24/12/10

41

VIGILIA DI NATALE





Nel paradiso degli animali l’anima dell’asinello chiese all’anima del bue:
“Ti ricordi per caso quella notte, tanti anni fa, quando ci siamo trovati in una specie di capanna e là, nella mangiatoia…?”

“Lasciami pensare… Ma sì - rispose il bue - nella mangiatoia, se ben ricordo, c’era un bambino appena nato”.

“Bravo. E da allora sapresti immaginare quanti anni sono passati?”

“Eh no, figurati! Con la memoria da bue che mi ritrovo”.

“Più di duemila”.

“Accipicchia”.

“E a proposito, lo sai chi era quel bambino?”

“Come faccio a saperlo? Era gente di passaggio, se non sbaglio. Certo, era un bellissimo bambino”.
L’asinello sussurrò qualche cosa al bue.

“Ma no! - fece costui - sul serio? Vorrai scherzare spero”.

“La verità, lo giuro. Del resto io lo avevo capito subito…”

“Io no - confessò il bue - si vede che tu sei più intelligente. A me, non aveva neppure sfiorato il sospetto. Benché, certo, a vedersi, era un bambino straordinario”.

“Bene, da allora gli uomini ogni anno fanno grande festa per l’anniversario della nascita. Per loro è la giornata più bella. Tu li vedessi. È il tempo delle serenità, della dolcezza, del riposo dell’animo, della pace, delle gioie familiari, del volersi bene. Perfino i manigoldi diventano buoni come agnelli. Lo chiamano Natale.
Anzi, mi viene un’idea, già che siamo in argomento, perché non andiamo a dare un’occhiata?”

“Dove?”

“Giù sulla terra, no!”

“Ci sei già stato?!"

“Ogni anno, o quasi, faccio una scappata. Ho un lasciapassare speciale. Te lo puoi fare anche tu. Dopo tutto, qualche piccola benemerenza possiamo vantarla, noi due”.

“Per via di aver scaldato il bambino col fiato?”

“Su, vieni, se non vuoi perdere il meglio. Oggi è la vigilia”.

“E il lasciapassare per me?”

“Ho un cugino all’ufficio passaporti”.

Il lasciapassare fu concesso. Partirono. Lievi, lievi, planarono sulla terra, adocchiarono un lume, vi puntarono sopra.
Il lume era una grandissima città.



Ed ecco il somarello e il bue aggirarsi per le vie del centro, trattandosi di spirito, automobili e tram gli passavano in mezzo senza danno, e a loro volta le due bestie passavano attraverso come se fossero fatti d’aria. Così potevano vedere bene tutto quanto.
Era uno spettacolo impressionante, mille lumi, le vetrine, le ghirlande, gli abeti e lo sterminato ingorgo di automobili, e il vertiginoso formicolio della gente che andava e veniva, entrava ed usciva, tutti carichi di pacchetti, con un’espressione ansiosa e frenetica, come se fossero inseguiti.

Il somarello sembrava divertito. Il bue si guardava intorno con spavento.

“Senti amico: mi avevi detto che mi portavi a vedere il Natale. Ma devi esserti sbagliato. Qui stanno facendo la guerra”.

“Ma non vedi come sono tutti contenti?”

“Contenti? A me sembrano pazzi”.

“Perché tu sei un provinciale, caro il mio bue. Tu non sei pratico degli uomini moderni, tutto qui. Per sentirsi felici, hanno bisogno di rovinarsi i nervi”.

Per togliersi da quella confusione, il bue, valendosi della sua natura di spirito, fece una svolazzatina e si fermò a curiosare a una finestra del decimo piano. E l’asinello, gentilmente, dietro.
Videro una stanza riccamente ammobiliata e nella stanza, seduta a un tavolo, una signora molto preoccupata.
Alla sua sinistra, sul tavolo, un cumulo alto messo metro carte e cartoncini colorati, alla sua destra cartoncini bianchi.
Con l’evidente assillo di non perdere un minuto, la signora, sveltissima, prendeva uno dei cartoncini colorati lo esaminava un istante poi consultava grossi volumi, subito scriveva su uno dei cartoncini bianchi, lo infilava in una busta, scriveva qualcosa sulla busta, chiudeva la busta quindi prendeva dal mucchio di destra un altro cartoncino e ricominciava la manovra. Quanto tempo ci vorrà per smaltirlo? La sciagurata ansimava.

“La pagheranno bene, immagino, - fece il bue - per un lavoro simile”

“Sei ingenuo, amico mio. Questa è una signora ricchissima e della migliore società”.

“E allora perché si sta massacrando così?”

“Non si massacra. Sta rispondendo ai biglietti di auguri”.

“Auguri? E a che cosa servono?”

“Niente. Zero. Ma chissà come, gli uomini ne hanno una mania”.

Si affacciarono più in là, a un’altra finestra. Anche qui gente che, trafelata, scriveva biglietti su biglietti, la fronte imperlata di sudore. Dovunque le bestie guardassero, ecco uomini e donne fare pacchi, preparare buste, correre al telefono, spostarsi fulmineamente da una stanza all’altra portando pacchi, spaghi, nastri, carte, pendagli e intanto entravano giovani inservienti con la faccia devastata portando altri pacchi altre scatole, altri fiori, altri mucchi di auguri.




E tutto era precipitazione, ansia, fastidio, confusione e una terribile fatica.
Dappertutto lo stesso spettacolo.
Andare e venire, comprare e impacchettare, spedire e ricevere, imballare e sballare, chiamare e rispondere e tutti guardavano continuamente l’orologio, tutti correvano, tutti ansimavano con il terrore di non fare in tempo e qualcuno crollava boccheggiando.

“Ma avevi detto - osservò il bue - che era la festa della serenità e della pace”.

“Già - rispose l’asinello - una volta era così. Ma cosa vuoi, da qualche anno, sarà questione della società dei consumi… Li ha morsi una misteriosa tarantola. Ascoltali, ascoltali!”

Il bue tese le orecchie. Per le strade, nei negozi , negli uffici, nelle fabbriche uomini e donne parlavano fitto fitto scambiandosi come automi delle monotone formule di buon Natale, auguri, auguri, altrettanto auguri a lei grazie. Un brusio che riempiva la città.

“Ma ci credono? - chiese il bue - Lo dicono sul serio? Vogliono veramente tanto bene al prossimo?”

L’asinello tacque.

“E se ci ritirassimo un poco in disparte? - suggerì il bovino - Ho ormai la testa che è un pallone. Sei proprio sicuro che non sono usciti tutti matti?”

“No, no. È semplicemente Natale”.

“Ce n’è troppo, allora. Ti ricordi quella notte a Betlemme, la capanna, i pastori, quel bel bambino. Era freddo anche lì, eppure c’era una pace, una soddisfazione.
Come era diverso!” “E quelle zampogne lontane che si sentivano appena appena”

“E sul tetto, ti ricordi, come un lieve svolazzamento. Chissà che uccelli erano”.

“Uccelli? Testone che non sei altro. Angeli erano!”.


“E la stella? Non ti ricordi che razza di stella, proprio sopra la capanna? Chissà che non ci sia ancora, le stelle hanno la vita lunga”.

“Ho idea di no - disse l’asino - c’è poca aria di stelle, qui”.

Alzarono il muso a guardare, e infatti non si vedeva niente, sulla città c’era un soffitto di caligine e di smog.


Buona Vigilia di Natale, in attesa del Redentore!

41 commenti:

  1. Non potevo passarti per augurarti Buone Feste.
    ti lascio il link della mia poesia Natalizia.
    Commossa non aggiungo altro
    TVB
    Lilly

    http://magadiendor25.blogspot.com/2010/12/triste-natale.html

    RispondiElimina
  2. Cara Stella non fininiamo mai!!! gli auguri si ripetono sempre, questo è il segno che ci amiamo e che il Natale ci unisce, ancora buon Natale,
    Tomaso
    dimenzicavo damani da me ci sarà unbella ricorrenza, ciao

    RispondiElimina
  3. Auguri ed ancora auguri, mia cara!
    A presto,
    Anna Lisa

    RispondiElimina
  4. Racconto molto simpatico, e in gran parte vero, purtroppo ;-)

    Ma questi auguri di Buon Natale che ti faccio vengono dal cuore :-)

    Puoi starne certa, simpatica Gianna :-))

    Antonio

    RispondiElimina
  5. E complimenti per il video-audio di "Clicca qui" :-))

    Bello!

    RispondiElimina
  6. Buon Natale Stella unione,amore,pace e salute facciano sempre parte della tua vita ,di cuore Milena a.

    RispondiElimina
  7. Non potevo non passare per leggere il post e farti gli auguri.
    AUGURI E SMACK.

    RispondiElimina
  8. Non potevo non passare per leggere il post e farti gli auguri.
    AUGURI E SMACK.

    RispondiElimina
  9. auguriiiiii mia cara di buone feste..baci da maria anna

    RispondiElimina
  10. La pace guardò in basso
    e vide la guerra,
    "Là voglio andare" disse la pace.
    L'amore guardò in basso
    e vide l'odio,
    "Là voglio andare" disse l'amore.
    La luce guardò in basso
    e vide il buio,
    "Là voglio andare" disse la luce.
    Così apparve la luce
    e risplendette.
    Così apparve la pace
    e offrì riposo.
    Così apparve l'amore
    e portò vita.
    L. Housman

    auguri Stella
    Ivonne

    RispondiElimina
  11. E va bè tra pacchi e pachettini biglietti e deliri un pò di affetto c'è, ed è con quello che ti auguro un Natale sereno e ricco di felicità .

    RispondiElimina
  12. Augurissimi dolce Stellina del mio corazon:))))
    Sul mio alòbero di Natale pende da un ramo la stella con il tuo nome. Per sempre con affetto e amicizia. BACIONI...BUON NATALE!

    RispondiElimina
  13. Che questo Santo Natale ti avvolga in una nuvola di pace e serenità. E' davvero di cuore che ti auguro un Felice Natale!

    RispondiElimina
  14. Appena un salutino, non riesco a leggere tutto: ancora tanti auguri e tanti baci

    RispondiElimina
  15. Merry★* 。 • ˚ ˚ •。★Christmas★ 。* 。*
    ° 。 ° ˚* _Π_____*。*˚★ 。* 。*。 • ˚ ˚ •。★
    ˚ ˛ •˛•*/______/~\。˚ ˚ ˛★ 。* 。*★ 。* 。*
    ˚ ˛ •˛• | 田田|門| ˚and a Happy New Year!

    Contraccambiamo di cuore!!!

    Con tanto tanto affetto
    Cri&Anna

    RispondiElimina
  16. Stella te deseo una muy muy feliz noche buena en compañía de los tuyos, que seas feliz.
    Un fuerte abrazo.

    RispondiElimina
  17. Cara Stella, tantissimi auguri di buone feste a te e ai tuoi cari. Ciao, Martin

    RispondiElimina
  18. Buon Natale,Stella.Un bellissimo post,fra quei pacchetti idealmente troverai anche uno mio piccolo piccolo ma pieno di stelline,una per ogni tuo desiderio e che si avverino tutti.Ciao

    RispondiElimina
  19. Fossi un profondo credente mi sentirei come il bue,in questa società non da oggi, è la festa dei commercianti e delle relative nevrosi.

    Sarebbe assai meglio per chi crede in Dio,di partecipare al semplice Natale tra le vie di Torino che si svolge tutti gli anni.

    Buone festività a te e famiglia,Stella

    Ivo

    RispondiElimina
  20. Io devo avere la sindrome di Peter Pan...Ho letto con avidità il racconto con la faccia da Bambino.
    Davvero, molto avvincente e saggia la storia. Mi piacciono le fiabe...Raccontane altre!
    Baciottoloni !

    RispondiElimina
  21. Altro che con il cuore in mano! Auguroni!

    RispondiElimina
  22. Faccio gli auguri per un Natale colmo di tanta pace e felicità

    RispondiElimina
  23. E' vero sorellina, abbiamo trasformato il Natale! A questo punto viene da chiederci ma Natale di chi? Di tutti meno che di Gesù...
    Lottiamo per riavere il vero Natale!
    Tanti auguri mia cara, un abbraccio!

    RispondiElimina
  24. Lilly, ho pubblicato la tua poesia.
    Ti abbraccio forte.

    RispondiElimina
  25. Antonio, quell'angioletto è di una tenerezza estrema...mi fa impazzire...

    RispondiElimina
  26. Miryam grazie.
    Ho pubblicato la tua poesia.

    RispondiElimina
  27. Chicchina e un mio desiderio si è avverato...

    RispondiElimina
  28. E io sono d'accordo con te, Ivo.

    RispondiElimina
  29. Adam, sai che i raccontini sono il mio forte...

    RispondiElimina
  30. E a tutti i miei ringraziamenti più sentiti.

    RispondiElimina
  31. Oltre ad augurarti che sia davvero un sereno Natale, ti ringrazio del tema che ci proponi per far riflessione a cosa serve tutto questo rincorrere doni spesso inutili quando la cosa piu' importante non ce la regaliamo?
    Doniamoci almeno un'ora a stare un po' insieme per scambi di umanita' poiche' ne in famiglia ne per strada e persino nella casa del Signore ci scambiamo un po'di amicizia specie per le persone sole che trascorrono giorni vuoti a guardare un televisore che non da' calore, scusami Stella ma vado di fretta perche' cosi' va il mondo!
    Scherzo cara Stella, nel tuo Blog passo il tempo a leggere i pensieri di tanta gente che ha trovato la Stella che li guida.
    Un grosso abbraccio.
    gaetano

    RispondiElimina
  32. ciao stella
    sai questo scritto lo stavo cercando.
    Che ricordi......ho recitato questo scritto in chiesa per l'epifania quando andavo alle elemnetari. E' stata una recita scolastica.
    Preso lo scritto e messo sul blog di Hay Lin.
    Ancora auguri

    RispondiElimina
  33. E' stato un bellissimo Natale, Gaetano!

    RispondiElimina
  34. Se davvero venissero sulla terra in quei giorni, il bue e l'asinello, scapperebbero per disperati.
    Bella: oggi me la sono letta tutta proprio di gusto.

    RispondiElimina



Grazie del tuo gradito commento.


Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...