26/03/12

48

SENSIBILITA' ZERO

 

TRAUMA  INSUPERABILE

anni 50

 Un  giorno  il signor Claudio, nome di fantasia, riceve un telegramma- allora la diffusione del telefono era limitata- che lo avverte di recarsi in ospedale nella città vicina dov'è ricoverata sua moglie.

Egli pensa alle dimissioni e va felice con le sue due bambine di tre e sei anni, per portare a casa la moglie e mamma che aveva subìto un intervento chirurgico.

Varcata la soglia della struttura ospedaliera, viene loro incontro una suora che,  incurante della presenza delle piccole e senza mezzi termini, informa Claudio che la signora è morta.

Quell'istante terribile e sconvolgente  le bambine, ora donne, non l'hanno mai dimenticato...

Il trauma infantile  le ha segnate psicologicamente e le accompagna tutta la vita...
  

48 commenti:

  1. Ciao come stai ? io è tanto che non mi collegavo sul blog mi fa piacere passare da te , ho letto molto bene questo articolo...la suora non è stata sensibile è vero, ma negli ospedali si trova tanta bontà e umiltà e forse solo nel dolore ci si riesce veramente....ciao con affetto Marianna.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cara Marianna bentornata.

      In questo caso la suora si è comportata malissimo, però non bisogna fare di tutte le erbe un fascio.

      Un abbraccio affettuoso.

      Elimina
  2. Ciao Gianna,non ci sentiamo da un po e mi dispiace tanto...
    Come stai?Se leggi il penultimo post scoprirai perche' sono mancata e percio' perche' non ho lasciato commenti.
    Ti saluto un bacione

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cara Desiree, è anche giusto che tu ti goda la tua bella età, lontana dal pc.

      Io sto abbastanza bene, grazie.

      Bacione.

      Elimina
  3. A volte stando dove è di casa il dolore ci si fa una abitudine, purtroppo succedono di queste cose, sicuramente la sensibilità di quella suora si fa molto desiderare. buona serata cara Gianna.
    Tomaso

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Caro Tomaso, per fortuna non tutte le suore sono insensibili, anzi...

      Elimina
  4. Cara Gianna,ti dico solo che ho lavorato per dieci anni in una clinica privata,proprietà delle suore e ne ho viste di tutti i colori....Oltre al fatto, che sono certa che i traumi subiti nell'infanzia,rimangono per sempre dentro di noi.Un grande abbraccio. Natasha

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cara Nat, anche le strutture private hanno le loro pecche...

      Un abbraccio infinito.

      Elimina
  5. Risposte
    1. Parlavo della veste grafica del tuo blog.

      Elimina
    2. Penso a quelle bambine, a quel marito e.... a quella suora. Sono anch'io del parere che non si può fare di ogni erba un fascio, ma in nessun caso, in certi luoghi , dovrebbe mancare il senso di pietà, il rispetto, l'amore!!!! UN ABBRACCIO IMMENSO

      Elimina
  6. E meno male che era pure suora (((((
    Strabacio Gianna

    RispondiElimina
  7. L'hai detto: sensibilità zero ed era una suora, anche!

    RispondiElimina
  8. La sensibilità ....sempre più spesso viene dimenticata....

    RispondiElimina
  9. Caspita...siamo allibite!


    Un abbraccione-one-one
    Cri&Anna

    RispondiElimina
  10. Molte volte si incontrano persone insensibili che non si rendono conto del male che possono arrecare, io di Suore ne ho conosciute, e per fortuna sono poche quelle che oserei definire insensibili, spesso lo diventano quando stanno a contatto con tanta gente e trattano tutti allo stesso modo perche' e' la durezza dell'umanita' che le rende insensibili e purtroppo combattere tutti i giorni contro tante persone diciamo brutali che si credono padroni del mondo, ti porta ad essere come loro.
    Con cio' non voglio giustificarla o assolverla dalla sua colpevolezza ma spiegare il modo con cui il mondo ci tritura.
    Ti saluto Gianna.
    gaetano

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ha fatto un danno irreversibile, ha segnato le bimbe per tutta la vita.

      Abbraccio Gaetano.

      Elimina
  11. non so trovare parole ,un abbraccio

    RispondiElimina
  12. Forse era talmente abituata alla morte da non badarci. Peccato, dalle suore ci si aspetta sempre parole di consolazione e di serenità dimenticando spesso che sono esseri umani come noi e che anche loro sbagliano.
    Ciao, buona settimana

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Poteva essere una qualunque...ma che insensibilità.

      Elimina
  13. La sensibilità e la compassione non sono di tutti e non certamente indossare un abito sacro da la certezza di possederle.
    Posso essere un optional, sta ad ognuno assicurarsi di procurarsele e di farle maturare con la bontà e la crescita spirituale.
    quelle due bambine crescendo avranno capito la differenza fra averne o meno!!
    ciao Gianna, buona giornata

    RispondiElimina
  14. Quel che lascia affranta nel cuore me più di tutto, è che ad aver avuto una simile scarsità di umana sensibilità sia stata UNA CONSACRATA A DIO...

    Un abbraccio stretto, stellina cara...

    M@ddy

    RispondiElimina
  15. a volte l'abito non fa il monaco!
    Non ci sono scusanti
    Lu

    RispondiElimina
  16. Purtroppo è vero cara Gianna, i traumi subiti durante l'infanzia lasciano un segno che difficilmente si riesce a cancellare..ed è una grande tristezza che ci sia gente senza tatto nei confronti delle persone e dei loro sentimenti.. Sono contenta di non essere tra quelle.
    Un bacione, buona serata

    RispondiElimina
  17. hai notizie di Shiri?

    PS
    grazie da entrambe

    RispondiElimina
    Risposte
    1. No, ma ho interpretato il suo pensiero.

      Elimina
  18. La storia è davvero triste e il tatto della suora non è dei migliori. Purtroppo, soprattutto negli ultimi anni la sensibilità verso queste informazioni è andata scemando. Chissà da cosa dipende.

    Un abbraccio

    RispondiElimina
  19. E' accaduto negli anni 50...

    RispondiElimina
  20. Gianna, tu una volta mi hai detto che è facile volermi bene, per me è impensabile, impossibile e assurdo non volere bene a te!!!
    Ciao mio dolce Sorriso, ti abbraccio!

    RispondiElimina
  21. In ambiente ospedaliero il tatto e la sensibilità dovrebbero essere, insieme alla professionalità, le doti primarie del personale che vi opera. Purtroppo non sempre è così, neppure oggi, quando ormai la psicologia ha fatto passi da gigante.

    Quella suora ha mancato gravemente di tatto e di sensibilità, considerando anche la presenza dei bambini presenti :-(

    Mi auguro solo che le due bambine, ora adulte, abbiano saputo trasformare quella grave mancanza di delicatezza della suora in comportamenti più adeguati.

    Un grande abbraccio, carissima Gianna :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Proprio perchè hanno subìto un trauma...hanno cercato di dare amore, quell'amore materno che non hanno mai ricevuto.

      Grazie Antonio, un abbraccio grande.

      Elimina



Grazie del tuo gradito commento.


Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...