20/07/10

57

ORA SIAMO SERI ...


“L’amore è una forma di pregiudizio.
Si ama ciò di cui si ha bisogno, quello che ci fa star bene, quello che ci fa comodo.
Come fai a dire che ami una persona, quando al mondo ci sono migliaia di persone che potresti amare di più, se solo le incontrassi?
Il fatto è che non le incontri.”

(da Colpi a vuoto in “Musica per organi caldi” - Charles Bukowski)

Condivido questo pensiero, l'ho sempre avuto in testa...

Vi è mai capitato di dire o di sentir dire:

"Se ci fossimo conosciuti prima..."

57 commenti:

  1. Ciao Stellina, notato che i due post hanno qualcosa in comune?
    Non mi è mai capitato di pensare o di dire "se ci fossimo conosciuti prima" in quanto non sono single, e questi pensieri non mi frullano per la testa......

    RispondiElimina
  2. Mary, ho preso spunto dal tuo post.

    A me frullano da tempo...e un serio motivo c'è chiaramente!

    RispondiElimina
  3. Condivido ank'io questo pensiero Stella...
    se solo le incontrassi...

    baci e Buona Giornata!!!
    Chiara

    RispondiElimina
  4. Amare è star bene ovvio che si ama quello che ci da appagamento.
    Detto e sentito dire "Se ci fossimo conosciuti prima" solo una volta nella mia vita,ed è bellissimo sapere che c'era qualcuno che t'aspettava e ti cercava come è bellissimo capire che la tua attesa e la tua ricerca sono finiti.
    Buongiorno!

    RispondiElimina
  5. Si mi è capitato. E ancora adesso mi domando cosa sto facendo qua..perchè diamine non sono andata via prima!

    RispondiElimina
  6. Se fosse sempre una forma di pregiudizio, se amassimo sempre solo quello che ci fa star bene, allora scapperemmo quando con una persona ci sono delle difficoltà, perchè non sempre si sta così comodi. E per me l'amore è proprio andare oltre questo iniziale benessere per crearne uno vero, che senti nonostante tutto. Forse è vero che ci sono tante persone che potremmo amare di più, ma sarebbe assai meglio capire come amare chi già ci sta accanto.
    Buona giornata Stella, un abbraccio

    RispondiElimina
  7. concordo ma non fino in fondo.. avendo a che fare con un essere umano , quanto dolore provocheremo e ci provocherebbero passando da una persona ad un'altra a seconda delle ns necessita?????
    buona gg
    annapaola

    RispondiElimina
  8. Ciao Chiara, buona giornata a te!

    RispondiElimina
  9. Odeline, mai dire mai...

    Non so dove commentare da te.

    RispondiElimina
  10. Farfly, ed ora cosa succede alle giovani coppie?
    Comunque il mio pensiero va oltre...

    RispondiElimina
  11. Apaol, non è necessario e non si deve passare da uno all'altro, ci mancherebbe!
    Forse non mi sono spiegata bene.

    Poter scegliere tra migliaia di conoscenti la persona adatta a noi, dopo averla frequentata per diverso tempo, sarebbe il massimo!

    RispondiElimina
  12. Che bel post Stella, bella frase (me la segnerò) e bello l'interrogativo che poni. Un mio amico diceva che noi donne facciamo sempre la scelta sbagliata. Io aggiungerei che è così anche per gli uomini. Ogni uomo o donna è il nostro ideale se guardato con gli occhi dell'amore. Dopo un pò, secondo me, escono fuori i difetti e l'amore diventa "adattamento": se sei capace di accettare i difetti dell'altro, di passare su alcune cose allora il rapporto continua, altrimenti il filo si spezza e l'esistenza diventa impossibile. Dipende anche dai difetti ovviamente. Ci sono ostacoli insormontabili e lì niente: il filo va reciso. Senza dubbio questa idea dell'amore sarà triste ma realistica e certe volte una bella verità è meglio di una falsa favola. Baci Miryam

    RispondiElimina
  13. amiamo chi abbiamo avuto la fortuna o la sfortuna di incontrare e quindi è tutto dovuto al caso?...o è scritto nel destino?
    beh questo va oltre le mie umane conoscienze...sta di fatto che anche se mi ponessi il problema la cosa non sussisterebbe perchè non ho incontrato un'altra persona ma quella che ho acconto quindì perchè vivere di rimpianti?
    Questo ho avuto e questo mi tengo...
    un bacio.
    mari

    RispondiElimina
  14. Certo Stella, anche io ho detto a qualcuno" se ci fossimo conosciuti prima....", ma così non è stato e bisogna prendere quello che la vita da, anche se ,a volte, è più quello che toglie che non il dare. Cmq, va bene lo stesso, si tira avanti e si continua a sognare....ed io sogno tantissimo, sperando in qualche momento di gioia.

    Un abbraccio grande
    Cri

    RispondiElimina
  15. Troppe volte l'ho detto, ma quando si incontra il vero amore, capisci che era quello e solo quello il momento.
    insha Allah!
    Meno male che esisre l'Amore...e che Amore attira Amore
    grazie x l'ivito
    Nebj

    RispondiElimina
  16. Carissima, condivido pienamente anch'io questo pensiero! Baci e felice giornata

    RispondiElimina
  17. Anch'io credo che nel mondo potrebbero esserci tante persone adatte a noi...ma vai a sapere dove stanno di preciso! Spesso è questione di fortuna oppure di qualche disegno a noi sconosciuto che ci porta a fare o a non fare certi incontri...Io ancora aspetto e chissà che prima o poi qualcuno sbuca da non so dove per farmi dire: è lui! Grazie sorellina, un bacione

    RispondiElimina
  18. Quello di cui parla Bukowski è più la definizioane di egoismo che di vero amore. In tal caso la vita è destinata all'insoddisfazione perenne :-(

    Non si può costruire una relazione solo sul proprio tornaconto. Nemmeno una S.P.A starebbe in piedi così ;-)

    Non mi convince neppure il modo di dire che "se ti avessi incontrato prima..." Chissà che persona sarebbe stata in realtà.

    Il vero amore, cito un po' a senso un pensiero di Aristotele, non è un più o un meno, ma una pienezza. Quando uno ne è ricolmo, non pensa di aver bisogno di altro, né di cercarlo altrove :-)

    Ciao, carissima Stella :-)

    RispondiElimina
  19. Idea sono d'accordissimo con te.
    ...chi si adatta e soccombe e chi a 50 o a 60 anni non ne può più e si separa...

    Baci Myriam.

    RispondiElimina
  20. Mari, lo tieni per amore, suppongo.

    RispondiElimina
  21. Cristina...si tira avanti, per forza, ma così non si vive, secondo me.

    RispondiElimina
  22. Nebj, benvenuta!
    Grazie della visita.

    RispondiElimina
  23. Marina non è mai troppo tardi...ma bisogna frequentare molta gente...
    Meriti il meglio!
    Bacioni

    RispondiElimina
  24. Caro amicus, io sono innamorata dell'amore da te descritto.
    Se mi permetti, però, penso che esso non esista...l'egoismo dilaga e, se non subito, col tempo...

    Chi è stracolmo d'amore,certamente non ha bisogno d'altro e mi piacerebbe fare la sua conoscenza..

    Grazie del tuo intervento molto pertinente.

    RispondiElimina
  25. Io adesso penso che la mia dolce metà è il mio pù grande amore.L'avvenire non lo posso sapere,nella vita tutto può succedere.Ti auguro una serena giornata,saluti a presto

    RispondiElimina
  26. Lo stesso pensiero di Charles l'ho fatto quando avevo poco più di trent'anni. E la penso ancora nello stesso modo.
    Ciao!!

    RispondiElimina
  27. Ciao tesoro...

    Bel connubio Magritte e la sua "donna bendata" con la tua citazione...

    Commenti?

    E' vero!

    KISSSSSSSSSES. NI

    RispondiElimina
  28. Eppure sento che la cosa è più complessa .. non solo ciò che ci fa stare bene amiamo, e chi sa se a forza di cercare non troveremo mai. Siamo creature così complicate cara Star, fusa dalla tua gatta in cerca di frescura miao

    RispondiElimina
  29. Cavaliere, che il tuo amore viva in eterno.
    A presto.

    RispondiElimina
  30. Angelo, anche in questo caso condividiamo...

    RispondiElimina
  31. Nì, grazieeeeeeeeeeeeeeeeeeeee!
    Baci

    RispondiElimina
  32. Fel è importante conoscere, conoscere, conoscere tanti pretendenti e poi operare una scelta.
    Non affidarsi al primo venuto che ti fa il baciamano e ti scrive poesie calcolate...

    RispondiElimina
  33. "Amare" ciò che ci fa stare bene non lo trovo esatto...invece sulle tue considerazioni al post,Stella,è capitato, capita...anche di pensare se una persona abbia ricambiato qualche volta le fantasticherie che tu hai fatto su di lei

    RispondiElimina
  34. Leo telepatia?
    Ti avevo appena scritto di venire qui.

    RispondiElimina
  35. Credo (veramente) anche nella telepatia...:-)

    RispondiElimina
  36. Sì, mi è capitato in passato di pensarlo e condivido in parte il pensiero di Bukowski, nel senso che spesso non amiamo ciò di cui abbiamo bisogno, ma amiamo a prescindere!
    Un abbraccio
    Sabrina&Luca

    RispondiElimina
  37. Sabry, per voi non avevo dubbi!

    RispondiElimina
  38. Tocca lasciare al caso,sono dell'idea che il destino in un certo senso sia già determinato,inutile forzare e cercare di deviare il suo corso,sia nell'amore che in qualsiasi momento della propria vita.

    Su Vendola

    Ritengo in questo momento contingente,sia effettivamente l'unica carta giocabile per aver delle possibilità di sovvertire una destra inguardabile.

    Ciao Stella

    && S.I. &&

    RispondiElimina
  39. Io condivido totalmente questo pensiero,sin da bimba ero avvolta da una sorta di certezza nel considerare che la mia metà potesse trovarsi lontano,la mia sarà follia,ma continuo a crederlo... *.* Stellaaaa...aspettaaaa devo dirti che che che.....sei splendida!!
    Un bacione buona notte dolcissima amica. :)

    RispondiElimina
  40. Bella scoperta Stella .. se io fossi nata in Cina avrei amato un cinese probabilmente oppure se i miei fossero emigrati al nord mi sarei innamorata di un settentrionale ...
    Io penso solo che l'amore non è eterno e che ci si può innamorare a qualsiasi età anche se incontri un paio di occhi che ti fissano mentre prendi un caffè al tavolo con le amiche.
    La vita è un enigma e l'amore è follia.
    Baci!

    RispondiElimina
  41. Il pensiero di Bukowski è alquanto inquietante... io preferisco pensare che c'è solo una persona destinata ad un'altra! quando ho trovato la mia persona giusta, l'ho sentito nel mio cuore.. e allora sì, l'ho detto anch'io"Se ci fossimo conosciuti prima.." ma non penso che da qualche parte c'è qualcuno che forse amerei di più .
    Un bacio

    RispondiElimina
  42. non sono d'accordo con bukowski...
    che brutta e triste visione dell'amore..."amare ciò che ci fa comodo"..
    io amo una persona..e la amo in modo concreto...è vicina a me..è reale...e l'amo con tutti i pregi e i difetti..perchè devo ipotizzare un altro amore che potrei incontrare?..nel momento in cui si arriva a pensare una cosa del genere vuol dire che l'amore per il nostro compagno è finito...o forse non è mai nato

    RispondiElimina
  43. Ivo, sei fatalista...in realtà lo sono anch'io, ma sarebbe stato bello conoscere un sacco di gente per poter scegliere meglio...

    RispondiElimina
  44. Shiri, tu sei dolcissima e bellissima!

    RispondiElimina
  45. Miryam, filosofia allo stato puro...condivisibile.
    Grazie per la tua preziosa e costante presenza sul mio blog di poesia.
    Ti voglio un bene dell'anima.
    Baci

    RispondiElimina
  46. Lore io non parlo del valore dell'amore che è inestimabile o del separarsi dal compagno/a.
    Niente di tutto questo.
    Più semplicemente poter scegliere tra tantissime persone il compagno della propria vita che ci è nascosto e che non conosciamo, proprio perchè il legame sia definitivo, possibilmente.
    Mi rendo anche conto che forse è un'utopia...

    RispondiElimina
  47. non ho rimpianti, almeno finora...

    RispondiElimina
  48. Conclusione: ci sono le eccezioni che confermano le regole...

    RispondiElimina
  49. Cara Stella, ho letto molti commenti e ti diro' che e' interessante sapere come la pensano molte persone, e ne condivido molte, osservando da anni il mondo che mi circonda ho notato che molte brave donne hanno sposato un uomo o violento o cafone da non saper apprezzare cio' che Dio gli ha donato, (perche' donna vuol dire dono). Ma e' pur vero vedere mariti innamoratissimi di una donna fredda e cinica, il che mi viene da pensare che Dio ci accoppia in modo da non farci godere questo mondo, che prima o poi dobbiamo lasciare.
    Poi l'amore (da non confondere col sesso) a mio parere dura anche quando lei diventa un po' fredda e arrabiata con il mondo a causa delle troppe delusioni ed amarezze, molte volte vedendo come si comporta Lei, e confrontandola con alcune che sembrano avere piu' pregi, dico; L'avessi conosciuta prima! Poi magari scopri che anche le finte santarelle hanno dei difetti, dico; E' meglio che mi accontento di quello che mi e' capitato!
    Comunque cara Stellina ci sai far aprire a confidenze con te che sei una vera amica, ti saluto con un:Ti avessi conosciuta prima!
    gaetano

    RispondiElimina



Grazie del tuo gradito commento.


Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...