29/10/11

40

NOVEMBRE




NOVEMBRE  pensò:

" A me non la fanno!"

Salì verso il monte dove le castagne erano più mature
e attorno al frutto fece una difesa di spine.
Chi si fosse attentato di allungare le mani verso i castagni
sarebbe stato ferito dai ricci aculeati.
Rise tristemente
e mormorò tra sè:

"Io non avrò né pietà né misericordia".

Una nuvola nera gli scese sugli occhi bui e un'ombra
di tedio gli occupò l'anima.
Novembre si distese pigramente
ai piedi di un castagno e si addormentò.
Lo risvegliò uno strillo acuto e un pianto dirotto.
Aprendo gli occhi vide un bambino pallido e gracile
con le manine insanguinate.

"Ah, ladruncolo!
-esclamò Novembre-
ben ti sta.
Perchè volevi cogliere le mie castagne?"
"Ho fame!"
disse tra i singhiozzi  il piccolo.
"Hai fame?
-chiese ironico novembre-
e tuo padre non ti dà da mangiare?"
"Il mio babbo è morto!"
"e la Mamma?"
"E' morta anche lei".

Novembre sentì tremarsi il cuore.Si pentì di essere stato
così cattivo.Avrebbe voluto dare tutte le sue castagne
all'orfano affamato, ma come fare?
I ricci spinosi non permettevano di cogliere i frutti.
Si sentì maggiormente colpevole, per l'avidità egli
aveva reso crudele un frutto dolcissimo.
Il suo peccato era grave.Solo il Creatore
poteva perdonarglielo, e pentito esclamò:
"Signore perdona la mia avarizia", e si fece
il segno della croce.A quel gesto religioso
anche il riccio della castagna si aprì.
S'aprì a croce e tre belle castagne uscirono dalle spine.
"Prendine  pure...piccolo
- disse Novembre-
Iddio mi ha perdonato...
ora voglio condurre una vita di preghiera e di carità".

Il suo primo pensiero fu per i morti.
Il secondo fu per i SANTI e scese verso la casa
dove l'Autunno l'attendeva.

"Che hai fatto delle tue castagne? "
gli chiese l'Autunno.
"Le ho difese con crudeltà, ma poi Dio
mi ha toccato il cuore e le ho donate ai bisognosi,
ora voglio mutar vita, non mi interessa di arricchire,
lavorerò per i miei fratelli. Arerò la terra, seminerò,
ma lascerò che gli altri raccolgano, non desidero
vestiti fioriti, non aspiro a giornate di sole,
voglio lavorare e pregare".
"Fai come credi"
disse Autunno.

Novembre prese gli attrezzi da lavoro e uscì di casa serio.
Si guardò attorno, vide brandelli del vestito ritinto
di Ottobre, i campi apparivano desolati,
soltanto i cipressi scuri e severi stavano composti
attorno ai cimiteri.
Novembre colse alcuni rami
di cipresso e si fece un saio austero,
staccò le croccole amare
e se ne fece un Rosario.
Cominciò a lavorare e pregare.
Lavoro e preghiera, questa fu la vita di Novembre,
il mese più serio, durante il quale non sbocciano fiori,
non maturano frutti,
ma si fanno opere più utili e meritevoli dell'anno.

P.Bargellini.

Questa leggenda di novembre mi ricorda tanto l'iter di San Francesco.

40 commenti:

  1. Molto bella questa leggenda cara Gianna, grazie di averla condivisa.
    Buona domenica cara amica.
    Tomaso

    RispondiElimina
  2. Che bella leggenda,concordo con Tomaso :)Buona domenica

    RispondiElimina
  3. E' bellissima, te lo dico con grande sincerità. Grazie davvero per averla condivisa con noi.
    Un forte abbraccio

    RispondiElimina
  4. Formidabile aforisma sociale. Da mettere nelle letture delle scuole primarie di una paese solidale e civile.

    RispondiElimina
  5. Ciao Gianna,molto interessante la leggenda,grazie per averla presentata a tutti noi.
    Serena domenica.
    Un bacio.

    RispondiElimina
  6. Bellissima leggenda;però qui di castagne non ce n'è,

    RispondiElimina
  7. ciao buona domenica.
    A me piacciono molto le leggende.
    Questa è bellissima.

    RispondiElimina
  8. Insomma, aveva le braccine corte Novembre, ma poi si è ripreso in zona Cesarini:-)

    Questo mese per me è particolarmente caro o penoso...dipende dai punti di vista:-))
    perchè contiene il giorno del mio compleanno il 7 (che non ha portato particolare fortuna alla rivoluzione Russa, sempre ricordata in questo giorno ... ma, speriamo che non mi scarupo come quel famoso muro:-)

    Buona Domenica
    Cara Gianna

    RispondiElimina
  9. Grandi insegnamenti, questi racconti!
    Buona domenica Gianna.

    RispondiElimina
  10. Grazie per la leggenda...non ne ero a conoscenza. Buona domenica

    RispondiElimina
  11. Bellissima ...non la conoscevo, grazie!!!!!!!!!!

    RispondiElimina
  12. bella e piena di sottintesi insegnamenti,ciao Gianna buona domenica

    RispondiElimina
  13. Bella leggenda! Buona domenica carissima Gianna
    enrico

    RispondiElimina
  14. Enri, da te non si commentano i post?
    Con la nuova interfaccia di blogger capisco poco.

    RispondiElimina
  15. Commovente racconto per descrivere questo mese, forse poco apprezzato, ma ricco di sensazioni e ricorenze. Buona domenioca cara

    RispondiElimina
  16. Bellissimo racconto che ci offre spunti di riflessione.

    Buona domenica Gianna

    RispondiElimina
  17. Cara Gianna, e' vero, Novembre e' il mese piu' austero e serio, bellissima la leggenda, mi e' piaciuta.
    Facci sapere di Loris.
    Ti saluto con affetto.
    gaetano

    RispondiElimina
  18. Gaetano, Loris sta disputando un buon campionato.
    Finora vittorie e parità, nessuna sconfitta in sei partite.
    Ancora due lunedì e una domenica.
    Grazie dell'interessamento.
    Buon pomeriggio, con un abbraccio.

    RispondiElimina
  19. Bellissima leggenda: mai sentita prima. In effetti hai ragione, ricorda molto la storia di S.Francesco. E comunque è vero, questo è il mese più serio e triste di tutto l'anno. Lieta di aver letto qualcosa di nuovo, ti rinnovo l'abbraccio e buona serata. Chissà oggi come sei stata bene con la tua piccolina.

    RispondiElimina
  20. Una bella leggenda.Gianna.Da te trovo sempre cose interessanti e te ne sono grata.
    Novembre è un mese austero,di mestizia quasi,ma porta dentro tante promesse,lo accettiamo così.
    Sono stata un po latitante e ora cerco di recuperare lasciando almeno qualche segno di presenza.Sereni giorni.

    RispondiElimina
  21. Bellissima!!!
    Grazie per averla condivisa.
    Felice settimana

    RispondiElimina
  22. Gianna, ci riprovo. Ho notato che se torno indietro con la freccia a sinistra, al secondo tentativo passa.
    Intanto i miei complimenti per questa favola novembrina. Un cordiale saluto e buonanotte.

    RispondiElimina
  23. Cara Gianna, Ti auguro di cuore buona festa di Ognissanti e commemorazione dei defunti. Un'unica festa per tutti i Santi, ossia per la Chiesa gloriosa, è una festa di speranza: i santi rappresentano la parte eletta e sicuramente riuscita del popolo di Dio; ci richiama al nostro fine e alla nostra vocazione vera: la santità, cui tutti siamo chiamati non attraverso opere straordinarie, ma con il compimento fedele della grazia del battesimo.
    La conmmemorazione dei defunti affinché non svanisca MAI il ricordo delle persone che abbiamo amato .

    RispondiElimina
  24. Favola con insegnamenti per l'azione e per il pensiero.

    Buona domenica Gianna :)

    RispondiElimina
  25. ciao Gianna
    buon halloween

    ^_________^

    RispondiElimina
  26. Anche a me mi ha sembrato molto bella.Un bacio

    RispondiElimina
  27. Pupottina, non condivido questa festa.

    RispondiElimina
  28. Molto bella...
    ma le castagne hanno portato il mio pensiero nei ricordi dell'infanzia , quando il nonno faceva per Halloween le caldarroste nel camino per darle a tutti quelli che giravano nella serata...
    Un abbraccio
    Giulia

    RispondiElimina
  29. mi piace molto!! è sempre un piacere passare di qua!
    ciao Dany

    RispondiElimina
  30. Gianna si può commentare come sempre. Basta cliccare l'intestazione del post che interessa ed i fondo alla pagina in questione c'è : “ Comments”
    Clicchi e commenti :-)
    buona serata un abbraccio
    enrico

    RispondiElimina
  31. Che bella Gianna! La racconterò ai bimbi a scuola, grazie per averla resa pubblica, è un grande insegnamento di vita. Sei buona dentro, come la castagna! Ciao, Magu.

    RispondiElimina
  32. Grazie Magu.
    Anche un'altra collega mi ricorda a scuola.

    Bacioni.

    RispondiElimina
  33. una leggenda che fa riflettere sui veri valori della vita: lavoro, preghiera e opere di bene. un buon insegnamento! la utilizzerò anche a scuola, grazie e buona giornata!

    RispondiElimina
  34. a conferma che leggo dopo aver commentato,ho ripetuto il concetto espresso da un'altra collega... però... siamo tutte scolare attente! bacioni!

    RispondiElimina
  35. Grazie a tutti dei graditi commenti.

    RispondiElimina



Grazie del tuo gradito commento.


Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...