24/01/11

54

PERCHE' AFFANNARSI ?

Perchè affannarsi tanto prima, quando poi dopo aver corso una vita si ritorna alle origini?
Perchè non sappiamo dare il giusto valore a ciò che di bello e di buono abbiamo già ?

Il turista e il pescatore

Sul molo di un piccolo villaggio messicano,
un turista si ferma e si avvicina
ad una piccola imbarcazione di un pescatore del posto.

Si complimenta con il pescatore per la qualità del pesce
e gli chiede quanto tempo avesse impiegato per pescarlo.

Pescatore: ’Non ho impiegato molto tempo’

Turista: ’Ma allora, perché non è stato di più, per pescare di più?’

Il messicano gli spiega che quella esigua quantità era esattamente
ciò di cui aveva bisogno per soddisfare le esigenze della sua famiglia.

Turista: ’Ma come impiega il resto del suo tempo?’

Pescatore: ’Dormo fino a tardi, pesco un po', gioco con i miei bimbi
e faccio la siesta con mia moglie. La sera vado al villaggio, ritrovo gli amici,
beviamo insieme qualcosa, suono la chitarra, canto qualche canzone,
e via così, trascorro appieno la vita.’

Turista: ’La interrompo subito, sa sono laureato ad Harvard,
e posso darle utili suggerimenti su come migliorare.
Prima di tutto lei dovrebbe pescare più a lungo, ogni giorno di più.
Così logicamente pescherebbe di più. Il pesce in più lo potrebbe vendere
e comprarsi una barca più grossa. Barca più grossa significa più pesce,
più pesce significa più soldi, più soldi più barche! Potrà permettersi un’intera
flotta!!Quindi invece di vendere il pesce all’uomo medio, potrà negoziare direttamente
con le industrie della lavorazione del pesce, potrà a suo tempo aprirsene una sua.
In seguito potrà lasciare il villaggio e trasferirsi a Mexico City o a Los Angeles
o magari addirittura a New York!! Da lì potrà dirigere un’enorme impresa!…

Pescatore: ’Ma per raggiungere questi obiettivi quanto tempo mi ci vorrebbe?’

Turista: ’25 anni forse’

Pescatore: ’….e dopo?

Turista: ’Ah dopo, e qui viene il bello,quando i suoi affari avranno raggiunto volumi grandiosi, potrà vendere le azioni e guadagnare miliardi!!!!!!!'

Pescatore:’…Miliardi?…….e poi?’

Turista: ’Eppoi finalmente potrà ritirarsi dagli affari,e concedersi di vivere gli ultimi 5/10 anni in un piccolo villaggio vicino alla costa,dormire fino a tardi, giocare con i suoi bimbi, pescare un po’ di pesce, fare la siesta,passare le serate con gli amici bevendo e giocando in allegria!’

54 commenti:

  1. ciao Stella
    io la penso come il pescatore ma poi nella vita faccio come il turista!? (almeno credo!)
    buona serata
    ciao Michele pianetatempolibero

    RispondiElimina
  2. :-D mitico messicano saggio!! difficile saperlo imitare, ci frega tutti il turista!!:))

    Confucio diceva
    se c'è rimedio perchè t'arrabbi?
    se non c'è rimedio perchè t'arrabbi?

    RispondiElimina
  3. Viva il pescatore che ha ben chiaro in mente e nel cuore quali siano le priorità della vita :) visto che riesce a procurare ciò che gli occorre perchè dovrebbe sacrificare le persone e gli affetti?
    Ciao Stella, un bacione!

    RispondiElimina
  4. Sono venuto in fretta vara Stella per farmi una risata. :))

    RispondiElimina
  5. Brava Stella! Avevo il molare alle stalle, ma ora sto sorridendo. ;-)

    ChaoLin LinGiù

    RispondiElimina
  6. Lo so che si fa fatica a credermi, ma io ho conosciuto la filosofia del pescatore e l'ho vista praticare: quando non ne ero molto cosciente.
    Ho creduto di crescere in un mondo retrogrado considerando la lentezza un disvalore.
    Poi ho corso tanto, sempre a rincorrere i minuti. Ora sono ritornata lenta: finalmente ho capito.

    RispondiElimina
  7. Sei ufficialmente invitata al mio giochino! Ti aspetto :))
    Baci

    RispondiElimina
  8. Cara Gianna,un simpaticissimo apologo :) Il pescatore dà una bella "lezione" al professore di Harvard, che però (stranamente) apprende... ;)

    Un bacio :)

    RispondiElimina
  9. Certo la sana e saggia filosofia del pescatore è lontana anni luce dalla nostra società invasata dall'idea dei soldi e del successo.
    Magari si riuscisse ad imparare dal pescatore!

    RispondiElimina
  10. E ha studiato ad Harvard per arrivare a quella conclusione...chi vuole troppo si perde la bellezza dei momenti e delle cose semplici! Il troppo è sempre sbagliato!
    Baciotti
    Sabrina&Luca

    RispondiElimina
  11. Qui a Mantova c'è il Mincio,m'informo se si puo' pescare!Grazie Stella,bacioni!

    RispondiElimina
  12. Grande lezione ...... poco applicabile purtroppo in questa vita frenetica ..... ma ogni tanto dobbiamo fermarci per vivere veramente. Miao

    RispondiElimina
  13. Cara Stella, e' bella questa filosofia della vita, a me ricorda un po' la vicenda di Dioniso che viveva in una botte, tanto diceva gli abiti lo stesso si logorano ed e' tutta una storia che si ripete, quindi perche' affannarsi per il superfluo? Una volta si diceva: Chi si accontenta Gode! Ed io la vita me la vorrei godere ora che ho ancora i denti in bocca.
    Ti lascio un abbraccio lungo fino a Torino.
    gaetano

    RispondiElimina
  14. Assolutamente condivisibile la filosofia del pescatore. Se solo si riuscisse a metterla in pratica ...!
    Quando scelsi di lasciare il lavoro ero ormai giunta al punto da sentirmi continuamente pungolata da qualcuno armato di frusta che mi stimolava a correre sempre di più. Ho avuto appena il tempo di tirare il fiato e rilassarmi un attimo che mi sono ritrovata addosso una malattia invalidante in progressivo peggioramento. Ora mi chiedo a che mi è servito correre per tutta la vita?

    RispondiElimina
  15. Beh io faccio già come il pescatore... una vita tranquilla.

    Un abbraccio

    RispondiElimina
  16. BELLISSIMA filosofia che vorrei tanto poter imitare... ma com'è possibile applicarla in questa società???
    Tante serene giornate
    nonnAnna

    RispondiElimina
  17. Quel pescatore ha la saggezza che dovremmo avere tutti... ma non ci si fa, perché la stessa società non te lo permette...come si farebbe del resto a pagare l'affitto, o a far studiare i figli , o a curarli e vestirli e nutrirli... purtroppo, in pratica , la filosofia del pescatore resta un'utopia.In teoria è stupenda.. ;;)

    RispondiElimina
  18. Ciao Michele, ognuno fa quel che può...

    RispondiElimina
  19. Aglaia, cerchiamo di seguire il consiglio saggio di Confucio.

    RispondiElimina
  20. Giusto GM, ha di che sfamarsi e soprattutto ha amici...

    RispondiElimina
  21. Meglio una vita tranquilla come il pescatore.Serena giornata a presto

    RispondiElimina
  22. Mi successe una cosa simile in Cambogia, ovviamente non mi sono presentato come un laureato e nemmeno consigliato di diventare ricco, avevo solo chiesto che ne faceva di tutto il pesce preso e lui seraficamente mi ha risposto: "Per due giorni non vado a lavorare, ho già pescato quello che mi serve per tre giorni.. "
    Abbiamo perso il vero senso delle cose secondo me.

    RispondiElimina
  23. bella filosofia di vita! io sono presa sempre da mille lavori,ma spesso mi fermo e mi rilasso... buon pomeriggio soleggiato!!!

    RispondiElimina
  24. ...ecco,in questi giorni mi sono rilassata ed ho perso quota. devo rimediare, altrimenti il contatore.... baci, baci, baci!

    RispondiElimina
  25. affannarsi...non lo voglio proprio più fare....i giri della vita me li voglio godere...un bacione

    RispondiElimina
  26. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  27. Scusa, ma c'era un errore che mi dava fastidio...dicevo che vivendo così si riuscirebbe a salvare anche la Terra.
    Grande lezione quella del messicano, peccato che pochi la capiscano e la mettano in pratica. Ciao

    RispondiElimina
  28. Tomaso, spero che la tua festa si sia conclusa bene.
    Un abbraccio.

    RispondiElimina
  29. Caro Lino, allora è un molare "coscienzioso".

    RispondiElimina
  30. Cara Nou, non è mai troppo tardi per ricredersi ed ammetterlo è di una persona consapevole e saggia.

    RispondiElimina
  31. Ire, hai capito che mi piacciono i giochini, eh?
    Il tuo è molto bello.

    RispondiElimina
  32. Caro Antonio, queste sono le "lezioni" dei semplici.

    RispondiElimina
  33. Cara Ambra, purtroppo è così.
    La ricerca sfrenata del successo e dei soldi, di filosofico non ha proprio niente e il pescatore questo l'ha capito molto bene!

    RispondiElimina
  34. Cara Sabrina, il troppo stroppia e non fa vivere bene, infatti.
    Un abbraccio grande.

    RispondiElimina
  35. Rita, poi mi dirai!
    Fammi sapere, magari ti raggiungo.
    Bacioni a te.

    RispondiElimina
  36. Fel volendo, si potrebbe andare un po' più adagio...

    RispondiElimina
  37. Gaetano, giusta osservazione...e bella metafora, finchè riesci a masticare.

    RispondiElimina
  38. Bella domanda Paolo...ma i poveri le pagano, no?

    RispondiElimina
  39. Krilù, hai ragione.
    Io affermo spesso che che la salute è un bene prezioso e non ce ne accorgiamo fintanto che non si sta male...

    RispondiElimina
  40. nonnaAnna volendo si può, si può...

    RispondiElimina
  41. Paola, io penso che il superfluo si possa eliminare...

    RispondiElimina
  42. Raggio, sei pronta a fare il salto...pian pianino...

    RispondiElimina
  43. Lo, per fortuna l'hai capito da giovane...

    RispondiElimina
  44. Trillina, sarebbe più salutare per tutti...

    RispondiElimina
  45. Sul superfluo sono d'accordissimo con te, ma delle cose che ho elencate, qual'è quella superflua? :-*

    RispondiElimina
  46. Paola,parlo di quando i figli sono già svezzati e sono autonomi...
    Ora, sola, con la mia pensioncina assicurata, mi sento ricca...

    RispondiElimina
  47. Una bella storia, anche vibrante, per dire che é meglio accontentarsi dello strettamente necessario, il che lascia anche più tranquilli: ma é su questo punto che nella vita reale incominciano, ad usare un eufemismo, i distinguo, diversi poi da persona e persona e da situazione e situazione.

    RispondiElimina
  48. Mmmmm...mi sa che pescare qui, in Secchia o Panaro, non è più cosa....peccato!

    RispondiElimina



Grazie del tuo gradito commento.


Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...