04/04/11

54

MOLTO DIPENDE ANCHE DA NOI . . .

LA STORIA DI PEPE

Pépé era quel tipo di persona che tutti vorrebbero essere.
Sempre di buonumore, aveva sempre qualcosa di positivo da dire.
Quando qualcuno gli domandava come stesse, rispondeva sempre:"Impossibile stare meglio!"

Aveva cambiato parecchie volte lavoro e parecchi suoi collaboratori l'avevano seguito.
Il motivo per cui lo seguivano era il modo di comportarsi: era un leader nato.
Se a uno dei suoi impiegati la giornata era iniziata male , Pépé era disponibile, accanto a lui, per fargli notare il lato positivo della situazione.

Un giorno sono andato a trovare Pépé e gli ho chiesto:
Io non capisco.......non è possibile pensare sempre positivo.
Tu come ci riesci?

Pépé mi rispose:
Ogni mattina, mi sveglio e dico a me stesso:
"Pépé, hai due possibilità oggi: Puoi scegliere di essere di buon o cattivo umore.
Io scelgo di essere di buon umore. Ogni volta che mi capita qualcosa di spiacevole posso scegliere o di comportarmi da vittima o
di imparare dall'esperienza.
Io scelgo di imparare".

"Ogni volta che qualcuno viene a lamentarsi, posso accettare la sua osservazione o mostrargli il lato positivo della vita"

Sì, certo, ma non è facile, gli ho risposto.

Sì, lo è, rispose Pépé.
Tutto nella vita, è un problema di scelta. Se tu semplifichi, ogni situazione si riduce ad una scelta. Tu scegli come reagire davanti ad ogni situazione,
tu scegli il modo in cui gli altri influenzano il tuo stato d'animo, tu scegli di essere di buon o cattivo umore.

In poche parole:

Tu scegli come vivere la tua vita.


Ho riflettuto a lungo su ciò che mi aveva detto Pépé

Per problemi di residenza, avevamo perso il contatto, ma pensavo spesso a Pépé, quando dovevo operare una scelta.



Parecchi anni dopo seppi che Pépé aveva fatto una cosa che non bisogna mai fare. Aveva lasciato una porta aperta ed una mattina tre ladri armati vennero a svaligiare la sua società.
Mentre Pépé, tremante di paura, cercava di aprire la cassaforte, la sua mano tremò e i ladri, impauriti, gli spararono contro.

Pépé fu trovato relativamente presto, lo si condusse urgentemente all'ospedale. Dopo otto lunghe ore d'intervento chirurgico e settimane di riabilitazione intensiva, Pépé uscì dall'ospedale con ancora qualche problema.

Sei mesi dopo ritrovai Pépé e quando gli domandai come stesse la risposta fu sempre quella:
"Impossibile stare meglio"

Quando gli domandai che cosa gli fosse passato per la mente il giorno del furto, mi rispose:

"Quando ero ferito, steso per terra, mi sono ricordato che avevo due opzioni, potevo vivere o morire.
Ho scelto di vivere."

"Non hai avuto paura? gli ho chiesto.

Pépé ha continuato: I medici sono stati fantastici, non si stancavano di dire che tutto stava andando bene.
Tuttavia quando mi hanno condotto in sala operatoria, quando ho visto l'espressione dei loro volti, ho avuto veramente paura.
Potevo leggere nei loro sguardi:

"Quest'uomo è un uomo morto.....! In quel momento ho dovuto prendere una decisione."

Che hai fatto? gli ho chiesto.

Pépé mi rispose: "Quando uno dei medici mi ha chiesto se fossi allergico a qualcosa, tirando un forte sospiro, ho gridato:- "Sì, ai proiettili"

Mentre ridevano io ho detto loro:

" Ho scelto di vivere, operatemi come se fossi vivo, non come se fossi morto".

Pépé è sopravvissuto grazie ai medici, ma soprattutto grazie al suo sorprendente modo di fare.

Aveva imparato che OGNI GIORNO, NOI POSSIAMO SCEGLIERE di vivere pienamente o no.
In fin dei conti ciò che conta è il nostro atteggiamento.

In conclusione:

Ciò che sei

Come ti senti

Come gli altri ti vedono

Come tu vivi


Sei solo tu che devi decidere

Ricordatevi:

Quelli che sono frustrati sono coloro che non hanno saputo vedere il lato positivo dei loro risultati e della loro vita....

54 commenti:

  1. Bella storia...fa riflettere...
    Buona serata :)

    RispondiElimina
  2. Stella e' uno dei migliori post che ho letto da te, non e' facile, perche' mediamente sei fantastica
    Ma questo uomo dice cose veramente sensate: la vita andrebbe presa cosi' , ma non e' facile
    Comunque ha ragione lui! Poi ognuno di noi faccia un po quello che meglio creda, ma per me ha ragione lui, anche se poi io non sempre ci riesco E qui casca l'asino!
    ciao Michele pianetatempolibero

    RispondiElimina
  3. Che nella vita bisogna scegliere continuamente....non ci sono dubbi. Che tutte le epserienze sono fonte di insegnamento...anche....Che Pèpè abbia avuto un po' di fortuna, no?

    RispondiElimina
  4. Questo si che è saper vivere! Se ognuno di noi si lasciasse contagiare almeno un pochino da questo modo di essere vivremmo tutti tanto meglio...Spero che questa storia ci sia di esempio...
    P.S.
    Dopo tanto tempo sono riuscita a tornare a leggere i tuoi fantastici post...sto preparando la tesi e sono sempre molto impegnata. Un bacione!!!!

    RispondiElimina
  5. BINGO! Stellina...hai proprio ragione adesso che conosco Pepè penserò anche a lui e non soltanto a te....Buona notte maestra..e grazie

    RispondiElimina
  6. Certo! Non si può che essere d'accordo. Ma non sempre è facile scegliere o, meglio, essere consapevoli che si può fare una scelta.

    RispondiElimina
  7. Che bella storia prima di andare a letto e riflettere sulla giornata trascorsa.....
    Sono solo io che devo decidere!!! E' vero, e quando mi deciderò a guardare il lato positivo della vita? Ancora grazie Gianna per quello che ci regali ogni giorno. Un grosso abbraccio e buona notte. Ale

    RispondiElimina
  8. Sei splendida,perchè sai dosare sorriso e meditazione in modo perfetto,e hai la capacità di riportare storie che facendo riferimento all'attualità sono vere e proprie fonti da cui attingere saggezza. Sei una mamma al top! ;) Dolce notte,un dolcissimo bacino serale. :-* :X

    RispondiElimina
  9. Parole più che sante: parole BEATE.
    Non so davvero come ringraziarti per questo post, mi è entrato sottopelle.

    Infiniti baci !

    Maddy

    RispondiElimina
  10. Queste tue parole fanno riflettere molto.Saluti a presto

    RispondiElimina
  11. A pensarci bene essere ottimisti( se ci si riesce sempre) ci si dovrebbe guadagnare sempre, tanto arrabiarsi non serve a niente e non porta da nessuna parte, quindi buona vita cara buona Stella.
    gaetano

    RispondiElimina
  12. bellissima storia fa riflettere....e anche se a volte è difficile si dovrebbe imparare la filosofia di vita di Pepè..........

    RispondiElimina
  13. Ciao Stellina...

    Una meraviglia!

    Bel finale e bella morale! ;o)

    Kisse e buonissima settimana. NI

    RispondiElimina
  14. Ottima filosofia pratica. Io, però, aggiungerei "con giudizio!". Tanto per stare più tranquilli.

    RispondiElimina
  15. Ciao Ste'! Tu sei fantastica ,Pepe' aveva anche un gran lato B e fammelo dire vah! Ti bacio con entusiasmo! :x

    RispondiElimina
  16. Stellina, telepatia, è uscita stamattina da me ma era già programmata da alcuni giorni....
    Bacioni

    RispondiElimina
  17. Ogni mattina penso che sia una splendida giornata... anche se a volte so che non è così!!! Non è per nascondere la realtà ma lo trovo di fondamentale importanza per tirare avanti!!!
    Ciao Stella, Roberta

    RispondiElimina
  18. Bel post,Stella,coinvolge tutti perchè tutti e ogni giorno dobbiamo fare delle scelte.Non sempre è facile adottare la filosofia di vita di Pepè,ma una volta accettata di sicuro ci semplificherà l'esistenza,ma teniamoci anche qualche piccolo dubbio,nelle scelte.
    Ciao

    RispondiElimina
  19. Stella, questa storia è meravigliosa, grazie di averla postata.
    Ciao, buona giornata
    Anna

    RispondiElimina
  20. ciao Stella
    è una storia che parla di morale e saggezza!!!

    buon proseguimento ^___________^

    RispondiElimina
  21. :)grazie a questo post ho cominciato di ottimo umore questo pomeriggio! certo è difficile essere sempre ottimisti e credere di poter cambiare con le nostre mani i nostri stati d'animo. Ce ne vorrebbero tante di persone come Pèpè!

    RispondiElimina
  22. Serenella, la fortuna se l'è cercata...

    RispondiElimina
  23. Marina, in bocca al lupo per la tesi...

    RispondiElimina
  24. Rita, va meglio?
    Fammi sapere.
    Baci

    RispondiElimina
  25. Ale, metti sul piatto della bilancia i pro e i contro di una decisione...poi pensa e decidi...mia opinione personale.
    Baci

    RispondiElimina
  26. Shirina non è solo merito mio.
    Baci

    RispondiElimina
  27. Maddy, si fa quel che si può...
    Baci

    RispondiElimina
  28. Cavaliere, è bene riflettere.
    A presto.

    RispondiElimina
  29. andreina...è necessario per vivere meglio.

    RispondiElimina
  30. bellissima storia....e sono davvero d'accordo...la vita è una scelta dove io posso agire...
    un abbraccio
    p.s. si i versi sulla primavera sono miei!

    RispondiElimina
  31. BELLA STORIA è MERAVIGLIOSA!!!!!!
    BISOGNA SEMPRE SEMPRE PENSARE AL MEGLIO E ACCCONTENTARSI DI QUELLO CHE OGNUNO DI NOI HA!!!!
    LO DICE UNA CHE è UNA SOPRAVVISSUTA!!!! :)
    ciao buona serata
    da
    **nannarè**

    RispondiElimina
  32. Adriano, la tranquillità sempre, anche se non è il mio forte...

    RispondiElimina
  33. Rita, aveva pure determinazione...

    RispondiElimina
  34. Chicchina, i dubbi permangono poi per poco, a mio avviso.

    RispondiElimina
  35. Nannarè, allora...d'accordo!

    RispondiElimina
  36. Straordinario Pepè, come il messaggio che ci ha lasciato questa storia, certe volte ci dimentichiamo che siamo noi a scegliere e a decidere, certe volte ci lasciamo vivere e ci giustifichiamo con alibi vittimistici. Ma la vita è un'altra cosa.
    Baci da Sabrina&Luca

    RispondiElimina
  37. Sabrina e Luca, esattamente!

    RispondiElimina
  38. ciao Stella, questa storia è bellissima, oltretutto è anche biblico, in Deuteronomio cap 30
    (Bibbia) è scritto: io metto davanti a te, la vita e la morte
    il bene e il male, dunque tu SCEGLI LA VITA.

    Brava Stella, ottimo post..sono orgogliosa di te

    RispondiElimina
  39. ;;) ottimismo, volere e potere scegliere.
    Non vedere sempre tutto nero o il bicchiere mezzo vuoto...! L'ottimismo è il sale della vita...mi sembra era una frase pubblicitaria. Fatto stà che ci fà stare bene. Bravo Pépé, non è facile, ma ci dobbiamo provare.
    Grazie per aver condiviso questa storia e non è detto che un giorno non te la "prenda" per pubblicarla nel mio blog...!
    Un abbraccio.
    Giuliana.

    RispondiElimina
  40. Giuliana, tradotta interamente dal francese...

    RispondiElimina
  41. Fosse sempre così...Certo l'atteggiamento aiuta ma non sempre risolve, purtroppo.

    RispondiElimina
  42. Sandra, noi mettiamocela tutta e poi sarà quel che sarà...

    RispondiElimina



Grazie del tuo gradito commento.


Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...