11/05/12

46

Testimonianza dell'amore di una mamma


Questa è una storia vera del sacrificio di una Madre durante il terremoto in Giappone. Dopo il terremoto, quando i soccorritori raggiunsero le rovine di una casa di una giovane donna, videro attraverso una fessura il suo corpo che giaceva inerme. Ma ciò che colpì i soccorritori era la posizione strana del corpo inginocchiato e rannicchiato su sé stesso, come se stesse pregando, il suo corpo era proteso in avanti, e le sue due mani erano impegnate a sostenere un oggetto che non si vedeva. La casa crollata le aveva schiacciato la schiena e la testa. Con tante difficoltà, il leader del team di soccorritore riuscì a mettere la mano in una stretta fessura sul muro per raggiungere il corpo della donna. Sperava che questa donna fosse ancora viva. Tuttavia, dal corpo freddo e rigido comprese che era morta di sicuro. Lui e il resto della squadra lasciarono la casa per andare a soccorrere altra gente in altri edifici crollati. Per qualche motivo, il team leader è stato guidato da una forza irresistibile a tornare nella casa della donna morta. Ancora una volta, si inginocchiò e con le sue mani si spinse tra le strette fessure per cercare cosa la donna conservasse tra le sue mani sotto il corpo ormai privo di vita. Improvvisamente il soccorritore gridò con entusiasmo: "Un bambino! C'è un bambino! ". L'intero team ha lavorato con cura per rimuovere i cumuli di oggetti in rovina intorno alla donna morta. C'era un bambino di tre mesi avvolto in una coperta fiorita sotto il corpo della madre morta. Ovviamente, la donna aveva fatto un ultimo sacrificio per salvare suo figlio. Quando la sua casa crollava, ha usato il suo corpo per fare una copertura per proteggere suo figlio. Il neonato stava ancora dormendo tranquillamente quando il capo della squadra lo prese. Il medico è venuto rapidamente all'esame del bambino. Per visitare il neonato aprì la coperta nella quale era avvolto e trovò un telefono cellulare all'interno della coperta. C'era un messaggio di testo sullo schermo che diceva: "Se riesci a sopravvivere, ricordati che ti amo." 
Questo cellulare passava continuamente da una mano all'altra.
 Ogni persona che lesse il messaggio pianse.
 "Se si può sopravvivere, è necessario ricordare che ti amo." 
Tale è l'amore della madre per il suo bambino!

46 commenti:

  1. Solo chi è madre può capire!
    E non riesco davvero ad aggiungere altro.
    Grazie Gianna!

    Un bacio, Anna Lisa

    RispondiElimina
  2. Un racconto commovente cara Gianna ma questo è l'amore della mamma,più grande di ogni cosa.
    Quante mamme si sono sacrificate e si sacrificano per i propri figli.
    Un abbraccio forte

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Tantissime, cara Pinuccia.

      Abbraccio infinito.

      Elimina
  3. Davvero commovente cara sorellina !!

    Baciotti by Pixia!!

    RispondiElimina
  4. Cara Gianna, non ci sono parole sufficientemente forti per riuscire a descrivere l'amore di una mamma; Sono fatti come questo che hai citato, che lo evidenziano nel modo giusto,quello migliore.
    Bacioni, buon pomeriggio.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Peccato che le abbiamo perse presto...

      Elimina
  5. questo è l'amore delle madri!!! buona festa!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cara Raggio, grazie altrettanto.
      Pubblicherò un altro post per la festa della mamma.
      Baci.

      Elimina
  6. Bella questa storia.
    Senza parole.....solo le lacrime.
    Buona festa a voi ......io ho festeggiato nel 8 marzo!

    RispondiElimina
  7. Una vicenda di intensità straordinaria!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Un figlio è il massimo per una mamma...

      Elimina
  8. Come si può non piangere sentendo quel dolcissimo messaggio? Una madre è sempre pronta a sacrificarsi per i figli... Lo sappiamo bene. Un abbraccio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Lo sappiamo, Paola carissima...

      Baci

      Elimina
  9. questo e un estremo amore materno
    ciao Gianna buon fine settimana.

    RispondiElimina
  10. L'amore di una madre è infinito. Un abbraccio

    RispondiElimina
  11. Ciao Gianna grazie bellissima e molto commovente, dice tutto dell'amore materno, ciao buon week enda presto rosa

    RispondiElimina
  12. Grazie per questo post che ci fa capire sino a che punto può arrivare l'amore di una mamma... mi sono commossa!!!
    Un gioioso fine settimana
    nonnAnna

    RispondiElimina
  13. mi ha fatto davvero commuovere questo episodio.La mia mamma non c'è più, ma a volte la sento accanto a me e non c'è giorno che non la pensi (anche perchè l'ho avuta qui a casa con me quando era già malata e la ricordo in ogni stanza)ma lo stesso la ricordo quando ero piccola e ci sono tante cose che mi riportano il suo amore.
    Auguri

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io la persi che avevo sei anni circa...

      Elimina
  14. Un episodio veramente toccante che mi fa ricordare un aneddoto della mia vita. Durante l'ultima guerra, Marghera, il polo industriale di Venezia, fu bombardato ed io avevo un anno. Il soffitto della camera si fessurò a causa della compressione e mia madre si gettò sopra di me per coprirmi. Per fortuna venne giù solo l'intonaco e quindi lei ebbe solo qualche escoriazione, ma il gesto rimane lo stesso. Penso in ogni caso che qualsiasi madre agirebbe in questo senso. Ciao Gianna, sarai stufa di leggermi dopo i tre commenti che ti ho lasciato e quindi ti saluto cordialmente.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non mi stufo di leggerti, Elio; anzi mi fa piacere...

      Splendida pure la tua mamma...

      Elimina
  15. Non avevo dubbi sull'amore di una madre, cio' che hai postato e' molto commovente, ho saputo di madri che si sono lasciate morire per portare a termine una gravidanza senza fare la chemio per non compromettere il feto, ma quest'atto eroico e' classico di una madre!
    Un grosso abbraccio cara Gianna.
    gaetano

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ne sono a conoscenza caro Gaetano e hai fatto bene a ricordarle.

      Abbraccio

      Elimina
  16. Non avevo dubbi sull'amore di una madre, cio' che hai postato e' molto commovente, ho saputo di madri che si sono lasciate morire per portare a termine una gravidanza senza fare la chemio per non compromettere il feto, ma quest'atto eroico e' classico di una madre!
    Un grosso abbraccio cara Gianna.
    gaetano

    RispondiElimina
  17. mi sono spuntati i lacrimoni,lo dico senza vergogna,un bacio

    RispondiElimina
  18. Buongiorno Gianna, un saluto caro e auguri per domani

    RispondiElimina
  19. Ciao Gianna,
    anche se è naturale che una mamma protegga il proprio figlio, è una delle testimonianze più toccanti che abbia letto da un po' di tempo in qua.
    Grazie di averla condivisa con noi.
    Un cordiale saluto.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie della tua gradita visita, Guardiano.

      A presto.

      Elimina
  20. oh..Giannna cara..non potevi trovare momento migliore,per onorare la memoria di questa mamma e ribadire,la forza dell'amore materno..grazie e buona festa a te,cara ed a tutte le mamme,amiche del tuo blog:)bacioni

    RispondiElimina
  21. Grazie, Gianna, per questa storia commovente! Da dedicare a tutte le mamme, anche a quelle che non ci sono più.

    RispondiElimina
  22. Ha fatto piangere anche me...una storia molto commovente perfetta per la festa della mamma....buona festa a te e a tutte le mamme! : )

    RispondiElimina
  23. Penso che non solo una madre farebbe questo ma qualsiasi persona se si trovasse da solo con un neonato o bambino in una situazione così drammatica. La protezione di un cucciolo è naturale soprattutto nei momenti di forte urgenza, io non ho figli ma farei lo stesso per un neonato in una situazione simile, non potrei pensare a una soluzione diversa, sarebbe ignobile pensare solo a se stessi e lasciare un neonato in balia del terremoto o altro evento drammatico. Ciao Cristina

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cristina, grazie di questa bella testimonianza.

      Buon pomeriggio.

      Elimina
  24. Molto commovente. È sublime e al tempo stesso tanto naturale il gesto d'amore di quella madre.
    Ciao Gianna buona giornata, un abbraccio.
    enrico

    RispondiElimina



Grazie del tuo gradito commento.


Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...