13/02/10

37

MESSAGGIO FORTE... da non dimenticare !


Cara mamma,

sono andata ad una festa, mamma, e mi sono ricordata di quello che mi
avevi detto. Mi avevi detto di non bere, mamma, e io non ho bevuto. Non
ho bevuto prima di guidare, mamma, anche se gli altri mi hanno incitata.
So che ho fatto la cosa giusta, mamma. So che hai sempre ragione.
Ora, la festa è quasi terminata e tutti vanno via.
Quando sono entrata nella mia macchina, mamma, sapevo che sarei rientrata
a casa grazie a come tu mi hai allevata. Ho cominciato a guidare, mamma, e come sono
uscita per prendere la strada l'altra auto non mi ha vista, mamma, e mi ha
investita. Ho sentito il poliziotto dire che l'altro ragazzo era solo,
mamma, e ora, io sono quella che paga!
Sono sdraiata qui, sto morendo mamma, spero che arriverai presto.
Perché questo doveva capitare a me, mamma? La mia vita sta volando via
come un palloncino. Mi sto bagnando nel mio sangue, mamma.
HO sentito gli infermieri parlare, mamma, e in poco tempo morirò. Volevo
semplicemente dirti, mamma: ti giuro che non ho bevuto!
Erano gli altri, mamma... Gli altri non hanno riflettuto. Quel ragazzo
probabilmente era alla mia stessa festa. La sola differenza è che lui ha
bevuto e sono io che sto morendo...
Sento molto dolore ora. Il ragazzo che mi ha investita cammina e io non
credo che sia giusto. Sono stesa qui morendo e lui mi guarda fissandomi...
Dì a mio fratello di non piangere, mamma. Dì a papà di essere bravo e
quando sarò in paradiso, mamma, tu scriverai "La figlia al papà" sulla
mia pietra tombale.
Qualcuno avrebbe dovuto dirglielo, mamma, di non guidare se aveva bevuto.
Se solamente qualcuno gliel'avesse detto io sarei ancora viva. Il mio
respiro se ne va sempre di più mamma, e io ho paura. Per favore, non
piangere, mamma. Quando avevo bisogno di te tu eri sempre là. Ho una sola
ultima domanda prima di dirti addio: io non ho bevuto prima di guidare,
allora perché sono io quella che muore?

Queste parole sono state scritte da un giornalista che era presente all'incidente.
La ragazza, mentre moriva, sussurrava queste parole ed il giornalista scriveva...shoccato.
Questo giornalista ha iniziato una campagna contro la guida in stato di ebbrezza.

Non so se sia vera questa storia, ma mi piace condividerla lo stesso, perchè ha comunque un valore sociale e fa riflettere...

37 commenti:

  1. Ciao Stella,grazie per aver postato questa storia,può servire.
    Buon fine settimana,ciao cara.
    Un bacino.

    RispondiElimina
  2. Non importa se questa storia in particolare sia vera,purtroppo ne succedono troppe e sono terribilmente VERE. Non credo che una campagna possa servire,ci sono tanti problemi alla base, però vorrei sbagliarmi.Ciao Stella

    RispondiElimina
  3. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  4. è terribile...come terribile è l'attesa di una madre il sabato notte..un'ansia che si quieta, solo dopo che senti i passi di tuo figlio che rientra e ringrazi Dio,quando senti la porta che si richiude,dietro di se'...ciao Stellina..un bacione!

    RispondiElimina
  5. Cara Stella...mi piange il cuore...
    Per tutte quelle persone che soffrono e che sono innocenti...in tante situazioni, non solo quelle stradali.
    Nunzia

    RispondiElimina
  6. Stella, io ho sempre risposto alla domanda di mio figlio quando mi chiedeva qualche ora in più di rientro per la notte:"Non é che non mi fido di te...non mi fido degli altri...". Poi ho capito che era la sua vita, che mi dovevo affidare, così come mia madre aveva fatto prima di me, con me. Allora con il cuore pesante, qualche notte, perché non capita spesso, aspetto trepitante che le sue chiavi aprano la serratura del portoncino in sordina, che chiuda la porta dietro a sé e vada a letto. Allora dico:"Dio ti ringrazio!", perché lo ha protteto ancora una volta così come gli ho chiesto.
    Buon fine settimana
    Lilly

    RispondiElimina
  7. Mi vengono i brividi,egoisticamente ci auguriamo che non ci accada mai,ma anche il dolore di chi non conosciamo diventa nostro,la morte non è mai giusta meno ancora quando è per mano di altri.Lorena

    RispondiElimina
  8. AMIGA STELLA SAUDADES...
    PAZ E LUZ EM SEU CORAÇÃO.
    BJCAS
    GRAÇA

    RispondiElimina
  9. CIAO STELLA
    potrebbe essere vera,in fondo tutti i giorni accadono incidenti stradali causati da cattive abitudini(alcool,droghe,sonno,distrazione,superficialità)e nel 99 % dei casi,a morire sono sempre gli innocenti...
    Perchè?
    buon sabato
    Lu

    RispondiElimina
  10. Se il giornalista ha sentito veramente quelle parole che la povera ragazza mormorava dev'essere stata una cosa agghiacciante e, poiché non c'è ragione di dubitarne, bene fa lo stesso giornalista ad occuparsi della campagna contro la guida in stato di ubriachezza.
    Resta la tragedia di quella morte che si poteva evitare se...

    RispondiElimina
  11. Su questi avvenimenti dolorosi che accadono, dopo innumerevoli perchè, perchè......mi sono data questa risposta....le azioni malvage, il male fatto è rilasciato nella Sfera come energia negativa e ricade non su chi l' ha commesso ma a ...caso, quindi l' unica cosa possibile per contrastare il male è fare sempre più del bene, in modo che l' energia del bene vinca sull' energia del male.......questo filosoficamente parlando......poi naturalmente occorre praticare il più possibile la prevenzione e l' informazione.
    Ciao.

    RispondiElimina
  12. per una mamma non c'è nulla di più straziante che perdere il proprio figlio ...e io che l'ho perduto da poco..so cosa vuole dire ... ma il mio è morto tra le mie braccia e di questo ringrazio il Cielo ...non riesco a pensare ad un ragazzo che si accorge che sta per morire ed è solo ...deve essere tremendo ...
    un abbraccio ..lore

    RispondiElimina
  13. Achab, oltre che a mio figlio lo dico anche a chi conosco...bisogna temere degli altri!
    Buona fine settimana.

    RispondiElimina
  14. Cara Francesca, purtroppo non ti sbagli e lo vediamo soprattutto nelle stragi del sabato sera.
    Ciao, un bacione.

    RispondiElimina
  15. Elisabetta, hai descritto bene il mio stato d'animo quando mio figlio abitava ancora con me.
    Anche adesso, che è sposato, quando vado a letto penso a lui che è in giro in macchina.

    RispondiElimina
  16. Nunzia, hai perfettamente ragione.
    Un campagna come questa può essere di aiuto, non certo risolvere il problema del bere che sta rovinando molti ragazzi.

    RispondiElimina
  17. Cara Lilly, noi mamme siamo giustamente apprensive con tutto ciò che si vede e si sente in giro.
    Questo, negli anni 60 non accadeva...forse perchè ci si accontentava, e la gioventù di allora era meno fragile di questa.
    Buona fine settimana anche a te.

    RispondiElimina
  18. Lorena, questo non è egoismo anche perchè può succedere a noi in qualunque momento.
    Morire per colpa di altri è inconcepibile.

    RispondiElimina
  19. Graca,felicità e buona fine settimana a te.

    RispondiElimina
  20. Lu, la tua è una bella domanda ma purtroppo senza risposte.
    Sembrerebbe che ci siano più delinquenti in giro che persone per bene.

    RispondiElimina
  21. Carla, ti abbraccio forte!
    Buona domenica.

    RispondiElimina
  22. Aldo, speriamo veramente che campagne di questo tipo venganon ascoltate e soprattutto recepite, ce n'è parecchio bisogno.
    Occorre essere punti di riferimento per gli adolescenti che crescono,mandarli allo sbaraglio è deleterio per la loro formazione.

    RispondiElimina
  23. Teo la tua spiegazione potrebbe essere anche condivisibile.
    E' duro ,però, da accettare dai genitori che perdono un figlio in questo modo, per l'incoscienza di altri.
    Prevenzione e informazione sono due pilastri che potrebbero arginare questo malcostume.

    RispondiElimina
  24. Cara Lore, non sapevo... e me ne dispiace moltissimo.
    La morte di un figlio è la cosa più terribile per una mamma, che l'ha messo al mondo.
    Sei forte, ti fai coraggio da sola comprendendo che ci sono situazioni anche peggiori.
    Sono contenta di averti conosciuta.
    Un abbraccio forte.

    RispondiElimina
  25. Storia molto bella cara Stella.
    Bisognerebbe che tutti coloro che sono sempre su queste feste rifletessero molto, su come si deve rispettare la vita degli altri, e anche la propria.
    personalmente ne dubito molto, vedendo che nonostante gli appelli televisivi i casi continuano a succedere, questi drammatici casi fanno pensare molto. un abbraccio forte e buona domenica, Tomaso

    RispondiElimina
  26. Tomaso, hai pienamente ragione!

    RispondiElimina
  27. storia molto triste, che si ripete troppe volte. leggo che tutte le mamme attendono, pregano, ringraziano... non sono sola! nel buio della notte, l'ansia è terribile! buona serata!!!

    RispondiElimina
  28. Ricordo che tempo a Torino fa si era pensato pure ai night-bus per agevolare gli spostamenti dei ragazzi...tutte iniziative lodevoli ma che purtroppo non risolvono il problema all'origine.
    Come hanno già detto in tanti, ci va di mezzo che si comporta bene, civilmente...
    Ciao stellina, buona domenica.

    RispondiElimina
  29. Sirio, purtroppo è così e guai a chi ci capita...

    RispondiElimina
  30. Molto intensa questa storia Stella; vera o no è comunque verosimile perchè Dio solo sa quali siano i pensieri che corrono nella mente di chi, per mano altrui, sente la vita andarsene via...mi ha colpito tanto questo post...
    un abbraccio

    RispondiElimina
  31. Vera o non vera, comunque è reale.
    Non è giusto, ma dimmi tu a questo mondo cos'è giusto?
    Buona Domenica con tantissimo amore.
    bacio ciao.

    RispondiElimina
  32. Rosy, ricambio con tutto il cuore!

    RispondiElimina
  33. purtroppo quella ragazza non c'è più ma vorrei rispondere alla sua domanda "perchè si muore?" mille e più una volta me la sono posta ...forse perchè siamo destinati a far parte del suo meraviglioso giardino .
    con affetto Marianna

    RispondiElimina



Grazie del tuo gradito commento.


Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...