28/01/11

55

I GIORNI DELLA MERLA

Mi piace riproporvi il post dello scorso anno.

I cosiddetti giorni della merla sono, secondo la tradizione, gli ultimi tre giorni di gennaio:

29, 30, 31, considerati i giorni più freddi dell'inverno.

Vi sono diverse leggende al riguardo, io preferisco questa molto intensa

LEGGENDA

Gli ultimi tre giorni di gennaio, il 29, 30 e 31, capitò a Milano un inverno molto rigido. La neve aveva steso un candido tappeto su tutte le strade e i tetti della città.

Un merlo, una merla e i loro tre figlioletti erano venuti in città sul finire dell'estate e avevano sistemato il loro rifugio su un alto albero nel cortile di un palazzo situato in Porta Nuova.

Poi, per l'inverno, avevano trovato casa sotto una gronda al riparo dalla neve che in quell'anno era particolarmente abbondante.

Il gelo rendeva difficile trovare le provvigioni per sfamarsi; il merlo volava da mattina a sera in cerca di becchime per la sua famiglia e perlustrava invano tutti i giardini, i cortili e i balconi dei dintorni. La neve copriva ogni briciola.
Un giorno il merlo decise di volare ai confini di quella nevicata, per trovare un rifugio più mite per la sua famiglia.
Intanto continuava a nevicare.
La merla, per proteggere i merlottini intirizziti dal freddo, spostò il nido su un tetto vicino, dove fumava un comignolo da cui proveniva un po’ di tepore.Tre giorni durò il freddo. E tre giorni stette via il merlo.
Quando tornò indietro, quasi non riconosceva più la consorte e i figlioletti che erano diventati tutti neri per il fumo che emanava il camino.

Nel primo dì di febbraio comparve finalmente un pallido sole

  Immagini : www.midisegni.it


e uscirono tutti dal nido invernale; anche il capofamiglia si era scurito a contatto con la fuliggine.

Da allora i merli nacquero tutti neri; i merli bianchi diventarono un'eccezione di favola.

55 commenti:

  1. E' un piacere rileggere la storia dei tre giorni della merla... spero tanto che davvero siamo arrivat agli ultimi tre giorni di freddo, altrimenti penso che farò come la merla...cercherò rifugio in un comignolo e diventerò anch'io tutta nera, come la merla :) buona serata Gianna

    RispondiElimina
  2. Cara Stellina, io l'anno scorso non avevo ancora il blog...anzi non sapevo nemmeno accendere il pc :), quindi questa storia non l'avevo letta e non la conoscevo neanche, grazie di tutte le cose che mi insegni bacio

    RispondiElimina
  3. Bellissimo , sempre, leggere e rileggere leggende legate alla traizione. Grazie Stella!

    RispondiElimina
  4. Troppo tenera!
    bella storia
    buona serata ciao Michele pianetatempolibero

    RispondiElimina
  5. :)) quanti disegni e dettati fatti (e fatti fare una volta passata "dall'altra parte della barricata" =)) )sulla leggenda della merla :D

    :X :X :X
    Anna

    RispondiElimina
  6. Che bella! Non l'avevo mai letta prima...è bellissima! :) Un dolcissimo post,grazie mammina.Voglio solo aggiungere un caro abbraccio per il papà di Gabriella,un bacio per te splendida mamma. :X :-*

    RispondiElimina
  7. Veramente bello ,rileggere questa leggenda legata al periodo più freddo dell'anno.Serena notte a presto

    RispondiElimina
  8. io non la conoscevo!
    grazie
    Mari

    RispondiElimina
  9. Ne avevo sentito di altre leggende dei giorni della merla, ma questa è veramente nuova per me.
    Molto belle cara Stella.
    Buon fine settimana.
    Tomaso

    RispondiElimina
  10. Noi non la conoscevamo questa storia, ma è molto tenera!
    Buona serata
    Sabrina&Luca

    RispondiElimina
  11. Cara Stellina, sapevo che si chiamassero i tre giorni della Merla ma la stoiella non la conoscevo, spero che passino in fretta, perche' stasera da me anche se e' sereno e vedo le tue sorelle in cielo, io batto i denti.
    Ti lascio un abbraccio per darti tepore ed un saluto di conforto per Leonardo, dalla foto si vede che sua figlia e' un Angelo e spero che il Signore li consoli per il vuoto che gli ha lasciato, poiche' quell'Angelo serviva al Signore.
    gaetano

    RispondiElimina
  12. Anche a me piace leggere queste leggende.
    Buon fine settimana, Stella.
    Erika

    RispondiElimina
  13. Da appassionata di tradizioni popolari, conosco tante leggende e quindi anche quelle legate ai "giorni della merla" le conosco fin da piccola, ma devo proprio congratularmi con te per il bellissimo modo con cui hai presentato il post.
    Buon weekend stellina.

    RispondiElimina
  14. La leggenda narra del merlo bianco in origine diventato nero come hai ben spiegato,una sorta di calimero dei nostri tempi,almeno dei bei tempi di "carosello".

    Sul 13 febbraio

    C'è una guerra in corso,il paese è spaccato a metà,fino a quando rimarrà in vita chi sta vivendo costantemente nel delirio di onnipotenza,insieme a chi continua nonostante tutto a sostenerlo.

    Notte

    RispondiElimina
  15. Molto simpatica!!!
    Speriamo che passino presto...non amo il freddo.
    Ti auguro un buon fine sttimana

    RispondiElimina
  16. Ed io mi stringerò a te, Paoletta!

    RispondiElimina
  17. Rita ed io imparo le filastrocche da te...

    RispondiElimina
  18. carina la leggenda che già conoscevo,ma tu l'hai illustrata proprio bene,buona domenica

    RispondiElimina
  19. Buon dì Gianna,
    Son venuta a bere un caffè da te.
    Domani se vuoi vieni con me, andiamo da Riri a berlo da lei...ci incontriamo tutte le mattine a fare due chiacchiere.
    Buon sabato Un abbraccio ed un bacio

    RispondiElimina
  20. BBBBBBRRRRRRRRRRRRRRRR
    bellissimo post Stellina. Buon fine settimana

    RispondiElimina
  21. E anche io come Felinità ti rispondo con un BBBBBBRRRRRRRRRRRRRRRR... chè sono stata anticipata da lei ma questo è stato il primo commento che mi è passato per la testa.
    Buonissima giornata!

    RispondiElimina
  22. brrrrrr anche da noi in Sicilia. Ma dove abito, almeno, non si scende sotto i 5 gradi (neanche la notte).
    un abbraccio Grande
    Tonino

    RispondiElimina
  23. E' bella questa leggenda, è la stessa che conosco anch'io e mi è sempre piaciuta molto!!!

    RispondiElimina
  24. Una bella leggenda questa che hai postato, Stella! Io la conosco solo da pochi giorni grazie ad un'altra amica blogger. Anche la tua versione, ambientata a Milano, ricca di particolari e corredata con dei bei disegni da colorare (posso scaricarli?) è molto piacevole. Ciao, copriamoci bene!

    RispondiElimina
  25. come ti avevo confidato lo scorso anno, proposi la leggenda con le tue immagini ai miei bambini di cl.I. ieri, guardando il calendario, si sono ricordati della ricorrenza ed ho promesso loro che lunedì racconterò nuovamente la storia. grazie ancora.
    a proposito...qui piove e sulle colline vicine, nevica. poveri merli!!!

    RispondiElimina
  26. Cara Shirina, l'anno scorso non ci conoscevamo ancora.
    Chissà quanti altri post ti sarebbero piaciuti!
    Va bene, ci conosciamo adesso e alla grande...
    Splendida piccola, divertiti e riposati in questi due giorni di pausa.
    Baci infiniti.

    RispondiElimina
  27. Buona serata cavaliere, a presto.

    RispondiElimina
  28. Grazie Elena, buona domenica.

    RispondiElimina
  29. E' strano Mari, tu che ami le storielle nordiche, che ti sia sfuggita questa, tipica delle nostre parti.
    Buona domenica.

    RispondiElimina
  30. caro Tomaso, chissà quante ne conoscerai tu che hai raccontato ai nipotini...
    Buona domenica a te con un abbraccio.

    RispondiElimina
  31. Sabrina e Luca, adatta ai bambini piccoli...
    Lieta domenica e bacioni.

    RispondiElimina
  32. Gaetano sei sempre complimentoso...
    Anche qui fa freddo, pur essendo nuvoloso.
    Ho cercato di riscaldare le mie sorelline, ma non so se ci sia riuscita.
    Ci vorrà ancora molto tempo perchè il dolore dei genitori di Gabriella diminuisca, dato che non potrà mai finire.
    Un abbraccio caldo a te.

    RispondiElimina
  33. Erika, girando il mondo chissa quante ne conosci...
    Lietissima domenica.

    RispondiElimina
  34. Cara Krilù, deformazione professionale...
    Baci.

    RispondiElimina
  35. Caro Ivo, ho capito.
    La scelta in concomitanza con l'altra manifestazione, è voluta.
    Bei tempi quelli di Calimero...
    Buona domenica.

    RispondiElimina
  36. Cara Zicin, spero che il mio caffè ti sia piaciuto, non sarà uguale a quello di Riri ma è pur sempre buono.
    Buona domenica.

    RispondiElimina
  37. Ti ringrazio Graziella, mi piace illustrare i post.
    Buona domenica a te.

    RispondiElimina
  38. Fel, i tuoi pelosetti non ti riscaldano? Potrebbero anche farlo, amandoti...
    Miaoooooo e buona domenica.

    RispondiElimina
  39. Kaishe come ti comprendo!
    Sono freddolosissima...
    Buona domenica.

    RispondiElimina
  40. Tonino, tutto sommato sei fortunato.
    Qui 5 gradi a volte non è neppure la massima...
    Abbraccione a te.

    RispondiElimina
  41. Bene Alessandra, mi fa piacere.
    Buona domenica.

    RispondiElimina
  42. Cara Ninfa, scaricali pure, mi fa piacere.
    Un abbraccio e buona domenica.

    RispondiElimina
  43. Cara Raggio, qui l'aria è irrespirabile per cui domani è vietata la circolazione dall 10 alle 18.
    Servirà a poco, ma è un tentativo...
    Che memoria i tuoi piccoli, si vede che l'avevi proprio illustrata bene!
    Complimenti, e buona domenica.

    RispondiElimina
  44. buona domenica a te. accanto al caminetto ti penserò! bacioni! :x

    RispondiElimina
  45. Come mi accuccerei a te...
    fai un salto sul blog di poesia?
    Baci

    RispondiElimina
  46. ciao Stella, grazie del passaggio e complimenti per il tuo blog e per la storia che non conoscevo!
    Buona domenica!
    un abbraccio :))

    RispondiElimina
  47. Grazie Mina, benvenuta!

    Abbraccio caldo.

    RispondiElimina
  48. Mi piace moltissimo questa leggenda che non conoscevo!

    RispondiElimina
  49. Ciao Ste'! Anche mia mamma nominava sempre i giorni della merla e conoscevo la leggenda! Non mi veniva in mente pero' quali giorni fossero!Mi ha fatto piacere leggere il post mi ha ricordato mia mamma! Un bacio!

    RispondiElimina



Grazie del tuo gradito commento.


Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...