27/07/12

52

IL PASSEROTTO ANSIOSO


C’era una volta un passerotto beige e marrone che viveva la sua esistenza come una successione di ansie e di punti interrogativi.
Era ancora nell’uovo e si tormentava:
 “Riuscirò mai a rompere questo guscio così duro? Non cascherò dal nido? I miei genitori provvederanno a nutrirmi?”
Fugò questi timori, ma altri lo assalirono, mentre tremante sul ramo doveva spiccare il primo volo: “Le mie ali mi reggeranno? Mi spiaccicherò al suolo? Chi mi riporterà quassù?”

Naturalmente imparò a volare, ma cominciò a pigolare:
 “Troverò una compagna? Potrò costruire un nido?”
Anche questo accadde, ma il passerotto si angosciava:
 “Le uova saranno protette? Potrebbe cadere un fulmine sull’albero e incenerire tutta la mia famiglia… E se verrà il falco e divorerà i miei piccoli… Riuscirò a nutrirli?”

Quando i piccoli si dimostrarono belli, sani e vispi e cominciarono a svolazzare qua e là, il passerotto si lagnava:
 “Troveranno cibo a sufficienza? Sfuggiranno al gatto e agli altri predatori?”

Poi, un giorno, sotto l’albero si fermò il Maestro. Additò il passerotto ai discepoli e disse:
“Guardate gli uccelli del cielo: essi non seminano, non mietono e non mettono il raccolto nei granai… eppure il Padre vostro che è in cielo li nutre!”

Il passerotto beige e marrone improvvisamente si accorse che aveva avuto tutto…e non se n'era accorto.        

 Bruno Ferrero

Sotto certi aspetti anch'io, in certi momenti, assomiglio al passerotto, pur rendendomi conto che è un comportamento sbagliato. 

52 commenti:

  1. Ciao Gianna!
    Il tuo passero è molto bella.
    Ogni anno una coppia di passeri nido sotto il tetto della casa. E ho molti altri uccelli nel mio giardino, che sono piccoli.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Benvenuta Claude!

      Piacere di conoscerti.

      Buona giornata.

      Elimina
  2. Che bello questo passerottoooo!Anche io un po' mi ritrovo nel passerotto anche se sono ottimista!Baci,Rosetta

    RispondiElimina
  3. Cara Gianna sai sempre come portare in noi la vera armonia, con questo raccondo favoloso ci fai iniziare bene il fine settimana, come lo auguro a te cara amica.
    Tomaso

    RispondiElimina
  4. Che bel racconto sorellina cara!!
    Ti auguro un buon fine settimana!!

    Baciotti by Pixia!! :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Buon fine settimana a te, tesorino.

      Elimina
  5. Che bel racconto ..cara Gianna anche io sono .. una passerotta ansiosa.. non sempre ma spesso eppure so che sarebbe meglio affidarsi con più serenità:) un abbraccio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Possiamo migliorare, Viola.

      Abbraccio

      Elimina
  6. Ciao cara Gianna.

    Ci sono sempre riflessioni da fare...bella anche questa!

    Un abbraccio. Grazie. NI

    RispondiElimina
  7. Lindo isso!beijos ótimo fim de semana!chica

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Baci Chica, buon fine settimana a te!

      Elimina
  8. Bellissimo racconto Gianna, mi sono "vista" in pieno... una passerotta ansiosa. Ormai mi conoscono tutti. Buon fine settimana stellina.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ale, mi piaci perchè sei vera!

      Elimina
    2. Gianna grazie... anche se vorrei essere un po' più allegra e ottimista.
      Bacioni.

      Elimina
    3. Scaccia per quanto sia possibile i brutti pensieri...vedrai che col tempo andrà meglio.
      Baci

      Elimina
  9. Vero! Abbiamo tanto e spesso non ce ne rendiamo conto!!!

    Buonissimo fine settimana!!!
    Cri&Anna

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Valutiamo ciò che abbiamo e accontentiamoci...

      Radiosa fine settimana.

      Elimina
  10. Io sono come quel passerotto, sempre in ansia per il dopo finisco, a volte di non godere del presente, e non mi accorgo di avere tutto. Ciao, buon fine settimana.
    Antonella

    RispondiElimina
  11. Quanto è vera questa storiella ma penso che ansia e insicurezza facciano parte di noi stessi o almeno io lo sono anche se a volte cerco di nasconderlo.
    Un abbraccio forte e grazie

    RispondiElimina
  12. BEL RACCONTINO DI FERRERO!!!BUON WEEKEND!

    RispondiElimina
  13. è un comportamento della maggior part di noi,cara Gianna..anche il mio!forse,il mondo,in cui viviamo,pieno d'insidie,pericoli,dubbi e poche certezze..meno male,che c'è la fede,a prestarci soccorso..bellissima questa storia..non la conoscevo..un bacione e buon pomeriggio,cara;0))

    RispondiElimina
  14. l'ansia fa parte della vita,anche della mia,ma a differenza del passerotto,sono consapevole delle grazie che il Maestro mi ha elargito,un abbraccio

    RispondiElimina
  15. Penso che quando si ha una certa sensibilità, siamo un po' tutti come questo passerottino.... Timorosi, quando per un motivo quando per un altro... Se soltanto ci affidassimo completamente alla Divina Provvidenza, riusciremmo a campare molto meglio! Del resto , il mondo in cui viviamo, pieno di "fulmini" improvvisi e di "falchi" cacciatori, non aiuta a pensare sempre positivamente.
    Un abbraccio al passerotto Gianna dal passerotto Paola. ^___^ E grazie di questa dolcissima storia

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E con un commento così chiaro e coerente non ci resta che fare cip cip...passerottina.

      Elimina
  16. è un bel racconto, che ci aiuta a riflettere....ti auguro un sereno fine settimana Lory

    RispondiElimina
  17. Ci ho provato cara Gianna a spegnere i pensieri ansiosi del domani....è molto difficile. Però bisogna insistere e continuare a provarci perchè in effetti preoccupandoci del domani non viviamo l'oggi e questo davvero non è saggio. Un abbraccio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Perfettamente d'accordo con te, Rita.

      Elimina
  18. bella questa parabola.
    Ma a volte non si ha tutto nella vita e quel poco che hai devi lottare per averlo e per tenerlo.
    Ma comunque è sempre bene anche guardarsi indietro!
    Baci

    RispondiElimina
  19. Purtroppo è tanta la gente così ansiosa....che ha paura anche di fare un passo in strada perchè non si sa mai cosa può succedere, e che resta nel dubbio se il domani ci sarà...Non credo che potrei andare avanti con questi pensieri fissi in testa....anche se uno solo ce l'ho...la paura di non veder crescere miei figli perchè potrei morire troppo presto, magari in un incidente, ma non per questo non esco e non faccio le cose che devo e che voglio tutti i giorni!!Ma è pure inutile che mi impicchi da sola!
    Un bacione

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ognuno ha qualcosa in testa...

      Baci

      Elimina
  20. Un racconto che fa riflettere...ma cerchiamo comunque di essere ottimisti e non ansiosi, si vive meglio!
    Buon w.e.
    Cinzia

    RispondiElimina
  21. Dolce amica mia, venirti a trovare scalda il cuore. Un bacio grande. Niki

    RispondiElimina
  22. Sei semplicemente fantastica cara Gianna, ci fai riflettere su un problema comune a molti, molte volte però facendo così ci prepariamo meglio per superare un piccolo ostacolo, però la vita è disseminata di piccoli ostacoli, il grande Eduardo De Filippo disse che gli esami non finiscono mai ed è così, però alla fine ci accorgiamo che c'è per fortuna una solida mano che dall'alto ci sostiene.
    Buon fine settimana.
    gaetano

    RispondiElimina
  23. Caro Gaetano, ormai dovresti conoscermi...

    Buon fine settimana a te!

    RispondiElimina
  24. anch'io sono come il passerotto. per scacciare le ansie penso alla frase del Vangelo:"non affannarti, basta ad ogni giorno la sua preoccupazione..." un abbraccio!

    RispondiElimina
  25. Questa é una lezione da imparare a memoria!

    RispondiElimina



Grazie del tuo gradito commento.


Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...