06/02/12

27

AMIAMO IL PUNTO INTERROGATIVO




C'era una volta, un "punto interrogativo"...
Era molto grazioso e, come tutti i "punti interrogativi",
aveva l'aria molto intelligente.

Da un po' di tempo, però, girava per il paese sconsolato, amareggiato, deluso e depresso. Apparentemente, nessuno lo voleva più!
Tutti ricorrevano, con sempre maggiore frequenza,
al suo nemico acerrimo: il "punto esclamativo"!

Tutti gridavano: «Avanti! Fermi! Muoviti! Togliti dai piedi!»

Il "punto esclamativo" è tipico dei prepotenti,e oramai i prepotenti dominano il mondo.

Anche per le strade e le vie cittadine, dove un tempo il "punto interrogativo" si sentiva un re, non c'era più nessuno che chiedeva:

«Come stai?»; sostituito da: «Ehilà!». Non c'era più nessuno che fermava l'auto, abbassava il finestrino e chiedeva: «Per favore, vado bene per Bergamo?».
Ora, usavano tutti il "navigatore satellitare",che impartisce gli ordini con decisione: «Alla prima uscita, svoltare a destra!».

Stanco di girovagare, si rifugiò in una famiglia.

I bambini hanno sempre amato i "punti interrogativi". Ma, anche là, trovò un padre ed un figlio adolescente, che duellavano tutto il giorno, con i "punti esclamativi"...

«Non mi ascolti mai!»

«Non m'importa che cosa pensi!

Qui comando io!»

«Basta! Me ne vado per sempre!»

Alla fine, il padre era spossato e deluso: il figlio mortificato e scoraggiato, quindi aggressivo. E soffrivano, perché non c'è niente di più lacerante, che essere vicini fisicamente e lontani spiritualmente.

Il "punto interrogativo" si appostò sotto il lampadario, ed alla prima occasione entrò in azione...

Accigliato e con i pugni chiusi, il padre era pronto allo scontro, ma dalla sua bocca uscì un:

«Che ne pensi?», che stupì anche lui.

Il figlio tacque, sorpreso.

«Davvero lo vuoi sapere, papà?».

Il padre annuì. Parlarono. Alla fine, dissero quasi all'unisono:

«Mi vuoi ancora bene?».

Il "punto interrogativo", felice, faceva le capriole sopra il lampadario!

Il "punto interrogativo" non è arrogante, ma rispettoso della libertà e della responsabilità dell'altro!

Anche la "Bibbia", è piena di "punti interrogativi":

«Adamo, dove sei?»

«Caino, dov'è tuo fratello?»

«Volete andarvene anche voi?»

«Pietro, mi ami tu?»...


Bruno Ferrero

27 commenti:

  1. I punti interrogativi non danno sempre le risposte giuste cara Gianna, è sempre bello e istruttivo passare e leggere i tuoi post.
    Da una sguardo al mio blog ho avuto una belle sorpresa...
    Buona serata con un abbraccio forte.
    Tomaso

    RispondiElimina
  2. ALLE VOLTE è MEGLIO DARE UNA BELLA ESCLAMAZIONE MA CON EDUCAZIONE !!!
    BUONA NOTTE CARA STELLA....

    RispondiElimina
  3. Cara Gianna hai freddo in questi giorni? Che ne pensi se uscisse un po' di sole? Che ne dici di tutti gli interrogativi di questi ultimi tempi? So' che sei straordinaria e che sei temperata al freddo, poi il tuo blog e' solare.
    Ti abbraccio sperando che questo freddo passi in fretta.
    gaetano

    RispondiElimina
  4. Ciao Gianna abbiamo dimenticato il punto interrogativo che è bellissimo perché ci sono troppe domande che non hanno una risposta,
    buona serata.

    RispondiElimina
  5. Ciao Gianna come va? tutto bene?
    E' sempre bello leggerti.Ora però vorrei darti un bacione ed abbracciarti! :-)
    Buona serata
    enrico

    RispondiElimina
  6. Ciao Gianna cara.

    Le storie di Bruno Ferrero sono sempre dense di significato e mi piacciono molto. Questa non la conoscevo.

    RispondiElimina
  7. ciao....i racconti di Bruno Ferrero sono eccezionali..
    forse la nostra vita è piena di punti interrogativi....che aspettano una risposta..un sorriso..ciao..luigina

    RispondiElimina
  8. Cari amici, il freddo è pungente...ma io mi imbacucco...sembro una befana...

    Grazie del vostro affetto.

    RispondiElimina
  9. Questo tuo post è da tenere presente.Però e' bello usare il punto esclamativo quando c'è meraviglia e quindi emozione!Baci,Rosetta

    RispondiElimina
  10. SEmpre originali i tuoi post, fanno riflettere! :):):)
    ciao buona notte da
    nannarè

    RispondiElimina
  11. Sempre belli questi racconti ed è vero, ci si fa sempre meno domande, si da tutto per scontato e quindi non si chiede.
    A volte però si fanno domande senza risposte o a cui non si vuole/può rispondere, non so cosa sia meglio.
    Fa veramente un freddo glaciale e qui attorno le strade e i marciapiedi sono davvero mal messi.
    Ciao, stai al calduccio

    RispondiElimina
  12. Io lo uso ancora spesso il punto interrogativo, ho sempre tante domande in testa...

    Un abbraccio e buon martedì!

    RispondiElimina
  13. Rosetta, in questi casi, ben vengano i punti esclamativi!

    RispondiElimina
  14. la vita è tutta un punto "?"
    buona giornata Gianna!

    RispondiElimina
  15. Adoro porre delle domande e il più delle volte a me stessa, purtroppo bisogna fare i conti con chi alla seconda domanda diventa irascibile.
    Un caro saluto Gianna da una Dolceacqua con -6°;((
    Roberta

    RispondiElimina
  16. Questo brano è bellissimo. Buona giornata

    RispondiElimina
  17. e tu, chi credi che io sia?
    questa è un'altra bella domanda nel Vangelo
    ed anche io amo i punti interrogativi perchè segni di curiosità, di dubbio, di sete di conoscenza, di confronto, di richiesta d'aiuto, di apertura verso l'infinito.. perchè è difficile chiudere qualcosa con un punto interrogativo

    ?

    RispondiElimina
  18. ciao Gianna grazie di essere passata da me. Ti seguo sempre, bellissima storiella:)

    RispondiElimina
  19. a me piacciono i punti interrogativi perchè sono curiosi

    RispondiElimina
  20. mi piace molto questa storiella,utile e simpatica.
    Alla fine,se ci pensi è così...quanti punti esclamativi che vedo camminare dalla mattina alla sera!
    Lu

    RispondiElimina
  21. Quanti ponti interrogativi ci sono nella vita...infiniti...
    Cinzia

    RispondiElimina
  22. Oooooooh! Qui lo posso usare, perchè conclude un'espressione compiaciuta per un gran bel racconto! Ma dove le trovi queste idee? Sei eccezionale!

    RispondiElimina
  23. Bella l'intensità di significato della metafora, che mi suscita coinvolgente reminiscenza di intensi trascorsi scolastici, vissuti da bambino.

    RispondiElimina
  24. Marina, conosco gli autori di racconti educativi e faccio ricerche...come a scuola...

    RispondiElimina
  25. è sempre un piacere passare e leggerti !!!
    ciao buona serata

    RispondiElimina
  26. ciao,Gianna cara:))parole sante in questo post!!se ognuno di noi,si fermasse un po' piu' a rifletttere,userebbe molto di piu' il punto interrogativo...grazie e felice pomeriggio cara ;0))

    p.s ancora neve o si è attenuata un po'?bacioni

    RispondiElimina
  27. Eli, oggi tregua del gelo, ma dicono che riprenderà la bufera.

    Baci

    RispondiElimina



Grazie del tuo gradito commento.


Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...