29/11/12

64

VOLEVA UNA MAMMA

All'inizio del mese di dicembre desidero farvi conoscere il toccante raccontino di Pierpaolo Orefice:"La cassetta dei pomodori", per riflettere sui veri valori della vita.

Un bambino, e chissà quanti altri come lui, esprime un desiderio:

 per Natale desidera ricevere un dono speciale, la cosa più importante del mondo:

AVERE  UNA  MAMMA

La pps da cui ho estratto le foto è qui


In Italia ci sono più di ventimila minori tra neonati, bambini e ragazzi ospiti da strutture di accoglienza.Solo uno su cinque viene assegnato con adozione o affido.

"Cavolo di nuovo il Natale", pensava Christian, quando si avvicinavano le feste.

"Deve venire per forza tutti gli anni?"

Ogni volta, verso dicembre, chiudeva gli occhi e sperava che qualcuno gli comunicasse che erano sospesi tutti i festeggiamenti natalizi.

Niente regali, niente letterine a Babbo Natale. Tanto per lui era inutile.

Erano ormai tre anni, da quando aveva imparato a scrivere,che chiedeva a quel vecchio signore con la barba bianca un regalo speciale...

...la cosa più importante del mondo

UNA MAMMA

Non ne aveva mai avuto una.Quella che lo aveva partorito, lo aveva abbandonato vicino ad un ospedale...

...disteso in una cassetta, una di quelle per i pomodori.

A volte pensava che sarebbe stato meglio per lui essere un pomodoro.
Avrebbe allietato il pranzo di qualcuno, per poi sparire per sempre dopo la digestione.

Voleva una mamma, una vera, tutta per lui.

Insieme agli altri bambini viveva bene, era felice. Erano tutti simpatici, giocavano insieme, facevano i compiti, si divertivano.

Eppure lui desiderava una mamma.

Ogni volta che ci pensava, nel suo lettino azzurro, immaginava come sarebbe stata: alta,bassa,bionda, bruna.


Poi si diceva che voleva semplicemente una mamma che gli volesse bene, come una mamma vuole bene al suo bambino.

A me la mamma  è mancata molto e mi manca  ancora ora.
E' volata in cielo quando avevo cinque anni. 
Sono stata cresciuta da una seconda mamma che mi ha voluto comunque bene.

Racconto completo
 "Cavolo, di nuovo il Natale", pensava Christian ogni anno, quando si avvicinavano le feste. "Deve venire per forza tutti gli anni?" Ogni volta, verso Dicembre, chiudeva gli occhi e sperava che qualcuno gli comunicasse che erano sospesi tutti i festeggiamenti natalizi. Niente regali, niente letterine a Babbo Natale. Tanto per lui era inutile. Erano ormai tre anni, da quando aveva imparato a scrivere, che chiedeva a quel vecchio signore con la barba bianca un regalo speciale, la cosa più importante del mondo: una mamma. Non ne aveva mai avuto una. Quella che lo aveva partorito, lo aveva abbandonato vicino ad un ospedale, disteso in una cassetta, una di quelle per i pomodori. A volte pensava che sarebbe stato meglio per lui essere un pomodoro. Avrebbe allietato il pranzo di qualcuno, per poi sparire per sempre dopo la digestione. Voleva una mamma, una vera, tutta per lui. Insieme agli altri bambini viveva bene, era felice. Erano tutti simpatici, giocavano insieme, facevano i compiti, si divertivano. Quella grande, bellissima famiglia, non gli faceva mancare niente. Eppure lui desiderava una mamma. Ogni volta che ci pensava, nel suo lettino azzurro, immaginava come sarebbe stata: alta, bassa, bionda, bruna. Poi si diceva che voleva semplicemente una che gli volesse bene, come una mamma vuole bene al suo bambino. Non gli importava l'altezza, il colore dei capelli, degli occhi. In casa famiglia tutti gli volevano bene, ma l'amore di una mamma è speciale. Lui lo sapeva, anche se non l'aveva mai provato. Lo immaginava come un dolce profumo di fragole, che gli arrivava al naso ogni volta che sognava il giorno in cui sarebbe si sarebbe avverato il suo desiderio. Anche quell'anno, inesorabile, il Natale era alle porte, e Christian aveva scritto la sua solita, densa, bellissima lettera piena di speranza. La mattina del 25, in casa famiglia, tutti i bambini correvano verso l'albero, alla ricerca del regalo richiesto. Quello di Christian era in una piccola scatola, avvolta in una carta rossa. Appena vide il nome sul pacchetto, i suoi occhi si fecero lucidi. Gli veniva da piangere. Sicuramente non era il regalo che voleva. "Come fa una mamma ad entrare in una scatola così piccola?", diceva tra i denti, stringendo le mascelle il più possibile per non scoppiare in un mare di lacrime. Aprì la scatola rossa, rassegnato ad un altro regalo bello ma inutile. C'era una bottiglia, con dell'acqua dentro. Un profumo. Lo avvicinò alle narici. Profumo di fragole. In un attimo quell'odore ricacciò indietro le migliaia di lacrime pronte a scivolare lungo le sue guance. "Forse questo è il mio Natale", pensò Christian. Stava arrivando qualcuno, con una mano di fragole, a raccogliere la cassetta dei pomodori.

Pierpaolo Orefice

64 commenti:

  1. Oggi è la giornata delle emozioni....
    è bellissimo tutto questo perchè ti fa pensare a chi una mamma non l'ha avuta.
    La mia l'ho amata tanto e anche se sono grande mi manca sempre da morire.
    Ti abbraccio forte
    Anna

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Chi ha la mamma non si rende conto che ha il bene più prezioso.

      Ti abbraccio, Anna.

      Elimina
  2. Che bel racconto cara Gianna! Le mamme dovrebbero essere tutte presenti e dare ai loro figli tutto l'amore di cui hanno bisogno.... purtroppo qualcuna muore prematuramente e qualcun'altra abbandona il figlio in una cassetta di pomodori..
    Evviva le mamme!
    :)
    Un bacione Rita

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Evviva le mamme!

      Bacione ricambiato.

      Elimina
  3. Giannina cara che dire ,credo sempre più che l'essere umano è stupido (non tutti fortunatamente)...quanti abbandoni TROPPI!! .....e chi come me che ha avuto la fortuna di avere 2 figlie ...ora aspetta che loro riconoscano di avere una madre ....questo mondo è propio strano!!

    Baciotti by Pixia!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Pat, qualcosa si sta muovendo e vedrai che prima o poi arriverà l'abbraccio delle tue figlie...te lo auguro con tutto il cuore.

      Elimina
  4. Che storie toccanti!Mi chiedo ma perchè chi è fortunato e ha una mamma che le vuole bene!Chi ha la mamma ed è come se non l'ha perchè lei pensa piu' a se stessa e trascura il piccolo!E chi invece sta lì aperare,sognare e in attesa!Sempre i bimbi ci vanno di mezzo!Baci,cara Gianna!Rosetta

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Quante problematiche, cara Rosetta.

      E chi ha, non sa apprezzare.

      Elimina
  5. un racconto molto commovente e tanto più perché succede proprio nella vita reale...ci sono tanti bambini negli istituti, ma il percorso adottivo è molto soggettivo e faticoso...Non è tanto facile adottare, ci vogliono idoneità e capacità e non sempre vengono dati con facilità...ecco perché sono ancora tutti lì.....Le istituzioni non agevolano, anzi ti mette sempre più i bastoni tra le ruote, difficoltà su difficoltà e non dimentichiamoci i costi che si devono affrontare per un percorso adottivo....un vero salasso a volte....quindi non è per tutti e questo mi fa tanta tristezza...perché l'adozione è un gesto di puro amore, ci si sente dentro di amare quel futuro bambino o bambini senza neanche conoscerli.....e non è giusto negargli la felicità....sia alle famiglie che vogliono intraprendere questo percorso, sia per quei poveri bambini che desiderano solo calore, amore ed una vera famiglia....

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ti ringrazio profondamente per queste importanti informazioni.

      Non è facile l'adozione, ne avevo sentito parlare.

      Che peccato...

      Elimina
  6. Cara Gianna, è difficile commentare... io sono rimasto commosso di frante a queste richieste, mi mancano le parole perché so che le richieste non posso esaudirle.
    Buona giornata cara amica, per Natale sarebbe bello poter esaudire tutto:
    Tomaso

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Comprendo, caro Tomaso.

      E' un problema delicato questo.

      Elimina
  7. ...che dirti?
    Grazie!!!

    Con affetto
    Cri&Anna

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi batto da sempre per i bambini...

      Elimina
  8. Cara Gianna quanta emozione,si è vero sono troppi i bambini abbandonati e il Natale per loro è solo tristezza.grazie Gianna i tuoi post toccano il cuore.
    un abbraccio nonna di Sara gianna

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Gianna, spero che tu stia bene.

      Ti abbraccio forte.

      Elimina
  9. Emozionante pps, speriamo che ogni bambino possa vivere felice con mamma e papà

    RispondiElimina
  10. Una cos che penso sempre è che una mamma lo si è col cuore.

    Grazie di queste preziose riflessioni e grazie del tuo dono di essermi vicina e amica.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Col cuore, grazie a te, cara Terry.

      Elimina
  11. Non è certo casuale che tutti, in momenti critici della vita, chiamiamo "mamma" come estrema invocazione d'aiuto.
    Perfino la mia, ormai prigioniera della demenza, nei suoi ossessivi e insensati monologhi , infila frequentemente la parola MAMMA .

    RispondiElimina
  12. non riesco a commentare più di tanto questo post.....posso solo dire che nella loro sfortuna hanno avuto la fortuna che la loro "mamma" non li ha abortiti e in qualche modo anche se non sotto le sue ali gli ha fatto vedere la luce .....magari il loro cuore un giorno si riempirà della luce che cercano ....

    ma per fare anche questo dovrebbero anche esserci delle leggi che snelliscono l'adozione e la possibilità di prendere dei ragazzini come propri ....ma questo è un altro argomento ....un sorriso per te .....

    RispondiElimina
  13. Cara Gianna, questo racconto mi ha commosso e toccato in profondità, ma non aggiungo altro, tu sai leggere il mio cuore, ti voglio bene.

    Voglio approfittare per dare un caro abbraccio a Barbara, lei sa il perchè...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. si betty so il perchè ....prendo l'abbraccio ..e ti stringo forte ....conoscendo un pochino il tuo di cuore .....e il mio sorriso è per te oggi .....

      Elimina
    2. Abbraccio Gianna per averci donato queste emozioni.
      Abbraccio Barbara... perchè è giusto quello che ha scritto.
      Abbraccio Betty... perchè è una persona dal cuore grande.
      Grazie amiche mie. (Scusa Gianna per questa intromissione)
      ale

      Elimina
    3. Con baci e abbracci nessuna intrusione, Ale.

      Baci e abbracci a te.

      Elimina
  14. Questo racconto è dolce commovente. Penso allo strazio di coloro che la mamma non l'hanno mai conosciuta, probabilmente per loro queste feste sono motivo di tristezza.
    Ciao buona giornata, un abbraccio
    enrico

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sicuramente caro Enri.

      Buona notte.

      Elimina
  15. e' commovente questo racconto........purtroppo sono realta' bambini appena partoriti e gettati via............e' una cosa che non comprendo, anche se si sta nella piu' deprimente poverta' come si fa a lasciare il proprio bimbo, come si fa a continuare a vivere nonostante tutto?? Non riusciro' mai a capire.... piuttosto affonderei io stessa con mio filgio ma non lo lascerei mai da solo per niente la mondo!!!

    ciao cara gianna, un abbraccio !

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Magari sono figli non desiderati...

      Elimina
  16. storia molto bella e con un pizzico si speranza.
    Un'abbraccio
    lu

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La speranza non deve mai abbandonarci, Lu.

      Abbraccio

      Elimina
  17. E' molto commovente questa storia Gianna.
    Ogni piccolo angelo ha diritto a una MAMMA

    RispondiElimina
  18. E' questo uracconto che fa pensare, sia a come stiamo vivendo, con che principi, e anche ad apprezzare quello che abbiamo, per chi il Natale lo passa con cenone in famiglia

    RispondiElimina
  19. racconto toccante che fa riflettere...
    la mamma, col suo amore, comprensione, dedizione... è insostituibile!
    lo sappiamo: siamo figlie e mamme!!! buon pomeriggio!

    RispondiElimina
  20. ciao Gianna,
    questo racconto mi ha commosso, penso a come sarà il Natale di quei poveri bimbi che non hanno mai avuto una mamma o l'hanno persa troppo presto.
    buona serata
    Dany

    RispondiElimina
  21. ...e quantos pequeninos se encontram
    nesta situação por este mundo de
    Deus!!!

    tomara todos eles encontrem senão
    um colo de mamma, pelo menos
    um colo de quem os olha com
    amor!

    bacio, amicca!

    Vivi

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono tante le situazioni di questo tipo, Vivian.

      Baci, amica.

      Elimina
  22. A ogni Scarrafone è bella a Mamma soia! Chiunque cara Gianna desidera la propria madre, tutti siamo frutti di un amore, ma a volte è un amore amaro, e quella madre che li ha portati alla vita li ha portati in una valle di lacrime dove proprio Lei per prima ha gustato il frutto amaro della vita e che lascia il frutto dell'amore a soffrire ancor di più, affinchè non finiscano mai le sofferenze su questa terra.
    Cara Gianna, mi passano tante storie che ho visto che potrei parlarne tanto, ma mi fermo quì, perchè la vita già è amara di per sè, ed aggingerne altro non è buono.
    Ti abbraccio forte.
    gaetano

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Hai detto tutto Gaetano: a volte è amore amaro ed io aggiungo amore malato...

      Elimina
  23. La mia mamma negli ultimi tempi chiamava me così, quando aveva dolori mi chiamava chiedendomi di farglieli passare, quando doveva dormire diceva che dovevo starle vicino perchè ero io la mamma, ho provato sentimenti contrastanti perchè non ero più figlia...non so perchè ti scrivo questo, ma questo post mi ha emozionato molto

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E hai voluto incosciamente ricordare...hai regalato momenti di aiuto alla tua mamma...

      Elimina
  24. E la società è rimasta, purtroppo, più o menomai tempi di Dickens....

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Bambini"orfanelli" ci sono sempre stati...

      Elimina
  25. Molto bello questo post e anche molto triste.

    Bacio

    RispondiElimina
  26. Commovente...Gianna! non riuscivo a non proseguire nella sequenza fotografica e lettura delle didascalie...Tornerò a leggere il racconto...Ci sarebbe tanto da scrivere sul Natale in questo senso!
    Domenica ci sarà una bella iniziativa natalizia per raccolta fondi per l'acquisto di un macchinario davanti al Regina Margherita di Torino...
    Ciao e buona giornata!

    RispondiElimina
  27. Questo post fa riflettere e ci pone molte domande:di chi la colpa? Ogni bambino deve avere una mamma ,forse è colpa delle leggi emanate da un parlamento maschile e maschilista .A quante mamme desiderose di essere tali viene negato questo diritto? Quanti genitori farebbero follie per aver in adozione un bimbo? Quanti bambini scompaiono per adozioni clandestine? Il diritto dei bambini ad avere una mamma ,forse è impedito dalla cecità degli uomini.....

    RispondiElimina
  28. Ogni bimbo dovrebbe avere una famiglia che lo ama e lo cura... Molto commovente.
    Grazie Gianna.
    Un lieto e sereno fine settimana.

    RispondiElimina
  29. Un dolcissimo racconto, che è del resto anche così vero!
    Sai, se non avessi avuto i miei bimbi, avrei saputo benissimo cosa fare.... e non ti nascondo un mio sogno : nonostante i miei tesori, in fondo al cuore mi è rimasto il desiderio di adottare comunque un bambino, uno dei tanti nostri bimbi meno fortunati....poi, per motivi che non sto qui a dire, ho dovuto rinunciare, ma rimango del parere che è una cosa bellissima offrire a quei poveri bimbi una "mamma" che abbia tutte le carte in regola per accogliere nel suo cuore almeno uno di loro.
    A te il mio abbraccio e a tutti loro i miei più affettuosi e materni pensieri.
    P.S.
    È doveroso dire che le nostre leggi non facilitano le adozioni e spesso, chi desidera all'inverosimile un bambino, si vede costretto a rivolgersi dove le cose sono più semplici e, talvolta accadono cose che sfociano nell'illegalità.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cara Paola, una mamma vale più di mille giocattoli e l'ennesima conferma l'ho avuta ieri pomeriggio.

      Sono andata a trovare Sara che non stava molto bene e naturalmente ho giocato e riso con lei, usando i suoi numerosi giochini...ogni tanto, però,lasciava tutto e correva dalla mamma per abbracciarla ed essere abbracciata...

      Commovente!

      Elimina
  30. Mi piace leggere i vari post la sera prima di addormentarmi, talvolta mi fanno sorridere, tal'altra mi commuovono...questa sera mi addormenterò pensando a tutti quei bambini senza colpa che si addormentano senza il bacio della buona notte, senza la fiaba, senza una piccola croce sulla fronte come facevo con i miei quando erano piccolini.Penso, anche, a tutte quelle coppie che vorrebbero adottare, ma vengono ostacolate da leggi troppo complesse e poco pratiche....
    Buona domenica e buon dicembre a te!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Poveri piccoli, saranno sempre carenti d'affetto...

      Buona domenica, amica.

      Elimina



Grazie del tuo gradito commento.


Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...