzarti" spingendomi in tal modo ad arrangiarmi.




    RispondiElimina
  8. ciao Gianna parole sante, sembra di fare un favore ai figli, ma poi li mettiamo in difficolta' nelle vicende della vita, soprattutto non accontentarli sempre, altrimenti crescono male, bisogna essere obiettivi e guardare il loro bene, che non coincide con la pappa sempre fatta,ciao grazie molto interessante, baci rosa a presto, buon pomeriggio:))

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Un esempio: non sostituirli nei compiti, ma solo aiutarli...

      Baci, Rosa.

      Elimina
  9. Vero, quanto scritto...fare il genitore è il mestiere più difficile del mondo! Bacio e buona festa della donna! NI

    RispondiElimina
  10. Non so... potrei dire di ritrovarmi un pizzico di tutte quelle cose che non andrebbero fatte...

    che dire? forse semplicemente questo:

    un genitore cresce continuamente insieme ai figli, grazie all'amore che si desidera avere per donare. L'accoglienza è la terra di questo fiore, che un giorno sboccerà e non importa se sarà giallo, rosso, azzurro o verde, avrà sempre il suo profumo e la sua forza, perchè è l'amore che si riceve nell'accoglienza che rende forti.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. L'amore può tutto, Terry, prima di ogni cosa dà sicurezza...

      Elimina
  11. Cara Gianna sei proprio una maestra di vita, con le tue pillole di saggezza ci stimoli alla riflessione. Forse essere accondiscendenti ci libera la coscienza dai sensi di colpa ed è più facile vivere in un mondo falsamente felice. Buona giornata

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ed è più facile dire di sì che no...

      Elimina
  12. Ciao Gianna, ringraziando dio i miei figli hanno imparato fin da piccoli le difficoltà della vita, pensa che il primo nel 2009 è stato sei mesi in afghanistan ed ha ricevuto gli elogi perchè ha saputo anche saldare un cancello di ferro che un blindato americano aveva danneggiato, insomma hanno saputo apprendere anche senza farmelo sapere, come si usa dire" devono volare con le proprie ali"
    Da noi usiamo anche dire dei figli troppo protetti; Cresciuti in una Cristalliera!
    Un abbraccio e buon Otto Marzo.
    gaetano

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ben detto, Gaetano.

      Abbraccio ricambiato.

      Elimina
  13. Figli si nasce, genitori si diventa...però, senza falsa modestia credo di non essere un genitore spazzaneve, ho sempre cercato i farli "camminare" da soli anche se sicuramente i miei errori li avrò fatti.
    Ne approfitto per dirti che sabato 9 è il mio compliblog e sei la benvenuta...

    RispondiElimina
  14. Post assai educativo...ma non è una novità qui..a casa tua!
    Posso dire di essere quasi sicura di aver rispettato abbastanza certe regole.. D'altra parte, il mestiere di genitori è assai difficile e qualche sbaglio, seppur in buona fede, si fa.
    Spero solo di fare un buon raccolto di ciò che ho seminato.
    Ti abbraccio Gianna, buonanotte e sogni d'oro

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cara Paola, avevamo già parlato di quest'argomento, l'ho riproposto perchè mi ha colpito il termine "genitore spazzaneve"

      Sì, stai raccogliendo bene, lasciamelo dire...

      Elimina
  15. Giustissime osservazioni. Ci sono alcuni comportamenti di lassismo da parte dei genitori che sono incomprensibili. Poi si meravigliano se poi non riescono a farsi ascoltare quando si tratta di fare discorsi seri.
    Un abbraccio e buon 8 marzo a te e tutte le donne del mondo.
    enrico

    RispondiElimina
  16. Ottimo post. I miei non sono mai stati spazzaneve... per fortuna!

    Un bacione e buon 8 marzo!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Complimenti ai tuoi genitori.

      Buona serata, Kylie.

      Elimina
  17. Che dire amica mia?! E veramente il mestiere più difficile. Io ho provato di tutto e vedo che tutti e tre hanno acquisito la buona educazione, il rispetto verso il prossimo e altre buone cose, ma l'averli protetti troppo i passato, ha davvero accresciuto la pigrizia più che incapacità di cavarsela...Un abbraccio. Natasha

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Nat hai lavorato già bene, nessun genitore è perfetto...

      Abbraccio

      Elimina
  18. Bellissimo post per fortuna i miei figli sono stati educati bene maschio e femmina uguali!!
    Un abbraccio forte Auguri di cuore!!

    RispondiElimina
  19. Io sono, come tu sai, mamma di due bambini ancora piccoli, ma non per questo non mi sento chiamata in causa: è verissimo, purtroppo, ciò che questo articolo denuncia.
    Spero di fare sempre il meglio possibile per i miei figli, man mano che cresceranno. Così come farò d tutto per tenere a mente sempre quelle brevi ma intelligenti e niente affatto scontate regole del buon genitore.
    Buon fine settimana, cara Gianna!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mai spargere il sale, per rendere facile la strada...

      Buon fine settimana a te, Maris.

      Elimina
  20. Ciao Gianna, la società in cui viviamo sta levando anche il primo scoglio che i bambini devono superare per venire al mondo, attraverso il parto cesareo che non è sempre necessario ma sicuramente ben remunerativo e che priva i nostri piccoli della loro prima sfida con la vita.

    Stringo la tua mano Mio Dolce sorriso e corro insieme a te in questa Giornata Internazionale della donna e in ogni istante di ogni giorno, sempre, ti voglio bene!
    Auguri a tutte le donne!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Quanto hai ragione, mia Diletta!

      Il mio bene per te è immenso!

      Elimina
  21. Che l'8 marzo non sia l'unico giorno di festa, Auguri Gianna.

    RispondiElimina
  22. a volte,riflettiamo sui figli,le ansie e le preoccupazioni,che i nostri genitori,hanno riversato su di noi..e diventiamo spazzaneve..per fortuna,la caparbieta'e l'indipendenza dei giovani attuali,fa si che, compiono delle scelte in piena autonomia;quando si accorgono di aver sbagliato,capiscono qual'è,la via giusta.Buona festa della donna e sereno weekend,cara!baci

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cara Eli, avverto un certo ottimismo nelle tue parole, ma purtroppo non sempre è così.

      Buona serata con un abbraccio.

      Elimina
  23. Ti dirò che se avessi potuto avrei voluto essere una spazzaneve ma purtroppo (o forse no, a quanto dici) è meglio così e condivido in piano tutto ciò che hai postato.
    Grazie!
    Ne approfitto per augurarti un sereno fine settimana

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cara Anna, lo so che non puoi lamentarti dei tuoi figlioli.

      Buon fine settimana a te.

      Elimina
  24. Un bel post, reale, veritiero e che fa riflettere! Buon Marzo, cara Stella.
    Cinzia

    RispondiElimina
  25. Ciao cara Gianna,auguri,bacino.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sempre cavaliere, caro Massimo.
      Grazie!

      Bacino

      Elimina
  26. Grazie per queste parole che condivido pienamente da mamma ed adesso da nonna.
    Tutti devono imparare a "camminare con le proprie gambe" e...
    cerco anche di insegnare ai nipotini che in casa non ci sono discriminazioni tra lavori femminili e maschili ;-)))
    Tante serene e gioiose giornate a tutti
    nonnAnna

    RispondiElimina
  27. Grande Gianna. Sempre bei post per far sorridere e pensare!
    Io passo a lasciarti gli auguri per lo scampolo di Giornata delle Donne che rimane.

    RispondiElimina
  28. Interessante, anche perché alquanto spazzaneve, ma solo per il profilo del pericolo fisico, lo sono tuttora con i nipotini...

    RispondiElimina
  29. Di grande interesse questo articolo Gianna. Sarebbe davvero una conquista se tutti i genitori si comporterebbero così come punti tu in questo elenco di comportamenti necessari per aiutare i figli di diventare dei adulti capaci di affrontare la vita.
    Peccato che i molti genitori non sono consapevoli di non agire bene e ...è più comodo così.
    Un abbraccio e buon fine settimana.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Parlandone può essere utile a qualcuno, chissà...

      Baci, Gabry.

      Elimina



Grazie del tuo gradito commento.


Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...