30/01/11

39

PADRE, MAESTRO E AMICO DEI GIOVANI

Don BOSCO (Castelnuovo d'Asti, 16 agosto 1815 – Torino, 31 gennaio 1888)
fu il fondatore delle congregazioni dei Salesiani e delle Figlie di Maria Ausiliatrice.

ANNI DEL FOCOLARE

Giovannino Bosco (per la mamma e per tutti solo e sempre Giuanìn) fin da bambino andava matto per i di­vertimenti. Fra tutti però preferiva il gioco della lippa, che consisteva nel ricacciare con un'asta di legno una specie di cilindro, anch'esso di legno, gettato da un com­pagno.

Accadeva spesso, ahimè! che la lippa, lanciata da un inesperto, lo colpisse in pieno volto o in testa e allora tutto malconcio e sanguinante correva dalla mamma a farsi medicare.

Mamma Margherita lo rimproverava:

- Perché vai sempre con quei compagni? Non vedi che sono cattivi e ti fanno del male?

- Appunto perché sono cattivi vado con loro. Se ci sono io, stanno più buoni e non dicono parolacce.

- E intanto, vieni a casa con la testa rotta! - È stata una disgrazia...

- Sta bene... ma non andare più in loro compagnia. - Mamma!...

- Mi hai inteso?

- Se è per farvi piacere, non ci andrò più; ma pensa­te che, se mi trovo in mezzo a loro, fanno come voglio io, e si astengono dalle risse e dalle parole cattive.

La mamma era alquanto perplessa, ma, temendo di impedire un bene, dopo un po' di esitazione lo lasciava andare.

Giovanníno, presago fin d'allora della sua missione fra i ragazzi, correva, con la testa fasciata, al gioco inter­rotto, atteso ed acclamato da tutti per la sua ingenua allegria e per i suoi tratti spiritosi, e gridava ai compagni in tono di scherzo:

- Mi raccomando la testa! ... almeno la testa!


Giovannino è orfano dall'età di due anni. Margherita, la mamma, è donna dolce, ma energica e forte. Deve fare da madre e da padre. In un angolo della cucina c'è un bastoncino flessibile, la « verga ». I ragazzi sanno a cosa serve. Margherita non l'usò mai, ma non la tolse mai dal suo posto.

Un giorno Giovannino, per la fretta di correre alla « lippa », dimenticò di chiuder la porta della gabbia dei conigli, dopo avergli dato da mangiare. A sera fu una fatica nera ripescare tutte le bestiole disperse nei prati. Appena Giovannino rientra in casa si sente chiamare: - Giovannino, portami la « verga ».

- Perché? Cosa ne volete fare? - chiede peritoso. - Portamela e vedrai!

Giovannino va nell'angolo, prende la verga e la porta alla madre, con aria da martire.

- Voi volete accarezzarmi le spalle, lo so! - E perché no, se mi fai di queste scappate? - Mamma, non lo farò più, mai più!

Giovannino abbraccia la mamma e la verga ritorna al suo posto.


Un giorno, nel gioco, la « lippa » si rompe. Giovan­nino e Giuseppe ne tengono una di ricambio sull'arma­dio di cucina ove sono anche riposte le olle, le bottiglie e i fiaschi di vino. Corre in casa, sale su una sedia e cerca la lippa, ma nella fretta urta nella olla che cade a terra e si spezza, versando tutto l'olio sul pavimento. Confuso, si dà da fare per spazzar via tutto. Ma come farà a tener la cosa nascosta alla mamma? L'olio è così caro!

Pensa e ripensa, va incontro alla madre che è andata al mercato. D'un tratto la vede da lontano. Svelto, taglia un bel ramo da una siepe, lo pota ben bene e corre verso la mamma.

- Come state, Mamma? Avete fatto buon viaggio? - Sì, Giovannino, e tu sei stato buono? – Mamma Margherita intuisce la manovra del piccolo mariuolo. - Oh, sentite, mamma, volevo dire... Prendete! - e le porge la verga.

- Eh, tu me ne hai fatta qualcuna delle tue!

- Sì, mamma, questa volta l'ho fatta grossa e merito il castigo.

- Che ti è successo?

- Ho rotto il vaso dell'olio - e narrò il fatto.

- Giovannino, mi dispiace per l'olio, ma sono con­tenta che non dici bugie a tua madre. Un'altra volta sta' più attento, perché, lo sai, l'olio è caro!

La mamma sorride e Giovannino l'abbraccia.


Giovannino è abilissimo nell'arrampicarsi sugli albe­ri. Pare uno scoiattolo. Un giorno scala una grossa quer­cia per prendere una nidiata di uccellini.

In un batter d'occhio è alla cima; ma la nidiata si trova all'estremità di un lungo ramo, che facilmente cede sotto i suoi piedi, e si piega.

Giovanni non si perde d'animo. Adagio adagio rag­giunge il nido e, ad uno ad uno, si pone in seno gli uccellini.

Fin qui, la cosa è andata liscia; ma il guaio consisteva nel ritornare verso il tronco! Difatti ecco che, ad un tratto, gli scivola un piede, ed egli rimane sospeso per le mani.

La posizione è critica assai. Giovannino lo intuisce e, dopo disperati tentativi per rimettersi sul tronco che sempre più cede, si lascia andare, molleggiandosi con precauzione e s'industria di cader ritto, sulla punta dei piedi e rimbalzando in avanti.

L'acrobazia riuscì a meraviglia; ma restò intontito dallo stramazzone preso da ricordarsene per un bel pezzo.


Giovannino è coraggioso ed intrepido. Trovandosi una volta in casa dei nonni materni, sentì parlare di spiriti e dire che in quella casa s'udivano dei rumori più o meno duraturi, ma sempre strani e spaventosi.

Una sera, nel più bello della veglia, si sente sul soffit­to un colpo, come di un cesto pieno di bocce; poi, un rumore sordo e lento, che va da un angolo all'altro della stanza.

Tutti tremano.

- Che sarà mai?!

- Gli spiriti, gli spiriti!

Tutti fuggono; Giovannino solo grida: - Voglio andar a vedere che cosa c'è. Prendete il lume.

Alcuni si fermano, prendono dei lumi e lo accompa­gnano per la scaletta di legno che mette al soffitto. Giovanni spinge la porta, entra e, alzando la lucerna, guarda attorno.

Non c'è nessuno; tutto è silenzio.

I presenti si affacciano anche loro; alcuni anzi entra­no; ma tosto dànno un grido e si precipitano fuori.

Un cesto da grano capovolto ondeggiava, si muoveva e avanzava lentamente.

Alle grida il cesto si era fermato; ma poi riprese a muoversi e venne ai piedi di Giovannino. Attento! È un cesto stregato!

Deposto il lume su una vecchia scranna, Giovannino si curva, stende le mani e lo tira a sé.

- Lascia!... Lascia!... - gli gridano in coro; ma egli non dà retta e coraggiosamente lo solleva.

Là sotto c'era una grossa gallina che la padrona aveva messo in soffitta a covare e aveva dimenticata.

Siccome nel cesto appeso al muro erano impigliati dei granelli di frumento, la gallina, affamata, aveva cercato di beccarli; ma il cesto, rovesciandosi, l'aveva fatta prigio­niera.

I discorsi che si facevano di spiriti, di magie e di streghe, e specialmente la paura, avevano fatto credere che si trattasse di cose orribili e diaboliche.

39 commenti:

  1. Non potevi trovare titolo migliore per questo post.
    Sono stato allievo dei salesiani, ma non per questo le opere e la figura superlativa di "Giuanin" Bosco mi sono stati sempre di esempio e di monito.
    E' stato il santo della gioventù, in quella Torino dove agirono anche il Cafasso e il Cottolengo, persone dotate di un carisma naturale che non concedono termini di paragone.
    Grazie per averlo ricordato stellina, buon pomeriggio con un bacione.

    RispondiElimina
  2. Che bello questo post, Credo che sarebbe bello incorniciare, racconta cose che non tutti sanno,
    buona serata cara Stella con un abbraccio.
    Tomaso

    RispondiElimina
  3. Cara Stella, sei veramente molto cara,mi hai fatto cosa gradita, a me piace leggere la vita dei Santi o beati, l'ho letta con attenzione, per questo Don Bosco ha dedicato una vita ai ragazzi e agli Oratori, per togliere dalla strada tanti giovani che come a Napoli diventano manovalanza di quei fetentoni innominabili.
    Ti lascio una dolce carezza per incominciare bene la settimana.
    gaetano

    RispondiElimina
  4. Ciao Stellina. Bello questo post e interessanti gli episodi che racconti.

    RispondiElimina
  5. Accidenti, leggo adesso del tuo compliblog. Spero di non essere in ritardo. Magari il messaggio era di ieri. Ora comunque passo dal tuo blog di poesia. Ciao.

    RispondiElimina
  6. Ciao cara!!!

    Che bello...sei venuta a ricordarci quanto abbia fatto per i giovani Don Bosco!!!

    GRAZIE e...AUGURISSSSSSSSSSIMI per il tuo...compliblog!!! ;o)

    Kisses...smuak. NI

    RispondiElimina
  7. essendo un'ex-allieva, lo porto nel cuore.
    ogni tanto, rivolta ai bambini, dico una sua frase: "state buoni, se potete!"...
    ricordo ancora un suo quadro nell'atrio della scuola ed il suo viso buono, era per me il viso di un padre...grazie per aver ricordato al sua festa e buona serata!

    RispondiElimina
  8. l'ho letto molto volentieri, brava!

    RispondiElimina
  9. ciao...che bello hai inserito un bellissimo post...mi è sempre piaciuto leggere di don Bosco, ho un libro della sua vita che leggevo quando ero bambina...una figura intensa e operativa..che ha vissuto per aiutare i ragazzi..ciao..luigina

    RispondiElimina
  10. * Buon compliblog cara Stella!
    * Grazie per questo bel post su don Bosco che è una figura che ammiro moltissimo... e sono anche convinta che tutt'oggi ne servirebbero più di uno come lui...
    Tante serene giornate
    nonnAnna

    RispondiElimina
  11. Bellissima figura di Santo,persone così servono tutt'oggi!:-*

    RispondiElimina
  12. Non ho grandi simpatie per i prelati,anche se devo ammettere che nella storia vi sono stati delle figure importanti.

    Gli unici preti con cui vorrei avere a che fare,sono i missionari,non per pregare,bensì nell'aiutarli.

    Una buona nuova settimana

    RispondiElimina
  13. Ciao Stella. Sono ripassata per dirti che abbiamo pubblicato il seguito della Festa Blogger. Dovresti passare da me o Sandra o Erika e fare la tua scelta. Grazie.

    RispondiElimina
  14. Ciao Stella,grazie per questo bel post.
    Ciaoo
    erika

    RispondiElimina
  15. Ciao Ste'! Che belli questi episodi della vita di Giuanin! Bacioni!

    RispondiElimina
  16. auguri a tutti i GIOVANNI
    ciao Michele pianetatempolibero

    RispondiElimina
  17. Ciao Gianna,
    un saluto veloce per augurarti una stupenda settimana.
    Passo dopo a leggere il tuo post, ora non ho molto tempo...aspetto mia figlia che torna dall'ospedele dal turno di notte...dalla terapia intensiva.
    Voglio accoglierla con un abbraccio ed una coccola... per alleggerire il carico di dolore che assorbe dai pazienti ogni volta.
    Un bacio

    RispondiElimina
  18. Ivo, ricorda anche i volontari al Cottolengo...

    RispondiElimina
  19. Io festeggerò il 24 giugno,San Giovanni Battista, caro Michele.

    RispondiElimina
  20. Caro Sirio,Don Bosco prese con fermezza tre propositi:

    "Occupare rigorosamente il tempo. Patire, fare, umiliarsi in tutto e sempre quando si tratta di salvare le anime. La carità e la dolcezza di San Francesco di Sales mi guideranno in ogni cosa"

    RispondiElimina
  21. Buon inizio settimana, caro Tomaso.

    RispondiElimina
  22. Gaetano, ricambio affettuosamente la carezza.

    RispondiElimina
  23. Grazie Ambra, non eri in ritardo.

    RispondiElimina
  24. Nì, quanti giovani oggi avrebbero bisogno di veri educatori...

    RispondiElimina
  25. Raggio, il Suo esempio ti ha illuminata...

    RispondiElimina
  26. Lui, proprio come dici tu...

    RispondiElimina
  27. nonnaAnna, condivido...eccome!

    RispondiElimina
  28. Rita, è importante conoscere questi aneddoti educativi...

    RispondiElimina
  29. Brava zicin...mi compiaccio del tuo splendido impegno di mamma.

    RispondiElimina
  30. Un vero apostolo della gioventù, un uomo straordinario, un grande Santo :-)

    La sua pedagogia è quanto di più sano e di più valido si possa trovare, ancor oggi.

    Il metodo "preventivo", il valore del gioco, la lotta all'ozio, il sincero rapporto personale con l'alunno, etc. etc. etc.

    E una grande fiducia nei ragazzi. Un ottimismo cristiano, che non dimentica la realtà del male, ma lo sa prevenire, e comunque vede sempre la possibilità del recupero :)

    S. Giovanni Bosco mi è sempre piaciuto (ero sempre nell'Oratorio della mia Parrocchia, a giocare...). E poi Mamma Margherita, il nome di mia madre.... :)

    Bellissimo post, cara Gianna :)

    RispondiElimina
  31. Non avevo dubbi che ti piacesse, carissimo Antonio.

    RispondiElimina
  32. Una persona degna di grande ammirazione: ricordo di letture che di lui la maestra ci faceva fare e, ricordo che l'ho sempre amato.

    RispondiElimina



Grazie del tuo gradito commento.


Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...