26/07/11

62

NON GIUDICARE MAI


Da tempo, mi ero accorta che durante le vacanze estive si dà libero sfogo alle confidenze con estranei.

Una mattina, in spiaggia, un mio vicino d'ombrellone, al mare con le due nipotine,  avverte il bisogno di conversare, ce l'ha con le persone ficcanaso che non si fanno i fatti loro...
E da qui inizia a parlare di sé.
Ha 70 anni ed è vedovo da tre anni.
Da un anno frequenta una signora, la sua compagna, e sua figlia che non vive con lui, conosce tutti i suoi spostamenti...

"Ma perchè la gente non si fa i fatti suoi?
Perchè deve riferire a mio figlia dove vado e con chi vado?
Perchè deve alimentare rancore tra noi?"

 Cari lettori, ancora una volta, gli abitanti di  un paese della cintura di Torino hanno cercato di condizionare negativamente  la libertà di un uomo che, in seguito alla perdita della moglie, ha avuto l'opportunità di rifarsi una vita in modo dignitoso, arrivando al punto di istigare la figlia - la mamma delle due nipotine, per intenderci,  contro il proprio genitore.
E' proprio vero il detto " il paese è piccolo, la gente mormora"...
Il signore in questione ce l'aveva con la figlia, perchè dava credito ai pettegolezzi...
Tra i due non corre buon sangue, perchè la giovane non accetta la relazione del padre e non vuole assolutamente conoscere la sua compagna.

Per la figlia, il padre tradisce la moglie defunta.

62 commenti:

  1. ...una domanda:" Chi è in spiaggia con le nipotine?"...la gelosia può starci..ma arrivare a turbare il sereno equilibrio del proprio Padre...non lo reputo un gesto d'amore. Egli sta amando in questo momento...la "compagna" che gli regala dolci vissuti...la "figlia", alla quale si fà presente...le "nipoti" che sta vivendo al mare. Son tutti gesti d'amore sebbene Vissuti in modo e in tempi diversi. Grazie ianna per la riflessione...lo scatto fà sognare..tramonto?...sereno finire del giorno a Te..
    Dandelìon

    RispondiElimina
  2. E' vero, Gianna, capita anche a me di raccogliere molte confidenze in spiaggia. A volte ho voglia di ascoltare, a volte no. Cerco sempre di essere corretta, di non dare giudizi affrettati e consigli da strapazzo, ma è difficile. Spesso vorrei stare per i fatti miei, che son tanti avendo una vita ricca di persone, affetti, impegni, .....

    RispondiElimina
  3. Cara Gianna, io non sto scrivendo in questo periodo, però ti ho già detto che ti leggo sempre :). Questo post merita un commento. Io non ho capito se al mare con le nipotine c'era anche
    la signora amica del nonno o il nonno era da solo, ma non è importante....l'importante è notare l'egoismo dei figli che, comunque non si prendono mai abbastanza cura dei genitori rimasti soli e poi si riservano di urlare allo scandalo se trovano un conforto. Che la gente sia pettegola è un dato di fatto, ma la figlia di quel signore è egoista e non ama suo padre. Tra i miei raccontini di vita vissuta c'è la storia della sorella di mia nonna che si è sposata in casa di riposo e tra gli urli dei figli di lui, sono riusciti a stare insieme felici per ben dieci anni..:) Certo alla morte di lui la mia prozia era rimasta nella casa come usufruttuaria e loro non hanno potuto venderla prima della sua morte....è questo che conta per la disapprovazione non trovi? Forse un giorno lo pubblicherò :)) Ti abbraccio forte.
    Non preoccuparti, sto bene...sono solo in un periodo di silenzio meditativo...

    RispondiElimina
  4. forse tre anni dalla morte della moglie sono pochi per trovare una compagna, forse la figlia ha ancora la ferita aperta per la perdita della mamma...forse un settantenne pensa di avere poco tempo...sono solo le mie considerazioni, senza voler giudicare nessuno.
    un caro saluto!

    RispondiElimina
  5. Un racconto molto fine e delicato, se tutti pensassero hai affari suoi sarebbe bello!!! ma alloro sarebbe anche male con si si possa parlare degli affare degli altri!!!
    Bel gioco di parole cara Gianna ma purtroppo è così che la gente vuole.
    Buona serata cara amica.
    Tomaso

    RispondiElimina
  6. Il signore aveva portato da solo al mare le figlie della figlia, perchè entrambi i genitori lavorano...dimostrando sempre disponibilità verso la famiglia...

    La sua compagna, a casa, gli curava l'orto...

    RispondiElimina
  7. Hai perfettamente ragione Gianna: spesso è più facile confidare i fatti propri, anche molto personali, ad un estraneo incontrato in spiaggia, o dal medico, o ai giardinetti, forse perché si pensa che poi non lo incontreremo più o che non ci giudicherà in modo malevolo.
    Nel caso da te citato, quando subentra un secondo legame affettivo da parte di un genitore anziano e vedovo, troppo spesso entrano in ballo ragioni prettamente egoistiche (quasi sempre di carattere economico) da parte dei figli.

    RispondiElimina
  8. Mah, difficile dire un'opinione...è un argomento troppo delicato...Abbraccio

    RispondiElimina
  9. Una persona prima di giudicare deve conoscere bene i fatti e poi è sempre meglio riflettere a lungo prima di consigliare o altro
    buona notte Gianna!

    RispondiElimina
  10. Un racconto quasi alla Gozzano che sintetizza situazioni sin quasi troppo diffuse, in una della quali, come già a te, capita o può capitare a chiunque prima o poi di inmbattersi ...

    RispondiElimina
  11. Non sopporto coloro che non si fanno gli affari suoi!
    Io abito in un piccolo paese ma, nonostante ci si nata, conosco poche persone e quelle poche neanche le frequento.
    La mia vita principalmente è lavoro, casa, affetti familiari e amicizie (poche).
    E ciò alle persone dà fastidio perchè non vado a "ciaberare" a casa di quello o di quell'altro come fanno loro e per sapere cose mie chiedono a mio padre che, ingenuamente, racconta... (con conseguente incavolatura mia!).

    Tutto ciò per dire che sono una che "vive e lascia vivere", a volte sembrerò snob o egoista ma sinceramente, la cosa non mi riguarda affatto!
    La figlia del signore (e molti altri figli..) dovrebbero adottare il mio soprascritto motto, capirebbero davvero cosa è importante per se stessi e per i loro cari e vivrebbero decisamente meglio senza dar adito a inutili malignità.

    Saluta il signore da parte mia^^
    Un bacio a te
    Sesè

    RispondiElimina
  12. Non entro nel merito...è sempre difficile giudicare e comunque le campane sono sempre da sentire..tutte.
    Di solito i figli creano problemi per puro discorso economico e probabilmente di futura eredità, ma forse occorre sentire anche la figlia....

    RispondiElimina
  13. Infatti è quello che penso sempre... prima di criticare o giudicare bisogna conoscere i fatti o le persone...
    Detto questo posso capire un'antipatia verso la persona... ma non capisco proprio l'imporre la propria volontà ad una padre che condivide la sua vita con la compagna a cui vuole bene... e la figlia è bene che segua il detto... "vivi e lascia vivere"!!!
    Ciao Gianna cara che peccato finita la vacanza... però mi hai fatto aumentare la salivazione con quelle portate succolente... :-)))
    Un abbraccio per una dolce notte.. bacino!!!

    RispondiElimina
  14. Cara Gianna, il commento di ritaugolini oltre a piacermi, mi ha fatto tornare in mente una persona conosciuta un po' di tempo fa' che accudiva la sua compagna in ospedale accanto a mia madre, lui aveva conosciuto questa vedova e decisero di stare insieme a dispetto della contrarieta' dei familiari,dopo un po' intervenne la malattia di lei che la rese cieca, vi avrei voluto far vedere quest'uomo come gli stava vicino, come la accudiva, persino i figli di lei erano meravigliati di quanto affetto o amore le donava, era lui i suoi occhi, molti non si rendono conto che l'affetto non glielo da' nessun figlio o figlia come una compagna od un compagno, ne' sappiamo cosa ci riserva il futuro, come sara' l'ultimo periodo su questa amata ed odiata terra. Ci sarebbe molto da dire e raccontare, mi fermo qui' lasciandoti un affettuoso abbraccio dolce Gianna.
    gaetano

    RispondiElimina
  15. Un forte abraccio prima di partire di vacanze. Ci vediamo di nuovo alla fine del messe d'agosto. Un piacere godere della tua amicizia. Une parole in italiano nel mio blog.Ciao

    RispondiElimina
  16. La figlia è un po' egoista, di certo suo padre non rinnegherà, nè dimenticherà mai sua moglie, ma perchè non comprenderlo, ascoltarlo, essere felice per lui che grazie alla compagna è tornato a sorridere?
    Bacioni da Sabrina&Luca

    RispondiElimina
  17. Non si può giudicare così dall'esterno, senza conoscere tutti i particolari, però, a lume di naso, anch'io penso che la figlia sia un po' egoista; in fondo, se suo padre sente il bisogno di una compagna, non è detto che abbia dimenticato la moglie..si sente solo evidentemente. Cosa dovrebbe fare? accudire le nipotine quando a lei fa comodo e poi mettersi in un angolino ? Certe situazioni sono sempre difficili da vivere e sono guai per chi ci si trova.
    Spero tu stia bene e lo spavento di ieri sia del tutto passato e che questa notte sia per te più tranquilla. Un bacione

    RispondiElimina
  18. stupidaggini..un uomo a quella eta',rimasto solo,ha diritto di sperare in una vecchiaia perlomeno serena accanto ad una persona,verso la quale prova dell'affetto,che non potra' mai sostituirsi all'amore provato per la moglie;l'egoismo dei figli,a volte,sfiora l'assurdo.Ci sono casi in cui,come ricordo nella tua vacanza dell'anno passato,i figli,abbandonano i genitori,durante le ferie,non degnando loro se non l'unica attenzione,di verificare con una fugace visita,se sono ancora vivi..questa figlia,dovrebbe farsi l'esame di coscienza.felice giornat,cara Gianna ed un bacio :)

    RispondiElimina
  19. Qui tutti dovrebbero farsi i fatti suoi, la gente di paese e pure la figlia, che mi sembra un tantino egoista. Il papò cerca una conpagna per i suoi ultimi anni di vita sapendo benissimo che la figlia tanto non gli potrà offrire (in tempo naturalmente).
    Buona giornata

    RispondiElimina
  20. Mi dispiace che questa donna la prenda così. Il padre di una mia amica si è trovato una compagna pochi mesi dopo la morte della moglie. La figlia è felice di questo! Il padre sta bene, perché non pensare alla sua felicità?

    RispondiElimina
  21. mi dispiace per la situzione che vive quel signore. dovrebbe potersi rifare una vita senza subire il giudizio del paese e con il sostegno della figlia... non si deve augurare una vita di solitudine a nessuno che non la voglia

    RispondiElimina
  22. Spesso mi chiedo perchè la gente nn si faccia i fatti suoi...e perchè nn lasciare libero il papà di rifarsi una vita?
    Cinzia

    RispondiElimina
  23. Ciao Stellina.
    Nessuno può condizionarci, basta opporsi ai condizionamenti di ogni tipo.
    Bisogna andare avanti per la propria strada e avere il coraggio di mettere dei paletti attorno alla propria vita privata.

    Ciao, un abbraccio e attenta a non scottarti al sole.

    RispondiElimina
  24. E' proprio un tramonto, dandelion.

    Il signore ha amato pure la moglie che ha seguito e curato fino alla fine...

    Baci

    RispondiElimina
  25. Titti, io ascolto volentieri i problemi altrui, ma mai il gossip, che mi dà molto fastidio.

    RispondiElimina
  26. Il nonno era solo con le nipotine.

    Rita hai toccato un tasto dolente...

    Alla figlia dicono: hai controllato il conto in banca di tuo padre? va sempre al cimitero?

    Cose da pazzi...

    Questo signore, dopo il grave lutto, era dimagrito e depresso...
    Ha cominciato a riprendersi conoscendo la compagna , la figlia dovrebbe essere contenta, invece...teme per l'eredità!

    RispondiElimina
  27. Sai quante volte succedono queste situazioni? troppe troppe!
    La gente che non si fa i fatti suoi? ce ne sono sempre troppe, ecco perchè si vive male...
    Ciao, cara!

    RispondiElimina
  28. La sospensione del giudizio è uno degli esercizi più complicati. Ma necessario.
    Sandra

    RispondiElimina
  29. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  30. chi giudica è un perdente, questo ora è il mio parere!!!!
    ti chiedo scusa se non ho letto il post ma mi fanno male gli occhi , baci Marianna

    RispondiElimina
  31. Raggio, tutto è possibile...

    RispondiElimina
  32. Buona giornata, caro Tomaso.

    RispondiElimina
  33. Krilù, hai centrato in pieno da quello che ho potuto capire io in spiaggia...
    Baci

    RispondiElimina
  34. Gianna, io sono stato più fortunato. Mio figlio ha accettato tranquillamente la mia seconda compagna che ho conosciuto qualche anno dopo il divorzio. Nel caso in esame è che la gente non si fa i fatti suoi (sparla, sparla ...qualcosa resterà sempre anche dopo mille chiarimenti). Inoltre, vista l"età del signore, non vorrei che la figlia egoista non pensi anche ad una eventuale perdita di parte dell'eredità. Ma forse vado troppo in là. Auguriamo alla persona in questione una lunga vita serena con la sua compagna e le sue nipotine. Ma sono d'accordo con Simo, bisognerebbe conoscere il tutto, prima di giudicare.
    PS - Preferisco le confidenze in spiaggia a quelle non volute di chi parla, a voce alta e continuamente al portatile dei fatti suoi.

    RispondiElimina
  35. Bentornata Gianna. Prima di poter giudicare sarebbe giusto ascoltare tutti quanti. Il signore può aver bisogno di una compagna, anche solo per parlare... La figlia può essere gelosa; ma se non si conosce la storia non puoi fare "commenti".
    Un bacio a presto.
    Ale

    RispondiElimina
  36. Da un lato capisco che la figlia non riesca ad accettare l'idea di un "rimpiazzo" della madre, ma da quello che scrivi questo signore non avrebbe nessuna intenzione di presentare così la sua nuova compagna. Dunque, perché mettere i bastoni fra le ruote a una persona che sta cercando di ritrovare la felicità?

    RispondiElimina
  37. Ciao Gianna,per mia natura,non sopporto i pettegolezzi,anzi,quando sento qualcuno che sparla di un'altra persona,cambio aria,se posso.Buona giornata

    RispondiElimina
  38. Una misera figlia,qualsiasi sia la ragione, dovrebbe considerare la solitudine del padre...anche dovesse trattarsi di denaro che solitamente è causa di molte incomprensioni.
    Cristiana

    RispondiElimina
  39. Abbraccio ricambiato, farfalla!

    RispondiElimina
  40. Simo, d'accordo!

    In questo caso è stata rivelata un'amara constatazione da parte del signore...

    RispondiElimina
  41. Sesè, il signore voleva dire proprio ciò che tu hai intuito...

    RispondiElimina
  42. L'eredità è cospicua, cara Carla...

    RispondiElimina
  43. Paola, il papà sarebbe doppiamente felice, se fosse compreso dalla figlia...

    RispondiElimina
  44. Caro Gaetano, grazie della tua testimonianza...a volte l'amore in età matura è più forte e duraturo...

    RispondiElimina
  45. Grazie Angelo, buone vacanze!
    Un abbraccio

    RispondiElimina
  46. Sabrina, infatti il padre le ribadisce: voi siete sempre la mia famiglia...

    RispondiElimina
  47. Paola, infatti non ha dimenticato la mglie, mi ha raccontato dei vari viaggi con lei...

    RispondiElimina
  48. Cara Eli, concordo pienamente con te.
    Mi ha fatto tenerezza quando ha detto. mi lava e stira le camicie ogni giorno...

    Ti abbraccio col fresco che perdura.

    RispondiElimina
  49. Pupottina, e hai ragione pure tu...

    RispondiElimina
  50. Cinzia, gente che non ha niente da fare e non ha interessi, probabilmente!

    RispondiElimina
  51. Adam, ho imparato a mettere i paletti, tardi, ma sono riuscita a farlo.

    RispondiElimina
  52. Giglio, ma si rendono conto di mettere zizzanie?

    RispondiElimina
  53. Necessario sì, cara Sandra!

    RispondiElimina
  54. Marianna, spero che gli occhi siano migliorati.

    RispondiElimina
  55. Elio, hai un figlio intelligente e comprensivo, sei fortunato!

    RispondiElimina
  56. Ale, qui c'è incomprensione tra padre e figlia, nessuno giudica...

    RispondiElimina
  57. Erborista, anch'io non reggo i pettegolezzi.

    RispondiElimina
  58. Cristiana, soldi e immobili...

    RispondiElimina



Grazie del tuo gradito commento.


Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...