17/01/11

26

17 gennaio 2011 : S. ANTONIO ABATE


C’è un proverbio toscano che dice: “L’Epifania, tutte le feste le porta via; Sant’Antonino le ravvia”.

Si tratta di S. Antonio Abate, la cui festa ricorre il 17 gennaio e dà inizio al Carnevale.

S. Antonio Abate è però soprattutto il protettore degli animali. Viene sempre raffigurato con molti animali domestici attorno, tra i quali un bel porcello.

Il suino è stato l’animale che in certo modo ha traghettato l'Europa cristiana dal medioevo all’epoca contemporanea. La sua carne, fresca, salata, affumicata, essiccata, insaccata, ha permesso la sopravvivenza dell’uomo, in un’epoca in cui non c’era il frigo o il congelatore. Carne squisita, calorica e sempre disponibile, in ogni stagione.

E tutta necessaria: “Del maiale non si butta via niente”… nemmeno la sugna, il grasso più scadente, con la quale, oltre all'uso culinario, si ungevano le ruote dei carri e ogni ingranaggio cigolante o forzoso.
Con la sugna gli uomini si facevano belli, ungendosi i baffi...

Gli animali erano così legati alla protezione di Sant’Antonio, che quando qualcuno di essi si ammalava era denominato “un santantonio”.

A questo riguardo forse molti non sanno che per fare la porchetta si prendeva proprio “un santantonio”, e cioè un maiale con qualche difetto. Ma la cottura nel forno a legna e la farcitura di aglio e spezie facevano della porchetta il modo più appetitoso di gustare la carne suina.

Oggi naturalmente la porchetta è tutta di prima qualità, e quella di Monte S. Savino è la più famosa.

Accanto a S. Antonio arde sempre un fuoco: "il fuoco di S. Antonio". La dolorosissima e pericolosa infiammazione virale era ed è comunemente così chiamata perché per la guarigione si invocava Sant’Antonio Abate, che aveva sopportato nel suo corpo piaghe dolorosissime scatenate da satana; un fuoco infernale, proprio come l'herpes zoster.
Numerosi ospedali (Ospedali del Tau) sorsero in tutta la cristianità per curare questa temibile malattia. I corpi piagati venivano unti con il grasso di maiale.

Le leggende popolari dicono che la notte di S. Antonio gli animali acquistano la virtù, cioè hanno la facoltà di parlare, e nelle stalle i contadini possono capire ciò che dicono le loro bestie.

Le bestie diventano umane.

Il contrario di ciò che molte volte è accaduto nel corso della storia, fino ad oggi, purtroppo.

Amicusplato


Proverbi

Sant'Antonio dalla barba bianca, se non nevica poco ci manca.
S'Antonio dalla barba bianca, fammi trovare quello che mi manca.....si invoca così sant'Antonio per ritrovare una cosa persa.......prova.

Per Sant'Antonio il freddo ha più unghie del demonio.


O salsicce o salsicciotto,

vino crudo e vino cotto,

sia pur l’osso del prosciutto,

Sant’Antonio accetta tutto.

E qualche volta era assai pretenzioso:

Ci darete, per assaggio

Cento libbre di formaggio

E, per grande devozione,

Di salsicce un milione.


Sant’Antuono, Sant’Antuono
tecchete ‘o bbiecchio e dance ‘o nuovo.


Sant’Antuono,
lampe e tuone.


Sant’Antonio fa il ponte
e San Paolo lo rompe.

Deve aver rubato il porco di sant’Antonio!

L’è un sant’Antone!

Va di porta in porta
come il porco di sant’Antonio.

A sant’Antoni di zenâr,
un’ore bielaual.

A sant’Antoni,
il frêt al va in demoni.

O ricissetti ‘i Sant’Antoniu
nesci ‘a gran friddura e trasi ‘a gran calura.



26 commenti:

  1. Le tue notizie sono sempre belle, iniziamo la settimana pensando al grande Santo.
    Poi che ci rallegra cara Stella c è anche questa bella ricetta.
    Buon inizio della settimana cara amica,
    Tomaso

    RispondiElimina
  2. Ciao Stella,come sempre il tuo post è ricco di
    notizie interessanti accompagnate da un'allegra filastrocca.
    Saluti Elettra

    RispondiElimina
  3. Stellinaaa!! però le salsicce mi intristiscono un pò :( mi ricordano che noi un sacco di animali ce li mangiamo...la mia ipocrisia mi fa credere sempre che salsicce e bistecche non sono vive, certo se dovessi procurarmeli io diventerei assolutamente vegetariana...ma intanto ... Un bacione e un abbraccio stretto stretto signora maestra :) Rita

    RispondiElimina
  4. Finalmente ho capito perché mi piace tanto la porchetta, quella dell'Ariccia (RM) naturalmente.

    Oggi si festeggia anche l'onomastico delle Antoniette?

    RispondiElimina
  5. ciao Stella ti dò un'abbraccio grande.
    Buon inizio settimana :)
    Tonino

    RispondiElimina
  6. Ci hai dato delle info interessanti su vari argomenti. Grazie, come sempre, Stella!
    Erika

    RispondiElimina
  7. Non discuto sul valore della rinomata porchetta di Ariccia; ma quella di Monte San Savino non è certo da meno, e comunque è entrata nel Guiness dei primati per la lunghezza: oltre 44 metri... ;)

    Un abbraccio, carissima Gianna :) :)

    RispondiElimina
  8. Ottimo post, con tutte queste informazioni e proverbi che ci hai dato!
    Concordo con Rita per il fatto che anch'io, se dovessi procurarmi da sola bistecche, salsicce o simili, sarei vegetariana totale!! e già parecchio lo sono: non amo molto la carne, di ogni tipo! poveri porcellini e poveri tutti gli animali...se un giorno si dovessero ribellare?!?!?! poveri noi.
    Un bacione

    RispondiElimina
  9. Caro Tomaso, si dovrebbe fare due monumenti : Uno a sant'Antonio e l'altro...al porcello!

    RispondiElimina
  10. Cara Elettra, per questo santo in particolare ho un affetto particolare.
    Mi fa ricordare i falò dell'infanzia.
    Baci.

    RispondiElimina
  11. Cara Rita, a chi lo dici!
    Il nostro organismo ha anche bisogno delle proteine delle carni, per una corretta alimentazione.
    Te lo dice la "signora maestra" ...
    Bacioni.

    RispondiElimina
  12. Caro Aldo, sei un buongustaio.
    Antonio e Antonietta, normalmente, festeggiano l'onomastico il 13 giugno, s.Antonio da Padova.

    RispondiElimina
  13. Grazie Tonino, ricambio affettuosamente.

    RispondiElimina
  14. Cara Erika, la ricerca mi ha sempre appassionata, già da quando insegnavo.

    RispondiElimina
  15. Caro Antonio, intanto ti ringrazio per questo tuo bellissimo post che ho pubblicato di sana pianta, aggiungendo io solo i proverbi.
    Noto con piacere che sei un intenditore di porchetta, io non me ne intendo ma so apprezzare la qualità.
    Abbraccio ricambiato.

    RispondiElimina
  16. Cara la mia sorellina, anche in questo caso andiamo di pari passo.
    Non sia mai che avvenga la rivoluzione degli animali, saremmo tutti proprio mal messi!
    Ti abbraccio forte.

    P.S. Non mancare al prossimo post.

    RispondiElimina
  17. Molto bello questo post,ho apprezzato molto la volontà di inserire l'intervento di Amicusplato,in questo modo il tuo articolo ha raggiunto una maggiore completezza.Interessante,ottimo mamma Gianna!Un bacione ed ora vado su a commentare il sondaggione!! :X :-*

    RispondiElimina
  18. quante cose ho imparato! grazie a voi!

    RispondiElimina
  19. Che bel post sorellina!!!! ;;)

    SMUAKKK!!!! :X

    RispondiElimina
  20. Qui da me Fiera grande, oggi. La prova generale per la super-mega-fiera del Patrono: Geminiano. 31 gennaio.
    Stamattino vado in fiera con la mia bella macchina fotografica e inizio ...click...click..riclick...INDOVINA?
    Ho dimenticato a casa la memory: macchinetta VUOTA. Oh Sant'Antànni, aiùtem tè!

    RispondiElimina
  21. Shiri, il lavoro d'équipe è sicuramente più completo...

    RispondiElimina
  22. Raggio, è bello ed istruttivo stare in compagnia.

    RispondiElimina
  23. Sandra, la mia cara spiritosa...

    RispondiElimina
  24. Cara Stella,non so se lo leggerai il mio commento, sono passato in ritardo e ti diro' che mi piace molto tutto quello che hai scritto su S. Antonio Abate, e da noi si dice pure che a S. Antuono ogni puorco sape buono, dato che di solito si ammazzava nel periodo Natalizio il Maiale, si intendeva che dopo circa venti giorni i salumi si potevano incominciare a mangiare, ricordo che da ragazzo quando ritornavo dai campi nei periodi primaverili dopo aver fatto il foraggio per gli animali, stanco ed infreddolito, magari dopo qualche acquazzone anche un po' bagnato,andavo in dispensa e prendevo delle fette di pane fatto in casa, possibilmente il lato esterno del pane, ci spalmavo un po' di sugna e me lo arrosolavo sul fuoco vicino al focolare, come vorrei tornare a quel periodo!
    Ti lascio un affettuoso abbraccio.
    gaetano

    RispondiElimina
  25. keep posting like this it’s really very good idea, you are awesome!

    paxil

    RispondiElimina



Grazie del tuo gradito commento.


Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...