13/04/10

38

L'ORSETTO DELLA SOLITUDINE


La scienza ci ha allungato la vita e ora cerca di riempircela come può. I giapponesi hanno brevettato un orsetto di peluche per anziani soli, con una telecamera nel naso che spia la depressione del padrone e prova ad alleviargliela con gesti programmati per sembrare spontanei. Se il padrone è triste, l’orsetto gli fa ciao con la zampa. Se il padrone piange, l’orsetto gli porge un fazzoletto.

Non esiste nulla di più triste di un giapponese che si sforza di guarire la tristezza altrui. Però il tema è serio, riguarda la vera rivoluzione del nostro tempo, altro che iPad: gli anziani che vivono sempre di più e sempre più soli. Ovviamente la soluzione non può essere un robot di peluche. Ma è altrettanto retorico appellarsi alla mancanza di calore umano. L’anziano da orsetto non ha tutta questa voglia di compagnia. Si annoia, certo. Gradisce una telefonata o una visita breve. Poi però preferisce ripiombare nella sua solitudine, che lo deprime ma al tempo stesso gli toglie ansia. L’anziano da orsetto è tale proprio perché non ha più voglia di relazionarsi con gli altri. Il mondo di fuori gli interessa poco. E’ concentrato sui propri ricordi e sulla propria decadenza fisica, di cui tiene una contabilità costante e spietata. Non coniuga i verbi al futuro ed è questa attitudine a renderlo anziano: non l’età, non gli acciacchi, ma il rifiuto di aprirsi al nuovo. L’importante è che la morte mi colga vivo, ebbe a dire quel delizioso umorista di Marcello Marchesi, coniando una delle mie tre frasi preferite. Vivo e senza orsetto.

Massimo Gramellini - La STAMPA

38 commenti:

  1. Io l'orsetto di pelusche lo avevo da piccola....ora ho due gatti che mi fanno sentire meno sola quando il pupo è dal suo papà.
    Meglio un animale da accudire che un pupazzo.
    Buona giornata Stella...un abbraccio :O)

    RispondiElimina
  2. Questo post mi ha fatto venire un brivido .. che tristezza e che squallore !

    Buona giornata cara Stella !

    RispondiElimina
  3. Stellina e proprio vero quello che dici io faccio la badante e vedo cn i miei occhi1a sig.na che x me e molto importante vedendola sorridere e anche se nn parla quasi mai e sempre oro ogni sua parola x me...:-D...buona giornata carissima ed 1 forte abbraccio strittoloso

    RispondiElimina
  4. Che senso ha prolungare la vita ad una persona se poi questa viene lasciata sola, abbandonata da tutto e da tutti... Me lo chiedo spesso quando nel mio servizio di volontaria ho a che fare con persone anziane che vivono il dramma della solitudine. E' vero che la persona stessa dovrebbe reagire, uscire, socializzare e tenere la mente ed il corpo impegnati quando questo è possibile. Ma quando non lo è, per problemi legati magari alla salute, diventa tutto più difficile. E l'aiuto dall'esterno spesso manca.
    E' una questione, quella della solitudine, che andrebbe affrontata seriamente dalle strutture sociali che in questo sono parecchio carenti. Altro che orsetto!

    RispondiElimina
  5. per toccare con mano la solitudine bisogna visitare le case di riposo per anziani. con mio marito a Pasqua siamo andati a trovare dei suoi parenti in due case di riposo differenti, ma l'ambiente era lo stesso: visi tristi, sguardi persi, voglia di un sorriso e di una parola. la loro gratitudine espressa per aver ricevuto ovetti di cioccolato, mi ha commosso. forse non avevano ricevuto altre visite. che malinconia!

    RispondiElimina
  6. Che tristezza non penso che un
    pelusche possa aiutare un anziano
    solo,sembra quasi una presa in giro questa invenzione.Un bacino
    e buona giornata nonna Gianna.

    RispondiElimina
  7. Folletto finchè siamo noi ad accudire...tutto è più facile...

    RispondiElimina
  8. Alessandra tristezza e amarezza...realtà esistente!

    RispondiElimina
  9. Novelina vorrei avere io una babante come te, visto le ex badanti di mia madre...

    RispondiElimina
  10. Angelo hai descritto bene alcune situazioni legate alla vecchiaia...

    RispondiElimina
  11. Raggio, ho fatto la tua stessa esperienza e andavo in crisi vedendo occhi che reclamavano compagnia ed affetto...

    RispondiElimina
  12. Gianna, per lucro ne inventano di tutti i colori!

    RispondiElimina
  13. Amche questo ci voleva... viva la vita senza meccanismi che vorrebbero renderci come dei robot...
    noi dobbiamo gridare forte la compagnia che noi tutti vogliamo la abbiamo al nostro fianco basta allungare una mano!
    qualcuno dirà! ma chi è solo?
    nessuno è solo, pure il cieco sente la presenza della compagnia, così dovrebbe essere per tutti, lo so che forse è incomprensibile, bisogna crederci fortemente.
    Tomaso

    RispondiElimina
  14. Soprattutto da anziani si ha bisogno di calore umano, anche solo stringere una mano aiuta molto, Tomaso.

    RispondiElimina
  15. Una triste realtà, ma , purtroppo, sempre realtà è! Donare una parola, uno sguardo od un sorriso ad una persona, non costa niente e riempie il cuore molto più che un piccolo automa, giusto ?

    Un abbraccio
    Cri

    RispondiElimina
  16. I jap non si smentiscono. In fin dei conti erano stati loro ad inventare il Tamagochi qualche lustro fa.
    Mi chiedo perché non venga loro spontaneo ricorrere a un piccolo animale da compagnia: cane, gatto, canarino, pesce rosso....
    Forse i loro regolamenti condominiali fustigano i possessori di animali domestici? Forse avere un cucciolo è nella loro civiltà ritenuto sconveniente?
    Fatico a capirlo.
    Meglio il ron-ron di un micio che non il ciao-ciao elettronico di un pelouche senza anima.
    Mi piacerebbe davvero che un conoscitore della società nipponica me lo spiegasse.
    Boh!

    RispondiElimina
  17. NonnaPapera, si guadagna di più con un robottino che con un animaletto vivo e vegeto...
    E si fa prima e presto...

    RispondiElimina
  18. La solitudine degli anziani è purtroppo un problema reale. Restano soli per vari motivi, perchè i figli hanno "i loro problemi" come se ricambiare l'anziano genitore per quello che ci ha dato quando eravamo piccoli non fosse una delle incombenze quotidiane, anzi no, un DOVERE PRIMARIO.
    Ma gli anziani che sono soli perchè non hanno nessuno davvero mi preoccupano ancor di più. L'orsetto? Mah! se può servire a qualcosa di buono, perchè no? Dovrebbero adottarlo le società di telesoccorso, al posto dello sterile braccialetto... ecco, almeno l'utilità acquista più importanza. No?

    Ricordiamoci che le persone anziane hanno ancora tanto da offrirci. Basta guardare i loro occhi quando brillano per un piccolissimo gesto di affetto: sanno dare tantissimo. Almeno x me è così... ... ed ilcuore mi si gonfia di commozione

    P.S. ero finita chissà dove... ho avuto troppe cose cui pensare e se leggi quei 4 miseri post da me forse riuscirai a capire

    Bacione :))

    RispondiElimina
  19. Cara Stella da noi in molti casi gli anziani stanno ancora con i figli, come i miei suoceri di 70 e 77 anni, siamo una famiglia con in casa tre generazioni, ma non tutti hanno questa fortuna, certo che trovare delle soluzioni giuste non e' tanto semplice.
    Un saluto da gaetano

    RispondiElimina
  20. E infatti è un agrande frase, da ricordare ogni volta che ci alziamo al mattino miao Star

    RispondiElimina
  21. ciao..il problema della solitudine degli anziani è molto serio..... e di difficile soluzione...però la realtà per ora è abbastanza triste...ciao...Luigina

    RispondiElimina
  22. Troppo triste!! NOI NON SAREMO MAI ANZIANE DA ORSETTO, VERO STELLA?
    Bacio

    RispondiElimina
  23. io vedo le persone più grandi dime come persone...
    tt qua
    hanno dei problemi che prima o poi anche io avrò, hanno una solitudine incolmabile
    ed è incolmabile là dove il tempo che passa porta via persone, usi , costumi...ma non certo il ricordo
    nè i sentimenti
    che restano fortissimi
    ed è proprio in questa circostanza fatale
    che hanno tutto il mio affetto
    e la mia solidarietà
    ....
    ma quale orsetto di peluche....
    le persone grandi (in tutti i sensi) non necessitano di uno stupido peluche che gli fa il saluto
    siamo noi che abbiamo bisogno di loro...un bisogno disperato della loro esperienza, dei loro ricordi, ma soprattutto, oggi com oggi, del loro grandissimo buonsenso e del loro modus vivendi...una gentilezza, una saggezza che si vanno perderdendo e di cui tutti abbiamo un disperato bisosgno.
    Quindi gli orsetti
    che muovono la manina
    li usino chi
    non ha capito il senso della vita
    ....
    un anziano
    chiamiamolo così per capirci
    è
    solo
    una persona che la sa molto più lunga di me
    e molto probabilmente
    di molti altri insieme a me
    ....
    grazie stellina per la riflessione
    con affetto
    azzurra

    RispondiElimina
  24. In effetti i giapponesi sono malinconici di natura, di aiutare gli altri non credo siano capaci.
    La storia dell'orsetto per anziani è incredibile, non è meglio un cane?

    RispondiElimina
  25. sono d'accordo con Azzura!!abbiamo noi,la responsabilita' di far sentire le persone anziane,utili,indispensabili,amate!!finche' verranno considerate,un pacco scomodo,da parcheggiare,quando non ci va piu' di averle per casa,i giapponesi,continueranno a costruire,i loro pupazzi da pseudocompagnia!!un bacione Stella:-*

    RispondiElimina
  26. Ciao Anna, per me è sempre un piacere averti qui.
    Il tuo commento non ha bisogno di repliche...
    A presto.

    RispondiElimina
  27. E' sempre difficile Gaetano, per i più svariati motivi...

    RispondiElimina
  28. Luigina diventeremo anche noi anziani...

    RispondiElimina
  29. Grazie a te Azzurra per il tuo commento lucido, obiettivo ed esauriente.

    RispondiElimina
  30. Kylie non tutti gli anziani sono autosufficienti per occuparsi dei cani che richiedono cure anch'essi.

    RispondiElimina
  31. Elisabetta prevedo l'orsetto solo in un caso: donato con amore da una persona cara che intrattiene l'anziano non autosufficiente solo per il periodo dell'assenza dal lavoro della stessa.
    Non è tanto l'orsetto in sé, quanto il balocco da stringere con affetto al petto, proprio come i bimbi piccoli.

    RispondiElimina
  32. La cosa piú triste del mondo é la solitude. Non credo che un orseto possa riempire di gioia il cuore di un anziano che sogna certamente com un abbraccio dei suoi famigliare.
    Un piccolo cane i un gato potrebbe fare meglio che un robot.
    Ho letto alcune di suoi post e devo dirti che ho scoperto una persona di cuore d'oro, preocupata con gli altri. Complimenti!
    Abbraccio
    Angel

    RispondiElimina
  33. Grazie Angel, sei molto gentile.

    RispondiElimina



Grazie del tuo gradito commento.


Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...