23/05/10

52

QUIESCENZA



Per i nuovi lettori ripropongo un mio post del 27 novembre 2008




Desidero raccontarvi un fatto che mi è realmente accaduto

Chi mi conosce da un bel po', sa com' ero appassionata alla professione di educatrice.
Sono andata in pensione a causa della vituperata riforma Moratti che incombeva,non la condividevo ,come non posso condividere oggi quella del ministro Gelmini.

Arriviamo al dunque : mi scadeva la carta d'identità per cui mi recai all'Ufficio anagrafico distaccato del mio quartiere e
compilai il modulo per il rinnovo.
L'impiegata addetta controllò i dati e mi disse :"Lei è in pensione?"
"Sì",risposi.
"Allora nella casella deve scrivere 'pensionata' e non 'insegnante' (come c'era nella carta d'identità scaduta). In quell' istante mi vidi privata di una vita intera...appassionante!
Chiesi gentilmente se poteva confermare la professione,scrivendo 'insegnante in pensione'.
L'impiegata si informò e mi disse che non era possibile, però, mi era permesso di scrivere 'insegnante in quiescenza'.
A questo punto accettai, anche se il termine "quiescenza" non mi piaceva molto.

Più di un anno fa dovetti sottopormi ad un intervento chirurgico, per cui mi presentai alla reception della clinica con tutti i documenti,tra cui la nuova carta d'identità.
"Insegnante,signora?" Mi chiese gentilmente l'addetta al ricevimento.
E proseguì :"Mi scusi, ma...che materia è 'quiescenza' ?
Non l'ho mai sentita nominare!
Leggo:

"insegnante in quiescenza"

Rimasi un attimo interdetta, perchè ero presa dall'operazione imminente, ma subito dopo realizzai e le spiegai che il vocabolo non sottintendeva una disciplina scolastica, ma voleva semplicemente significare " a riposo "... Insegnante a riposo.

MI VEDETE IN QUESTA VESTE ?

CONOSCEVATE QUESTO TERMINE?

52 commenti:

  1. Troppo divertente quello che ti è accaduto. Mi viene, però, da aggiungere: beata ignoranza!

    RispondiElimina
  2. Cara Stella mi ricordo bene quando per la prima volta ci raccontasti di questo fatto. Un caro saluto, Roberta

    RispondiElimina
  3. Cara Stella, il termine lo avevo gia' sentito ma non sapevo del fatto che quando si diventa pensionati non si ha diritto alla professione che si ha svolto, come se si perdesse tutta l'esperienza acquisita.
    Buon inizio settimana.
    gaetano

    RispondiElimina
  4. Bella veramente, la vita è piena di questi intermezzi che ci fanno sorridere, ne capitano moltissimi anche a me, e penso che un giorno scriverò una raccolta di tutto ciò.Ciao e buon inizio di settimana un bacio Angelo.

    RispondiElimina
  5. ciao... che simpatici racconti ..peccato siano realtà.. però sono cari ricordi... ciao..un abbraccio...Luigina

    RispondiElimina
  6. Conosco la parola, ma non pensavo si potesse associare all'ex professione su un documento. Per certi versi anche il pensionato è un duro mestiere...
    Buona serata.

    RispondiElimina
  7. Sai Stella che al mio rinnovo ho anch'io avuto un attimo di esitazione del dire pensionata!
    Mi sembrava che i miei 40 anni di lavoro di segretaria indefessa fossero in un attimo distrutti, come se il termine pensionata mi rilegasse ad un ruolo "vuoto". Come tu ben sai dipingo, mi occupo di tante cose ed allora mi dico...mi si addice il termine pensionata?
    Quando ho riferito all'impiegata e mi sono defintiva pittrice...lei mi ha guardato e mi dice:
    "ma riesce a vendere"
    ..ma pensa te...

    RispondiElimina
  8. Che tipo di trattamento di quiescenza hai avuto sorellina...
    Scusami se scherzo, ma il fatto è veramente curioso...
    Buona notte mia cara!!!

    RispondiElimina
  9. Troppo simpatica questa avventura^_^

    Ciao Stella, ti auguro un buon inizio di settimana

    Cri

    RispondiElimina
  10. conoscevo l'accezione del termine indicante "stato di riposo, di quiete", in particolare riferito ai vulcani, ossia uno stato momentaneo di quiete tra due manifestazioni.
    O anche riferito ai conti bancari.
    Invece la pensione è uno stato definitivo. Per questo lo trovavo strano, ma il Gabrielli conferma il burocratese: "Essere in quiescenza, essere in pensione"
    Non mi ero mai posta il problema di cosa scriveranno sui documenti -se e quando - andrò in pensione, ma trovo anche io ingiusto perdere parte della propria identità.

    RispondiElimina
  11. Simpaticissima... :-DDD

    La parola pensione, per chi è vissuto sempre tra i ragazzi e i giovani, e ha dato tutto sé stesso, fa un certo effetto... ;-)

    Ciao, carissima Stella :-)

    RispondiElimina
  12. Un bel termine dal latino che però non tutti possono conoscere. Si usa di più in pensione o a riposo.

    Un abbraccio cara e buon lunedì!

    RispondiElimina
  13. a me avevano detto di scrivere ..persona ritirata dal lavoro....mi è sembrato persino offensivo ...
    un bacione

    RispondiElimina
  14. buona settimana,Stellina^;^ no,non ti immaggino prprio,a riposo..e meno male!!a volte,la burocrazia,fa davvero piangere,cara!!!la maggior parte degli impiegati,non fa il suo lavoro come si deve,la parte restante,si trova li',non sapendo neanche come....conoscevo questo termine...avrebbe dovuto conoscerlo, anche l'impiegata della reception,di quella clinica,ma questa è un'altra storia...la solita storia direi...bacioni^:^

    RispondiElimina
  15. Non è una barzelletta vero? E' una parola che dai giovani non viene usata mai, ma per chi ha una "certa" età, è mooooolto conosciuta, io lo sono dal lontanissimo 1.1.2002 e sono ben felice di essere in queiscenza!!

    RispondiElimina
  16. Stella,

    sei troppo attiva per definirti insegnante in quiescenza, peccato che succedano questi spiacevoli fatti.

    Ciao Gabriella

    RispondiElimina
  17. conosco la parola, ma non pensavo di associarla all'ambiente scolastico...
    buon inizio settimana ^_________^

    RispondiElimina
  18. Serenella, ora la prendo anch'io sorridendo...ma allora mica tanto...

    RispondiElimina
  19. Roberta, sono passati già quasi due anni?
    Sono volati!

    RispondiElimina
  20. Gaetano, purtroppo è così!
    Mettiti pure il cuore in pace...

    RispondiElimina
  21. Buon inizio settimana a te, Angelo.

    RispondiElimina
  22. Lui un "bel" ricordo, non c'è da dire.

    RispondiElimina
  23. Lu, il vocabolo è tipico dell'insegnante...

    RispondiElimina
  24. sembra una barzelletta, di quelle che posti abitualmente, peccato che sia realmente accaduto... certo che le parolone ci riempiono la bocca... il parlare con semplicità non è da tutti. buona settimana!

    RispondiElimina
  25. Cara Stella, noi invece questo post non lo avevamo mai letto, quindi hai fatto bene a riproporlo, ma sai cosa, rimaniamo un po' interdetti, sinceramente non sapevamo che dal momento in cui si va in pensione si diventa semplicemente dei pensionati e si perde così non solo l'identità lavorativa, ma anche parte di noi. Tu di fatto sei stata e resti un'educatrice e il termine "in quiescenza" lascia il tempo che trova!
    Buona settimana
    Sabrina&Luca

    RispondiElimina
  26. Ciao Stella, l'importante è saper sorridere.
    Buona settimana, Martin

    RispondiElimina
  27. Carla, la burocrazia fa ridere i polli...

    RispondiElimina
  28. Carla, la burocrazia fa ridere i polli...

    RispondiElimina
  29. Buongiorno stellina!
    Ricordo molto bene questo post, mette in evidenza la scarsa cultura presente in certi ambienti...dove, esagerando, ci si sente veramente solo dei numeri!
    Essere educatrice come lo sei stata tu non ha niente a che vedere con un lavoro come quello che ho svolto io...!!
    Un bacione.

    RispondiElimina
  30. Marina, a chi lo dici...
    Buon inizio settimana.

    RispondiElimina
  31. Cristina, ero in crisi...ora, a distanza di tempo, mi sono rassegnata.

    RispondiElimina
  32. NonnaPapera proprio così, mi sono trovata all'improvviso senza identità...

    RispondiElimina
  33. NonnaPapera proprio così, mi sono trovata all'improvviso senza identità...

    RispondiElimina
  34. ...effetto, infatti, caro amicus.

    RispondiElimina
  35. Ritirata dal lavoro?
    Pazzesco, Lore...
    E poi?

    RispondiElimina
  36. Cara Stellina questo post mi ha fatto stare male xchè leggerti oggi mi sembra di sentirti triste x cm ti ha trattata quella...io nn credo che mai arriverò alla pensione ma sai se dovesserò farmi scrivere che sn in pensione credo che ne morirei.1a vita persa x 1 doccumento rinovato e nn e giusto..ti mando 1 forte abbraccio e sappi che ti stimo molto x cm descrivi il tutto e mi piace xchè 6 te stessa....mi sn affezzionata molto a te sapilo...smack e buona giornata

    RispondiElimina
  37. Eli la solita storia che mi ha permesso di raccontare una mia storia un po' così!
    Baci tesoro bello.

    RispondiElimina
  38. Mary, dopo diversi anni, comincio a godere della cosiddetta quiescenza...

    RispondiElimina
  39. Pupottina, perchè non ci sei dentro.
    Buon lunedì!

    RispondiElimina
  40. Raggio, hai ragione.
    Parlare e scrivere con semplicità è una gran bella cosa.

    RispondiElimina
  41. Sabrina e Luca rimasi proprio mortificata...grazie della comprensione.
    Baci

    RispondiElimina
  42. Martin per fortuna lo so ancora fare, grazie!

    RispondiElimina
  43. Sirio certamente, io avevo a che fare con materiale umano...

    RispondiElimina
  44. Ciao novelina, sei davvero tanto cara e pure io mi sono affezionata a te.
    Stai tranquilla, tutto è passato e non ci penso neanche più.
    Hai colto bene che sono me stessa sempre.
    Brava.
    Ti abbraccio forte.

    RispondiElimina
  45. Mi ricordo bene questo tuo post, anche perché talvolta l'ho raccontato come una "storiella"...come dice Serenella, "beata ignoranza!"
    Ciao ciao

    RispondiElimina
  46. Paola, non avevo dubbi...allora ci conoscevamo già!

    RispondiElimina
  47. Hahahahahahahahah !!!! La quescienzologia ..hahahahhahahah!!!
    questa è bella!
    Comunque anche Tu non scherzi con tutti questi interventi chirurgici.
    Io quando mi chiedono, dico sempre ex tecnico grafico..non mi va di dire pensionato.

    RispondiElimina
  48. Adam, è stato l'unico per poi mettermi la spirale...sai troppi ormoni funzionanti.
    Sono più unica che rara...

    Speriamo basta più!

    RispondiElimina
  49. Adam, chi ha pane, non ha denti; chi ha denti non ha pane...e questo fino ai secoli che furono...

    RispondiElimina



Grazie del tuo gradito commento.


Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...