12/02/11

28

Dove sono le gemelline scomparse?

Alessia e Livia

Preghiamo...e stringiamoci forte alla mamma Irina, disperata.

28 commenti:

  1. Lo faccio senz'altro, stellina.
    Sai che sono ottimista di natura, e quindi come mamma Irina, il cui cuore dice che le bimbe sono vive,spero che vengano ritrovate.
    Ciò che mi fa orrore è la lucida follia e la premeditazione del padre...inconcepibile!
    Ciao, buon pomeriggio.

    RispondiElimina
  2. ogni volta che vedo quei bei visi sorridenti mi si stringe il cuore. a noi non rimane altro che pregare.hai ragione. buon pomeriggio,ciao!;;)

    RispondiElimina
  3. Speriamo che abbia ragione la mamma, poveri tesori: quei dolci visini!! non si può pensare che non ci siano più: il cuore non lo accetta. :-*

    RispondiElimina
  4. E' terribile Stella, la speranza resiste fino all'ultimo respiro ma la ragione mi dice: se sono vive chi le ha in custodia? Se le ha qualcuno e non si è ancora fatto vivo è un pazzo da processare...però...preghiamo. Ciao buona giornata

    RispondiElimina
  5. Ciao Stella sicuramente una preghiera è per loro e per la loro mamma,non oso pensare quanta disperazione e speranza ci sia nel suo cuore...baci affettuosi Milena a.

    RispondiElimina
  6. Ciao Stellina...

    Certo che mi unisco all'unisono con tutti i pensieri POSITIVI del mondo su questa storia che speriamo abbia una conclusione, dove tragicità e delirio si sposano nel terrore, non ne siano stati gli attori!

    Una preghiera POSITIVA!!! Un abbraccio. NI

    RispondiElimina
  7. La preghiera è l'unica via per aiutare la mamma delle povere piccole...speriamo che siano ancora vive...Ma di storie così terribili se ne sentono troppe...Sara, Yara, le gemelline...questo è sintomo che il male abita nel cuore dell'uomo lontano da Dio...dobbiamo avere il coraggio di dire che esiste il peccato invece di stare ad ascoltare i più esperti spicologi, criminologi...Preghiamo per la conversione di tutti i peccatori e soprattutto per le tante famiglie italiane che sono sempre più spesso luogo di tragedie.

    RispondiElimina
  8. Speriamo di poter rivedere questi splendidi sorrisi.Un abbraccio

    RispondiElimina
  9. Mi chiedo come fa un padre, anche se impazzito, a commettere un'atrocità di quel genere.

    RispondiElimina
  10. Che brutta storia
    ciao Michele pianetatempolibero

    RispondiElimina
  11. non ho quasi il coraggio di commentare una cosa che mi fa star male sono a pensare.
    Buon fine settimana cara Stella.
    Tomaso

    RispondiElimina
  12. Mah, era troppo lucido nella suo disagio mentale il padre delle piccole gemelle.
    Uno strazio, ma speriamo bene.
    Lucio

    RispondiElimina
  13. Un ennesima orribile storia che mi ha sconvolto..penso giorno e notte a questi due meravigliosi angeli,spero con tutta me stessa che stiano bene ed in un luogo sicuro..e che le ritrovino al più presto!
    Ti abbraccio mamma Gianna,buona serata.

    RispondiElimina
  14. Una storia davvero tremenda!
    Povera mamma....non sapere più nulla delle sue bambine...

    Una preghiera anche da noi
    Cri&Anna

    RispondiElimina
  15. Cara Gianna,
    davanti a questi fatti ammutolisco...
    Riesco solo a pregare perchè tornino sane e salve dalla loro mamma.
    Un abbraccio

    RispondiElimina
  16. Una vicenda molto triste,che ho seguito con molta speranza,una preghiera anche da parte mia per questi angioletti che ora sono lontani dalla loro mamma.
    Ciao Stella.

    RispondiElimina
  17. Una storia triste, sconvolgente che ci porta a riflettere sui reati e la violenza nei confronti dell'infanzia e sul malessere che affligge tante famiglie. Un caro saluto, Fabio

    RispondiElimina
  18. Cara Stella, hai ragione, dobbiamo pregare affinche' il Signore faccia smettere tutto quest'odio sulla terra, perche gli innocenti pagano gli errori dei grandi.
    Ti abbraccio.
    gaetano

    RispondiElimina
  19. "Sono distrutta, disperata, ma devo continuare ad avere tanta forza - sussurra Irina dal luogo dove si e' rifugiata per scappare dai posti in cui e' stata felice - Faro' di tutto per ritrovare Livia e Alessia". O almeno, aggiunge con un filo di voce, "per scoprire fino in fondo la verità". Certo ogni ora che passa si fa tutto piu' difficile. "L'angoscia aumenta - ammette - ma io nonostante tutto non perdo la speranza e confido ancora di poter rivedere le bambine".

    RispondiElimina
  20. E come può non essere disperata quella mamma? C'è da impazzire, ci auguriamo che quel folle non le abbia uccise, perchè non si può accettare un'ipotesi simile. Speriamo bene, Stella!
    Bacioni e buona domenica
    Sabrina&Luca

    RispondiElimina
  21. Ogni volta che accendo la tv, spero di sentire che sono state ritrovate sane e salve...ma il tempo passa...e più passa il tempo più cresce la paura di sentire ciò che non si vorrebbe mai sentire...speriamo bene, mi unisco alla preghiera per quei due angioletti...

    Ciao Stella

    RispondiElimina
  22. Mi unisco a te,Stella
    Serena domenica
    Erika

    RispondiElimina
  23. Povere bimbe. Un dolore cocente per quella mamma disperata. Speriamo.
    Ambra
    P.S.
    Che bella la nuova veste del blog. Un'immagine stupenda.

    RispondiElimina
  24. La speranza è l'ultima a morire.

    Speriamo...in bene!

    RispondiElimina
  25. Penso in continuazione a questa terribile storia.
    Ho una pena infinita per tutti. Per le bimbe che
    non si trovano, per quella mammma disperata ma anche
    per quell'uomo malato che nessuno ha saputo aiutare.
    Forse bastava un supporto medico per aiutare questa
    povera famiglia.
    Maria

    RispondiElimina
  26. Cara Maria...concordo con te...

    E' inaccettabile tutto...

    RispondiElimina
  27. Speriamo si arrivi a un lieto fine.

    RispondiElimina



Grazie del tuo gradito commento.


Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...