19/02/11

51

ALTRUISMO ... DEI CANI


La storia vera che segue è molto commovente e ce la racconta il Corriere della Sera

Questa è la storia di un'amicizia. Lei è un bel segugio di poco più d'un anno d'età, si chiama Stella e stava per morire tra sofferenze atroci. Carrettoni, però, un beagle maschio a cui, chissà perché, è stato appioppato questo strano nome, ce l'ha fatta a salvarla. Non è stato facile però.
E se leggendo questa storia vi commoverete non abbiate vergogna, perché è davvero una storia commovente.

Siamo nei boschi del Cagliaritano, Sardegna meridionale, e alcuni volontari della Lipu stanno battendo un'ampia zona, selvaggia e impervia, alla ricerca delle tante trappole con cui i bracconieri illegalmente catturano una quantità di uccelli e di altri animali, come gatti selvatici, martore e volpi.

Ebbene, a un certo punto due volontari, Giovanni Malara e Angelo Scuderi,vengono attratti dal lamento ripetuto di un cane che ulula e guaisce disperatamente. Erano due giorni, seppero poi, che si udivano quei richiami agghiaccianti. Scoprirono così la povera Stella, già piuttosto in cattive condizioni, che era casualmente rimasta intrappolata da un laccio d'acciaio a nodo scorsoio concepito dai bracconieri per catturare cinghiali. Tanto più la povera bestia si divincolava e tanto più veniva straziata da quello strumento.

Sarebbe certo morta, se non fossero intervenuti. E accanto a lei c'era il fido Carrettoni, che la riscaldava col suo corpo e la confortava leccandola, e che abbaiava senza sosta per attrarre l'attenzione. È stato proprio grazie al suo comportamento che i volontari della Lipu l'hanno trovata e hanno potuto per tempo liberarla e riportarla, col suo amico beagle, dal suo padrone.

Il comportamento di Carrettoni, volendo, potremmo anche definirlo eroico. Ma sarebbe, comunque, un eroismo «normale», perché i cani sono così, è nella loro natura. L'altruismo e il reciproco soccorso sono connaturati al loro modo d'essere, fanno parte della loro storia evolutiva di animali sociali. Fin da quando erano lupi si son sempre aiutati l'uno con l'altro, perché la forza della muta sta proprio lì. Ed ora che, con l'addomesticamento, da quindicimila anni di questo legame affettivo fa parte, grazie all'imprinting, anche l'uomo, non dovremmo scordarcelo mai questo dovere. Mai tradire un cane, cioè, mai abbandonarlo. Perché, così come Stella sapeva di poter contare su Carrettoni, il nostro cane è per sua natura sicuro di poter sempre contare su di noi

Danilo Mainardi

51 commenti:

  1. Una stroria che ha dell'incredibile e davvero commovente.

    RispondiElimina
  2. non finirò mai di emozionarmi non solo davanti ad una storia come questa ma davanti ad un cane!
    Mi piace guardarli negli occhi e mi emoziono sempre talmente da farmi venire le lacrime:li adoro!Cosa farebbero gli uomini senza questi fedelissimi amici?
    Ringrazio sempre Dio per averli creati e ringrazio tutti coloro che con tanta passione si dedicano alla loro cura nei tanti canili a norma di legge!!!!
    Lella

    RispondiElimina
  3. Cara Gianna,
    che bella notizia.
    Commovente e stupenda.
    E' vero, i cani sanno sacrificarsi fino alla morte per aiutare il padrone o un compagno...
    Cosa che spesso, noi umani, non sappiamo fare verso il nostro prossimo
    Buon sabato

    RispondiElimina
  4. Sfondi una porta aperta, adoro i cani, sono i miei alter ego.
    Sono capaci di dimostrazioni d'amore inimmaginabili per chi non li conosce a fondo.
    Grazie Stella!
    Cristiana

    RispondiElimina
  5. Si Gianna,
    mi diletto a scrivere in "versi" liberi... ma chiamarli versi è troppo.
    Un bacio

    RispondiElimina
  6. non per niente il cane e' il piu' vicino all'uomo nella vita quotidiana
    io ne ho avuto uno Tobia
    per ben 14 anni
    ma chi lo dimentica
    era un vero amico, fedele
    provare per credere!
    buona serata
    ciao Michele pianetatempolibero

    RispondiElimina
  7. Ciao Stellina!

    I CANI?

    LI ADOROOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOO....molto di più di certi UMANI!!! Baciotti! NI

    RispondiElimina
  8. Ciao Stella, è una storia molto bella e commovente.

    RispondiElimina
  9. Cara Gianna,
    prendi tutto quel che vuoi.
    Un bacio

    RispondiElimina
  10. Se ognuno di noi provasse a guardare bene l'affetto che sa dare un cane, tante cose noi potremmo imparare da loro.
    Buona domenica cara Stella.
    Tomaso

    RispondiElimina
  11. E' una storia senza dubbio commovente e insegna,insegna tantissimo..ed io comprendo il motivo che ti spinge a postarla..restare uniti,ci salva e ci permette di salvare..sei proprio la mia mamma..ti voglio bene.. :X Un bacino cuccioloso..

    RispondiElimina
  12. splendida storia e... dovremmo imparare noi da loro.. altroche' considerarli delle "bestie"!!!
    spesso le bestie siamo noi!!
    buon week
    annapaola

    RispondiElimina
  13. la fedeltà del cane è così, ti dà tutto se stesso in cambio di una carezza. impariamo, gente, impariamo!!! :-

    RispondiElimina
  14. Stella, non so' se ne hanno coscienza quei tipi che piazzano quel tipo di trappole, spero che un giorno ci vadano anche loro col collo dentro!
    Una volta mi e' capitato di vedere un bel cane che andava in giro con la testa conficcata in uno spezzone di tubo cromato marrone, quello delle canne fumarie di stufe, con un amico lo afferrammo e lo liberammo, devi pensare che aveva la testa allungata , chissa da quanto stava cosi', il bello era che il muso non usciva dal tubo ma riusciva ugualmente a nutrirsi.
    Stellina il mondo e' pieno di insidie, speriamo e lottiamo per migliorarlo!
    gaetano

    RispondiElimina
  15. Storia molto commovente.
    Grazie Stella
    Buona domenica
    Erika

    RispondiElimina
  16. L'avevo letta: splendida storia, un esempio per la specie umana.

    RispondiElimina
  17. Buona domenica a te, cara Ambra.

    RispondiElimina
  18. Lella conosco la tua sensibilità per i bambini e gli animali...tanti fossero come te...
    Lieta domenica.

    RispondiElimina
  19. Michele, ricordo Tobia e quel brutto periodo...

    RispondiElimina
  20. Nì...più di certi umani...d'accordo!

    RispondiElimina
  21. Commovente....
    molti uomini dovrebbero imparare..........

    RispondiElimina
  22. Stella cara,
    all'inizio di questo tuo post tu hai scritto " e se leggendo questa storia vi commuoverete, non abbiate vergogna...": ecco la mia risposta:
    IO MI VERGOGNO DI CHI SI VERGOGNA DEGLI ANIMALI.

    Un abbraccione, mia sensibile amica*

    Maddy

    RispondiElimina
  23. Quanto abbiamo da imparare!!!Grazie Stella per questa bellissima lezione di vita.
    Un abbraccio e buona domenica
    Pinuccia

    RispondiElimina
  24. Abbiamo da imparare dai cani !
    Buona serena dominica Stella:)))

    RispondiElimina
  25. Stella, io non mi sono commossa..ho proprio pianto lacrime sugli occhiali e sulla tastiera.
    Grazie di avermi raccontato questa favol meravigliosa, gli uomini dovrebbero imitarli gli animali e quando diciamo a qualcuno: sei proprio un animale..beh, senza volere facciamo loro un complimento immeritato...

    RispondiElimina
  26. buona domenica, carissima. oggi festeggiamo 80° compleanno di mia mamma, un po' in ritardo per varie vicissitudini, ma ora ci siamo, con varie sorprese per lei!
    a questa sera...radiosa giornata!

    RispondiElimina
  27. Una storia davvero toccante, e dà molto da pensare! Mainardi poi l' ha scritta con il suo amore verso gli animali.Quanti cani invece vengono traditi dagli uomini..triste ma è così. Buona domenica, con il mio abbraccio

    RispondiElimina
  28. Martin, per te che ami e curi gli animali è una meravigliosa realtà...

    RispondiElimina
  29. Shirina è così, amore di mamma...

    RispondiElimina
  30. Veramente commovente.Noi umani dobbiamo imparare dagli animali ed invece...
    Serena domenica a presto

    RispondiElimina
  31. annapaola, l'amico ha vegliato e coccolato Stella, in attesa di aiuto...da imitare sì.

    RispondiElimina
  32. Raggio, e questo non è l'unico caso di fedeltà da parte del cane...

    RispondiElimina
  33. Gaetano, anch'io avevo visto un cagnolino spaventato che viveva in un buco e non voleva uscire...

    RispondiElimina
  34. Dona, c'è pure il video di Stella e l'amico...

    RispondiElimina
  35. Maddy cara, condivido.
    Ti abbraccio

    RispondiElimina
  36. Buona serata Pinuccia.
    Bacioni.

    RispondiElimina
  37. accantoalcaminetto, sei sensibilissima...capita anche a me di versare lacrime.

    Benvenuta e a risentirci.

    RispondiElimina
  38. Raggio, immensi auguri alla tua mamma. Tanti baci a lei e a te!

    RispondiElimina
  39. grazie! è stata una bella giornata, piena di emozioni! ho invitato la sua migliore amica e suo marito, una zia alla quale mia mamma è particolarmente legata e...abbiamo festeggiato. una giornata con la famiglia e in armonia, non ha prezzo! anche il ristoratore ha partecipato affinchè la festa fosse indimenticabile. la mamma, emozionata ma contentissima, non finiva mai di ringraziarmi! ai miei figli ho consigliato di prendere esempio e di ricordarsi... speriamo!!! bacioni! =((

    RispondiElimina
  40. Bellissima notizia raggio, ne sono felicissima.

    L'esempio educa, più di un'infinità di parole.

    RispondiElimina



Grazie del tuo gradito commento.


Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...