27/11/12

56

DOVE SIAMO ARRIVATI




Una tazza di caffè


Due chiacchiere al ristorante 


Godendo la bellezza del Museo


Un piacevole incontro in caffetteria



Una giornata in spiaggia


Facendo il tifo allo stadio



Divertirsi con la fidanzata 


Godersi la città a bordo della decapottabile



Albert Einstein: 
"Temo il giorno in cui la tecnologia andrà oltre la nostra umanità: il mondo sarà popolato allora da una generazione di idioti".
NON SARA' CHE QUEL GIORNO E' GIA' ARRIVATO?

56 commenti:

  1. Ho paura di siii!!!
    ciao Gianna

    RispondiElimina
  2. E' paradossale che oggi in tanti - specialmente giovani - riescano a comunicare solo più tramite i_phone, i-Pad, tablet, mega-cellulari ecc.ecc.
    Pauroso, a dir poco : la tecnologia sta prendendo il posto delle relazioni umane condotte guardando in faccia l'interlocutore!

    Speriamo in bene...

    Ciao Gianna, un bacione serale!

    RispondiElimina
  3. Ma che avranno poi da dirsi ogni minuto!!!!!!!
    Io il cellulare lo detesto. Lo squillo di qualsiasi telefono mi manda ai pazzi!
    Ma io sono pazza! O no!
    Un bacio per un sorriso!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. No, non sei pazza, anch'io amo la tranquillità e il silenzio...
      Eppure c'è chi tiene accesa la tv tutto il giorno per sentirsi in compagnia.

      Tanti sorrisi.

      Elimina
  4. e' incredibile queste immagini rattristiscono parecchio.........se pensi cara gianna che la gente preferisce passeggiare nei centri commerciali anziche' all'aperto ......gia' questo fa pensare.... :(

    baci e buona serata :)

    RispondiElimina
  5. Direi che è tragico pensare che non c è un interesse creativo dove qualcuno studia per sviluppare la propria intelligenza! sembrano degli animali chiusi in se stessi come in una gabbia. QUEL GIORNO E' GIÀ ARRIVATO!!!
    Buona serata cara amica con un abbraccio forte.
    Tomaso

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Noi ne siamo fuori, vero Tom?

      Bacione.

      Elimina
  6. Ciao Gianna,eccomi qui,ho avuto problemi con il pc e la connessione,direi che quel giorno è arrivato da tanto,alle volte è assurdo dell'uso che molti fanno di tutti questi telefonini,sembra che il mondo sia lì e non oltre.
    Buona serata cara,un bacino.

    RispondiElimina
  7. E' un po' di tempo che penso che quel giorno sia arrivato...è folle pensare di poter vivere così.
    Ciao, buona serata.
    Antonella

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Al caffè con amici e ognuno per fatti suoi...no, è allucinante.

      Elimina
  8. Ciao Gianna...
    vero...dove siamo arrivati! bacio. NI

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' ora di tornare a dialogare con chi ti è vicino...

      Elimina
  9. Ciao Gianna, a me piace la tecnologia, ma deve essere usata in modo inteligente senza esagerare, come tutto d'altronde...
    Un bacione carissima.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Fidanzatini che si trovano insieme...ma solo fisicamente, ma che fidanzatini sono?

      Elimina
  10. Temo anch'io che quel giorno sia arrivato...purtroppo la tecnologia è giusto che vada avanti, ma l'esagerazione è sempre dannosa.
    A poco a poco ci stiamo isolando, lo dico per tutti perchè anch'io a volte esagero le ore che passo davanti a pc , non è solo una cosa dei giovani.
    ciao

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anch'io sono spesso al pc, ma appena mi chiamano, mi rendo disponibile...

      Elimina
  11. So che la tecnologia ci ha aiutati molto in benessere, ma anche in malessere, cara Gianna, girandoci intorno vedo persone come Robot, con degli apparecchi addosso che li rendono automi e non umani, così i cervelli vanno in fumo e poi ci lamentiamo dei molti malanni che ci piovono addosso.
    Ciao Gianna un bacio a Sara.
    gaetano

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Caro Gaetano, questi brutti esempi li vedo pure io.
      Come si fa ad avere, per esempio, sempre i tappi nelle orecchie per ascoltare musica?
      E già che poi sono storditi...

      Un abbraccio a te.

      Elimina
  12. Ma sai Gianna io credo che dipenda anche dalle abitudini date in famiglia. Io parlo per ciò che vivo adesso, non posso sapere del futuro, ma al suo 7° compleanno (un mese fa circa) ho chiesto a mia figlia se volesse una nintendo Ds tutta per lei (dato che non abbiamo fatto festa ci poteva stare un regalino più serio), e lei mi ha detto :" mmmh...no mamma...mi bastano le volte che mi presti il tuo...uno per me non mi serve....vorrei la bambola di rapunzel e libri!"
    Ecco....magari tra un po' d'anni (spero un bel po') vorrà il cellulare di ultima generazione ecc ecc....però adesso (confronto alle sue amichette che hanno già il cellulare) lei non è pretenziosa di tecnologie!
    Bacio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cara Biancaneve, certo che dipende dai genitori.
      Se tua figlia si è espressa così, vuol dire che in famiglia la priorità si da ai libri.
      Bacio a te.

      Elimina
  13. si siamo a questo punto .....pensa sabato sono andata a prendere mio figlio e i suoi amici all'uscita della disco ..erano le 2.30 ..appenaa entrati in macchina ...via ai 4 cellulari e tutti su fb .....quindi si ...siamo a questo punto .....almeno nelle foto si vedono dal vivo ....molte volte questo non succede neanche più ..perchè tanto c'è il cell .....

    buona giornata gianna un sorrisone

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cara Barbara, oggi dal dentista ho visto um ragazzino che, con il cellulare, ha ascoltato musica fin tanto che non è stato chiamato. Ha lasciato il cellulare alla mamma e poco dopo,mentre aspettava dal medico,è ritornato a riprenderselo...!
      Non poteva stare senza!

      Elimina
  14. Eh! cara Gianna....la tecnologia è come un fiume in piena che travolge tutto quello che incontra. O ti adegui o resti indietro. Ma non è colpa della tecnologia, è che tutto va usato con intelligenza dando la priorità alle cose essenziali.
    Questo bisognerebbe insegnarlo ai nostri figli perchè l'eccesso dà dipedenza in tutto ....anche nei cioccolatini (per esempio)....
    :)
    Buona giornata cara
    baci Rita

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cara Rita hai perfettamente ragione. In ogni cosa il troppo stroppia...

      Buona serata con baci.

      Elimina
  15. È vero, condivido il commento di Rita: la moderazione è necessaria in ogni cosa.... Bisogna inculcare questo ai nostri giovani...con questo eccesso di tecnologia si rischia moltissimo di perdere la qualità della vita!! Purtroppo Einstein , ha visto giusto...
    Un abbraccio e buona giornata con un sorriso, anche se il tempo è grigio....

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cara Paola, un tempo la miglior baby-sitter era la televisione...oggi, sono questi apparecchi ad alta tecnologia.
      Da te è grigio, qui è da ieri che piove, e a tratti anche in modo violento.

      Stiamo al calduccio, abbracciate!

      Elimina
  16. Purtroppo le foto sono più che eloquenti. Se continua di questo passo vedremo i genitori fare salti di gioia quando il loro piccolo pargolo digiterà per la prima volta la parola "mamma" o "papà".
    Ciao Gianna buona giornata, un abbraccio
    enrico

    RispondiElimina
    Risposte
    1. A quel punto, poveri insegnanti, caro Enrico...
      Si troveranno di fronte a bambini privi di concentrazione e di osservazione.

      Buona serata.

      Elimina
  17. Ciao Gianna. Che disastro, tutte quelle persone delle foto non si godono nulla di ciò che hanno attorno. potrebbero essere seduti sul divano di casa e sarebbe lo stesso.
    Dove siamo arrivati?! Ma soprattutto dove andremo a finire, di questo passo...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cara Viola, quelle persone potrebbero starsene a casa propria ed eviterebbero anche di spendere per la consumazione, nei locali pubblici.
      Si sta per raggiungere l'idiozia, come sentenziò il grande Einstein.

      Elimina
  18. Rammento i bei tempi dove non esisteva nemmeno la televisione in casa!!!
    La tecnologia ha rovinato il rapporto umano!!!
    Buona giornata da Beatris

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Già la televisione influenzava i rapporti umani, figuriamoci queste nuove tecnologie...

      Buona serata.

      Elimina
  19. Bellissimo questo post Gianna. E' da tempo che ho notato questo fenomeno.
    Una sera in pizzeria eravamo vicino una tavolata di circa 20 persone... Ebbene non si sono quasi mai parlati tra di loro, ma ognuno con il proprio interlocutore al telefono. A questo punto mi domando... " Ma perchè mai hanno deciso una serata in compagnia se poi si ignorano ? " E' veramente un cattivo uso della tecnologia.


    Ciao, grazie e buona giornata.

    N.B. Trascurerò un pochino di più il blog, ultimamente ho qualche guaio di salute.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Caro Gianni, la tua testimonianza dice tutto.
      E' un'ulteriore conferma che ormai si vive isolati, soli in mezzo a tante persone ognuna per i fatti propri.

      Pensa alla salute, che è un valore inestimabile.
      Auguri e dammi tue notizie, quando puoi.

      Coccole a Gaia e un abbraccio a te.

      Elimina
  20. he già siamo diventati smartphone dipendenti, io l'ammetto

    RispondiElimina
  21. mi unisco al coro: siamo in quel tempo....purtroppo!!!
    buon pomeriggio, anche se piovoso!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cara Raggio, noi usiamo il pc ma comunichiamo anche se in modo virtuale.
      Ci sentiamo al telefono, ci vediamo, condividiamo le nostre gioie e le nostre sofferenze.

      Qui piove, un abbraccio affettuoso.

      Elimina
  22. Ciao mio Dolce Sorriso, ma quanto fanno impressione questo foto, è inquietante che rispecchino la triste realtà di oggi, forse si spiega così il perché stiano diventando tutti pazzi!
    Un bacio!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mia carissima, sono i veri valori che stanno scomparendo e il risultato è la triste realtà di oggi.

      Abbraccio infinito.

      Elimina
  23. Che ansia queste immagini. Dobbiamo sforzarci tutti per ritrovare un equilibrio ormai davvero precario, hai ragione.

    RispondiElimina
  24. Sagge parole quelle che concludono questo post Gianna, e concordo con Sandra: mettono un'ansia!! E man mano i valori importanti lasciano il posto a cellulari & Co, che tristezza!
    Ti abbraccio

    RispondiElimina
  25. Che tristezza, però è vero, vedo anch'io scene del genere in giro.

    Baci

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ...per la strada, sui mezzi pubblici, dal medico...e via discorrendo.

      Elimina
  26. Scene come quelle illustrate dalle immagini sono ormai talmente "normali" da suscitare stupore quando si vede un ragazzo senza il suo bravo strumento tecnologico in mano.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E non solo ragazzi, Kry, ma anche persone adulte.

      Elimina
  27. Il telefonino e assimilati (a parte l'uso utilissimo che ne può essere fatto) sono diventati per molti ormai una necessità... fisiologica.

    Nulla è più indispensabile del superfluo, diceva con un celebre aforisma Oscar Wilde.

    Il tuo simpatico (ma terribilmente serio) post lo illustra, carissima Gianna!

    Un abbraccio, via telefono :-DD

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Pronto? Abbraccio ricambiato, Antonio.

      Elimina
  28. Si Gianna
    quel giorno "purtroppo" è già arrivato.
    Bambini di quinta elementare col telefonino in mano,
    mia nipote(10 anni) che mi ha chiesto per Natale questo regalo ma, in famiglia nessuno cede.
    Ecco come rovinare il piacere di goderci quanta bellezza ci sta intorno.
    Buona giornata ciaooooooo

    RispondiElimina



Grazie del tuo gradito commento.


Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...