07/08/12

36

AVARACCIA INCORREGGIBILE



Dopo la morte, un uomo si presentò davanti al Signore. Con molta fierezza gli mostrò le mani.
"Signore, guarda come sono pulite le mie mani!".
Il Signore gli sorrise, ma con un velo di tristezza, disse: "E' vero, ma sono anche vuote".



Lo scrittore russo Dostoevskij racconta la storia di una signora ricca ma molto avara che, appena morta, si trovò davanti un diavolaccio che la gettò nel mare di fuoco dell'inferno.
Il suo angelo custode cominciò disperatamente a pensare se per caso non esisteva qualche motivo che poteva salvaria.
Finalmente si ricordò di un lontano avvenimento e disse a Dio:

 " Una volta la signora regalò una cipolla del suo orto a un povero".



Dio sorrise all'angelo:

 "Bene. Grazie a quella cipolla si potrà salvare. Prendi la cipolla e sporgiti sul mare di fuoco in modo che la signora possa afferrarla, poi tirala su. Se la tua signora rimarrà saldamente attaccata alla sua unica opera buona potrà essere tirata fino in paradiso".

L'angelo si sporse più che poté sul mare di fuoco e gridò alla donna:

 "Presto, attaccati alla cipolla".

Così fece la signora e subito cominciò a salire verso il cielo.
Ma uno dei condannati si afferrò all'orlo del suo abito e fu sollevato in alto con lei; un altro peccatore si attaccò al piede del primo e salì anche lui. Presto si formò una lunga coda di persone che salivano verso il paradiso attaccate alla signora aggrappata alla cipolla tenuta dall'angelo.

I diavoli era preoccupatissimi, perché l'inferno si stava praticamente svuotando, incollato alla cipolla.

La lunghissima fila arrivò fino ai cancelli del paradiso. La signora, però, era proprio un'avaraccia incorreggibile e, in quel momento, si accorse della fila di peccatori attaccati al suo abito e strillò irritata:

 "La cipolla è mia! Solo mia! Lasciatemi...".

 In quel preciso istante la cipolla si sbriciolò e la donna, con tutto il suo seguito, precipitò nel mare di fuoco.

Sconsolato, davanti ai cancelli del paradiso, rimase solo l'angelo custode.

Riempiamo le mani di altre mani. E stringiamole  forte.



Ci salveremo insieme, o non ci salveremo.

 Bruno Ferrero, Cerchi nell’acqua

36 commenti:

  1. Molto bella Gianna complimenti, ma dovremmo essere in molti a pensarla così invece siamoin pochi...purtroppo!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cara Debora, i sani valori si stanno perdendo, purtroppo.

      Elimina
  2. Bom diaaaaaaaaaaa!!!

    ✿⊱╮¸.•♫°`♡彡

    RispondiElimina
  3. Mi consola pensare che gli avari non possono godere di niente.
    Buona giornata.
    Cristiana

    RispondiElimina
  4. ciao Gianna, grazie per essere passata. Sono contenta che il tema ti piaccia :)
    E' un racconto particolarmente significativo il tuo. Spesso ci aggrappiamo alle cose dando per scontato che possano rappresentare la nostra salvezza, ma non ci rendiamo conto che se i cambiamenti non partono da noi non riusciremo mai a salvarci..
    buona giornata :)

    RispondiElimina
  5. Meravigliosa, Gianna ... grazie!

    RispondiElimina
  6. bellissimo, non lo conoscevo questo piccolo ma efficace racconto, grazie Gianna

    RispondiElimina
  7. Bellissimo racconto, Dianna, c'è molto su cui riflettere. Bella anche l'immagine.
    Ciao, buona giornata.
    Amtonella

    RispondiElimina
  8. Lavarizia è una brutta malattia
    ciao buone vacanze

    RispondiElimina
  9. Un post molto riflessivo
    Buona serata Gianna!

    RispondiElimina
  10. Cara Gianna è una splendida storiella, e se ero io tiravo tutti appresso a me!
    Buona vita.
    gaetano

    RispondiElimina
  11. Grazie a te amica mia!!!!! L'ho realizzato con piacere! Smack! ♥

    RispondiElimina
  12. Dovremmo sempre unire le forze e fare del bene per avere dei vantaggi tutti, prima o dopo.

    Baci

    RispondiElimina
  13. bel racconto, veramente

    ehm ogni volta che vengo da te l'antivirus si arrabbia!!!!! non capisco il perchè

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao! Probabilmente è un "falso positivo". Usi Avira? Qui non ci sono virus XD

      Elimina
    2. Come vedi, Zefi, falso allarme. Meno male per voi e per me.
      Bacio

      Elimina
  14. grandissimo insegnamento! buon pomeriggio con un grazie!

    RispondiElimina
  15. oh..cara Gianna..questa storia me la raccontava sempre mia madre...:))l'avevo dimenticata...eh..l'avarizia è un brutto peccato...rende le persone arse,come la terra a secco di acqua...bacioni cara!!

    p.s ieri,qui c'erano 41°....non vedo l'ora che arrivi il frescooooo :))

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ti penso, ti penso...quanto ti penso, Eli.

      Elimina
  16. questi racconti sono sempre saggi e semplici...fanno bene! :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Proprio perchè semplici, il messaggio è immediato, Lo.

      Elimina
  17. Cara saggia Gianna, ci fai sempre pensare. Un bacio

    RispondiElimina
  18. Concordo con Rita e ti ringrazio di questa saggezza che ci offri, con semplicità ...sempre. Un abbraccio grande

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Paola, non potrei essere altrimenti e lo sai.

      Abbraccio grande

      Elimina
  19. Molto bella questa storia, educativa, ciao, Angelo.

    RispondiElimina
  20. Buongiorno Gianna, l'altruismo dovrebbe essere innato in noi, invece spesso prevale l'egoismo...ma l'effetto di questo cattivo sentimento ci porterà sempre più in basso.
    Lasciamo entrare la luce di Dio nella nostra vita e tutti i suoi splendidi doni, così ci potremo presentare davanti al Signore giustificati (non per le nostre buone opere) ma per il sacrificio che ha fatto Lui sulla croce. Si trova nella Bibbia Gal 1,15-21.
    Buona giornata cara amica, ti ringrazio perchè ci dai sempre motivo di riflessione

    RispondiElimina
  21. Conoscevo, senza sapere che é suo, questo plastico apologo di Dostoevskij, che, riletto, risulta ancora più bello.

    RispondiElimina



Grazie del tuo gradito commento.


Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...